La repressione alla Columbia University è guidata da una professoressa che lavora anche come spia per la polizia di New York

DONA A COMEDONCHISCIOTTE.ORG PER SOSTENERE UN'INFORMAZIONE LIBERA E INDIPENDENTE:
PAYPAL: Clicca qui

STRIPE: Clicca qui

Wyatt Reed e Max Blumenthal
thegrayzone.com

Rebecca Weiner è una professoressa della Columbia University che ricopre anche il ruolo di direttore dell’intelligence della Polizia di New York. Il sindaco Eric Adams le attribuisce il merito di aver spiato i manifestanti che protestavano contro il genocidio e di aver diretto il raid militarizzato che li ha fatti sloggiare dal campus.

La violenta repressione degli studenti della Columbia University che protestavano contro l’assalto genocida di Israele alla Striscia di Gaza è stata guidata da un membro della facoltà della scuola, ha dichiarato il sindaco di New York Eric Adams.

Durante la conferenza stampa del 1° maggio, poche ore dopo che il Dipartimento di Polizia di New York aveva arrestato quasi 300 persone all’interno dell’università, Adams ha elogiato la professoressa aggiunta della Columbia Rebecca Weiner, che ricopre in modo surrettizio anche la carica di direttrice dell’ufficio antiterrorismo della Polizia di New York, per aver dato alla polizia il via libera a sgomberare con la forza gli studenti che protestavano contro il genocidio israeliano.

Era lei a monitorare la situazione“, ha spiegato Adams, aggiungendo che la repressione è stata attuata dopo che “lei, la sua squadra, era stata in grado di condurre un’indagine“.

Il 30 aprile, decine di poliziotti in tenuta antisommossa erano entrati nella Hamilton Hall della Columbia dopo che gli studenti avevano sequestrato l’edificio all’inizio della giornata, citando una richiesta dell’amministrazione. Diverse ore dopo, gli agenti avevano utilizzato un veicolo BearCat della polizia di New York, pesantemente blindato, per sfondare una finestra del primo piano e arrestare chi si trovava all’interno, mentre un’altra squadra disperdeva gli studenti accampati all’esterno.

Dopo il 17 aprile, gli studenti della Columbia avevano intensificato la loro protesta contro l’assalto genocida di Israele alla Striscia di Gaza assediata. Si erano accampati all’interno della scuola, rifiutandosi di andarsene fino a quando l’università non avesse disinvestito completamente dai suoi investimenti legati a Israele. Questo modello di protesta si era poi diffuso in oltre 100 altre università degli Stati Uniti ed era stato ripreso anche all’estero, con azioni simili all’Università di Leeds nel Regno Unito e alla Sorbona di Parigi.

A poche centinaia di metri dall’accampamento di protesta per la situazione di Gaza, la Weiner mantiene un ufficio presso la School of International and Public Affairs (SIPA) della Columbia. La sua biografia alla SIPA la descrive come “professore associato aggiunto di affari internazionali e pubblici” e contemporaneamente come “dirigente civile responsabile dell’ufficio di intelligence e antiterrorismo del dipartimento di polizia di New York“.

In questo ruolo, secondo la SIPA, la Weiner “ha sviluppato politiche e priorità strategiche per l’Intelligence & Counterterrorism Bureau e rappresenta pubblicamente la Polizia di New York in questioni che riguardano l’antiterrorismo e l’intelligence“.

L’Ufficio antiterrorismo della Polizia di New York ha attualmente un ufficio a Tel Aviv, in Israele, dove si coordina con l’apparato di sicurezza israeliano e mantiene un collegamento con il dipartimento. La Weiner sembra fungere da ponte tra l’ufficio in Israele e quello a New York.

Un’inchiesta dell’AP del 2011 aveva rivelato che una cosiddetta “Unità demografica” operava segretamente all’interno dell’Ufficio antiterrorismo e intelligence della polizia di New York. Questo gruppo oscuro spiava i musulmani dell’area di New York e persino studenti in campus al di fuori dello Stato coinvolti nell’attivismo solidale con la Palestina. L’unità era stata sviluppata in tandem con la CIA, che si era rifiutata di fare il nome dell’ex capo della stazione per il Medio Oriente, che aveva poi inserito nei ranghi superiori della divisione di intelligence della polizia di New York.

L'”Unità demografica” sembra essere stata ispirata anche dall’intelligence israeliana. Come ha dichiarato all’AP un ex funzionario di polizia, l’unità aveva cercato di “mappare il terreno umano della città” attraverso un programma “modellato in parte su come le autorità israeliane operano in Cisgiordania”.

Avvocato di formazione, la Weiner aveva supervisionato le trattative tra la Polizia di New York e gli avvocati dei musulmani locali che avevano visto violate le loro libertà civili dalla sua “Unità demografica”.

La Weiner è la nipote di Stanislaw Ulam, un matematico ebreo polacco che aveva contribuito alla realizzazione bomba atomica nell’ambito del Progetto Manhattan. “Sono molto orgogliosa di questa eredità“, aveva detto la Weiner a proposito del lavoro del nonno dopo la nomina a capo dell’intelligence della polizia di New York.

Durante la trionfale conferenza stampa del 1° maggio successiva al raid, la Weiner ha accusato “agitatori esterni” di aver scatenato la repressione militare della polizia alla Columbia. Tuttavia, si è rifiutata di fare i nomi degli estranei che sarebbero intervenuti sulla scena.

Secondo la Weiner, la risposta della polizia non è stata resa necessaria da un comportamento criminale, ma dal linguaggio e dai simboli radicali degli studenti. “Non si trattava di studenti che esprimono idee“, ha affermato. Il vero problema, ha sostenuto la Weiner, era il presunto “cambiamento di tattica” da parte dei manifestanti, che, secondo lei, rappresentava “una normalizzazione e un’integrazione della retorica associata al terrorismo“.

La prova di questa dinamica, ha suggerito la Weiner, potrebbe essere vista in ciò che, secondo lei, è la tendenza “comune” ad indossare nei campus universitari “fasce associate ad organizzazioni terroristiche straniere“, la “ripubblicazione della lettera di Osama Bin Laden del 2002 all’America” su TikTok e una breve visita alla Columbia da parte di Nahla Al-Arian, che la Weiner ha erroneamente descritto come “la moglie di qualcuno che è stato condannato per sostegno materiale al terrorismo“.

Non è una persona che vorrei influenzasse mio figlio se fossi un genitore di qualcuno alla Columbia“, ha commentato la Weiner.

Il marito di Nahla, l’accademico palestinese Sami Al-Arian, era stato incriminato nel 2003 sulla base di accuse inconsistenti di terrorismo, ma una giuria si era rifiutata di condannarlo. Ciononostante, la breve sosta della signora Nahla all’accampamento della Columbia, dove non aveva nemmeno interagito con i manifestanti – era stata citata da Adams in tre diversi interventi sui media per giustificare la repressione della polizia.

Durante la conferenza stampa, il sindaco Adams ha ripetutamente presentato la repressione della parola degli studenti come l’unica soluzione possibile al proliferare degli accampamenti nei campus, citando minacce indefinite alle menti impressionabili dei giovani.

C’è un movimento per radicalizzare i giovani, e non aspetterò che sia finito per riconoscerne improvvisamente l’esistenza“, ha dichiarato Adams.

I giovani sono influenzati da coloro che sono professionisti nel radicalizzare i nostri figli“, ha insistito, senza specificare. “E io, come sindaco della città di New York, non permetterò che questo accada“.

Dopo aver proclamato con rabbia che suo zio “era morto per difendere questo Paese“, Adams ha dichiarato: “È spregevole che le scuole permettano alla bandiera di un altro Paese di sventolare nel nostro Paese“.

Tuttavia, avendo partecipato con entusiasmo alla parata annuale Celebrate Israel di New York, Adams non è nuovo allo sventolare la bandiera di un altro Paese.

Il sindaco di New York Eric Adams sventola la bandiera di Israele durante la parata Celebrate Israel il 4 giugno 2023.

 

Wyatt Reed e Max Blumenthal

Fonte: thegrayzone.com
Link: https://thegrayzone.com/2024/05/02/columbia-crackdown-university-nypd/
02.05.2024
Scelto e tradotto da Markus per comedonchisciotte.org

ISCRIVETEVI AI NOSTRI CANALI
CANALE YOUTUBE: https://www.youtube.com/@ComeDonChisciotte2003
CANALE RUMBLE: https://rumble.com/user/comedonchisciotte
CANALE ODYSEE: https://odysee.com/@ComeDonChisciotte2003

CANALI UFFICIALI TELEGRAM:
Principale - https://t.me/comedonchisciotteorg
Notizie - https://t.me/comedonchisciotte_notizie
Salute - https://t.me/CDCPiuSalute
Video - https://t.me/comedonchisciotte_video

CANALE UFFICIALE WHATSAPP:
Principale - ComeDonChisciotte.org

Potrebbe piacerti anche
Notifica di
18 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
18
0
È il momento di condividere le tue opinionix