Vaccini Covid e il paradosso del calabrone

Secondo alcuni ingegneri aeronautici il bombo non può volare, però il bombo non legge le loro pubblicazioni e vola lo stesso.
Secondo Pfizer & C. il ‘vaccino’ a RNA messaggero non può modificare il genoma, però il ‘vaccino’ non legge i comunicati di Pfizer e…

Anzitutto alcune precisazioni:
P1. Il proverbiale calabrone non è un calabrone ma un bombo (Bombus terrestris) su cui un secolo fa Antoine Magnan e altri (1) scrissero che non poteva volare in base ai loro studi di aerodinamica.
P2. Il paradosso non è un paradosso, tanto che Magnan dovette correggere i propri studi invece che ‘correggere’ i bombi.
P3. il cosiddetto ‘paradosso del calabrone’ è diventato proverbiale per indicare la presunzione di tanti ‘apprendisti stregoni’ che pretendono piegare la Natura alla loro visione ultra semplificata della realtà.

Con tali premesse, mi propongo di illustrare perché e come un vaccino a mRNA si può comportare come i bombi, ignorando i comunicati Pfizer.
Per sviluppare il contraddittorio, propongo al lettore di proseguire con una fiction processuale:

A (Avvocato accusatore): Chiamo a deporre il dottor Leopoldo Salmaso… Dottore, dica brevemente le sue qualifiche, in particolare per farci capire la sua posizione riguardo ai vaccini.
S (Salmaso): Sono un medico, specialista in Malattie Infettive e in Sanità Pubblica, a tempo pieno presso il Complesso Ospedale-Università di Padova nel periodo 1976-2011. Ho sempre sostenuto e potenziato le attività vaccinali del mio ospedale e ho anche coordinato un’indagine sieroepidemiologica sulla copertura vaccinale nelle scuole del Veneto. Nel 1983-85, in qualità di Esperto del Ministero Affari Esteri, ho coordinato un progetto pilota nella regione di Dodoma (Tanzania) che poi è sfociato nel Piano Vaccinale Nazionale di quel paese. Sempre in Tanzania e già dal biennio 1978-80 ho coordinato il controllo di varie epidemie come Colera, Polio, Tifo addominale. Sia in Veneto che in Tanzania sono stato uno dei massimi referenti per HIV-AIDS. Per circa 20 anni ho tenuto lezioni nel circuito Europeo TropEd (2) con il CUAMM di Padova (3). Sono socio fondatore dell’associazione NoGrazie (4).
A: Con una carriera simile, possiamo annoverarla fra i SIVAX?
S: I termini SIVAX e NOVAX sottintendono due opposte tifoserie-a-prescindere. Non è serio, e tantomeno scientifico, fare di ogni erba un fascio.
A: Riformulo la domanda: lei ritiene che le vaccinazioni, in generale, siano un importante presidio di Sanità Pubblica?
S: Sì
A: Lei ritiene che i vaccini a mRNA siano un importante presidio di Sanità Pubblica?
S: No
A: Perché no?
S: Perché il rapporto benefici/rischi è del tutto negativo.
A: Pfizer e Moderna dicono che i loro vaccini a mRNA  hanno tantissimi pregi e pochissimi difetti.
S: Nessuna meraviglia: sono osti che vogliono vendere il loro vino. Meraviglia, anzi, grave preoccupazione suscitano invece OMS, EMA e AIFA che si comportano come la ‘moglie dell’oste’ invece che come agenti dei NAS. Nel nostro caso la principale responsabilità di autorizzazione e controllo spetta all’EMA -Agenzia Europea per i Farmaci- (5, 6). EMA ha concesso ai vaccini a mRNA una ‘autorizzazione condizionata’ (7). Il nocciolo della questione è riassunto in questa tabella:

EMA – Autorizzazione condizionata per vaccino anti Covid-19 della Pfizer (click per immagine intera)

…In parole povere: EMA ha autorizzato l’oste a vendere il suo vino, a patto che entro dicembre 2023 l’oste stesso (pagando regolarmente la collaborazione di esperti EMA e di altri ‘controllori indipendenti’) fornisca ‘prove’ che il suo vino è buono. Conclusione ovvia: in questi tre anni chi assume quel ‘vino’ fa da cavia.
A: Le fonti ufficiali negano che questi vaccini siano sperimentali e che si stiano usando esseri umani come cavie.
S: Sono ben consapevole di andare contro il dogma sostenuto da illustri colleghi, su su fino ad AIFA, ISS, EMA e OMS. Tutti costoro dettano precise restrizioni contro la minaccia degli alimenti OGM per l’ambiente e la salute umana, ma non battono ciglio di fronte al pericolo di trasformare le persone vaccinate in OGM! Comunque il loro imbarazzo, se c’è, non si vede perché il mainstream batte la grancassa in soccorso dei più forti…
A: Lasci a me le arringhe e si limiti a esporre i fatti.
S: Chiedo scusa. Ecco la documentazione da inserire ai punti pertinenti della mia ultima dichiarazione (8, 9, 10, 11, 12, 13, 14). In particolare la normativa europea sugli OGM, articolo 1, inizia proprio così: “Nel rispetto del principio precauzionale, la presente direttiva mira al ravvicinamento delle disposizioni legislative, regolamentari e amministrative degli Stati membri e alla tutela della salute umana e dell’ambiente…”
A: Ripartiamo dai benefici. Che cosa obietta a quanto sostengono le case farmaceutiche?
S:
Già sul piano teorico sono assai scarsi i benefici attesi di vaccini contro virus variabili come sono i coronavirus (15). Anche i virus influenzali sono molto variabili e gli studi sui vaccini anti-influenzali confermano un’efficacia scarsa se non nulla per la popolazione generale, concedendo margini favorevoli solo a pochi gruppi con specifici fattori di rischio (16). L’influenza dovrebbe insegnare molto…
A: (lo interrompe) Ci parli intanto dei rischi.
S: La madre di tutti i rischi sta nel fatto che, a dispetto di precisi obblighi e proclami, si sta facendo poco o nulla per la sorveglianza ATTIVA degli effetti indesiderati da vaccini anti-Covid. Non solo in Italia, ma anche nel resto d’Europa e del mondo. Se non c’è sorveglianza attiva e davvero indipendente dalla finanza e dalla politica (17), ci tocca fidarci di quello che dice l’oste a proposito del suo vino.
A: (pensieroso) Tralasci i rischi accessori e ci dica del rischio OGM.
S: Chi nega il rischio OGM considera i virus come schede elettroniche e le cellule come torni a controllo numerico. Questa è una visione meccanicistica, ultra-semplificata della biologia, mentre la Vita è una faccenda molto più complessa.
A: Lei vuol dire che, se inserisco un vaccino a mRNA in una cellula, quella cellula potrebbe non eseguire le istruzioni del vaccino?
S: Sostengo che può succedere molto di peggio. Non abbiamo un solo tipo di cellule immunocompetenti, ma popolazioni di cellule con specializzazioni differenti, sia complementari che antagoniste. Ci sono anzitutto le cellule-spazzino (macrofagi) che eliminano tutto quanto risulta anche minimamente ‘fuori posto’ (non-self). Questo tipo di immunità grossolana è stato il primo ad evolvere, con la comparsa dei procarioti e degli organismi pluricellulari circa 1,5 miliardi di anni fa, ed è tuttora prevalente nelle popolazioni povere…

Evoluzione della Vita sul pianeta Terra (Gaia) – click per immagine intera

Poi ci sono i granulociti che potremmo paragonare agli spazzini della raccolta differenziata; poi vengono varie popolazioni di linfociti, poliziotti specializzati nel ‘perquisire’ tutto ciò che imita il ‘self’ fino a mimetizzarsi con esso (ad esempio altre cellule infettate da virus o con mutazioni tumorali); ancora, sottopopolazioni che possiamo paragonare a varie branche di servizi segreti, specializzate in uccisioni mirate ma anche nell’indurre il suicidio programmato di cellule ‘anarchiche’ o presunte tali. Quest’ultima nozione è stata grossolanamente divulgata a proposito dell’AIDS, dove i veri anarchici sono i servizi segreti.
A: Tutto suggestivo, ma torniamo al vaccino a mRNA: che cosa succede dopo che viene iniettato?
S: Può succedere molto più di quello che viene mostrato nei disegni animati delle case farmaceutiche, dove la realtà complessa viene ripulita, edulcorata e piegata agli scopi commerciali.

Immunità spiegata facile, troppo facile

A: Però la semplificazione aiuta a divulgare. Capiamo le sue riserve, ma lei può dire alla giuria se quello che affermano le case farmaceutiche a proposito dei loro vaccini è sostanzialmente vero o no?
S: Non ho obiezioni particolari su quello che dicono le case farmaceutiche. Il vero problema sta in quello che non dicono, anzi, in quello che escludono categoricamente contro ogni logica scientifica (18). E, ripeto, il problema più grave di tutti sta in quello che NON obiettano gli enti preposti alle autorizzazioni e ai controlli.
A: Allora ci dica lei quello che altri non dicono.
S: Va bene, con una premessa: io esporrò una serie di eventi che POSSONO verificarsi. Nessuno è in grado di affermare che si verificheranno per davvero, ma ancor meno qualcuno può escluderlo; l’essenza del principio di precauzione sta nel prevenire eventi che la Scienza ritiene possibili.
A: D’accordo, prosegua.
S: Una volta iniettato, buona parte del vaccino resta in loco grazie alla risposta infiammatoria locale, mentre un po’ entra in circolo, raggiungendo ogni distretto del corpo. Ma anche le cellule immunocompetenti, dopo aver inglobato il vaccino, si distribuiscono nei vari distretti, compreso quello cerebrale. Perciò la partita vaccino-cellule si gioca in ogni distretto del corpo.
A: Pfizer e Moderna sostengono che il mRNA, una volta entrato nella cellula, detta le istruzioni perché venga assemblata solo la proteina ‘spike’ di SARS-CoV-2, dopo di che il mRNA viene distrutto. Negano che mRNA sia capace di integrarsi nel genoma della cellula.
S: Questa è un’illusione semplicistica, come se il mRNA fosse una scheda elettronica, la cellula fosse un tornio a controllo numerico, e non esistesse nient’altro. Invece ogni cellula è un universo vivente (19) nel quale tutto interagisce, compresi enzimi RT che trascrivono il mRNA e mandano retro-informazione nel nucleo dove quell’informazione viene confrontata col programma originale. Se anche solo di poco differente, scattano contromisure (e l’informazione viene archiviata come sequenza di DNA, il codice genetico appunto). Pfizer dice che il suo ‘vaccino’ non può trasferire il proprio codice nel nucleo, ma le RT delle cellule non leggono i manuali di Pfizer e continuano a fare quello che hanno sempre fatto. Come se non bastasse, si sa che moltissimi di noi conviviamo pacificamente con altri coronavirus ‘comuni’. Infatti la convivenza pacifica è la regola con tutti gli agenti infettivi, mentre la malattia è l’eccezione (20). Ebbene, se una cellula ha a che fare con il ‘vaccino’ e con un coronavirus comune, può ben capitare che venga assemblata una chimera, quindi cloni di chimere che andranno nell’ambiente e che prima o poi i nostri laboratori registreranno come ‘varianti’ di SARS-CoV-2.
A: Lei sta descrivendo scenari di scienza o di fantascienza?
S: Non occorre essere scienziati per ammirare l’infinita e armoniosa ricchezza della Vita, creata dall’Ingegneria Genetica originale, quella della Natura, mediante la co-evoluzione di ciascuno e di tutti gli organismi. La nostra ingegneria genetica è un balbuziente tentativo di imitare quella della Natura; nei nostri laboratori troppo spesso operano apprendisti stregoni la cui presunzione fa a pugni con la vera Scienza. Essi spiccicano a malapena le prime lettere dell’alfabeto della Vita e, siccome non comprendono le altre lettere, dicono che l’alfabeto della vita è fatto di A e B (0 e 1 come nei PC) mentre tutto il resto è ‘alfabeto spazzatura’ (21). Quindi, per rispondere alla sua domanda, chi descrive scenari di scienza, e chi di fantascienza?
A: Ci sono altri pericoli possibili che Pfizer & C. sottovalutano o addirittura escludono?
S: Quando le cellule eseguono un qualsiasi programma, sulla loro membrana compare un codice specifico, come l’insegna all’ingresso di un negozio. Se tutto fila liscio, allora il ‘vaccino’ funziona: le cellule lavorano indisturbate, assemblano la proteina spike di SARS-CoV-2, e in seguito tutto il sistema immunitario neutralizzerà prontamente eventuali intrusi che esibiscano quella proteina. Ma se quell’insegna viene interpretata come ‘anomala’, l’immunità dell’ospite reagisce contro le proprie cellule ‘anarchiche’. Questo determina un’infiammazione violentissima e disseminata, compresa la fatidica ‘tempesta citochinica’ con coagulazione intravascolare e gravi compromissioni d’organo, fino anche alla morte del paziente.
Infine, neppure Pfizer osa escludere danni da vaccino nel medio e lungo termine (cioè ben oltre dicembre 2023), e quando ci sono di mezzo cellule ‘anarchiche’ ci sono due rischi incombenti: malattie autoimmuni e tumori. 

A: Stiamo sforando i tempi della seduta odierna… Ci dica un’ultima cosa, dottore: perché dovremmo credere ai pochi come lei, invece che ai molti più blasonati?
S: Perché i molti fanno la scommessa sbagliata: noi pochi scommettiamo che, lanciando un dado, può uscire qualsiasi numero da 1 a 6. I molti escludono che possa uscire 1.

  1. Magnan e Il paradosso del bombo
  2. Circuito Europeo tropED
  3. Medici con l’Africa CUAMM
  4. NoGrazie
  5. EMA anticipa OK a vaccini Covid
  6. EMA OK a vaccini Covid
  7. EMA autorizzazione condizionata a ‘vaccino’ Pfizer
  8. Direttiva 2001/18/CE
  9. AIFA: questi vaccini non possono causare malattie
  10. ISS: il vaccino non può causare Covid
  11. EMA ignora le sue stesse prescrizioni per farmaci contenenti OGM
  12. OMS: rischio ambientale di vaccini OGM 
  13. Repubblica: è una bufala che ci renda OGM
  14. Il Giornale: smontata la bufala novax
  15. Il vaccino anti-Corona non funzionerà
  16. Pandemia o PANICOdemia?
  17. RSS su Piano Nazionale Vaccini
  18. Due pesi due misure
  19. Resettare Covid-19
  20. Coronavirus: se li conosci li inviti?
  21. Altro che DNA spazzatura!
60 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Violetta
Violetta
6 Febbraio 2021 7:17

ma è chiaro che è una sperimentazione. Non può non esserlo. Una cosa del genere non si sperimenta in 4 mesi. Come ho detto, ridetto e ripeto, la faccenda “vaccino” è molto ma molto più al centro della pandemia da covid19 di quanto pensiamo e di quanto, soprattutto, vogliono farci credere. Intanto questo “composto” viene chiamato “vaccino” perché dovrebbe stimolare la produzione di una determinata proteina (la spike del covid) e di conseguenza la risposta immunitaria. Ma questo significa che un altro “composto” può stimolare la produzione di altre proteine che niente hanno a che fare con i virus. Cioè si sta sperimentando una vera e propria “possibilità” di modificare il DNA delle cellule e di conseguenza la loro attività a piacimento. Quindi si sta sperimentando una tecnica di manipolazione genetica con potenzialità infinite. E certo non si sperimenta in 4 mesi, certo non si fermeranno qui. Perchè non si fermeranno qui? Perchè in teoria questa è intanto una “cura” per ogni malattia, compreso il cancro che non è altro che un “difetto” del DNA cellulare. E questo è certamente l’aspetto positivo. Ma da qui si puo stimolare la produzione di nuovi organi, riparazioni di tessuti, potenziale “immortalità”. Anche questo… Leggi tutto »

lady Dodi
lady Dodi
Risposta al commento di  Violetta
6 Febbraio 2021 7:35

Verissimo . In futuro tutti saranno alti ,belli e forti ma il prezzo lo paghiamo noi, adesso.
Come è stato del resto coi vaccini veri. Non si creda che prima di essere utili, non abbiano seminato morte e distruzione.
Io non ci sto.

Pfefferminz
Pfefferminz
Risposta al commento di  Violetta
6 Febbraio 2021 8:46

Le mirabolanti potenzialità di questi “composti” su base mRNA non sono destinate a noi comuni mortali, ma saranno riservate alla casta dominante, cementeranno definitivamente la divisione in classi.
Quello che mi interessa è il qui e ora: stanno praticando l’eutanasia ai nostri vecchi?

maxjuve
maxjuve
Risposta al commento di  Pfefferminz
6 Febbraio 2021 9:16

Ho paura che la risposta sia sì.

emilyever
emilyever
Risposta al commento di  Pfefferminz
6 Febbraio 2021 11:01

In Francia l’eutanasia ufficialmente non è ammessa, ma ha destato molto scalpore sui social il decreto del 28 marzo 2020 fino al 15 aprile in cui il ministero della sanità come cura palliativa autorizzava l’infusione di Rivotril ai vecchi delle Rsa (per loro l’Ephad) che in grave stato di insufficienza respiratoria non potevano essere portati in ospedale. Il rivotril seda ancor di più la respirazione e li ha portati alla morte. Notare, poi, che, ai medici dell’Ihu di Marsiglia, dopo che avevano causato una brusca diminuzione delle morti somministrando idrossiclorochina e azitromicina precocemente agli anziani testati postivi, è stato vietato dal ministero della Salute, dall’autunno scorso, di recarsi nelle case di riposo della città. Raoult non si dà pace per questo, e credo lo abbia inserito nella sua denuncia al comitato tecnico scientifico

Il link è in francese

https://www.francetvinfo.fr/sante/maladie/coronavirus/non-un-decret-ne-legalise-pas-l-euthanasie-pour-les-seniors-atteints-par-le-coronavirus_3902299.html

Violetta
Violetta
Risposta al commento di  emilyever
6 Febbraio 2021 11:07

Credo che sull’eutanasia si dovrebbero aprire parecchie discussioni.

Alleviare le sofferenze e ridurre i tempi in cui si soffre deve almeno essere una libera scelta in cui lo stato ti assiste.

Certo, da qui a passare a una eutanasia obbligatoria secondo certi parametri il passo è breve.

Ma del resto,non siamo proprio “noi” a volere un ritorno alla natura, un mondo senza tutto questo progresso in cui si rispettino di più i cicli naturali?
Bene…

lady Dodi
lady Dodi
Risposta al commento di  Violetta
6 Febbraio 2021 11:34

Hai letto il libro l’Abacadora?
Un’antica figura sarda.
Come bisogna essere aiutati a nascere, così bisogna essere aiutati a morire. Perché le due cose sono difficili da soli.
Poi però è morta l’Abacadora e, compilato l’apposito modulo, il primo camice bianco che passa ti può dare una botta in testa se ti lamenti per un mal di denti.

fuffolo
fuffolo
Risposta al commento di  lady Dodi
6 Febbraio 2021 12:37

Sono faccende a cui deve pensare qualcuno che ti vuole bene

lady Dodi
lady Dodi
Risposta al commento di  fuffolo
6 Febbraio 2021 12:42

Senza dubbio alcuno.

Pfefferminz
Pfefferminz
Risposta al commento di  Violetta
6 Febbraio 2021 11:52

Direi che ci sono due ambiti di discussione, da un lato quello democratico, consapevole e trasparente e dall’altro l’eugenetica che andava di moda nel mondo anglosassone molto prima che venisse applicata nel Terzo Reich.

lady Dodi
lady Dodi
Risposta al commento di  Pfefferminz
6 Febbraio 2021 12:57

Terzo Reich e predecessori. Con quegli esperimenti infami la medicina ha fatto enormi balzi in avanti. È questo che vogliamo? Allora non è cambiato nulla. Eravamo e siamo alla barbarie più assoluta.

emilyever
emilyever
Risposta al commento di  Violetta
6 Febbraio 2021 11:28

Sono d’accordo, ma in questo caso si era dato l’ordine di non portare i vecchi delle Ephad all’ospedale, particolarmente nella zona di Parigi. In questi giorni, un rianimatore dell’ospedale pubblico di Marsiglia, il dottor Fouchè, molto attivo sui social, ha precisato che si dovrebbe parlare, per il coronavirus, di pandemia geriatrica, non di pandemia in generale.

Primadellesabbie
Primadellesabbie
Risposta al commento di  Violetta
7 Febbraio 2021 3:30

Anche perché se hai avuto la colpa di sopportare per tutta la vita, e senza ribellarti adeguatamente o addirittura sguazzandoci, questa società delle scartoffie e della meritocrazia che ne deriva, non può destare meraviglia che il ‘ciclo naturale’ costituito da questo obbrobrio ti spedisca, poi, al creatore.

Violetta
Violetta
Risposta al commento di  Pfefferminz
6 Febbraio 2021 10:34

Mah, non so.
Il numero di morti totali non mi sembra così grande da poter pensare una cosa del genere. Ma ancora non è finita ……

Pfefferminz
Pfefferminz
Risposta al commento di  Violetta
6 Febbraio 2021 11:34

“Covid RNA Vaccines: Close to 1000 Post-Vaccinations Deaths”
(Swiss Policy Research del 6 febbraio 2021)
Esistono dei sistemi di rilevazione degli eventi che riguardano le vaccinazioni: VAERS per gli Stati Uniti, EUDRA per l’Europa Unita e MHRA per UK. Alle vaccinazioni su base mRNA sarebbero stati associati finora 1000 decessi e diverse migliaia di reazioni avverse.
Come scrive il dott. Salmaso “… si sta facendo poco o nulla per la sorveglianza ATTIVA degli effetti indesiderati da vaccini anti-Covid. Non solo in Italia, ma anche nel resto d’Europa e del mondo.”
Trattandosi di un’ “autorizzazione condizionata”, come minimo le autopsie dovrebbero essere d’obbligo.
In un paesino vicino al lago di Costanza sono deceduti 14 anziani su 40 dopo la vaccinazione. Il Comitato investigativo Corona Ausschuss ha comunicato che in questo caso è stato chiesto l’intervento della magistratura.
Come dici giustamente “… non è ancora finita”.
Il banco di prova sarà l’ADE (Antibody-dependent-enhancement), la reazione dell’organismo quando viene in contatto con il virus selvatico. Per non parlare degli effetti ancora sconosciuti a medio e lungo termine.

Pfefferminz
Pfefferminz
Risposta al commento di  Violetta
6 Febbraio 2021 15:06

https://harald-walach.de/2021/02/02/kommt-alles-heil-von-der-covid-19-impfung/
Articolo in tedesco, che però presenta un grafico comprensibile.
“Effetti collaterali delle vaccinazioni Covid 19 in Germania”
– Linea blu: effetti collaterali ogni mille vaccinazioni
– Linea rossa: reazioni avverse gravi ogni 100.000 vaccinazioni
– Linea verde: decessi ogni 100.000 vaccinazioni
Ci sarebbero 4 decessi su 100.000 vaccinati.
Nel corso della pandemia ci sarebbero stati 66 decessi su 100.000 abitanti. Secondo l’autore dell’articolo, il numero dei decessi in seguito alla vaccinazione sarebbe preoccupante.

lady Dodi
lady Dodi
6 Febbraio 2021 7:00

Il dottor Salmaso non ha bisogno di convincermi. Questo attacco al dna umano, di vaccino ha solo il nome.

Tati
Tati
6 Febbraio 2021 8:43

Secondo Pfizer e c., il loro prodotto, denominato vaccino a RNA messaggero, non sarebbe in grado di modificare il genoma dell’ospite. Encomiabile la loro sincerità nell’ammettere il loro fallimento: è un peccato perché si dice che il futuro della terapia farmacologica non sarebbe quello di continuare a iniettare molecole estranee nell’organismo, anche se utili, ma di “insegnare”, anche grazie a messaggeri esterni, a specializzati gruppi di cellule umane, a correggere da sole i loro “errori” (come nel caso delle cellule tumorali) o ad adeguarsi a mutate condizioni ambientali (comprese le “invasioni” di microrganismi patogeni). “Aggiustando” il genoma di quella popolazione di cellule. Si potrebbe ad esempio indurre le cellule Beta del diabetico di tipo 1 a risintetizzare la loro insulina invece che obbligare il paziente a somministrarsi quattro volte al giorno a un prodotto efficace ma artificiale. Big Pharma arriverà certamente a questo traguardo nel corso delle prossime decine d’anni. Ma forse è stato azzardato anticipare il futuro adesso, su larga scala, senza tecniche consolidate e corpose esperienze, cioè un po’ alla cieca, ignorando quello che realmente accadrà. E tutto per un virus banale, quasi innocuo e comunque portatore di una sindrome curabile con le solite tradizionali terapie.

Violetta
Violetta
Risposta al commento di  Tati
6 Febbraio 2021 10:52

esatto.

Solo un appunto: se sono partiti con la sperimentazione su scala globale coperta da una pseudo pandemia forse non stanno anticipando niente, sono i tempi “giusti”.

emilyever
emilyever
Risposta al commento di  Tati
6 Febbraio 2021 10:45

Ma infatti l’ipotesi è che proprio cominciando con un virus banale, ma con una terapia genica inoculata a milioni, se non miliardi di persone, avranno dati sufficienti, grazie alle cavie, per crearne altre per malattie ben più gravi.

Holodoc
Holodoc
Risposta al commento di  Tati
6 Febbraio 2021 12:43

“…“Aggiustando” il genoma di quella popolazione di cellule. Si potrebbe ad esempio indurre le cellule Beta del diabetico di tipo 1 a risintetizzare la loro insulina invece che obbligare il paziente a somministrarsi quattro volte al giorno a un prodotto efficace ma artificiale. …”

Ah ah ah… secondo te Big Pharma cerca davvero la cura definitiva per malattie croniche sulle quali lucra da decenni… credici… il Telethon sono 50 anni che “cerca” la cura per la sclerosi…. ma mi faccia il piacere

Pfefferminz
Pfefferminz
Risposta al commento di  Holodoc
6 Febbraio 2021 12:54

Tra l’altro pare ci siano malattie croniche provocate dai vaccini inoculati in tenera età, fonte di lucro perpetuo per Big Pharma. Fintanto che la produzione di farmaci non sarà in mano e sotto il controllo democratico dei cittadini, Big Pharma continuerà a “inventarsi” certe malattie.

emilyever
emilyever
Risposta al commento di  Pfefferminz
6 Febbraio 2021 17:45

Per non parlare dei bambini ipercinetici e di altre malattie inventate imbottiti di psicofarmaci già in tenera età

SimSim
SimSim
Risposta al commento di  Pfefferminz
6 Febbraio 2021 21:58

Io ce l’ho una malattia cronica. E il dubbio che venga da qualche vaccino fatto durante l’infanzia mi ha cominciato a sfiorare, anche perchè è generalmente ereditaria, ma nessuno delle linee dirette a me note ha o aveva niente di simile.

lady Dodi
lady Dodi
Risposta al commento di  Holodoc
6 Febbraio 2021 12:50

Diranno ai sani che sono ammalati o lo saranno a breve se non….
Del resto fanno già così per la pressione che, secondo loro non è mai bassa abbastanza.

Pfefferminz
Pfefferminz
Risposta al commento di  lady Dodi
6 Febbraio 2021 12:56

Infatti, più abbassi la pressione, più “malati” ci sono, più aumenta il consumo di medicine, più aumenta il profitto di Big Pharma. Stesso giochino per il colesterolo.

lady Dodi
lady Dodi
Risposta al commento di  Pfefferminz
6 Febbraio 2021 13:40

La pressione, entro certi limiti, è come la statura, cioè una caratteristica individuale. E invece no, dovremmo averla tutti bassa anzi, bassissima. E giù robaccia.

lady Dodi
lady Dodi
Risposta al commento di  Holodoc
6 Febbraio 2021 12:59

Non c’è dubbio che la medicina sarà “personalizzata”, è da un po’ che lo dicono.

Holodoc
Holodoc
Risposta al commento di  lady Dodi
6 Febbraio 2021 13:05

E tu credi nella loro pubblicità? Allora corri a farti il vaccino!

SArà personalizzata nel senso che non ti faranno venire le malattie che già hai ma solo malattie che non hai…

lady Dodi
lady Dodi
Risposta al commento di  Holodoc
6 Febbraio 2021 13:55

No. Ci vada il 97% . Perchè mi tocca essere l’ultima quale appartenente al 3%.
Vadino….vadino….

Astrolabio
Astrolabio
Risposta al commento di  lady Dodi
6 Febbraio 2021 15:03

Quindi ammettono che la medicina era di massa, pure i vaccini. Si capisce il perche di tanti morti.
La natura non fa nulla di uguale.Solo la medicina non lo sa.
Sarebbe meglio cambiasse lavoro.

Pfefferminz
Pfefferminz
6 Febbraio 2021 9:06

“… può ben capitare che venga assemblata una chimera, quindi cloni di chimere che andranno nell’ambiente e che prima o poi i nostri laboratori registreranno come ‘varianti’ di SARS-CoV-2.”

Un altro tassello da aggiungere alla distopia che stiamo vivendo: i vaccinati che rilasciano nell’ambiente nuove varianti del coronavirus, probabilmente rilevate dal test PCR. Che sia questo il motivo per cui tanti anziani e infermieri vaccinati risultano positivi al test PCR?

emilyever
emilyever
Risposta al commento di  Pfefferminz
6 Febbraio 2021 10:41

Ne aveva accennato anche Crisanti in tv a questa possibilità, l’avevo postato qui, ma quando “fa la scheggia impazzita” e lascia sfuggire qualche verità scomoda, parla sottovoce e in fretta, ed il conduttore, allora era Omnibus su la 7, al mattino, inserisce la pubblicità.

Maurizio
Maurizio
6 Febbraio 2021 9:28

Bravo Salmaso, solo un appunto…
In questo immaginario tribunale lei non dovrebbe essere l’accusato!
la prossima volta simuli di essere il pubblico ministero che mette alla sbarra il ceo della Pfizer

Holodoc
Holodoc
6 Febbraio 2021 10:48

Grazie infinite al dottor Salmaso per questo ennesimo suo contributo su CDC.

Complimenti per la chiarezza disarmante delle sue argomentazioni e per la scelta di utilizzare il dialogo quale forma di esposizione delle sue convinzioni.
Mi ricorda un certo toscano del ‘600 che con i suoi “dialoghi” ha spianato la strada, in maniera che pensavo (e speravo) irreversibile, alla cultura del confronto e al metodo scientifico.

Primadellesabbie
Primadellesabbie
6 Febbraio 2021 10:50

Auspico che il dott. Salmaso e gli altri autorevoli critici dell’attuale modo di procedere costituiscano all’istante un fronte determinato, coerente e soprattutto capace di farsi ricevere ed ascoltare dai responsabili del futuro governo, che certamente adotterà e attuerà qualsiasi prassi (es. vaccino obbligatorio) capace di far superare formalmente le formalità adottate per paralizzare l’economia.

Diversamente siamo spacciati, il rischio é reale e incombente, piangere e recriminare tra noi non porta a nulla.

emilyever
emilyever
Risposta al commento di  Primadellesabbie
6 Febbraio 2021 13:02

Auspico che si formi anche in Italia quel comitato tecnico scientifico alternativo come si è creato in Francia, e ne faccia parte Salmaso. Là è composto da medici e infermieri di diverse discipline, dall’infettivologo, ai medici di base, ad una psichiatra, anche un sociologo, si riuniscono, c’è una diretta streaming (io li seguo su france soir), periodicamente fanno il punto sui dati, sui farmaci, sui vaccini ecc, e siccome la psichiatra è anche una deputata europea, si fa portavoce delle loro istanze al Parlamento europeo. Avevo già scritto questo post, poi non l’ho più trovato, non credo sia stato cancellato da un moderatore.

Primadellesabbie
Primadellesabbie
Risposta al commento di  emilyever
6 Febbraio 2021 18:50

In Francia sono meno decadenti che qui da noi, là ci credono, da noi ci vogliono modi diretti, dirompenti.
Da loro uno Sgarbi, per esempio, sarebbe un clown fuori misura, inascoltato, da noi funziona.

danone
danone
6 Febbraio 2021 12:09

“A: Lei sta descrivendo scenari di scienza o di fantascienza?” Questa domanda mi ha fatto venire in mente il dottor McCoy -Bones- di Star Trek. Mi ricordo da ragazzino, quando vedevo degli episodi in cui i nostri eroi dell’Enterprise, per vari motivi e modalità (viaggi temporali o altre diavolerie simili), si imbattevano con eventi della nostra epoca, ed in particolare con situazioni legate alle cure mediche-farmacologiche, che venivano somministrate ad un qualche personaggio, mal capitato di turno, dell’episodio, il nostro dott. McCoy rimaneva costantemente sbigottito-esterrefatto dall’arretratezza quasi barbarica dei nostri metodi di cura, come la macelleria chirurgica, e dall’infimo livello generale della scienza medica del XX secolo, ancora allo stato primitivo dal punto di vista di un medico del XXIII secolo, che con una pillolina faceva ricrescere degli organi interi, guarendo i pazienti praticamente da tutto, senza toccarli nemmeno. Non capivo a quei tempi la medicina e fantasticavo di quale incredibile scienza avanzata disponessero nel XXIII secolo. Ebbene visto che oggi, in pieno XXI secolo, la nostra scienza medica contemporanea sperimenta nuovi vaccini, certificati non sicuri, a tappeto su scala di massa, su milioni di cavie ignare, senza la minima precauzione e viste le diverse valide cure boicottate, rese intenzionalmente… Leggi tutto »

lady Dodi
lady Dodi
6 Febbraio 2021 11:30

Mi piacerebbe intervistare una “cavia”, una di quelle persone che si sono prestate per prime a farsi iniettare questo……vaccino.
Direbbero che lo fanno per il bene dell’umanità? Che lo fanno per soldi?
O più semplicemente come la Palombelli : “Lo voglio, lo voglio, lo voglio….” tipo fede cieca?
Per vedere come ragionano. Diciamo così.

emilyever
emilyever
Risposta al commento di  lady Dodi
6 Febbraio 2021 11:49

La scorsa estate avevo visto l’intervista di alcune di loro, che poi non sapevano se avessero ricevuto placebo o no: una ricordo che aveva perso la madre nell’epidemia e quindi si sentiva in dovere di contribuire che questo non succedesse mai più

lady Dodi
lady Dodi
Risposta al commento di  emilyever
6 Febbraio 2021 12:52

Che c’entra? Anche nei plotoni d’esecuzione ci sono sempre pallottole a salve. E poi la madre, aveva solo il Covid?

emilyever
emilyever
Risposta al commento di  lady Dodi
6 Febbraio 2021 12:54

Non l’ha detto, io ho riferito solo due battute dell’intervista

giovanni
giovanni
Risposta al commento di  lady Dodi
6 Febbraio 2021 13:42

Questa è una favola, piuttosto stupida….

Pfefferminz
Pfefferminz
Risposta al commento di  lady Dodi
6 Febbraio 2021 11:54

Si fanno vaccinare perché credono di diventare immuni al Covid. Mica leggono ComeDonChisciotte 🙂

lady Dodi
lady Dodi
Risposta al commento di  Pfefferminz
6 Febbraio 2021 12:54

A tal proposito su Sputnik c’è il secondo vaccino russo che immunizzerebbe per ben un anno. Gli altri tacciono quindi ….tre mesi? Sei mesi? Due settimane?
È come sparare con un cannone ad una mosca. Se non capiscono neanche questo……

Leopoldo Salmaso
Risposta al commento di  lady Dodi
6 Febbraio 2021 18:34

Brava!
Quanto dura l’immunità dei vaccini influenzali?

Astrolabio
Astrolabio
Risposta al commento di  Pfefferminz
6 Febbraio 2021 14:56

Si fanno vaccinare perche’ qualcuno gli racconta menzogne e non si prendono cura del proprio corpo cioe’ non comprendono che il corpo e’ solo loro, non di altri.

lady Dodi
lady Dodi
6 Febbraio 2021 13:52

C’è un precedente storico ancora più famoso del Calabrone. Aristotele aveva detto che i cavalli avevano, mi pare,60 denti. Naturalmente senza aver mai aperto la bocca ad un cavallo. E tutti sono andati avanti per molto tempo a pensare che i cavalli avessero 60 denti.

Vittorio Cagnetta
Vittorio Cagnetta
6 Febbraio 2021 17:32

Grazie Dott. Salmaso per il suo efficace articolo. Grazie per aver condiviso la sua riflessione.

AlbertoConti
AlbertoConti
6 Febbraio 2021 22:34

“l’infinita e armoniosa ricchezza della Vita, creata dall’Ingegneria Genetica originale, quella della Natura, mediante la co-evoluzione di ciascuno e di tutti gli organismi.” Questa “ingegneria originale” ha dalla sua miliardi di anni d’esperienza sul campo vasto della biosfera. L’armonia prodotta è un fatto osservabile che desta ammirazione alle coscienze più sensibili e profonde, non certo ai fuoricorso di scienze politiche con incarichi di governo (fortunatamente ormai fuori scena). L’ingegneria artificiale degli apprendisti stregoni ha dalla sua, in questo campo, solo pochi anni di esperienza assai circoscritta, per di più viziata da conflitti d’interesse economico enormi quanto insanabili nelle organizzazioni private in cui operano, aziende necessariamente improntate allo scopo di lucro privato, per l’appunto. Dare loro cieca fiducia su un argomento delicato come la salute pubblica (la salute individuale personale invece è una questione privata, nella quale ognuno si regola come vuole, assumendosene la responsabilità) è come affidare il traffico aereo internazionale a un bambino che sa giocare solo con gli aereoplanini di carta autoprodotti. Solo un’autorità pubblica del tutto incosciente può concedere una tale fiducia, già di per sè criminale (contro l’umanità). Se poi lo fa con l’aggravante della coercizione di massa e della censura delle opposizioni qualificate, il salto… Leggi tutto »

danone
danone
Risposta al commento di  AlbertoConti
7 Febbraio 2021 4:42

Video di 7 min di Silvana de Mari, sulle cure..merita

https://www.youtube.com/watch?v=rA-XFCmqIgw

Pfefferminz
Pfefferminz
Risposta al commento di  danone
7 Febbraio 2021 4:53

Dichiarazioni mozzafiato. Lo faccio girare.
Grazie.

Nino
Nino
7 Febbraio 2021 2:21

Grazie per l’articolo. Sono un ingegnere come formazione e quindi vorrei mettere l’accento sul dado. 😜
Capisco che l’uno può uscire (se il dado non è truccato) ma nel dado tutte e sei le facce hanno la stessa probabilità di accadere.
Ma questa `stessa probabilità` si applica anche agli effetti di cui all’articolo? Ovvero, hanno tutti la stessa probabilità o ci sono variabili in gioco che alterano le probabilità individuali?
Se così fosse, forse sarebbero necessarie considerazioni ulteriori.
È questo mi porta ad una seconda domanda (lo so che approfitto della tua pazienza): se per tutte le medicine dovesse essere applicato il concetto ‘anche l’ uno può uscire’ quante ne dovrebbero essere ritirate dalla circolazione?

Aggiungo che anche per fortuna non ho avuto nulla negli ultimi 42 anni ovvero da quando a 30 anni ho smesso di assumere medicinali.
Dopo avere smesso, una influenza mi durava settimane, un mal di gola o un raffreddore idem… ma dopo un annetto tutto bene. Se mi capita qualche cosa in una notte passa. Ripeto, sono anche fortunato. Sottolineo anche!
Grazie ancora.

Pfefferminz
Pfefferminz
7 Febbraio 2021 5:11

Il Pubblico Ministero di Colonia ha ordinato l’autopsia di tre persone decedute in seguito alla vaccinazione Covid.
https://de.rt.com//inland/112841-drei-todesfaelle-nach-impfung-in-koeln/
(articolo in tedesco)

Leopoldo Salmaso
Risposta al commento di  Pfefferminz
7 Febbraio 2021 8:32

Purtroppo non servirà a niente. Se vuoi capire perché leggi la voce bibliografica 18

Pfefferminz
Pfefferminz
Risposta al commento di  Leopoldo Salmaso
7 Febbraio 2021 10:24

“Chi paga la banda, sceglie le musiche”. È senz’altro vero quello che lei espone nell’articolo relativo alla voce bibliografica 18, ma a noi cittadini non resta che continuare a pretendere che le autopsie vengano fatte, perché è da queste che si acquisisce conoscenza per i “vivi”, come ha fatto recentemente notare il prof. Püschel di Amburgo. Il patologo amburghese ha ribadito che grazie alle autopsie di deceduti Covid, si sono scoperte le microcoagulazioni nei polmoni e la compromissione dei reni, potendo quindi in seguito migliorare le terapie. Fortunatamente ci sono patologi coraggiosi che fanno pressione sulle autorità sanitarie, per ottenere il permesso di fare più autopsie, come successo di recente a Rostock. Da quel che ho capito, leggendo articoli in cui si descriveva il fenomeno ADE (antibody-dependent-enhancement), le autopsie nel prossimo furto avranno un ruolo cruciale, se si vorrà rilevare chi morirà alcuni mesi dopo la vaccinazione mRNA perché venuto in contatto con il virus selvatico. La domanda che si pone sarebbe: come distinguere questi casi da coloro che muoiono per Covid? Su questa problematica hanno richiamato l’attenzione il prof. Sukarit Bhakdi e la prof. irlandese Dolores Cahill (D. Cahill: articoli su “Rubikon” e ken. Fm). È ovvio che la… Leggi tutto »

Leopoldo Salmaso
Risposta al commento di  Pfefferminz
7 Febbraio 2021 11:32

Assolutamente d’accordo sull’obbligo morale di resistere, anche contra spem

Egiovanna
Egiovanna
7 Febbraio 2021 23:20

Pag. 10 del Pdf EMA su Comirnaty, nome dato al preparato Pfizer:
“Tossicità della riproduzione
La valutazione della tossicità della riproduzione e dello sviluppo è stata condotta nei ratti nel corso di uno studio combinato di fertilità e tossicità dello sviluppo, durante il quale femmine di ratto hanno ricevuto Comirnaty per via intramuscolare prima dell’accoppiamento e durante la gestazione (4 dosi complete destinate all’uomo, che generavano livelli relativamente più elevati nei ratti a causa delle
differenze di peso corporeo, somministrate dal giorno 21 precedente all’accoppiamento fino al giorno 20 della gestazione).
Sono state osservate risposte anticorpali neutralizzanti verso SARS-CoV-2 nelle madri animali da prima dell’accoppiamento al termine dello studio al giorno 21 dopo la nascita, così come nei feti e nella prole. Non si sono verificati effetti correlati al vaccino in termini di fertilità nelle femmine, gravidanza, sviluppo embrionale/fetale o sviluppo della prole. Non sono disponibili dati su Comirnaty relativi al trasferimento placentare o all’escrezione nel latte materno del
vaccino.”
Lo studio sui ratti mostra dunque risposte neutralizzanti verso SARS Cov 2 nelle madri e nella prole, quindi nei ratti viene interessato il DNA.

Egiovanna
Egiovanna
7 Febbraio 2021 23:35

Dal pdf EMA su Corminaty, pag. 10. Tossicità della riproduzione
“La valutazione della tossicità della riproduzione e dello sviluppo è stata condotta nei ratti nel corso di uno studio combinato di fertilità e tossicità dello sviluppo, durante il quale femmine di ratto hanno ricevuto Comirnaty per via intramuscolare prima dell’accoppiamento e durante la gestazione (4 dosicomplete destinate all’uomo, che generavano livelli relativamente più elevati nei ratti a causa delle differenze di peso corporeo, somministrate dal giorno 21 precedente all’accoppiamento fino al giorno 20 della gestazione). Sono state osservate risposte anticorpali neutralizzanti verso SARS-CoV-2 nelle madri animali da prima dell’accoppiamento al termine dello studio al giorno 21 dopo la nascita, così come nei feti e nella prole. Non si sono verificati effetti correlati al vaccino in termini di fertilità nelle femmine, gravidanza, sviluppo embrionale/fetale o sviluppo della prole.
Non sono disponibili dati su Comirnaty relativi al trasferimento placentare o all’escrezione nel latte materno del vaccino”.
Quindi lo studio sui ratti mostra che le risposte immmunizzanti al SARS Cov 2 sono presenti sia nelle madri che nella prole,quindi viene interessato il DNA dei ratti.
https://www.google.com/url?sa=t&source=web&rct=j&url=https://www.ema.europa.eu/en/documents/product-information/comirnaty-epar-product-information_it.pdf&ved=2ahUKEwj708bYu9nuAhXS2KQKHXmhC2kQFjABegQIBRAI&usg=AOvVaw3m4K_YEiGx-tIhQ4pzLY2g