Home / Attualità / Goldman fa scommettere ai propri clienti sulla prossima crisi finanziaria

Goldman fa scommettere ai propri clienti sulla prossima crisi finanziaria

 

FONTE: ZEROHEDGE.COM

Poco più di dieci anni fa, mentre S&P raggiungeva livelli record e c’era la fila attorno ai manager di hedge fund, desiderosi di mettere i soldi altrui in investimenti ultra-rischiosi, Goldman ebbe un’illuminazione: creare prodotti che avessero un’enorme convessità, cioè che promettessero un po’ di crescita (come alcuni basis points in rendimento) o un calo illimitato, collegarli ai peggiori asset possibili e venderli agli idioti in cerca di profitti (raccogliendo una commissione di transazione), facendo profitti enormi una volta che tutto fosse andato in rovina. Gli strumenti, ovviamente, erano CDO, e non molto tempo dopo che Goldman ne vendette una gran quantità, il sistema finanziario è crollato ed ha avuto bisogno di un multitrilionario salvataggio da cui il mondo non ha ancora recuperato.

Dieci anni dopo, Goldman lo sta facendo di nuovo, solo che, al posto dei mutui subprime, stavolta si è concentrata sulle banche europee quasi insolventi.

E proprio come prima dell’ultima crisi, GS sta ancora una volta offrendo ai propri clienti la possibilità di trarre vantaggio dall’imminente crollo, o, come la mette Bloomberg, “meno di un decennio dopo l’ultima crisi bancaria, Goldman Sachs e JPMorgan stanno offrendo agli investitori un nuovo modo per scommettere sulla prossima”.

L’operazione in questione è un total return swap, un prodotto con elevata alta leva, simile ad un CDS, ma con sottili differenze. Prende infatti di mira i titoli Tier 1 o AT1 o “buffer” rilasciati dalle banche europee, di solito sono i primi ad essere cancellati quando c’è anche un modesto evento di insolvenza (vedasi Banco Popular), per non parlare di una vera e propria crisi finanziaria.

GS e JPM stanno offrendo agli investitori di scommettere a favore o contro obbligazioni bancarie ad alto rischio, che i regolatori finanziari possono cancellare se un prestatore è in difficoltà. Secondo Max Ruscher, direttore di indici di credito della sede londinese di IHS Markit Ltd., che amministra i parametri di riferimento cui gli swap sono collegati, anche altre banche sperano di unirsi alla festa ed iniziare a fare operazioni sui contratti TRS.

Perché ora? Spiega Bloomberg:

    In un momento in cui i mercati finanziari corrono da un record all’altro, il mondo si getta a capofitto verso gli investment returns.

Proprio come per i CDS, il valore mobiliare sottostante a questi mercati è il debito, in questo caso i bond addizionali Tier 1, o AT1, che le banche hanno iniziato ad emettere dopo la crisi del debito europeo. Essendo stati creati per impedire che i contribuenti pagassero i bailout ai governi – ed essendo perciò il primo strumento ad essere salvato internamente alla banca (di solito assieme al patrimonio netto) – danno alti rendimenti. E proprio come i CDO dieci anni fa, nell’epoca attuale di tassi di interesse quasi nulli, sono diventati ricercati dagli investitori di debito di tutto il mondo, diventando un mercato da 150 miliardi di dollari: secondo l’indice di Bank of America, il rendimento medio sul debito AT1 è di circa il 4,8%, circa 10 volte di più rispetto a quello delle obbligazioni bancarie senior.

Ad essere onesti, la cosa non riguarda solo i fanatici della ricerca di profitti: come mostrato nella tabella sottostante…

 

… almeno una parte della domanda per i nuovi derivati proviene da investitori che cercano di contenere la propria esposizione, dovessero i prezzi del debito cadere… o nel caso in cui scoppiasse un’altra crisi bancaria. Questi rischi si sono palesati a giugno, quando gli AT1 rilasciati da Banco Popular Español sono stati cancellati come parte di un salvataggio bancario e, dopo esser stati scambiati “at par” solo pochi mesi prima.

 

La buona notizia per Goldman è che, per motivi di hedging o prop trading che sia, i TRS sono richiestissimi:

    “Alcuni partecipanti stanno cercando di ottenere un’esposizione verso una data classe di asset, mentre altri sono in posizioni di hedging”, dice un report sul sito di IHS Markit. “Da un lato del commercio di TRS, l’acquirente dell’indice anticipa che il rendimento totale dello stesso salirà. Il venditore dall’altra parte assume la visione opposta”.

Ma se tutto quel che il TRS fa è ripagare in caso di default tecnico, perché semplicemente non comprare CDS per coprire l’esposizione AT1 (o per vendere totalmente allo scoperto)? La risposta è che le banche possono saltare i pagamenti delle cedole sulle obbligazioni senza attivare un default di CDS.

Avevano dunque bisogno di qualcosa di nuovo, ed è qui che nasce il TRS di Goldman. Per quanto riguarda le similarità col CDS, i total-return swaps permettono agli investitori di fare hedging su un AT1 singolo o su una pluralità di essi, e gli operatori possono ottenere guadagni amplificati – o potenzialmente massicce perdite – senza dover possedere le note sottostanti o impegnare grosse quantità di garanzie.

La buona notizia – per i clienti GS – è che ora possono iniziare a fare un hedging molto, molto economico, con quasi nessun negative carry prima della prossima crisi. E proprio come prima dell’ultima, GS è lieta di fare da intermediario, in questo caso di swap legati ad un indice iBoxx di bank-capital notes denominate in dollari ed un insieme di obbligazioni simili in euro. I due indici includono AT1 emessi da finanziatori come Banco Santander SA, Deutsche Bank AG ed HSBC Holdings Plc. In altre parole, dovessero alcune delle banche più grandi d’Europa soffrire di un'”inaspettata” crisi, chi venderà allo scoperto il prodotto se la caverà, proprio come un bandito.

Proprio come Lehman.

Spiegando la necessità del TRS, Manav Gupta, co-capo del commercio europeo dei flussi di credito a Goldman, che ha confermato a Bloomberg che la banca sta facendo da intermediario per tali prodotti, ha dichiarato che gli swap sugli indici delle obbligazioni bank-capital “saranno un’aggiunta molto preziosa agli strumenti che i nostri clienti usano per gestire il rischio e per esporsi ampiamente sul mercato AT1”. Similmente, anche un portavoce JPM ha confermato che la banca sta offrendo swap su indici iBoxx. Anche altri sono saliti a bordo: Deutsche Bank ha iniziato lo scorso mese a commercializzare TRS riferiti agli indici Bloomberg Barclays e prevede di scambiare con parametri iBoxx. Il che è ironico: il payoff più grande al TRS arriverebbe se DB soffrisse un’altra crisi di liquidità, o di solvibilità, ed i propri AT1 venissero cancellati.

La domanda viene automatica: i trader DB scommetteranno contro la propria banca? Naturalmente, se avessero ragione, non ci sarerebbero middle o back office a raccogliere i fondi.

Per quanto riguarda le altre banche, ora che Goldman e JPM hanno nuovamente annunciato che è “aperta la stagione” di caccia, farebbero bene ad aspettarsi una crisi, prima quelle europee, poi le altre.

Fonte: www.zerohedge.com

LInk: http://www.zerohedge.com/news/2017-10-11/goldman-allowing-its-clients-bet-next-financial-crisis

12.10.2017

 

Traduzione per www.comedonchisciotte.org  di HMG

Pubblicato da Davide

  • XL

    Ma chi è la controparte che dovrebbe liquidare gli swap di rischio totale? la stessa Goldman Sachs? Ma in caso di fallimento di una banca grossa non troverebbero mai i soldi per pagare quelle scommesse e fallirebbero anche loro.

    Sono prese per i fondelli totali. L’unico rimedio è la violenza fisica sui banchieri e investitori. Basta rispetto perché rubano tanto, non hanno mai pagato negli ultimi 5 secoli, adesso devono cominciare a pagare di persona e tutto. E, visto l’argomento di cui si parla, aggiungo: con gli interessi.

    • Pedro

      Sono solo scommesse. Puoi scommettere che tutto vada bene, quindi incassi i rendimenti, puoi scommettere che tutto va male, e quindi incassi. In tutti e due i casi qualcuno incassa ma a pagare se per esempio una banca sta andando male intervengono i governi, azionisti, correntisti ecc. ( quindi noi) per non lasciare fallire la banca che potrebbe trascinare con se altre banche. Quello che dice l`articolo e questi nuovi prodotti inducono ad esporsi maggiormente senza avere le coperture. Mi scuso già sin d`ora con chi ne sa più di me se ho detto cavolate, quello che so per certo è che bisogna girarci al largo da chi ” lavora” con i soldi.
      In ogni caso hai ragione bisognerebbe fargliela pagare alle persone fisiche che creano questi “prodotti”.

  • belta

    Deuteronomio 23,21: Allo straniero potrai prestare a interesse, ma non al tuo fratello, perché il Signore, tuo Dio, ti benedica in tutto ciò a cui metterai mano, nella terra in cui stai per entrare per prenderne possesso.
    Deuteronomio 23,20: Non farai al tuo fratello prestiti a interesse, né di denaro né di viveri né di qualunque cosa che si presta a interesse.

    • ADANOS

      Deuteronomio 23,21: Allo straniero potrai prestare a interesse, ma non
      al tuo fratello, perché Yahweh, tuo Ĕlōhīm, ti benedica in tutto ciò a
      cui metterai mano, nella terra in cui stai per entrare per prenderne possesso …