Dov’è “l’invasione russa”?

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale Telegram.

Di Paul Craig Roberts

paulcraigroberts.org

Allora Biden, dov’è “l’imminente invasione russa dell’Ucraina”? Dov’è, Jake Sullivan, la “grande azione militare che potrebbe iniziare da un giorno all’altro”? Dove sono, governo del Regno Unito, CNN, MSNBC, NPR, NY Times, Bloomberg, Washington Post, BBC e il resto della stampa, dove sono le orde russe che dovrebbero invadere l’Ucraina?

Come ricorda il mio intervento di questa mattina, Washington prevede da otto anni un’invasione russa dell’Ucraina

https://www.paulcraigroberts.org/2022/02/15/washington-has-been-predicting-a-russian-invasion-of-ukraine-for-8-years/

A cosa servono otto anni di questa ovvia propaganda?

Si tratta di demonizzare la Russia e il suo leader. Si tratta di usare la paura della Russia per controllare l’Europa. Si tratta della vendita di armi all’Europa per “scoraggiare l’aggressione russa”.

Nessuno degli “esperti” e degli alti funzionari ha spiegato perché la Russia vuole l’Ucraina quando non vuole nemmeno i russi del Donbass. L’Ucraina, un paniere finanziario pieno di neonazisti, è l’ultima cosa che la Russia vuole. Se Putin sta “ricostruendo l’impero sovietico” come affermano gli incompetenti “esperti russi”, lo sta facendo in un modo strano. Quando la Russia ha risposto all’invasione georgiana dell’Ossezia del Sud conquistando la Georgia, Putin non ha mantenuto l’ex provincia russa. Ha ritirato le truppe russe e lasciato la Georgia con la sua sovranità.

Ma come ho riportato per anni, i fatti non hanno importanza per i governi e i media occidentali. Mi aspetto di sentire in qualsiasi momento dalla stampa che la Russia ha invaso l’Ucraina e vedere le fake news trasformate in realtà dalla costante affermazione della menzogna da parte della stampa, proprio come hanno fatto con il “vaccino” Covid riportando all’infinito che una persona con due dosi era protetto al 97%.

Questo è il modo in cui opera il mondo occidentale. La falsa realtà creata per i popoli occidentali è ovunque. Il governo canadese ha trasformato una protesta contro la vaccinazione obbligatoria con una sostanza pericolosa e controproducente in una “insurrezione razzista, di suprematisti bianchi, terroristi interni [contro il] governo canadese”. Queste accuse diffamatorie di Trudeau sono la base per la sua proclamazione di “poteri di emergenza”, che Trudeau spera di utilizzare per distruggere i camionisti che hanno sfidato il suo editto dittatoriale. Trudeau non ha paura di essere visto come un nuovo Hitler, perché la stampa presenterà [le sue azioni] come il “salvataggio della democrazia canadese” dai camionisti fascisti.

I governi occidentali sono totalmente disinteressati all’opinione dei popoli che governano. I governi stessi non hanno nemmeno la sovranità. L’Occidente è governato da una divisione segreta della CIA e dall’élite globale. Ecco perché in una tale diversità di etnie, lingue e culture c’è una sola voce.

I russi si illudono nel pensare che il crollo della narrativa dell’invasione ucraina sia una vittoria. Non lo è. L’Occidente rivendicherà la vittoria e la stampa la renderà reale ripetendola all’infinito: Washington ha scoraggiato la Russia con truppe e caccia a reazione inviati nell’Europa orientale e con un elenco di sanzioni minacciate che avrebbero messo in ginocchio la Russia, Putin è tornato in sé giusto in tempo. E così via.

Dopo otto anni di quello che Putin chiama genocidio del Donbass con migliaia di russi uccisi e mutilati da attacchi neonazisti/CIA contro civili — https://sputniknews.com/20220215/putin-calls-ongoing-events-in-donbass-genocide- 1093057321.html — il parlamento russo ha finalmente fatto ciò che avrebbe dovuto fare otto anni fa e ha votato 351 contro 16 per riconoscere le due repubbliche, Donetsk e Lugansk, che si sono separate dall’Ucraina dopo che gli Stati Uniti hanno rovesciato il governo eletto [in Ucraina] e vi hanno installato un regime neonazista. Ma nonostante il voto schiacciante della Duma russa – quasi all’unanimità – Putin parteggia ancora per l’accordo di Minsk:

https://www.rt.com/russia/549454-putin-recognize-donbass-independence/

Che senso ha questo? Per anni tutti i firmatari dell’accordo, eccetto la Russia, si sono categoricamente rifiutati di rispettarlo. Anzi, accusano la Russia di non rispettarlo. Cosa pensa Putin che sia cambiato?

Perché Putin pensa che qualsiasi accordo firmato con l’Occidente valga qualcosa quando Putin ha detto ripetutamente che ogni accordo che la Russia aveva con l’Occidente è stato infranto? Perché pensa che il già infranto accordo di Minsk sia la risposta? Humpty Dumpty [1] verrà rimontato?

Com’è possibile che dopo otto anni di attacchi ucraini alle repubbliche, che Putin paragona a un genocidio, attacchi che hanno amareggiato i russi del Donbass contro gli ucraini, rendendoli molto meno disposti a far parte dell’Ucraina rispetto ad otto anni fa quando si separarono, la risposta sia restituire le repubbliche all’Ucraina su base semiautonoma?

Nessun’altra “soluzione” potrebbe assicurare meglio il conflitto in corso. I neonazisti userebbero qualunque autorità centrale presieda all’autonomia dei russi del Donbass per molestarli continuamente o per revocare la loro autonomia.

È stato del tutto ovvio fin dall’inizio che l’unica soluzione è esattamente la stessa che è stata utilizzata in Crimea. Sia la Crimea che la regione del Donbass fanno storicamente parte della Russia. I governi sovietici li hanno inseriti nella provincia sovietica dell’Ucraina nel XX secolo per motivi amministrativi o di altro tipo. I sovietici non prevedevano il crollo del loro regime e poiché Ucraina e Russia facevano parte dello stesso Paese, l’Unione Sovietica, sembrava non fare alcuna differenza.

Ma ha fatto una grande differenza con il crollo sovietico e la disgregazione del Paese da parte di Washington. Non ci sarà pace fino a quando la Russia non si riprenderà il suo stesso popolo e butterà le basi missilistiche di Washington fuori dalla sua porta.

Di Paul Craig Roberts

NOTE

[1] https://it.wikipedia.org/wiki/Humpty_Dumpty

Link articolo originale di Paul Craig Roberts – https://www.paulcraigroberts.org/2022/02/15/so-biden-sullivan-stoltenberg-uk-pm-defense-officials-presstitutes-where-is-the-russian-invasion/

15.02.2022

Traduzione di Costantino Ceoldo

Pubblicazione di Verdiana Siddi per ComeDonChisciotte.org

 

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
18 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
18
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x