Quando l’inimmaginabile diventa immaginabile

Eric Lander, Julian Huxley e i l risveglio dei mostri dormienti

Matthew Ehret
strategic-culture.org

Vedremo in futuro la biotecnologia servire gli interessi dell’umanità secondo un paradigma multipolare che abbraccia sovranità nazionale, vita umana, famiglia e fede?

Per quanto prendere in considerazione idee come il ruolo dell’eugenetica nella presente e turbolenta era potrebbe essere fonte di una buona dose di dispiaceri e persino di mal di stomaco, penso che ignorare un tale argomento non porti alcun beneficio.

E’ una questiona estremamente seria, soprattutto tenendo conto che esponenti di punta del World Economic Forum come Yuval Harari fanno uso di concetti come “la nuova inutile classe globale,” che verrebbe creata, presumibilmente, dall’Intelligenza Artificiale, dall’ingegneria genetica, dall’automazione e dalla Quarta Rivoluzione Industriale. Un’altra creatura di Davos, Klaus Schwab, auspica apertamente una popolazione globale dotata di microchip capace di interfacciarsi ad una rete globale con la sola forza del pensiero, mentre Elon Musk e Mark Zuckerberg perseguono il progetto “Neuralink” per “mantenere l’umanità rilevante” grazie alla connessione mente-computer in una nuova epoca di biologia evolutiva.

Famosi genetisti darwiniani, come Sir James Watson e Sir Richard Dawkins, difendono apertamente l’eugenetica; proprio nel momento in cui una tecnocrazia si consolida al posto di comando usando il “Grande Reset” come scusa per inaugurare una nuova era post-stati nazione.

Ora dobbiamo trovare il coraggio di indagare sulla possibilità che ci sia qualcosa di fondamentalmente malvagio dietro a tutti questi processi, soprattutto in relazione all’aiuto che, circa un secolo fa, gli Anglo-Americani avevano dato alla nascita del fascismo e dell’eugenetica. Dopo tutto, era stato solo guardando a questi terribili eventi di ottant’anni fa, che, nel 1933 e, di nuovo, durante la Seconda Guerra Mondiale, i patrioti erano stati in grado di prendere misure adeguate per prevenire una dittatura tecnocratica dei banchieri … quindi potrebbe valere la pena usare un simile dispiego di coraggio per immaginare l’inimmaginabile, soprattutto per chi si trovasse oggi in una situazione analoga.

Cosa non era successo a Norimberga?

Settant’anni fa, quando gli Alleati stavano consolidando la loro vittoria sulla macchina nazista e si stava allestendo il Tribunale di Norimberga, una nuova strategia era stata messa in moto dalle stesse forze che avevano investito molta energia, denaro e risorse nel promuovere l’ascesa del fascismo, visto come “la soluzione miracolosa” al caos economico scaturito dalla Prima Guerra Mondiale e diffusosi poi in tutta Europa e negli Stati Uniti.

Rimane uno dei più grandi scandali della nostra epoca il fatto che il connubio Wall Street -City of London, che aveva finanziato di Hitler e Mussolini utilizzandoli come arieti del nuovo ordine mondiale, non sia mai stato portato davanti alla giustizia. Nonostante Franklin Roosvelt fosse riuscito a mettere il guinzaglio a Wall Street tra il 1933 e il 1945, mentre preparava il palco mondiale per una meravigliosa visione post-bellica di cooperazione vantaggiosa per tutti; le forze oscure dell’oligarchia finanziaria, il cui unico scopo era istituire un sistema di governance globale unipolare, non solo avevano evitato ogni punizione, ma non avevano nemmeno aspettato la fine della guerra per riguadagnare la loro perduta egemonia.

Il ruolo di Sir Julian Huxley

Uno dei grandi strateghi concettuali di questo processo era stato Julian Sorrel Huxley (1887-1975). Famoso biologo e riformista sociale, Julian era rimasto per tutta la vita un assiduo membro della Società britannica di eugenetica, prima nel ruolo di segretario accanto a John Maynard Keynes e, in seguito, di presidente.

Julian era un uomo impegnato e, insieme al fratello Aldous, aveva lavorato sodo per essere all’altezza della nomea del nonno Thomas (meglio conosciuto come il mastino di Darwin). Mentre gestiva il movimento eugenetico del secondo dopoguerra, Julian, nel 1948, aveva anche dato inizio al moderno movimento ambientalista, fondando l‘International Union for the Conservation of Nature (Unione Internazionale per la Conservazione della Natura) e, nel 1961, co-fondando il World Wildlife Fund (WWF); aveva coniato il termine “transumanesimo” e, nel 1946, dato vita ad una istituzione delle Nazioni Unite estremamente influente, denominata UNESCO (United Nations Education, Science and Cultural Organization – Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Educazione, la Scienza e la Cultura,) che avrebbe guidato, come direttore generale, nel periodo 1946-1948.

Il mandato della nuova organizzazione era già chiaramente delineato nel testo di Huxley del 1946 “UNESCO: Its Purpose and its Philosophy” (Unesco: gli scopi e la filosofia):

“La morale dell’UNESCO è chiara. Il compito di promuovere la pace e la sicurezza non potrà mai essere realizzato solo attraverso i mezzi assegnatigli, cioè educazione scienza e cultura. Deve prevedere una qualche forma di unità politica mondiale, sia essa un singolo governo mondiale o altro, in quanto è l’unico modo efficace di evitare guerre … nel suo programma educazionale potrà sottolineare la necessità ultima di una unità politica mondiale e di rendere familiare a tutte le persone le implicazioni del trasferimento della piena sovranità dalle singole nazioni ad una organizzazione mondiale.”

Qual sarebbe stato lo scopo di questa “unità politica mondiale”? Molte pagine dopo, è esposta la visione di Huxley in tutti i suoi contorti dettagli:

“Al momento, è probabile che l’effetto indiretto della civilizzazione sia più disgenico che eugenico e, in ogni caso, è probabile che il peso morto della stupidità genetica, della debolezza fisica, dell’instabilità mentale e dell’inclinazione alle malattie, già esistenti nella specie umana, si rivelerà un onere troppo gravoso per realizzare progressi reali. Pertanto, nonostante sia abbastanza vero che ogni politica eugenetica radicale sarà per molti anni politicamente e psicologicamente impossibile, sarà importante per l’UNESCO controllare che i problemi dell’eugenetica siano esaminati con la massima cura possibile e che la mentalità pubblica sia informata delle questioni in gioco, affinché ciò che per ora è inimmaginabile diventi almeno immaginabile.”

Dato che il mondo ha avuto la possibilità di vedere cosa realmente sia un programma di eugenetica interamente supportato da un’ingegneria sociale di stampo fascista, non è esagerato dire che l’eugenetica ha perso un bel po’ della sua popolarità agli occhi di un mondo ancora molto attento ad istituzioni culturali tradizionali come il cristianesimo, il patriottismo e il rispetto per la sacralità della vita.

Nonostante trenta Stati americani e due province canadesi avessero legalizzato politiche eugenetiche (compresa la sterilizzazione forzata dei disabili) tra il 1907 e il 1945, le scienze statistiche e le applicazioni politiche dell’eugenetica avevano subito un brusco arresto alla fine della Seconda Guerra Mondiale e, come Huxley aveva ribadito nel suo manifesto, qualcosa di nuovo andava fatto.

Qualche notizia sulla Clinica Tavistock

Huxley aveva anche lavorato molto in collaborazione con la Clinica Tavistock di Londra, che aveva ricevuto fondi sia dai Rockefeller che dalla Macy Foundation per tutto il periodo 1930-1950. Guidata da uno psichiatra, il brigadiere generale John Rawlings Rees, la Clinica Tavistock, che può essere considerata “il braccio psichiatrico dell’Impero Britannico,” era stata fondata nel 1921 allo scopo di sviluppare tecniche psichiatriche innovative, fondate su un misto tra comportamentismo pavloviano e teorie freudiane, per influenzare in vari modi i comportamenti di gruppo.

All’inizio, la clinica si era concentrata sullo studio delle condizioni mentali estreme, le psicosi post-traumatiche in persone che avevano sofferto di destrutturazione psicologica a causa degli orrori della guerra di trincea, riconoscendo la grande malleabilità di questi soggetti. Come riportato da un brillante articolo del 1996 di L. Wolfe, il lavoro a Tavistock era sempre stato focalizzato sulla necessità di capire come il cervello potesse essere “destrutturalizzato” e “decostruito” per essere poi riprogrammato, come una tabula rasa, con la speranza che queste scoperte individuali potessero poi essere replicate su gruppi sociali più grandi e perfino a livello di intere nazioni. Molte di queste ricerche erano poi continuate negli Stati Uniti con il progetto MK Ultra e questo sarà il tema di un futuro articolo.

G. Brock Chrisholm: lo zar della salute mondiale di Tavistock

Un famoso psichiatra che aveva passato molti anni lavorando con Rees alla clinica Tavistock era un canadese di nome G. Brock Chisholm.

Nel 1948, Chisholm aveva fondato un’organizzazione affiliata alle Nazioni Unite denominata World Health Organization (WHO – OMS – Organizzazione Mondiale della Sanità), il cui scopo era quello di promuovere la salute mentale e fisica nel mondo. Un nobile sforzo che richiedeva molta responsabilità e potere aveva bisogno di un leader con una visione eccezionale della natura delle malattie e della salute. Purtroppo, vista la sua personale e malata concezione della natura dell’essere umano e della società, Chisholm era certamente l’uomo sbagliato per questo incarico.

Secondo Chisholm, fra le cause principali delle guerre e delle malattie mentali non c’erano l’imperialismo o l’ingiustizia economica, ma piuttosto ciò che per la società rappresentava il bene e il male. Nel 1946, Chisholm aveva esposto in questi termini gli scopi della “buona” psicoterapia e della “buona” educazione: “la reinterpretazione e l’eventuale sradicamento del concetto di giusto e sbagliato, che è la base dell’educazione infantile; nelle credenze degli anziani la sostituzione della fede con il pensiero intelligente e razionale: questi sono gli obiettivi di ogni psicoterapia di successo.”

Ma non erano semplicemente il “concetto di giusto e di sbagliato” o “la fede nelle credenze degli anziani” a dover essere sradicati, ma anche la religione monoteista, la famiglia e il patriottismo. Otto anni dopo, Chisholm aveva aggiunto: “Per raggiungere il governo mondiale, è necessario rimuovere dalla mente degli uomini il loro individualismo, la fedeltà alle tradizioni familiari, il patriottismo nazionale e i dogmi religiosi.

Il mondo impazzisce

Con l’UNESCO e l’OMS saldi al loro posto, era stata crata una terza organizzazione per gestire i fondi e le pratiche della salute mentale globale.

Come sottolineato dallo storico Anton Chaitkin, la World Federation of Mental Health – WFMH (Federazione Mondiale di Salute Mentale) era stata creata nel 1948, finanziata principalmente dalla Macy Foundation, quest’ultima creata nel 1930 sotto la guida del generale Marlborough Churchill (cugino di Winston), che, nel periodo 1919-1929, era stato responsabile dell’intelligence militare segreta, con la fondazione dell’agenzia di analisi crittografica “Black Chamber.”

La coordinatatrice tecnica americana della conferenza per la fondazione della WFMH era stata molto chiara sulle finalità della nuova organizzazione. Nina Ridenour aveva scritto che “la Federazione Mondiale per la Salute Mentale … è stata creata sulla raccomandazione dell’OMS e dell’UNESCO perchè necessitavano di una organizzazione per la salute mentale non governativa con la quale potessero collaborare.”

E chi era stato il primo direttore generale della WFMH?

Mentre ancora era a capo della Clinica Tavistock di Londra, il brigadiere generale John Rawlings Rees era stato posto al comando di questa nuova organizzazione (la WFMH) proprio da quell’arci-razzista di Norman Montagu (il capo della Banca di Inghilterra), che aveva diretto tutta l’operazione tramite sua Associazione Nazionale per la Salute Mentale, che [Montagu] gestiva direttamente da Thorpe Lodge, sua dimora londinese.

Descrivendo questo piano di battaglia per riformare la società, Rees aveva detto:

“Se ci preparassimo ad uscire allo scoperto ed ad attaccare i problemi odierni della società e della nazione, avremmo bisogno di diventare truppe d’assalto, ma questo non potrà mai succedere se gli psichiatri rimarranno legati alle istituzioni. Dobbiamo avere gruppi mobili di psichiatri che siano liberi di muoversi e di avere contatti con le aree locali.”

L’idea di gruppi mobili di psichiatri come truppe d’assalto era un concetto avanzato dal grande stratega Lord Bertrand Russel che,nel 1952, aveva scritto nel suo libro “L’impatto della scienza sulla società:”

“Penso che il soggetto politicamente più importante sarà la psicologia di massa … la sua importanza è enormemente cresciuta grazie alla nascita dei moderni metodi di propaganda. Di questi, il più influente è quello che viene chiamato “educazione.” La religione gioca un ruolo, anche se sempre meno importante; la stampa, il cinema e la radio stanno avendo un ruolo sempre maggiore … Potrebbe essere auspicato che, in breve tempo, chiunque potrà essere capace di persuadere chiunque di qualsiasi cosa, se potrà lavorare su soggetti giovani e se sarà fornito dallo Stato di fondi ed equipaggiamento.”

La guerra fredda bipolare e il nuovo paradigma globale

Negli anni successivi, l’UNESCO l’OMS e la WFMH avevano lavorato di comune accordo per coordinare centinaia di organizzazioni, università, laboratori di ricerca, incluso il progetto MK Ultra della Cia, allo scopo di creare la tanto desiderata società dell’”igiene mentale,” ripulita da ogni connessione con il cristianesimo, la fede nella verità, nel patriottismo nazionale o nella famiglia.

Nel 1971, il mondo era maturo per un grande cambiamento.

Il bersaglio di questo vasto esperimento di ingegneria sociale erano stati i baby boomer [la generazione post-bellica], contro cui era stata scatenata una vera e propria guerra culturale ad ogni livello. Mentre l’LSD arrivava in tutti i campus americani e gli omicidi dei leader occidentali che resistevano alla nuova era di conflitti armati nel sud est asiatico diventavano la norma, i baby boomer vedevano i loro amici ritornare dal Vietnam in sacchi per cadaveri. “Non fidarti di nessuno sopra i trent’anni” era diventato il nuovo credo, mentre l’amore per la nazione veniva soffocato dall’innaturale diffondersi dell’imperialismo anglo-americano all’estero e, all’interno, da operazioni in stile COINTEL-PRO.

Quando il CFR e la Commissione Trilaterale avevano sganciato il dollaro americano dal gold standard, si era inaugurata una nuova era di liberalizzazione, consumismo e materialismo radicale, che, negli anni ’80, aveva trasformato i figli del dopoguerra in una generazione egocentrica e ipermaterialista.

A livello ecologico, una nuova etica di “conservazionismo” aveva iniziato a farsi strada all’interno del mainstream prendendo il posto dell’etica proindustriale tipica della società dei produttori-creatori che, storicamente, aveva governato il meglio della civilizzazione occidentale.

Uno dei principali creatori di questa nuova etica conservativa che aveva rimpiazzato il concetto di “proteggere l’umanità dall’impero” con il “proteggere la natura dall’umanità” era stato proprio Julian Huxley. Nello stesso anno in cui aveva co-fondato il WWF, Huxley aveva redatto il Morges Manifesto (1961), che avrebbe dovuto servire come  programma strutturale del moderno movimento ecologista, che pone la civiltà umana in netto contrasto con il presunto equilibrio matematico e chiuso della natura. Huxley aveva co-fondato il WWF insieme al maltusiano Principe Filippo “voglio reincarnarmi in un virus mortale” Conte di Mountbatten e al Principe Bernardo d’Olanda.

Il regime planetario di Holdren

A metà anni ’70 Paul Ehrlich, uno dei principali neomalthusiani dell’epoca, era mentore di un giovane protetto di nome John Holdren, con cui nel 1977 aveva co-firmato un manuale da far rabbrividire dal titolo Ecoscienze, dove si legge:

“Forse quelle agenzie, insieme all’UNEP e alle agenzie demografiche delle Nazioni Unite, potrebbero evolversi in un regime planetario – una sorta di superagenzia internazionale per la demografia, le risorse e l’ambiente. Un simile regime globale planetario potrebbe controllare lo sviluppo, l’amministrazione, la conservazione, la distribuzione di tutte le risorse naturale, rinnovabili e non, almeno fino a quando non esisterà un controllo internazionale. Quindi, questo regime potrebbe avere il potere di controllare l’inquinamento non solo nell’atmosfera e negli oceani, ma anche nelle acque dolci, come fiumi e laghi che attraversano i confini internazionali o che sfociano negli oceani. Il regime potrebbe anche essere un’agenzia centrale di logistica con il compito di regolamentare il commercio internazionale, magari ottenendo assistenza dai paesi sviluppati e non, e che includa gli approvvigionamenti di generi alimentari sul mercato internazionale. A questo regime planetario dovrebbe essere data la responsabilità di determinare la popolazione ottimale nel mondo e per ogni regione e di avere l’ultima parola sulle politiche nazionali dei vari Paesi. Il controllo della popolazione dovrebbe rimanere responsabilità di ogni governo, ma il regime avrebbe alcuni poteri per far rispettare i limiti stabiliti.”

Considerando che queste parole erano state pronunciate solo tre anni dopo il rapporto NSSM-200 di Henry Kissinger, che aveva trasformato la dottrina della politica estera americana da pro-incremento a pro-riduzione della popolazione, le dichiarazioni di Holdren del 1977 non dovrebbero essere prese alla leggera.

Il progetto “Genoma Umano” resuscita i mostri dormienti

Nei decenni successivi, Holdren aveva stretto amicizia con il matematico e borsista Rhodes ad Harvard Eric Lander, che era stato direttore del Progetto Genoma Umano dal 1995 al 2002. Nel 2003, Lander aveva commentato il completamento della mappatura del genoma umano con queste parole: “Il Progetto Genoma Umano è uno dei traguardi più importanti nella storia della scienza. L’averlo portato a termine questo mese segna l’inizio di una nuova era nella ricerca biomedica. La biologia si sta trasformando in scienza informatica.”

Nel 2006, commentando la possibilità di controllare l’evoluzione umana offerta dal Progetto Genoma Umano di Lander e i conseguenti nuovi sviluppi nella tecnologia mRNA CRISPR, Sir Richard Dawkins aveva scritto:

“Negli anni ’20 e ’30, scienziati sia di Destra che di Sinistra non avrebbe trovato particolarmente pericolosa l’idea di poter progettare i bambini, anche se, ovviamente, non avrebbero mai usato questa terminologia. Oggi, sospetto che l’idea sia troppo pericolosa per una sana discussione, e la mia ipotesi è che Adolf Hitler sia il responsabile di questo mutamento. Mi domando se, una sessantina di anni dopo la morte di Hitler, potremmo almeno azzardarci a chiedere qual è la differenza morale tra allevare un talento musicale e forzare un bambino a prendere lezioni di musica. O perchè sia accettabile allenare velocisti o atleti del salto in alto ma non allevarli. Potrei pensare a qualche risposta, e sarebbero anche buone risposte, che potrebbero probabilmente finire col persuadermi. Ma non credete sia arrivato il momento di smettere di essere spaventati perfino dal porre la domanda?”

Non molto tempo dopo, Holdren si era ritrovato a godere di un enorme potere, più grande di quanto si sarebbe mai potuto immaginare, come zar della scienza e architetto del programma dell’amministrazione Obama, “basato sull’evidenza,” che mirava a massimizzare i fondi per le tecnologie verdi, allo scopo di decarbonizzare l’umanità sotto un nuovo sistema di governance globale. Lander aveva lavorato a stretto contatto con Holdren come co-presidente del comitato scientifico di Obama e anche con il presidente del Whitehead Institute, David Baltimore, alla creazione del Broad Institute del MIT e di Harvard.

Nel 2015, Lander e Baltimore avevano co-presieduto un’importante conferenza sulla “nuova era delle ricerche biomediche” in cui era stata resa pubblica una nuova tecnologia di modificazione genetica, nota come CRISPR, che, usando gli enzimi e l’RNA dell’Escherichia Coli, era in grado di intervenire sulla sequenza del DNA umano e indurre mutazioni. Anche se è evidente che questa potente tecnologia potrebbe essere un bene per l’umanità come mezzo per eliminare le malattie ereditarie nell’uomo e nei vegetai destinati all’alimentazione, l’incredibile efficienza della tecnologia CRISPR nell’alterare a tempo indeterminato il DNA umano potrebbe causare danni inimmaginabili se cadesse nelle mani sbagliate.

Allo “storicosummit internazionale sull’editing genetico tenutosi nel dicembre 2015, durante il suo discorso di apertura, il presidente della conferenza, David Baltimore, aveva fatto eco alle inquietanti parole di Julian Huxley: “nel corso degli anni, l’inimmaginabile è diventato concepibile. Siamo sull’orlo di una nuova era nella storia dell’umanità.”

Nel gennaio 2021, John Holdren si era congratulato con Erik Lander per la sua nomina a zar delle scienze di Joe Biden (Direttore dell’Ufficio per le politiche scientifiche e tecnologiche, ruolo prima occupato da Holdren). Grazie a questo incarico, Lander sta supervisionando la ripresa di tutte le politiche scientifiche dell’era Obama come parte della riforma tecnocratica portata avanti dal governo americano in conformità con l’agenda del Great Reset del World Economic Forum. Usando l’immenso potere dell’Emergency Authorization Act per scavalcare la FDA e facendo passare come vaccino una tecnologia basata sulla terapia genetica, è iniziato un nuovo esperimento sociale. La tecnologia CRISPR è già stata salutata come essenziale per risolvere il problema delle varianti  COVID e, in questo momento, la si sta utilizzando come vaccino per alcune malattie tropicali. La ovvia connessione tra organizzazioni eugenetiche di ieri e il sorgere delle moderne operazioni basate sulla tecnologia mRNA associate a GAVI e all’Astra Zeneca di Oxford, denunciate dalla giornalista investigativa Whitney Webb all’inizio di quest’anno, dovrebbero esser tenute ben salde nella mente.

Questa tecnologia verrà usata dai discepoli degli eugenisti filo-nazisti, nel tentativo di continuare il lavoro del Dr. Mengele o vedremo questa biotecnologia servire gli interessi dell’umanità secondo un paradigma multipolare che abbraccia sovranità nazionale, vita umana, famiglia e fede?

Nuove puntate di questa serie esploreranno le radici eugenetiche del transumanesimo, dell’intelligenza artificiale e del Grande Reset. Affronteremo inoltre il tema della Scuola di Francoforte, il sorgere della cibernetica viennese e il programma promosso da Bertrand Russel e David Hilbert nel 1900 per rinchiudere l’universo intero in una gabbia mortale.

Matthew Ehret

Fonte: strategic-culture.org
Link: https://www.strategic-culture.org/news/2021/05/24/how-the-unthinkable-became-thinkable-eric-lander-julian-huxley-and-the-awakening-of-sleeping-monsters/
24.05.2021
Tradotto da Robin per comedonchisciotte.org

5 1 voto
Valuta l'articolo
Sottoscrivi
Notifica di
15 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
casalvento
Member
5 Giugno 2021 , 20:19 20:19

Lettura interessantissima. Finalmente si ha il coraggio di cominciare a riparlare di tali temi tabù, necessari alla comprensione dell’evoluzione globale sempre più frenetica. 
Comprensibile l’attaccamento alle radici, ai valori come nazione, famiglia, religione monoteista, ma è impensabile che tutto resti immutato. Penso che come sempre la vita umana troverà strade nuove, anche se sarebbe preferibile che tale processo avvenisse gradualmente. 
Bene quindi confrontare le idee senza paure e demonizzazioni, sperando che possa essere meditato e condiviso il cambiamento che prima avveniva inavvertitamente nel corso dei secoli, mentre oggi è pericolosamente nelle mani di pochi.

nicolass
Trusted Member
5 Giugno 2021 , 20:54 20:54

Questo articolo sembra fatto apposta per rispondere agli aficionados della teoria strampalata dell’allungamento dei telomeri dei cromosomi come risposta al piano pandemico attuale..Amen

Last edited 16 giorni fa by nicolass
AmonAmarth
Member
6 Giugno 2021 , 2:43 2:43

Articolo interessantissimo, è dall’anno scorso, dopo essermi letto libri e libri di genetica, che stavo cercando qualcuno che finalmente tirasse fuori la storia “carbonara” dell’eugenetica: qualcuno che mi portasse con un bel filo logico dai nazisti e dagli eugenisti del 1920 ai personaggi di oggi che stanno cercando di applicare questo obbrobrio su scala industriale. Grazie mille per la traduzione. Qui trovate 2 articoli successivi di questo Matthew Ehret: https://www.strategic-culture.org/contributors/matthew-ehret/

IlContadino
Noble Member
6 Giugno 2021 , 7:38 7:38

Lettura stimolante.
Ormai da quindici mesi è quasi spontaneo avere la sensazione di fare parte di un esperimento. L’immagine mentale che ho è quella di una grande scatola di cartone con all’interno tanti topolini. Gli sperimentatori introducono informazioni e danno impulsi dall’esterno, osservano curiosi le reazioni dei topolini. Mi chiedo: il rendersi conto di essere parte di un esperimento è sufficiente ad estraniarsi dall’esperimento stesso?
Sento che il miglior modo per affrontare tutto questo è l’osservazione priva di giudizio, come si fa quando si guarda valle dalla cima del monte oppure un tramonto in riva al mare. Osservo, accolgo e non giudico, nel mentre mi comporto come meglio credo, ogni altra reazione mi costringe nella scatola

Last edited 16 giorni fa by IlContadino
Violetto
Active Member
6 Giugno 2021 , 7:58 7:58

Ma impedire che chi ha gravi tare ereditarie si riproduca è sbagliato?

danone
Noble Member
Reply to  Violetto
6 Giugno 2021 , 10:01 10:01

Ho provato a spiegarlo ai tuoi, tanti anni fa, ma evidentemente non li ho convinti.
Scusami la battuta che mi hai letteralmente strappato, ma tocchi tasti molto delicati.
Chi decide cosa sono e chi ha tare e chi impedirebbe la riproduzione?
In certe sotto-culture post-industriali, come ben sai, chi è contrario alla vaccinazione di gruppo, è visto come uno con seri squilibri psichici, chissà forse prodotti da tare ereditarie.

Last edited 15 giorni fa by danone
Violetto
Active Member
Reply to  danone
6 Giugno 2021 , 10:28 10:28

ma come “Chi decide cosa sono e chi ha tare”?

Lascia stare lo “squilibrio psichico” dei “no vax” o simili.

Cos è non siamo più in grado di valutare le cose semplici?

Le persone che hanno tare genetiche (evidentemente gravi) e che metteranno al mondo figli gravemente malati, vanno lasciati fare?

Chi decide che cosa è una “grave tara” genetica?
Mah, fai te.

Dimmi te cosa ti pare sia una tara genetica grave e una invece non grave.

danone
Noble Member
Reply to  Violetto
6 Giugno 2021 , 10:43 10:43

Pensi che il tema in questione non sia già infarcito di ideologismi, pregiudizi razzisti, credenze e superstizioni?
O ti affidi al metodo a-scientifico, comprovato e certo, di lor signori, gli amici dell’eugenetica?
Tralascia le tare che si auto-eliminano da sole dalla riproduzione per manifesta impotenza, o quelle che saranno portate all’eutanasia dall’umana pietà, non dalla scienza.
Le altre limitazioni sarebbero solo ideologiche, strumentali ed opportuniste, quindi diverrebbero odiose e quindi sbagliate oggettivamente.

Violetto
Active Member
Reply to  danone
6 Giugno 2021 , 10:54 10:54

per me si cade nello stesso errore relativo alla tecnologia: visto che ci sono “i cattivi” che gestiscono e decidono allora la tecnologia è male. (e lo stesso si applica dunque all’eugenetica)

E allora sono necessari (ma ai più vengono spontanei) “attorcigliamenti” e contraddizioni che derivano da una “grossolana” analisi e ci si lascia andare a semplici “opinioni”.

Si accettano determinate “tecnologie/innovazioni/manipolazioni” perchè essendoci abituati le riteniamo “normali” (senza riflettere se non appunto grossolanamente su cosa significhi) e non se ne accettano altre dopo lo stesso tipo di “riflessione”

Non si capisce perché l’uomo deve lasciare fare alla natura ma fino a un certo punto, per esempio la natura umana che inventa, crea e manipola è sbagliata e deve essere raddrizzata….

danone
Noble Member
Reply to  Violetto
6 Giugno 2021 , 13:12 13:12

Il punto è sempre il solito Violetto, ovvero la consapevolezza di chi fa cosa.
Non esiste una cosa in sè sbagliata, passami la generalizzazione se no non ci capiamo in due righe, ma l’uso che se ne fa, che dipende dal grado di conoscenza-consapevolezza dei soggetti coinvolti.
Nel caso della tecnologia e dell’eugenetica è già evidente un manifesto delirio di onnipotenza di chi le gestisce, che ne fanno una promozione smodata, proposta come risolutiva da certe elite di potere, le quali, traendovi evidenti vantaggi di potere e controllo, le promuovono come fossero l’unica via-verità, alla quale devono credere tutti, regolandosi di conseguenza, invece di essere viste come delle modalità fra tante altre, addirittura fra le meno risolutive dei problemi, che, lungi dal risolvere, creano.

Last edited 15 giorni fa by danone
Primadellesabbie
Active Member
Reply to  Violetto
6 Giugno 2021 , 10:48 10:48

Una testa come quella di Kissinger ad esempio, la consideriamo una grave tara genetica, o no?

E un’attitudine come l’attivismo compulsivo?

Last edited 16 giorni fa by Primadellesabbie
casalvento
Member
Reply to  Violetto
6 Giugno 2021 , 19:59 19:59

In Danimarca non sono previsti figli difettosi. Tutti devono essere sani e non pesare sul welfare. Una normativa assai discussa introdotta nel 2004 che ha introdotto la totale gratuità degli esami pre-natali per l’individuazione di ogni tipo di difetto cromosomico, soprattutto riguardante la sindrome di Down. La legge di fatto sta portando ad una società dove sono praticamente scomparse le nascite dei bambini Down.
In molti hanno denunciato un programma strisciante di eugenetica in atto ma la pratica è ormai accettata dalla maggioranza delle neo-mamme. In un articolo il giornale cattolico Avvenire ha raccolto gli ultimi dati di questo trend riportando i documenti del Registro citogenetico centrale di Copenaghen: nella casella dei “nati con sindrome di Down” sono stati fatti nascere solo 18 bambini down nel 2019 su 61.167 nascite, pari allo 0,029% del totale, un neonato su 3.400.” (ilmessaggero.it)

Primadellesabbie
Active Member
6 Giugno 2021 , 9:15 9:15

“…qual è la differenza morale tra allevare un talento musicale e forzare un bambino a prendere lezioni di musica. O perchè sia accettabile allenare velocisti o atleti del salto in alto ma non allevarli. …”

Chi si dedica alla “scienza” sembra divenire infallibilmente vittima della sindrome di sapere e potere considerare e comprendere ogni aspetto delle cose, pur sapendo bene, fin dall’inizio, come questo non sia, in alcun modo, possibile, come anche sia impossibile prevedere ogni conseguenza delle nostre azioni.

Last edited 16 giorni fa by Primadellesabbie
gix
Trusted Member
6 Giugno 2021 , 9:30 9:30

Nonostante ritenga plausibile che gli eugenetisti, tramite il sistema bancario anglosassone, possano aver finanziato le dittature fasciste e naziste del novecento, rimane difficile capire i vantaggi che si sperava di ottenere, a livello globale, anche considerata la cattiva fama che l’eugenetica si era ormai fatta dopo le guerre mondiali e dopo le politiche razziste adottate. La stessa citazione del “genetista darwiniano” R. Dawkins del 2006, ammette di fatto che non sia stata una buona idea (per la causa eugenetista) affidare ad uno come Hitler le politiche di controllo dell’evoluzione umana, nonchè della progettazione degli esseri umani secondo canoni ed obiettivi ben precisi. Non c’è dubbio però che la fissazione del controllo, sia numerico che qualitativo, dell’evoluzione umana, sia presente da un bel pò di tempo, almeno dall’epoca darwiniana per l’appunto, con l’idea che chi se ne occupa, di volta in volta, si premuri di lasciare ai posteri l’impegno per realizzarlo. Ora, poichè in altre discussioni si parlava della ricerca dell’immortalità, che senso avrebbe per questi pseudo scienziati ( in realtà distruttori della creazione), o per un maltusiano come il principe Filippo, lasciare indicazioni e auspici per continuare il lavoro interrotto dalla scocciatura della morte?

VincenzoS1955
Active Member
6 Giugno 2021 , 17:30 17:30

“L’Homo Stultus Tecnologicus” nella sua infinita arroganza, figlia dell’ ignoranza di chi crede di sapere, si illude di avere sotto controllo gli eventi e la Natura stessa senza realizzare che è proprio l’esatto contrario e prima o poi verrà di nuovo riportato, volente o nolente, al ruolo che Madre Natura (o, per chi crede, il Creatore) gli ha assegnato dotandolo di discernimento: Custode del Creato, anche se questo, alla luce delle efferatezze che ha commesso contro i suoi simili e contro la stessa natura, potrebbe sembrare un premio.

Last edited 15 giorni fa by VincenzoS1955
15
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x