Fase 3 – 6 Punti 6 Ponti – Da Villa Panfili…

DI FRANCESCO SENES

comedonchisciotte.org

Leggere i sei punti di un Governo dei sette contemporaneamente in carica ovvero quello di Vittorio Colao e la sua banda, quello di Giuseppi Conte e Donald Trump e a seguire quello di Sergio Mattarella, quello dell’O.N.U. e dei Cinque Stelle, di LEU , di MAIE, e infine del P.D. Non lascia l’amaro in bocca ma lascia per l’appunto questo sapore straordinariamente spaventoso e indecifrabile che solo chi ha incontrato il Coronavirus Covid 19 lo conosce bene. Per questo all’interno di questo sfascio che porta al fascio penso che il parallelismo più opportuno sia quello di collegare i sei punti dello sfascio Colistico con quello “innaturale” dell’ormai consueto collassamento dei ponti e viadotti italiani e non solo autostradali.

Imprese e Lavoro: 14 Agosto 2018 un tratto di 200 metri del viadotto Polcevera crolla, 43 i morti. Nel registro degli indagati 74 persone: 68 rispondono accusate solo di reati colposi come il disastro, l’omicidio colposo plurimo e l’attentato alla sicurezza dei trasporti, 3 anche di falso nell’ipotesi che avessero truccato le ispezioni sul manufatto collassato, 3 solo per favoreggiamento. Ne andrà dentro qualcuno? Sarà condannato qualcuno? Molto probabilmente no: troppo ricchi, troppo coinvolti nel sistema, troppo sistema coinvolto.

Escludere dice Colao il “contagio Covid-19” dalla responsabilità penale del datore di lavoro per le imprese non sanitarie. Mentre contemporaneamente l’Inail afferma: “La denuncia di infortunio da infezione di nuovo coronavirus non determina alcun automatismo nel riconoscimento da parte dell’Inail”. Insomma mentre la fanno la studiano infatti dare dell’eroe mediatico non costa nulla, sono solo circostanze mediatiche se poi ad oggi i medici di famiglia non hanno i DPI non è un problema, ci sono tanti sacchetti dell’immondizia con i quali ci si può bardare e se gli ospedali non hanno il personale sufficiente a far fronte alla normale richiesta non è un problema, se si finanzia il militare al posto di finanziare la sanità fatte le dovute eccezioni di ospedali fantasmi come quello della fiera di Milano e la nave Splendid di Genova, non è un problema. Insomma non c’è problema, ma qual’è il problema, per i politici se il Covi-19 è un problema politico tale resta, infatti non dimentichiamo che in parlamento esiste una maggioranza e una opposizione e se non si mettono d’accordo? Se c’è ancora una enormità di speculazione da portare avanti per il bene del loro tornaconto va tutto bene, vedi Irene Pivetti, Fontana, Toti ecc… ma che colpa ne hanno loro? Prima deve finire questo “processo” naturale di speculazione e poi ne riparliamo. Per quel che riguarda l’esenzione di responsabilità da parte delle amministrazioni pubbliche o private all’interno di qualsiasi settore compreso quello medico a causa del coronavirus anche questo è un evento naturale e deve fare il suo corso, che diamine!

Pubblica Amministrazione: 09 marzo 2017 13,30 in A14 all’altezza di Camerano, in provincia di Ancona, tra Loreto e Ancona. Due morti e tre feriti: questo il bilancio del crollo avvenuto in un cavalcavia sull’autostrada Il ponte è il numero 167

Pensiamo alla pubblica amministrazione che ha da sempre davanti a se un baratro grande come uno Stato ma non frena la sua folle corsa, anzi corre ancora e sempre di più e fin quando non arriverà a sentire il “gran botto” non fermerà mai le sue amenità. Tanto il problema non sussiste riguarda solo per chi usufruisce del disservizio e non per chi lo produce. L’evoluzione del sistema è tanto semplice quanto scontata il servizio pubblico lo faranno i privati e che sarà mai se al costo della comunità prima e del singolo poi il servizio verrà “superiormente modernizzato” ?

Ricerca e Competenze e Individui e Famiglie: 8 aprile 2020 il crollo del ponte sul fiume Magra il viadotto lungo circa 300 metri collegava Albiano Magra con Caprigliola è improvvisamente venuto giù senza una apparente causa. Un ferito.

La ricerca com’è noto in Italia la fanno all’estero o meglio all’estero sfruttano la preparazione dei migliori talenti tra i ricercatori italiani a costo zero. Realtà talmente nota che il governo Conte consapevole ha investo e investe centinaia di milioni di euro in in giro per il mondo per finanziare la ricerca per il vaccino contro il coronavirus covid-19. Prima Bill Gates e altri ora gli inglesi con 400 milioni di euro. Mentre ovviamente i soldi per la cassa integrazione da marzo 2020 devono essere ancora finanziati. Insomma l’applicazione della famosa “Real Politique”. E sarebbe bene prenderne atto di questa realtà e in fondo proprio in fondo darne atto anche al “Premier”. Insomma abbiamo un grande “statista” e non c’è ne riusciamo affatto ad accorgere.

Infrastrutture e Ambiente: 21 ott 2019 ORE 23.50 È crollato il ponte sul torrente Albedosa, lungo la strada provinciale 155, tra Pratalborato e Capriata d’Orba. un tassita morto. Secondo le rilevazioni delle centraline Arpa, Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente le precipitazioni in quella giornata sono state: a Gavi 425 millimetri, Arquata 325, Sardigliano 278, Laghi della Lavagnina 262, Castellania 254, Novi 234, Castellar Ponzano 210, Fraconalto 174, Basaluzzo 156, Ovada 150, Capanne di Marcarolo 91, Piani di Carrega 84. Insomma quasi un alluvione?

L’ambiente di questo paese è molto degradato il cosiddetto impatto antro-politico ne ha determinato un lento e inesorabile declino. Il grande problema è che in mezzo all’ambiente ci siamo anche noi. I governi Conte ad oggi hanno preso solo soluzioni mediatiche e di concreto c’è poco e nulla, le alluvioni ormai calendarizzate non danno più scalpore a meno che colpiscano sempre la stessa zona. Decine di milioni di alberi abbattuti nel 2019 da raffiche di vento di più di 200 Km/ora hanno solo creato il problema di abbassare il costo del legname. Milioni di tonnellate di aerosol di Benzene (il migliore prodotto cancerogeno industriale) che giornalmente viene instillato dalle autovetture nell’ambiente non da alcuna preoccupazione. Da invece e molta preoccupazione l’uso sconsiderato dell’Ozono contro il Coronavirus-Covi 19 e tutte le altre patologie infettive, non sia mai che l’industria farmaceutica ne esca azzoppata da un simile e sconsiderato impiego “salutare”. Negli Stati Uniti detto per inciso chiunque diffonda notizie sul benefico uso dell’Ozono contro il Coronavirus Covid-19 viene ovviamente arrestato. Insomma la prova del 9 che ci aspettavamo dall’Ozono e dal brevetto di Nikola Tesla. L’uso dell’Ozono fa paura ai neoliberisti superioristi.

Istruzione: 08 agosto 2018 L’esplosione dell’automezzo ha determinato lo squarcio e il crollo di una porzione della sede autostradale sul ponte che sovrasta la via Emilia. L’autocisterna stava, probabilmente, trasportando gpl, secondo quanto dichiarato dall’ingegner Giovanni Carella coordinatore emergenze dei Vigili del fuoco dell’Emilia-Romagna.”L’onda d’urto è stata violentissima e ha procurato molti feriti, con ferite da taglio per i vetri scoppiati. Crollato il viadotto dell’autostrada.

Ovviamente il rientro a scuola a settembre nelle normali aule non è ancora chiaro e sopratutto quanti studenti debbano stare nelle aule. Essendo ancora “troppo” pubblico il servizio fortunatamente è destinato a varie deroghe, insomma si tornerà alla fine con gli stessi studenti le stesse aule e gli stessi insegnanti. Ma che sarà mai se non si prende la temperatura dei bambini o ragazzi all’entrata della scuola? Perché in ospedale o nei poliambulatori l’ha mai presa qualcuno? E se poi qualcuno la vuole prendere vada in un negozio di scarpe li si la prendono sopratutto anche agli pseudo-politici. E vabbè ci sarà qualche focolaio qui e la e si chiuderanno ancora una volta tutte le scuole e poi vediamo magari si richiuderà ancora una volta l’Italia intera. In fondo che cosa possiamo aspettarci da questi scemo positivi?

Turismo Arte e Cultura: 24 novembre 2019 Un tratto di viadotto Madonna del Monte lungo la Torino-Savona è crollato un vigilante 56enne è riuscito a fermarsi a pochi metri dall’orlo del baratro “Dietro di me arrivava un pullman con decine di persone racconta, per fortuna siamo riusciti a fermarlo“. Nessun ferito.

Insomma stiamo parlando del “Modello Genova”, ovvero del “Modello Liguria” un modello vincente per far scappare o meglio per non far avvicinare i turisti da ogni parte. Con 5 ore di coda per arrivare a Genova è difficile trovare molti scemo positivi che seguono i “dictat mediatici” e si buttano nella riviera ligure malgrado le innumerevoli e continue code e blocchi autostradali e stradali del “nulla”. Infatti i cantieri ci sono mancano solo gli operai al lavoro. Insomma opere infinite o forse solo “prudenziali” nel senso che prima che crolli del tutto chiudo la galleria in un senso di marcia e immetto nella parallela opposta tutto il traffico a doppio senso di marcia. Oppure chiudo il viadotto pericolante e immetto tutto il traffico a doppio senso in quello opposto e parallelo o riduco il traffico da due o tre corsie in una sola per alleggerire il carico prima che ponte o viadotto venga giù come gli altri. Una “illuminata” gestione o meglio digestione che fa pensare alla gestione del covid-19 nelle RSA dove i pazienti infetti dagli ospedali sono stati trasferiti da politici “senza colpa” diffondendo la malattia in modo disastroso oppure pazienti che dalle RSA sono stati rifiutati al ricovero ospedaliero in quanto vecchi e sacrificabili e rispediti nelle RSA a morire e diffondere l’infezione.

Il fantasma di Aldous Leonard Huxley e il suo “mondo nuovo” e “il ritorno al mondo nuovo” aleggia leggiadro e feroce nella perfetta “ideologia neoliberista suprematista” che si produce a “Villa Panfili” in questi giorni. Tutti grandi statisti, scienziati e tecnici strapagati che però non hanno ancora capito ne con chi hanno a che fare e ne con che cosa hanno a che fare anche se in fondo non glie ne può fregare di meno. Ma il Covid-19 non molla, Pechino “docet”. E alla fine quando questi “stinchi stanchi” molleranno per mera autodistruzione ideologica, allora entrerà in scena l’Ozono e Nikola Tesla, allora si che ci sarà un “mondo nuovo” un mondo in cui gli scemo-positivi non erediteranno mai la “Terra”!..

Francesco Senes

17.06.2020

Pubblicato da Rosanna

"Suave, mari magno turbantibus aequora ventis, e terra magnum alterius spectare laborem; non quia vexari quemquamst iucunda voluptas, sed quibus ipse malis careas quia cernere suave est." Tito Lucrezio Caro, De Rerum Natura, Libro II
Precedente Neanche in Italia si riesce a respirare
Prossimo La Norvegia abbandona l’app di monitoraggio COVID e con il lockdown fa il decimo dei morti della Svezia