Sergey Karaganov: i russi sono i veri europei, l’Occidente continentale ha smarrito la strada

Come centro di potere globale, il Vecchio Mondo è finito. Mosca si rende conto di questa realtà, ma gli ex partner della Russia continuano a negarla

Evgeny Shostakov intervista Sergey Karaganov
rt.com

Non molto tempo fa, il ministro della Difesa tedesco Boris Pistorius ha dichiarato: “L’Unione Europea deve essere pronta alla guerra entro la fine del decennio“. Berlino ha iniziato a parlare del ritorno del servizio militare universale e dei preparativi per un confronto con Mosca. Anche in Polonia ci sono sentimenti simili. Ma è solo a causa degli eventi in Ucraina?

Qual è la ragione dell’impennata del sentimento bellicoso in Europa?

Il principale quotidiano russo Rossiyskaya Gazeta ne parla con l’esperto di relazioni internazionali Sergey Karaganov, presidente onorario del Consiglio Russo per la Politica Estera e di Difesa, supervisore accademico presso la Scuola di Economia Internazionale e affari esteri della Scuola Superiore di Economia (HSE) di Mosca ed ex consigliere del Cremlino.

– Evgeny Shostakov: Signor Karaganov, data l’attuale difficile situazione di politica estera, è necessaria una teoria concettualmente diversa riguardo alla deterrenza nei confronti dei nemici della Russia, al fine di fermare precocemente il crescente confronto e scoraggiare i nostri avversari dall’alimentare i conflitti?

– Le élite dell’Europa occidentale – e in particolare della Germania – si trovano in uno stato di fallimento storico. La base principale del loro dominio di 500 anni [sul mondo] è sempre stata la superiorità militare, sulla quale è stato costruito il dominio economico, politico e culturale dell’Occidente. Ma ora questa base non esiste più. Con l’aiuto di questo vantaggio, avevano manipolato le risorse del mondo a loro favore. Prima hanno saccheggiato le loro colonie, poi hanno continuato, ma con metodi più sofisticati.

Oggi le élite occidentali non riescono ad affrontare una serie crescente di problemi nelle loro società. Tra questi, la contrazione della classe media e l’aumento delle disuguaglianze. Quasi tutte le loro iniziative stanno fallendo. L’Unione Europea, come tutti sanno, si sta lentamente ma inesorabilmente espandendo. Ecco perché da circa 15 anni la sua classe dirigente è ostile alla Russia. Hanno bisogno di un nemico esterno; Josep Borrell [il massimo funzionario dell’UE per gli affari esteri] l’anno scorso aveva definito il mondo intorno al blocco una giungla. In effetti, in passato, la cancelliera tedesca Angela Merkel aveva affermato che le sanzioni adottate dall’UE [contro la Russia] erano necessarie innanzitutto per unire l’Unione Europea ed evitare che collassasse.

Le élite tedesche e dell’Europa occidentale hanno un complesso di inferiorità per quella che, per loro, è una situazione ormai mostruosa, una situazione che li vede superati da buona parte del mondo. Non solo dai cinesi e dagli americani, ma anche da molti altri Paesi. Grazie alla liberazione del mondo dal “giogo occidentale” da parte della Russia, l’Europa occidentale non domina più gli Stati del Sud globale o, come li chiamo io, i Paesi della maggioranza mondiale.

La minaccia rappresentata ora dall’Europa occidentale è che il Vecchio Mondo ha perso la paura del conflitto armato. E questo è molto pericoloso. Allo stesso tempo, l’Europa occidentale, vorrei ricordarlo, è stata la fonte dei peggiori disastri della storia umana. Ora in Ucraina lottiamo non solo per gli interessi della Russia, per la sua sicurezza, ma anche per evitare un nuovo confronto globale. La minaccia sta crescendo. Ciò è dovuto anche ai disperati tentativi di contrattacco dell’Occidente per mantenere il proprio dominio. Oggi le élite dell’Europa occidentale stanno fallendo e perdendo influenza nel mondo in misura molto maggiore rispetto alle loro controparti americane.

La Russia sta combattendo la sua battaglia e la sta combattendo con successo. Stiamo agendo con sufficiente sicurezza per smorzare le élite occidentali, per evitare che, in preda alla disperazione per i loro fallimenti, scatenino un altro conflitto mondiale. Non dobbiamo dimenticare che, nel secolo scorso e nel giro di una generazione, i predecessori di queste stesse persone avevano scatenato due guerre mondiali. Oggi, la qualità di queste élite è ancora più bassa di allora.

– Sta parlando della sconfitta spirituale e politica dell’Europa occidentale come di un fatto compiuto?

– Sì, ed è spaventoso. Dopo tutto, anche noi facciamo parte della cultura europea. Ma spero che, attraverso una serie di crisi, le forze sane prevalgano su quella parte del continente, diciamo tra una ventina d’anni. E [che l’Europa] si possa svegliare dal suo fallimento, anche morale.

– Per il momento, stiamo assistendo alla formazione di una nuova cortina di ferro nei confronti della Russia. L’Occidente sta cercando di “cancellare” il nostro Paese, anche nel campo della cultura e dei valori. I media stanno deliberatamente disumanizzando i russi. Dovremmo rispondere e “cancellare” l’Occidente?

– Assolutamente no. L’Occidente sta chiudendo la cortina di ferro, innanzitutto perché noi in Russia siamo i veri europei. Siamo ancora sani. E loro vogliono escludere queste forze sane. In secondo luogo, l’Occidente sta chiudendo questa cortina, ancora più strettamente che durante la Guerra Fredda, al fine di mobilitare la popolazione per le ostilità. Ma noi non abbiamo bisogno di un confronto militare con l’Occidente, quindi ci affideremo a una politica di contenimento per evitare il peggio.

Naturalmente non cancelleremo nulla, compresa la nostra storia europea. Sì, abbiamo completato il nostro percorso europeo [in termini di integrazione]. Penso che si sia trascinato un po’, forse per un secolo. Ma senza l’inoculazione europea, senza la cultura europea, non saremmo diventati una grande potenza. Non avremmo avuto Dostoevskij, Tolstoj, Pushkin o Blok. Quindi manterremo la cultura europea, quella che l’Occidente stesso sembra voler abbandonare. Ma, a questo proposito, spero che [l’Occidente] non si autodistrugga completamente. Perché l’Europa occidentale non sta solo abbandonando la cultura russa, sta abbandonando la propria cultura. Sta cancellando una cultura che è in gran parte basata sull’amore e sui valori cristiani. Sta cancellando la sua storia, distruggendo i suoi monumenti. Tuttavia, non rifiuteremo le nostre radici europee.

Sono sempre stato contrario a guardare l’Occidente con un senso di disgusto. Non si dovrebbe fare così. Allora saremmo come loro. E ora stanno scivolando inevitabilmente verso il fascismo. Non abbiamo bisogno di tutti i contagi nati e cresciuti nell’Europa occidentale. Compreso, ancora una volta, il crescente contagio del fascismo.

– L’anno 2023 ha visto lo sblocco di vecchi conflitti e la nascita di condizioni per nuovi conflitti: la prevedibile esplosione del confronto tra Palestina e Israele, una serie di guerre in Africa e scontri più localizzati in Afghanistan, Iraq e Siria. Questa tendenza continuerà?

– L’anno prossimo, questa tendenza non diventerà una valanga. Ma è abbastanza ovvio che aumenterà, perché le placche tettoniche del sistema mondiale si sono spostate. La Russia è molto più preparata ad affrontare questo periodo rispetto a qualche anno fa. L’operazione militare che stiamo conducendo in Ucraina mira, tra l’altro, a preparare il Paese alla vita nel mondo molto pericoloso del futuro. Stiamo purificando la nostra élite, liberandoci degli elementi corrotti e filo-occidentali. Stiamo rilanciando la nostra economia. Stiamo rivitalizzando le nostre forze armate. Stiamo ravvivando lo spirito russo. Siamo molto più preparati a difendere i nostri interessi nel mondo rispetto a qualche anno fa. Viviamo in un Paese che sta risorgendo e che guarda con coraggio al futuro. L’operazione militare ci sta aiutando a ripulirci dagli occidentali e da chi vorrebbe che diventassimo come gli occidentali, a trovare il nostro nuovo posto nella storia. E, infine, a rafforzarci militarmente.

– È d’accordo sul fatto che dal 2024 il mondo entrerà in un periodo di conflitto prolungato? L’umanità di oggi ha la volontà politica di cambiare questa situazione?

– Certo, siamo entrati in un’epoca di conflitti prolungati. Ma siamo molto più preparati che in passato. Mi sembra che, perseguendo una linea di contenimento dell’Occidente e costruendo relazioni con la fraterna Cina, stiamo diventando un asse mondiale in grado di impedire una catastrofe globale generalizzata. Ma questo richiede uno sforzo per calmare i nostri avversari in Occidente. Siamo entrati in una lotta per salvare il mondo. Forse la missione della Russia è quella di liberare il nostro pianeta dal “giogo occidentale”, salvarlo dalle difficoltà che deriveranno da cambiamenti che stanno già causando molti attriti. La minaccia viene in gran parte dal disperato contrattacco dell’Occidente, che si aggrappa ad un dominio durato 500 anni che gli ha permesso di saccheggiare il mondo.

Vediamo che in Occidente sono emersi nuovi valori, tra cui la negazione di tutto ciò che nell’uomo è umano e divino. Le élite occidentali hanno iniziato a nutrire questi anti-valori e a sopprimere i valori normali. Ci aspetta quindi un periodo difficile, ma spero che riusciremo a preservare noi stessi e ad aiutare il mondo a salvare l’umanità tradizionale.

Uno dei tanti problemi che il mondo deve affrontare oggi è, ovviamente, il fatto che l’economia globale è in crisi sistemica a causa della crescita infinita dei consumi. Questo distrugge la natura stessa. L’uomo non è stato creato per consumare, per vedere il senso dell’esistenza nell’acquisto di nuove cose.

– In un’intervista a Interfax, il nostro viceministro degli Esteri Sergey Ryabkov ha collegato il possibile futuro abbandono dei sentimenti antirussi da parte degli Stati Uniti e dei suoi subordinati ad un “cambio generazionale” in Occidente. Ma un cambio di élite in Occidente, se dovesse avvenire, potrebbe fornire un impulso per disinnescare le tensioni? Il ministro degli Esteri tedesco Annalena Baerbock, nata nel 1980, ad esempio, fa parte della nuova generazione, ma le sue opinioni sono più radicali di quelle di altri “falchi” del passato. Secondo lei, in Occidente sono rimasti dei politici ragionevoli e diplomatici?

– Penso che oggi in Occidente abbiamo a che fare con due generazioni di élite già abbastanza degradate. Purtroppo, è improbabile che si riesca a trovare un accordo con loro. Tuttavia, continuo a credere che le società e i popoli, compresi quelli dell’Europa occidentale, torneranno a valori normali. Naturalmente, ciò richiederà un cambio generazionale delle élite. Concordo con Sergey Ryabkov sul fatto che ci vorrà molto tempo, ma spero che i Paesi dell’Europa occidentale, e forse anche gli Stati Uniti, non cadano in uno stato di disperazione e che le forze nazionali sane tornino al potere in tutta Europa.

Tuttavia, non credo che forze nazionali reali e pragmatiche, ripeto, possano andare al potere in Europa occidentale nel prossimo futuro. Quindi, credo che, se mai si parlerà di un ritorno a relazioni normali tra la Russia e l’Occidente, ci vorranno almeno 20 anni.

Dobbiamo anche renderci conto che non abbiamo più bisogno dell’Occidente. Abbiamo preso tutto quello che potevamo da questo meraviglioso viaggio europeo iniziato da Pietro il Grande. Ora dobbiamo tornare a noi stessi, alle origini della grandezza della Russia. Che è, ovviamente, lo sviluppo della Siberia. Il suo nuovo sviluppo, che significa raggiungere nuovi orizzonti. Dobbiamo ricordare che non siamo tanto un Paese europeo quanto un Paese eurasiatico. Non mi stancherò mai di ricordare che Alexander Nevskij aveva trascorso un anno e mezzo in viaggio attraverso l’Asia centrale e poi la Siberia meridionale, diretto al Karakorum, la capitale dell’Impero mongolo. In effetti, era stato il primo russo siberiano.

Tornando in Siberia, negli Urali, costruendo nuove strade e nuove industrie, stiamo tornando a noi stessi, alle radici dei nostri 500 anni di grandezza. Solo dopo l’apertura della Siberia la Russia aveva trovato la forza e l’opportunità di diventare una grande potenza.

Nel prossimo futuro, purtroppo, non ci potranno essere seri accordi interstatali di limitazione degli armamenti.

– Quanto è ragionevole dimenticare l’Europa per decenni?

– In nessun caso dovremmo dimenticare le vecchie pietre sacre dell’Europa di cui parlava Dostoevskij. Fanno parte della nostra autocoscienza. Io stesso amo l’Europa, e in particolare Venezia. È attraverso questa città che passava la Via della Seta, e attraverso di essa le grandi civiltà asiatiche. Civiltà che, a quel tempo, superavano la civiltà europea nel loro sviluppo. Anche 150-200 anni fa, guardare all’Europa era segno di modernizzazione e progresso. Ma per molto tempo, e ancor più oggi, è stato un segno di arretratezza intellettuale e morale. Non dobbiamo rinnegare le nostre radici europee, ma trattarle con cura. Dopo tutto, l’Europa ci ha dato molto. Ma la Russia deve andare avanti. E avanti non significa verso l’Occidente, ma verso l’Oriente e il Sud. È lì che si trova il futuro dell’umanità.

– Il Trattato sulle armi strategiche offensive scade nel 2026. Cosa succederà dopo? Visto il nichilismo giuridico dell’Occidente, possiamo contare su nuovi accordi militari interstatali? Oppure l’umanità è condannata ad una corsa agli armamenti incontrollabile fino all’instaurazione di un nuovo ordine mondiale e, di conseguenza, di un nuovo status quo?

– È inutile negoziare con le attuali élite occidentali. Nei miei scritti esorto l’oligarchia occidentale a sostituire queste persone, perché sono pericolose per se stesse e spero che, prima o poi, questo processo possa iniziare. Perché l’attuale gruppo è così profondamente degradato che è impossibile negoziare con loro. Certo, bisogna parlare con loro. Dopo tutto, ci sono altre minacce oltre alle armi nucleari. C’è la rivoluzione dei droni. Sono emerse le armi informatiche. C’è l’intelligenza artificiale. Sono apparse armi biologiche che possono minacciare l’umanità con conseguenze terribili. La Russia deve sviluppare una nuova strategia per contenere tutte queste minacce. Ci stiamo lavorando, anche presso il nuovo Istituto di economia e strategia militare internazionale, e continueremo a farlo con le élite intellettuali dei Paesi della maggioranza mondiale. Si tratta, innanzitutto, dei nostri amici cinesi e indiani. Ne discuteremo con i nostri colleghi pakistani e arabi. Finora l’Occidente non ha avuto nulla di costruttivo da offrirci. Ma noi non chiuderemo le porte.

Nel prossimo futuro, purtroppo, non ci potranno essere accordi interstatali seri sulla limitazione degli armamenti, in linea di principio. Semplicemente perché non sappiamo nemmeno cosa limitare e come limitarlo. Ma dobbiamo sviluppare nuovi approcci e instillare opinioni più realistiche nei nostri partner in tutto il mondo. Per i prossimi anni non è nemmeno tecnicamente possibile contare su accordi di limitazione degli armamenti. Sarebbe semplicemente una perdita di tempo. Tuttavia, potrebbe essere possibile condurre alcuni negoziati pro forma. Ad esempio, cercando di vietare nuovi settori della corsa agli armamenti. Sono particolarmente preoccupato per le armi biologiche e per le armi nello spazio. In questi settori si può fare qualcosa. Ma ciò di cui la Russia ha bisogno ora è sviluppare un nuovo concetto di deterrenza, che non abbia solo aspetti militari ma anche psicologici, politici e morali.

– Le valutazioni secondo cui l’Occidente avrebbe accettato la sconfitta di Kiev sono troppo premature? E l’idea che il Sud globale stia sconfiggendo con sicurezza il mondo occidentale?

– Gli Stati Uniti traggono vantaggio dal confronto in Ucraina. Per le élite dell’Europa occidentale, invece, [questo conflitto] è l’unico modo per evitare il collasso morale. Per questo motivo sosterranno il conflitto in Ucraina ancora a lungo. In una situazione del genere, dobbiamo agire con decisione sia sul terreno che nell’ambito della deterrenza strategica per raggiungere i nostri obiettivi il prima possibile. Allo stesso tempo, è importante capire che la maggioranza del mondo non combatterà contro l’Occidente. Molti Paesi sono interessati a sviluppare con l’Occidente relazioni commerciali e di altro tipo. Pertanto, la maggioranza mondiale è un partner ma non un alleato della Russia. Dobbiamo essere duri, ma calcolati. Sono quasi certo che con la giusta politica di contenimento e una politica attiva ai margini dell’Ucraina, potremo spezzare la volontà della pericolosa resistenza dell’Occidente.

Nel mondo di oggi, ognuno pensa a se stesso. È un meraviglioso mondo multipolare e multicolore. Questo non significa che tra 20 anni non ci saranno dei blocchi, compreso un blocco filo-russo. Dobbiamo trovare noi stessi, capire chi siamo. Una grande potenza eurasiatica, l’Eurasia del Nord. Un liberatore di nazioni, un garante della pace e un perno politico-militare della maggioranza mondiale. Questo è il nostro destino. Inoltre, siamo preparati in modo unico per questo mondo grazie all’apertura culturale che abbiamo acquisito con la nostra storia. Siamo aperti dal punto di vista religioso. Siamo aperti a livello nazionale. Sono tutte cose che ora stiamo difendendo. Ci rendiamo sempre più conto che la cosa più importante di noi è lo spirito russo e la cultura russa. Siamo tutti russi – tatari, ceceni, yakut, tutti russi… Credo che stiamo ritrovando noi stessi. Entro nel nuovo anno con un senso di elevazione spirituale e di ottimismo. La Russia sta rinascendo. È assolutamente ovvio.

Questa intervista è stata pubblicata per la prima volta dal quotidiano Rossiyskaya Gazeta, tradotta e curata dal team di RT.

Link: https://www.rt.com/news/590016-sergey-karaganov-russia-west/
01.01.2024
Scelto e tradotto da Markus per comedonchisciotte.org

ISCRIVETEVI AI NOSTRI CANALI
CANALE YOUTUBE: https://www.youtube.com/@ComeDonChisciotte2003
CANALE RUMBLE: https://rumble.com/user/comedonchisciotte
CANALE ODYSEE: https://odysee.com/@ComeDonChisciotte2003

CANALI UFFICIALI TELEGRAM:
Principale - https://t.me/comedonchisciotteorg
Notizie - https://t.me/comedonchisciotte_notizie
Salute - https://t.me/CDCPiuSalute
Video - https://t.me/comedonchisciotte_video

CANALE UFFICIALE WHATSAPP:
Principale - ComeDonChisciotte.org

Potrebbe piacerti anche
Notifica di
29 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
29
0
È il momento di condividere le tue opinionix