Ex direttore scientifico di Pfizer: “Seconda ondata falsificata dai test Covid falsi positivi”, “La pandemia è finita”.

Ralph Lopez

Hubpages.com

In una dichiarazione sorprendente, l’ex direttore scientifico del gigante farmaceutico Pfizer affferma che “non c’è scienza che suggerisca che una seconda ondata debba arrivare”. L’insider di “Big Pharma” sostiene che i risultati falsi positivi dei test COVID, intrinsecamente inaffidabili, vengono utilizzati per inventare una “seconda ondata” basata su “nuovi casi”.

Il dottor Mike Yeadon, che è stato vicepresidente e Chief Science Officer di Pfizer per 16 anni, afferma che metà o addirittura “quasi tutti” i test COVID sono falsi positivi. Il dottor Yeadon sostiene inoltre che la soglia per l’immunità di gregge potrebbe essere molto più bassa di quanto si pensasse in precedenza, e potrebbe essere già stata raggiunta in molti paesi.

In un’intervista della scorsa settimana è stato chiesto al dottor Yeadon:

“stiamo basando una politica di governo, una politica economica, una politica delle libertà civili, in termini di limitazione delle persone a sei persone in una riunione… il tutto basato su, cosa può essere, dati completamente falsi su questo coronavirus?”

Il dottor Yeadon ha risposto con un semplice “Sì”.

Lo scienziato ha detto nell’intervista che, dato il “modello” di tutti gli indicatori importanti in una pandemia mondiale, come i ricoveri ospedalieri, l’utilizzo di terapia intensiva e i decessi, “la pandemia è fondamentalmente finita”.

Yeadon ha dichiarato nell’intervista:

“Se non fosse per i dati dei test che si ottengono sempre dalla TV, si potrebbe giustamente concludere che la pandemia è finita, dato che non è successo nulla di grave. Certo, la gente va in ospedale, si sposta nella stagione dell’influenza autunnale… ma non c’è nessuna scienza che suggerisca che una seconda ondata possa accadere”.

Un articolo pubblicato questo mese, di cui Yeadon è co-autore di due suoi colleghi, “How Likely is a Second Wave?”, dichiara:

“E’ stato ampiamente osservato che in tutti i paesi fortemente infetti in Europa e in diversi stati degli Stati Uniti allo stesso modo, che la forma delle morti quotidiane rispetto alle curve temporali è simile alla nostra nel Regno Unito. Molte di queste curve non sono solo simili, ma quasi sovrapponibili”.

Nei dati relativi al Regno Unito, alla Svezia, agli Stati Uniti e al mondo, si può notare che in tutti i casi i decessi sono aumentati da marzo fino a metà o fine aprile, per poi iniziare a diminuire in una pendenza morbida che si è appiattita verso la fine di giugno e continua fino ad oggi. Le percentuali dei casi, basate su prove, salgono e oscillano selvaggiamente verso l’alto e verso il basso.

La messaggistica mediatica negli Stati Uniti sta già aumentando le aspettative di una “seconda ondata”.

grafico contagi e morti per covid

grafico contagi e morti per covid 2

grafico contagi e morti per covid 3

grafico contagi e morti per covid 4

Tasso di sopravvivenza di COVID ora stimato al 99,8%, simile all’influenza, immunità alle cellule T precedenti

Il tasso di sopravvivenza di COVID-19 è stato aggiornato da maggio al 99,8% delle infezioni. Questo si avvicina all’influenza ordinaria, il cui tasso di sopravvivenza è del 99,9%. Anche se COVID può avere gravi effetti successivi, lo stesso vale per l’influenza o per qualsiasi malattia respiratoria. L’attuale tasso di sopravvivenza è di gran lunga superiore alle ipotesi iniziali di marzo e aprile, citate dal dottor Anthony Fauci, del 94%, ovvero da 20 a 30 volte più letali. Il valore del tasso di mortalità da infezione (IFR) accettato da Yeadon et al. nel documento è dello 0,26%. Il tasso di sopravvivenza di una malattia è del 100% meno l’IFR.

Il dottor Yeadon ha sottolineato che il “nuovo” contagio COVID-19 è nuovo solo nel senso che si tratta di un nuovo tipo di coronavirus. Ma, ha detto, ci sono attualmente quattro ceppi che circolano liberamente in tutta la popolazione, il più delle volte legati al comune raffreddore.

Nel documento scientifico, Yeadon et al:

“Ci sono almeno quattro membri della famiglia ben caratterizzati (229E, NL63, OC43 e HKU1) che sono endemici e causano alcuni dei comuni raffreddori che si verificano, soprattutto in inverno. Hanno tutti una sorprendente somiglianza di sequenza con il nuovo coronavirus”.

Gli scienziati sostengono che gran parte della popolazione ha già, se non anticorpi contro COVID, un certo livello di immunità delle cellule T dall’esposizione ad altri coronavirus correlati, che circolano da molto prima di COVID-19.

Gli scienziati scrivono:

“Una componente importante del nostro sistema immunitario è il gruppo di globuli bianchi chiamati cellule T, il cui compito è quello di memorizzare un breve pezzo di qualsiasi virus con cui siamo stati infettati, in modo che i tipi di cellule giuste possano moltiplicarsi rapidamente e proteggerci se otteniamo un’infezione correlata. Le risposte al COVID-19 sono state mostrate in decine di campioni di sangue prelevati da donatori prima dell’arrivo del nuovo virus”.

Introducendo l’idea che alcune immunità precedenti a COVID-19 esistevano già, gli autori di “How Likely is a Second Wave?” scrivono:

“È ormai accertato che almeno il 30% della nostra popolazione aveva già il riconoscimento immunologico di questo nuovo virus, prima ancora che arrivasse… COVID-19 è nuovo, ma i coronavirus non lo sono”.

Continuano dicendo che, a causa di questa resistenza precedente, solo il 15-25% di una popolazione infetta può essere sufficiente per raggiungere l’immunità del gregge:

“…studi epidemiologici mostrano che, con l’estensione dell’immunità precedente che possiamo ragionevolmente supporre, solo il 15-25% della popolazione infetta è sufficiente a fermare la diffusione del virus…”.

Negli Stati Uniti, accettando un numero di morti pari a 200.000, e un tasso di mortalità per infezione del 99,8%, questo significherebbe che per ogni persona che è morta, ci sarebbero circa 400 persone che sono state infettate e sono sopravvissute. Questo si tradurrebbe in circa 80 milioni di americani, ovvero il 27% della popolazione. Il valore supera la soglia di Yeadon e dei suoi colleghi per l’immunità del gregge.

Gli autori dicono:

“Secondo la letteratura attuale, tra il 20% e il 50% della popolazione mostra questa reattività pre-pandemica delle cellule T, il che significa che potremmo adottare un valore di popolazione inizialmente suscettibile dall’80% al 50%. Più bassa è la reale suscettibilità iniziale, più siamo sicuri che sia stata raggiunta una soglia di immunità del gregge (HIT)”.

scettici del lockdown

La seconda ondata falsa positiva

Del test PCR, il test COVID prevalente usato in tutto il mondo, scrivono gli autori:

“più della metà dei positivi sono probabilmente falsi, potenzialmente tutti”.

Gli autori spiegano che ciò che il test PCR misura effettivamente è “semplicemente la presenza di sequenze parziali di RNA nel virus intatto”, che potrebbe essere un pezzo di virus morto che non può far ammalare il soggetto, e non può essere trasmesso, e non può far ammalare nessun altro.

“…un vero positivo non indica necessariamente la presenza di un virus vitale. In studi limitati fino ad oggi, molti ricercatori hanno dimostrato che alcuni soggetti rimangono positivi alla PCR molto tempo dopo la scomparsa della capacità di coltura del virus da tamponi. Lo definiamo un “positivo a freddo” (per distinguerlo da un “positivo a caldo”, qualcuno effettivamente infettato da un virus intatto). Il punto chiave dei ‘positivi a freddo’ è che non sono malati, non sono sintomatici, non diventeranno sintomatici e, inoltre, non sono in grado di infettare gli altri”.

Nel complesso, il dottor Yeadon costruisce il caso che qualsiasi “seconda ondata” di COVID, e qualsiasi caso governativo di blocco, dati i ben noti principi dell’epidemiologia, sarà interamente fabbricato.

A Boston, questo mese, un laboratorio ha sospeso l’esecuzione dei test per il coronavirus dopo la scoperta di 400 falsi positivi.

Un’analisi dei test basati sulla PCR sul sito web medico medrxiv.org afferma:

“i dati sui test basati sulla PCR per virus simili mostrano che i test basati sulla PCR producono abbastanza risultati falsi positivi da rendere i risultati positivi altamente inaffidabili in una vasta gamma di scenari del mondo reale”.

Il professor Carl Heneghan, direttore del Centro di Oxford per la Medicina basata sulle prove, scrive in un articolo di luglio “Quante diagnosi COVID sono falsi positivi?

“uscendo dalle attuali pratiche e dai risultati dei test, la Covid-19 potrebbe non scomparire mai”.

Naturalmente, l’incidenza più famosa dell’inaffidabilità dei test PCR fu quando il Presidente della Tanzania rivelò al mondo che aveva inviato di nascosto campioni di una capra, una pecora e un frutto a un laboratorio di analisi COVID. Tutti i campioni sono risultati positivi al COVID.

Prodotto in Cina

In agosto, il governo svedese ha scoperto 3700 falsi positivi al COVID provenienti da kit di test realizzati dalla BGI Genomics cinese. I kit sono stati approvati a marzo dalla FDA per l’uso negli Stati Uniti.

Seconda ondata di coronavirus non normale

Il dottor Yeadon ha contestato l’idea che tutte le pandemie avvengano in ondate successive, citando altri due focolai di coronavirus, il virus della SARS nel 2003 e il MERS nel 2012. Quelle che possono sembrare due ondate possono essere in realtà due singole ondate che si verificano in regioni geografiche diverse. Si dice che i dati raccolti dalla SARS 2003 relativamente recente e dalle epidemie di MERS sostengono la loro tesi.

Nel caso del MERS:

“si tratta in realtà di più ondate singole che colpiscono popolazioni geograficamente distinte in momenti diversi mentre la malattia si diffonde. In questo caso il primo picco maggiore è stato osservato in Arabia Saudita, con un secondo picco alcuni mesi dopo nella Repubblica di Corea. Analizzate singolarmente, ogni area ha seguito un singolo evento tipico…”.

Nell’intervista, quando è stato interrogato sull’epidemia di influenza spagnola del 1918, che si è verificata in ondate successive durante la prima guerra mondiale, Yeadon ha sottolineato che si trattava di un tipo di virus completamente diverso, non della famiglia dei coronavirus. Altri hanno dato la colpa alla malnutrizione generale di inizio secolo e alle condizioni insalubri. I soldati della Prima Guerra Mondiale, duramente colpiti, vivevano nel fango freddo e in condizioni peggiori per la resistenza immunitaria.

Saudi and Korea Waves of MERS Coronavirus
Saudi and Korea Waves of MERS Coronavirus

I lockdown non funzionano

Un’altra argomentazione avanzata da Yeadon et al. nel loro documento di settembre è che non ci sono state differenze nei risultati relativi ai blocchi.

Dicono:

“La forma delle morti rispetto alla curva del tempo implica un processo naturale e non un processo che deriva principalmente da interventi umani… Famosamente, la Svezia ha adottato un approccio quasi laissez faire, con consigli qualificati, ma nessun isolamento generalizzato. Eppure il suo profilo e quello del Regno Unito sono molto simili”.

Il gentile Yeadon Demolisce l’uomo che ha iniziato tutto, il professor Neil Ferguson

L’ex dirigente e scienziato della Pfizer individua un ex collega per il suo ruolo nella pandemia, il professor Neil Ferguson. Ferguson insegnava all’Imperial College mentre Yeadon era affiliato. Il modello informatico di Ferguson ha fornito ai governi la motivazione per lanciare ordini draconiani che hanno trasformato da un giorno all’altro le società libere in prigioni virtuali. Oltre a quello che ora è stimato dal CDC come un virus con un tasso di sopravvivenza del 99,8%.

Il Dr. Yeardon ha detto nell’intervista che “nessuno scienziato serio dà alcuna validità” al modello di Ferguson.

Parlando con sottile disprezzo per Ferguson, il Dr. Yeardon si è impegnato a far notare al suo intervistatore:

“E’ importante che sappiate che la maggior parte degli scienziati non accetta che [il modello di Ferguson] avesse anche solo vagamente ragione… ma il governo è ancora legato al modello”.

Yeardon si unisce ad altri scienziati nell’incitare i governi a seguire il modello di Ferguson, su cui si basano tutti i blocchi mondiali. Uno di questi scienziati è il dottor Johan Giesecke, ex capo scienziato del Centro europeo per il controllo e la prevenzione delle malattie, che ha definito il modello di Ferguson “il più influente documento scientifico” in memoria, e anche “uno dei più sbagliati”.

È stato il modello di Ferguson a ritenere che fossero necessarie misure di “mitigazione”, cioè di distanziamento sociale e di chiusura di imprese, per evitare, ad esempio, che oltre 2,2 milioni di persone morissero a causa del COVID negli Stati Uniti.

Ferguson aveva previsto che la Svezia avrebbe pagato un prezzo terribile per la mancata chiusura, con 40.000 morti COVID entro il 1° maggio e 100.000 entro giugno. Il conteggio dei morti in Svezia è ora di 5.800. Il governo svedese dice che questo coincide con una leggera stagione influenzale. Anche se inizialmente più alto, la Svezia ha ora un tasso di mortalità pro capite inferiore a quello degli Stati Uniti, che ha raggiunto senza i terribili danni economici ancora in corso negli Stati Uniti. La Svezia non ha mai chiuso ristoranti, bar, sport, la maggior parte delle scuole o cinema. Il governo non ha mai ordinato alla gente di indossare maschere.

Il dottor Yeadon parla con amarezza delle vite perse a causa delle politiche di isolamento, e delle innumerevoli vite “salvabili” che andranno ulteriormente perse, a causa di importanti interventi chirurgici e di altri interventi sanitari rimandati, nel caso in cui l’isolamento venisse reimposto, .

Yeardon è un imprenditore di successo, fondatore di una società biotecnologica che è stata acquisita da Novartis, un altro colosso farmaceutico. L’unità di Yeadon presso Pfizer era l’unità di ricerca sull’asma e la respirazione. (Yeadon, elenco parziale delle pubblicazioni).

La Svezia durante il lockdown
La Svezia durante il lockdown

Perché sta succedendo tutto questo? Il membro del Congresso degli Stati Uniti dice di essere convinto del “Piano del governo” di continuare le misure di blocco fino all’introduzione di un vaccino obbligatorio. Teorie di cospirazione?

Cresce l’elenco delle notizie che si riflette negativamente sulla narrazione che si sta svolgendo sulle maggiori reti televisive, di un misterioso, “romanzo” virus che è stato controllato solo da un assalto senza precedenti ai diritti e alle libertà individuali, ora pronto a colpire ancora, su popolazioni già sofferenti che non hanno altra scelta se non quella di sottomettersi ad ulteriori ordini del governo.

I governatori hanno tranquillamente esteso i loro poteri a tempo indeterminato spostando il palo della porta, senza dirlo, da “appiattire la curva” per alleviare la pressione sugli ospedali, a “nessun nuovo caso”. Da “pandemia”, a “casi epidemici”.

In Germania si è formata un’organizzazione di 500 medici e scienziati, che affermano che la risposta del governo al virus COVID è stata ampiamente sproporzionata rispetto all’effettiva gravità della malattia.

Le prove dell’esistenza di un inganno crescono. Sia il CDC, sia la US Coronavirus Task Force guidata dalla dott.ssa Deborah Birx, sono convinti che la definizione di morte da COVID sia stata flessibile, e che le regole favoriscono la definizione di COVID quando possibile. Questo apre la possibilità di un conteggio dei decessi enormemente gonfiato. A New York, l’amministrazione del governatore Andrew Cuomo è sotto indagine federale per tutti, tranne che per la firma della condanna a morte di migliaia di anziani delle case di cura, quando lo Stato ha inviato i pazienti COVID nelle case di cura, tra le obiezioni impotenti dei dirigenti e del personale delle case di cura.

Perché i principali media ignorano quello che sembra essere un articolo eminentemente degno di nota, una rockstar del settore come Yeadon, che chiama in causa le più grandi figure del mondo della sanità pubblica? I talk show della domenica, i talk show di Chris Wallaces e Meet the Press, non vorrebbero sfruttare un uomo del genere per un pubblico di record?

Qui il discorso finirebbe in una questione di agende oscure, e non di incompetenza, ottusità e stupidità.

Un’opinione è stata espressa dal rappresentante degli Stati Uniti Thomas Massie (R-KY) quando ha detto al Tom Woods Show del 16 agosto:

“Il segreto che il governo vi sta nascondendo è che ha intenzione di tenerci chiusi fino a quando non ci sarà un qualche tipo di vaccino, e poi, che sia obbligatorio a livello federale, o a livello statale, o forse persuaderanno i vostri datori di lavoro attraverso un altro programma PPP per cui non sarete qualificati a meno che non facciate ottenere il vaccino ai vostri dipendenti, penso che questo sia il loro piano. Qualcuno mi convinca che non è il loro piano, perché non c’è un finale logico per ciò che sta accadendo, a parte questo”.

Un’altra teoria è che la crisi COVID viene utilizzata per consolidare livelli mai visti prima d’ora di controllo sugli individui e sulla società da parte delle élite. Questo viene proposto dal nipote del presidente ucciso, Robert F. Kennedy Jr., figlio dell’anche-assassinato Bobby Kennedy. In un discorso a un massiccio raduno di vaccinazione contro le misure di blocco per COVID in Germania, Bobby Jr. ha messo in guardia contro l’esistenza di un disegno:

“l’agenda della bio-sicurezza, l’ascesa dello Stato autoritario di sorveglianza e il colpo di stato sponsorizzato da Big Pharma contro la democrazia liberale… La pandemia è una crisi di convenienza per l’élite che detta queste politiche”.

In una causa legale, i testimoni medici di Kennedy Jr. avvertono che il vaccino antinfluenzale obbligatorio può rendere molti bambini più sensibili al COVID.

Gli avvertimenti delle terribili intenzioni dell'”élite” di Kennedy provengono da fonti più tradizionali. Il dottor Joseph Mercola, del sito di informazioni mediche Mercola.com, altamente affidabile e con un grande traffico di informazioni mediche, ha scritto un’attenta analisi delle affermazioni di un medico sui vaccini geneticamente modificati che ci stanno arrivando.

E non placa i timori che un sito web della difesa, Defense One, riferisca che i biochip permanenti sotto la pelle, iniettabili con la stessa siringa che contiene un vaccino, potrebbero presto essere approvati dalla FDA. Non aiuta la teoria anti-cospiratoria il fatto che, secondo Newsweek, il dottor Anthony Fauci ha effettivamente dato finanziamenti dell’NIH al laboratorio cinese di Wuhan, per una ricerca sul coronavirus dei pipistrelli così pericolosa che è stata osteggiata da 200 scienziati, e vietata negli Stati Uniti.

Nel 1957, una pandemia colpì l’influenza asiatica H2N2 con un tasso di mortalità per infezione dello 0,7%, che uccise tante persone pro capite negli Stati Uniti quante ne ha rivendicate ora il COVID. Non se ne parlò mai una sola volta nei notiziari dell’epoca, per non parlare dello straordinario sconvolgimento che vediamo ora. Nel 1968 l’influenza di Hong Kong colpì gli Stati Uniti (.5% IFR,) prendendo 100.000 persone quando gli Stati Uniti avevano una popolazione nettamente inferiore. Non è stato lanciato un solo allarme, non è stato chiuso un solo negozio e nemmeno una notizia di rete. L’estate successiva si svolse il più grande raduno della storia degli Stati Uniti, Woodstock.

L’isteria di massa non è mai casuale, ma va a beneficio di qualcuno. L’unica domanda che resta da fare è: chi?

tasso mortalità infezioni varie malattie

Intervista al dott. Mike Yeadon

August Protest in Berlin Against Lockdown, and Against Mandatory COVID Vaccination
Woodstock 1969
Woodstock 1969

mascherina di ferro


Fonte: https://hubpages.com/politics/Pfizer-Chief-Science-Officer-Second-Wave-Based-on-Fake-Data-of-False-Positives-for-New-Cases-Pandemic-is-Over

Pubblicato il 24 Settembre 2020

Tradotto per Comedonchisciotte.org da Riccardo Donat-Cattin