Home / Attualità / Coronavirus: teoria del complotto sui social cinesi

Coronavirus: teoria del complotto sui social cinesi

Secondo quanto riferito dal Global Times, si stanno diffondendo sui social cinesi delle teorie cospirative che attribuiscono la nascita dell’epidemia da coronavirus negli Stati Uniti e non a Wuhan.
La tv giapponese Asahi Corporation, in un suo servizio, avrebbe insinuato il sospetto che alcuni dei 14.000 americani morti di influenza possano aver contratto in modo inconsapevole il coronavirus.
Dal 18 al 27 Ottobre 2019 a Wuhan, in Cina, si sono svolti i Military World Games. “Forse i delegati statunitensi hanno portato il coronavirus a Wuhan e si è verificata una mutazione del virus, rendendolo più mortale e contagioso e causando un diffuso focolaio quest’anno”, ha scritto un utente sul social cinese Sina Weibo, simile a Twitter.
I funzionari statunitensi hanno finora confermato 35 casi del nuovo coronavirus nel proprio Paese.

Intanto l’emergenza coronavirus in Italia ha spinto gli italiani ad accumulare scorte di medicinali e mascherine.
Se si prova a cercare su Amazon la confezione tascabile di Amuchina da 80 g., si potrà notare che i prezzi sono lievitati da 4-5 euro a confezione, fino a sfiorare i 100 euro per una confezione risparmio da 4 pezzi.

Sitografia:
https://www.globaltimes.cn/content/1180415.shtml
https://www.wallstreetitalia.com/coronavirus-prezzi-record-per-lamunchina-su-amazon/

Pubblicato da Tommesh

Appassionato di civiltà Sumera ed esoterismo, nel 2006 ho iniziato a studiare la scrittura cuneiforme da autodidatta. Vivo la mia vita terrena in questo Periodo Storico che definisco "oscuro"...
Precedente Il dislocamento geopolitico delle armi batteriologiche
Prossimo Mai sprecare un’arma: la guerra ibrida degli Stati Uniti contro la Cina

Lascia un commento