Home / Anti-Empire Report / Perché Google è stato un vantaggio per l’NSA

Perché Google è stato un vantaggio per l’NSA

Di NAFEEZ AHMED

medium.com

All’interno della rete segreta che sta dietro la sorveglianza di massa, la guerra infinita e Skynet… Seconda parte 

INSURGE INTELLIGENCE, un nuovo progetto di giornalismo investigativo finanziato per mezzo di crowdfunding, fa breccia nella notizia esclusiva di come la comunità d’intelligence degli Stati Uniti ha finanziato, promosso e incubato Google, come parte di un impulso per dominare il mondo per mezzo del controllo delle informazioni. Finanziato in avvio dall’NSA e dalla CIA, Google è stato solo il primo di una pletora di start-up del settore privato, cooptate dall’intelligence americana per mantenere la “superiorità nelle informazioni”.

Le origini di questa geniale strategia risalgono ad un gruppo segreto sponsorizzato dal Pentagono che negli ultimi due decenni ha funto da ponte tra il governo degli Stati Uniti e le élites, tramite il settore degli affari, dell’industria, della finanza, delle corporation e dei media. Il gruppo ha permesso che alcuni dei più forti interessi particolari nell’ambito delle aziende americane eludessero sistematicamente la responsabilità democratica e lo stato di diritto, in modo da influenzare le politiche governative e anche l’opinione pubblica negli Stati Uniti e in tutto il mondo. I risultati sono stati catastrofici: la sorveglianza di massa dell’NSA, uno stato permanente di guerra mondiale, e una nuova iniziativa per trasformare le forze armate statunitensi in Skynet.

SI LEGGA LA PRIMA PARTE

Quest’esclusiva viene pubblicata gratuitamente nell’interesse pubblico, ed è stata resa possibile per mezzo di crowdfunding. Vorrei ringraziare la mia incredibile comunità di sostenitori per l’appoggio, che mi ha dato l’opportunità di lavorare a questa indagine approfondita. Per favore, sostenete il giornalismo indipendente e investigativo per i diritti globali.

La sorveglianza di massa concerne il controllo. I promotori possono anche sostenere e persino credere che si tratti del controllo del bene più importante, un controllo necessario per mantenere un limite al disordine, per essere pienamente vigili per la prossima minaccia. Ma in un contesto di corruzione politica dilagante, di ampliamento delle disuguaglianze economiche e aumento della pressione sulle risorse a causa del cambiamento climatico e della volatilità energetica, la sorveglianza di massa può diventare uno strumento di potere destinato a perpetuarsi, a spese del pubblico.

Una funzione principale della sorveglianza di massa, spesso trascurata, è conoscere in certa misura l’avversario da poterlo manipolare e sconfiggere. Il problema è che l’avversario non sono solo i terroristi. Siamo io e te. A tutt’oggi, il ruolo della guerra d’informazione come la propaganda è stato in pieno ritmo, anche se viene ignorato sistematicamente da gran parte dei media.

Qui, INSURGE INTELLIGENCE espone come la cooptazione dei giganti tecnologici come Google, da parte dell’Highlands Forum del Pentagono, per perseguire la sorveglianza di massa, ha svolto un ruolo chiave negli sforzi segreti per manipolare i media come parte di una guerra di informazioni contro il governo americano, il popolo americano, e il resto del mondo: per giustificare la guerra infinita e l’espansione militare incessante.

La macchina da guerra

Nel settembre 2013, il sito web della Cyber ​​Security Initiative (MIIS CySec) del Monterey Institute for International Studies, ha pubblicato la versione finale di un articolo sulla “Cyber-deterrence” del consulente della CIA Jeffrey Cooper, vicepresidente dell’appaltatore per la difesa americano SAIC e membro fondatore dell’Highlands Forum del Pentagono. Il documento è stato presentato nel 2010 al direttore dell’NSA, il generale Keith Alexander, in una sessione dell’Highlands Forum intitolata “Cyber ​​Commons, Engagement and Deterrence”.

Il Gen. Keith Alexander (al centro), che è stato direttore dell’NSA e capo del Central Security Service dal 2005 al 2014, nonché comandante dell’US Cyber ​​Command dal 2010 al 2014, alla sessione dell’Highlands Forum del 2010 sulla cyber – deterrence.

Il Gen. Keith Alexander, direttore della NSA e capo del Servizio di Sicurezza Centrale dal 2005 al 2014, nonché comandante del Cyber ​​Command US da 2010 a 2014, alla sessione del Forum Highlands 2010.

CySec dell’MIIS è formalmente associato all’Highlands Forum del Pentagono per mezzo di un memorandum d’intesa firmato tra il provost e il Presidente del Forum Richard O’Neill, mentre l’iniziativa stessa è stata finanziata da George C. Lee: il funzionario di Goldman Sachs che ha condotto le valutazioni di miliardi di dollari di Facebook, Google, eBay e altre società.

Il documento illuminante di Cooper non è più disponibile sul sito dell’MIIS, ma una versione finale è disponibile tramite i registri di una conferenza pubblica sulla sicurezza, ospitata dall’American Bar Association. Attualmente, Cooper è il principale funzionario dell’innovazione presso SAIC / Leidos, che è un consorzio di aziende di tecnologia per la difesa, tra cui Booz Allen Hamilton e altre, che sono sotto contratto per sviluppare le capacità di sorveglianza dell’NSA.

Il briefing dell’Highlands Forum per il capo dell’NSA è stato commissionato sotto contratto dal sottosegretario alla difesa per l’intelligence e basato su concetti sviluppati nelle precedenti riunioni del Forum. È stato presentato al Gen. Alexander in una “sessione chiusa” dell’Highlands Forum, moderata dalla direttrice di CySec dell’MIIS, la Dr.ssa Itamara Lochard, presso il Center for Strategic and International Studies (CSIS) di Washington DC.

Jeffrey Cooper (al centro) di SAIC / Leidos, un membro fondatore del Forum Highlands del Pentagono, mentre ascolta Phil Venables (a destra), senior partner di Goldman Sachs, alla sessione del Forum 2010 sulla cyber-deterrence del CSIS.

Jeffrey Cooper (nel mezzo) di SAIC / Leidos, un membro fondatore dell’Highlands Forum delPentagono, mentre ascolta Phil Venables (a destra), partner senior di Goldman Sachs, alla sessione del Forum del 2010 sulla cyber-deterrence presso il CSIS.

Come da tabella di marcia nell’ambito dell’IO di Rumsfeld, il briefing di Cooper dell’NSA ha descritto “i sistemi digitali d’informazione” sia come una “grande fonte di vulnerabilità” che “potenti strumenti e armi” per “la sicurezza nazionale”. Sosteneva la necessità per la cyber intelligence americana di massimizzare la “conoscenza approfondita” degli avversari potenziali e reali, in modo da poter identificare “ogni potenziale punto d’influenza” che può essere sfruttato per la deterrenza o la rappresaglia. La “deterrenza in rete” richiede alla comunità di intelligence statunitense di sviluppare “profonda comprensione e conoscenze specifiche sulle reti speciali coinvolte e sui loro modelli di collegamento, compresi i tipi e le forze dei loro nodi”, nonché l’utilizzo delle scienze cognitive e comportamentali per aiutare a prevedere i modelli. Il suo documento ha proseguito essenzialmente nel delineare un’architettura teorica per modellare i dati ottenuti dalla sorveglianza e dai media sociali sui potenziali “avversari” e “controparti”.

Un anno dopo questo briefing con il capo dell’NSA, Michele Weslander Quaid – un’altra delegata dell’Highlands Forum –ha aderito a Google per diventare chief technology officer (n.d.T. direttore dell’informatica), lasciando il suo ruolo più alto al Pentagono di consigliere del sottosegretario alla difesa per l’intelligence. Due mesi prima, la Task Force della DSB (Defense Science Board) sull’intelligence per la difesa aveva pubblicato la sua relazione sulle operazioni di Counterinsurgency (COIN), Intelligence, Surveillance and Reconnaissance (IRS) Operations. Quaid era tra gli esperti di intelligence del governo che avevano consigliato e informato la Task Force del Defense Science Board nella preparazione della relazione. Un altro esperto che ha ragguagliato la Task Force è stato Linton Wells, veterano dell’Highlands Forum. La relazione DSB era stata commissionata da James Clapper, nominato da Bush, allora sottosegretario alla difesa per l’intelligence – che aveva anche commissionato il briefing di Cooper all’Highlands Forum per il generale Alexander. Clapper è ora Direttore della National Intelligence di Obama, ruolo in cui ha mentito sotto giuramento al Congresso, sostenendo nel marzo 2013 che l’NSA non raccoglie alcun dato sui cittadini americani.

I precedenti di Michele Quaid in tutta la comunità di intelligence militare degli Stati Uniti erano basati sul fare in modo che le agenzie si spostassero verso l’utilizzo di strumenti web e tecnologia cloud. L’impronta delle sue idee è evidente in parti chiave della relazione della Task Force DSB, che descrive il suo scopo di “influenzare le decisioni di investimento” presso il Pentagono, “raccomandando adeguate capacità di intelligence per valutare le insurrezioni, capire una popolazione nel proprio ambiente e sostenere le operazioni di COIN”.

La relazione ha identificato 24 Paesi dell’Asia meridionale e Sud-est asiatico, dell’Africa settentrionale e occidentale, del Medio Oriente e del Sud America, che potrebbero rappresentare “possibili sfide COIN” per l’esercito americano nei prossimi anni. Tra i “regimi autocratici” sono inclusi il Pakistan, il Messico, lo Yemen, la Nigeria, il Guatemala, Gaza/Cisgiordania, l’Egitto, l’Arabia Saudita e il Libano. La relazione ha affermato che “crisi economiche, cambiamenti climatici, pressioni demografiche, la governance mediocre potrebbero far sì che questi Stati (o altri) falliscano o diventino così deboli da diventare obiettivi per aggressori/ribelli”. A quel punto, l’infrastruttura globale di informazione e i social media possono “ampliare rapidamente la velocità, l’intensità e l’impeto degli eventi” con implicazioni territoriali. “Tali aree potrebbero diventare rifugi da cui lanciare attacchi contro la patria statunitense, reclutare personale, finanziare, addestrare e fornire intervento”.

L’imperativo in questo contesto è aumentare la capacità militare delle operazioni “left of bang” – prima della necessità di un impegno importante delle forze armate – per evitare le insurrezioni o per prevenirle mentre sono ancora in fase iniziale. Il rapporto continua concludendo che “Internet e i social media sono fonti critiche dei dati di analisi dei social network in società che non solo sono istruite, ma anche connesse a Internet”. Ciò richiede “il monitoraggio della blogosfera e di altri media sociali in molte culture e lingue diverse” per prepararsi alle “operazioni centrate sulla popolazione”.

Il Pentagono deve anche aumentare la propria capacità di “modellizzazione e simulazione del comportamento” per “comprendere e anticipare meglio le azioni di una popolazione” sulla base di “dati fondamentali sulle popolazioni, reti umane, geografia e altre caratteristiche economiche e sociali”. Tali “operazioni centrate sulla popolazione” saranno “sempre più” necessarie nei “rischi emergenti delle risorse, basati su crisi idriche, stress agricolo, stress ambientale o concessioni” delle risorse minerarie. Ciò deve includere il monitoraggio della “demografia della popolazione come parte organica del quadro delle risorse naturali”.

Altre aree in cui vi sarà incremento sono “la videosorveglianza globale”, “i dati terrestri ad alta risoluzione”, “la capacità cloud computing”, “la fusione dati” per tutte le forme di intelligence in un “quadro spazio – temporale coerente per organizzare e indicizzare i dati” sviluppando “quadri di scienze sociali” che possono “sostenere la codifica e l’analisi spazio-temporale”, “distribuire tecnologie biometriche di autenticazione multiforme [“come impronte digitali, scansioni retiniche e campioni di DNA”] al punto di servizio dei processi amministrativi più basilari” al fine di “legare tutte le transazioni all’identità di un individuo”. Inoltre, l’istituto deve essere coinvolto per aiutare il Pentagono a sviluppare “dal punto di vista antropologico, socio-culturale, storico, della geografia umana, dell’istruzione,della salute pubblica e di molti altri tipi di dati della scienza sociale e comportamentale e informazioni” per sviluppare “una profonda comprensione delle popolazioni”.

Alcuni mesi dopo l’adesione a Google, Quaid ha rappresentato la società nel mese di agosto 2011 presso il Customer and Industry Forum della Defense Information Systems Agency del Pentagono. Il forum avrebbe fornito “le forze armate, i comandi per il combattimento, le agenzie, le forze di coalizione” l’“opportunità di impegnarsi direttamente con l’industria su tecnologie innovative per consentire e garantire competenza,in sostegno dei nostri combattenti”. I partecipanti all’evento sono stati parte integrante degli sforzi per creare un ambiente di informazione d’impresa per la difesa, definito “una piattaforma integrata che include la rete, l’informatica, l’ambiente, i servizi, la sicurezza delle informazioni e le funzionalità di NetOps”, consentendo ai combattenti di “connettersi, identificarsi, scoprire e condividere informazioni e collaborare nell’intero spettro delle operazioni militari”. La maggior parte dei membri presenti al dibattito erano funzionari del DoD, ad eccezione di quattro membri dell’industria, tra cui Quaid di Google.

Anche i funzionari del DISA hanno partecipato all’Highlands Forum – come Paul Friedrichs, direttore tecnico e ingegnere capo dell’Office of Chief Information Assurance Executive di DISA.

Il sapere è potere

Dato tutto questo non è sorprendente che nel 2012, pochi mesi dopo che la co-presidente dell’Highlands Forum, Regina Dugan aveva lasciato il DARPA per unirsi a Google come funzionaria senior, l’allora capo dell’NSA, il generale Keith Alexander, inviasse un messaggio tramite posta elettronica al funzionario fondatore di Google, Sergey Brin, per discutere la condivisione delle informazioni per la sicurezza nazionale. In quelle email, ottenute secondo la Freedom of Information, da parte del giornalista investigativo Jason Leopold, il generale Alexander ha descritto Google come “membro chiave della Defense Industrial Base [dell’esercito americano]”, una posizione che Michele Quaid stava apparentemente consolidando. Il rapporto gioviale di Brin con l’ex capo dell’NSA ora ha un senso perfetto, dato che Brin era in contatto con i rappresentanti della CIA e dell’NSA, che in parte finanziavano e supervisionavano, dalla metà degli anni ’90, la sua creazione del motore di ricerca di Google.

Nel luglio 2014, Quaid ha parlato a un gruppo dell’esercito americano sulla creazione di una “cella di acquisizione rapida” per il progresso delle “capacità cyber” dell’esercito americano come parte dell’iniziativa di trasformazione Force 2025. Ha detto ai funzionari del Pentagono che “molti degli obiettivi tecnologici dell’esercito per il 2025, possono essere realizzati con la tecnologia commerciale disponibile o in sviluppo oggigiorno”, ribadendo che “l’industria è pronta a collaborare con l’esercito per sostenere il nuovo paradigma”. Più o meno nello stesso periodo, la maggior parte dei media strombazzava l’idea che Google stava cercando di allontanarsi dal finanziamento del Pentagono, ma in realtà Google ha cambiato tattica per sviluppare in modo indipendente tecnologie commerciali che avrebbero applicazioni militari per gli obiettivi di trasformazione del Pentagono. Tuttavia Quaid non è l’unico riferimento nel rapporto di Google con la comunità di intelligence militare statunitense.

Un anno dopo che Google aveva acquistato nel 2004 il software di mappatura satellitare Keyhole dalla società venture capital della CIA, In-Q-Tel, il direttore tecnico di In-Q-Tel, Rob Painter, che ha avutoin primo luogo un ruolo chiave nell’investimento per Keyhole di In-Q-Tel – si è trasferito a Google. Nell’ambito di In-Q-Tel, il lavoro di Painter si è concentrato sull’individuazione, la ricerca e la valutazione di “nuove imprese di start-up tecnologiche che si riteneva offrissero un valore straordinario alla CIA, alla National Geospatial-Intelligence Agency e alla Defense Intelligence Agency”. Infatti, l’NGA aveva convalidato che la sua intelligence, ottenuta tramite Keyhole, è stata utilizzata dall’NSA per sostenere, dal 2003 in poi, le operazioni statunitensi in Iraq.

Un ex ufficiale dell’intelligence per le operazioni dell’esercito degli Stati Uniti, Painter, nel suo nuovo incarico a Google, a partire da luglio 2005, è stato direttore federale di ciò che Keyhole sarebbe diventato: Google Earth Enterprise. Painter è diventato, nel 2007, capo tecnico federale di Google.

Quell’anno, Painter ha riferito al Washington Post che Google era “in fase iniziale” per vendere versioni segrete avanzate dei suoi prodotti al governo degli Stati Uniti. “Google ha aumentato la sua forza delle vendite nell’area di Washington nel corso dell’anno scorso per adattare i propri prodotti tecnologici alle esigenze delle agenzie militari, delle agenzie civili e della comunità di intelligence”, ha riferito il Post. Il Pentagono stava già utilizzando una versione di Google Earth sviluppata in collaborazione con Lockheed Martin per “visualizzare informazioni per l’esercito sul terreno in Iraq”, tra cui “schermate di mappe delle zone chiave del Paese” e delineando “quartieri sunniti e sciiti a Baghdad, così come le basi militari statunitensi e irachene in città. Né Lockheed né Google dicono come l’agenzia geospaziale faccia utilizzo dei dati.” Google ha voluto vendere al governo nuove “versioni avanzate di Google Earth” e “motori di ricerca che possono essere utilizzati internamente dalle agenzie”.

Le annotazioni della Casa Bianca trapelate nel 2010 hanno dimostrato che i dirigenti di Google avevano tenuto diversi incontri con i funzionari senior del National Security Council degli Stati Uniti. Alan Davidson, direttore degli affari amministrativi di Google, ha avuto almeno tre incontri con funzionari del National Security Council nel 2009, tra cui il direttore senior alla Casa Bianca per gli affari russi Mike McFaul e il consulente in Medio Oriente Daniel Shapiro. È emerso anche da un’applicazione con licenza di Google, che la società aveva deliberatamente raccolto dati “payload” da reti private di wifi che consentirebbero di identificare le “geolocalizzazioni”. Nello stesso anno, ora sappiamo che Google aveva firmato un accordo con l’NSA offrendo all’agenzia un accesso aperto alle informazioni personali dei propri utenti, nonché il suo hardware e software, in nome di accordi di sicurezza informatica che il Gen. Alexander era impegnato a ripetere con centinaia di CEO delle telecomunicazioni in tutto il Paese.

Pertanto, Google non è solo un importante contributo e fondamento del complesso militare-industriale americano: è Internet nella sua interezza e l’ampia gamma di aziende del settore privato, molte delle quali sono promosse e finanziate sotto l’egida della comunità di intelligence degli Stati Uniti (o dei potenti finanzieri incorporati in quella comunità), che sostengono Internet e le infrastrutture di telecomunicazioni; è anche la miriade di start-up che vendono tecnologie all’avanguardia alla società di impresa In-Q-Tel della CIA, dove possono essere adattate e progredite per applicazioni in tutta la comunità di intelligence militare. Infine, l’apparato globale di sorveglianza e gli strumenti classificati, utilizzati da agenzie come l’NSA per amministrarlo, sono stati quasi interamente realizzati da ricercatori esterni e appaltatori privati ​​come Google, che operano al di fuori del Pentagono.

Questa struttura, che rispecchia il funzionamento dell’Highlands Forum del Pentagono, consente al Pentagono di sfruttare rapidamente le innovazioni tecnologiche che altrimenti perderebbe, mantenendo comunque il settore privato a portata di mano, almeno apparentemente, per evitare domande scomode sull’uso reale di tale tecnologia.

Ma non è ovvio, vero? Il Pentagono ha pertinenza in ambito di guerra, sia aperta che segreta. Contribuendo a costruire l’infrastruttura di sorveglianza tecnologica dell’NSA, le imprese come Google sono complici in ciò che il complesso militare-industriale riesce meglio: uccidere per soldi.

Come suggerisce la natura della sorveglianza di massa, il suo obiettivo non sono solo i terroristi, ma per estensione i “terroristi sospetti” e i “potenziali terroristi”, il risultato è che le intere popolazioni – in particolare gli attivisti politici – devono essere obiettivi della sorveglianza dell’intelligence degli Stati Uniti per identificare minacce attive e future, ed essere vigili contro le ipotetiche insurrezioni populiste, sia in patria che all’estero. In questo caso, l’analisi predittiva e i profili comportamentali svolgono un ruolo fondamentale.

La sorveglianza di massa e l’estrazione dati hanno anche un distintivo obiettivo operativo per aiutare nell’esecuzione letale di operazioni speciali, selezionando dagli elenchi obiettivi per gli attacchi con i droni della CIA tramite dubbi algoritmi, fornendo insieme informazioni geospaziali e altre informazioni per i comandanti combattenti di terra, aria e mare, tra le molte altre funzioni. Un singolo post dei social media su Twitter o Facebook è sufficiente per far scattare una watchlist sul terrorismo segreto, solo a causa di una sensazione o di un sospetto vagamente definito; e può anche piazzare un sospetto in una lista nera.

La spinta per una sorveglianza di massa indiscriminata e completa da parte del complesso militare-industriale, che comprende il Pentagono, le agenzie di intelligence, gli appaltatori per la difesa e i giganti tecnologici amichevoli come Google e Facebook, non è perciò un fine, ma uno strumento di potere, il cui obiettivo è l’autoperpetuazione. Ma c’è anche una giustificazione auto-razionale per questo obiettivo: pur essendo grande per il complesso militare-industriale, è anche, presumibilmente, grande per tutti gli altri.

La “lunga guerra”

Il libro del delegato dell’Highlands Forum, il Dr. Thomas Barnett, The Pentagon’s New Map, è la miglior illustrazione dell’ideologia veramente sciovinistica e narcisistica che conduce all’autocompiacimento del potere nel cuore del complesso militare-industriale. Barnett era assistente per futuri strategici nell’Office of Force Transformation del Pentagono dal 2001 al 2003 ed era stato raccomandato a Richard O’Neill dal suo capo, il Vice Ammiraglio Arthur Cebrowski. Oltre a diventare un best seller del New York Times, il libro di Barnett era stato letto in lungo e in largo nelle forze armate statunitensi, da funzionari senior della difesa a Washington e dai comandanti combattenti operanti sul terreno in Medio Oriente.

Barnett ha partecipato per la prima volta all’Highlands Forum del Pentagono nel 1998, poi è stato invitato a presentare un briefing sul suo lavoro al Forum il 7 dicembre 2004, al quale hanno partecipato funzionari senior del Pentagono, esperti di energia, imprenditori di Internet e giornalisti. Barnett ha ricevuto una recensione brillante sul Washington Post, una settimana più tardi, da parte di David Ignatius, suo compagno all’Highlands Forum, e un’approvazione da un altro amico nel forum, Thomas Friedman, entrambe hanno contribuito in modo massiccio a promuoverne la credibilità e la lettura.

La visione di Barnett è neoconservativa alla radice. Egli vede il mondo diviso essenzialmente in due settori: The Core, costituito da Paesi progrediti, diretti dalle regole della globalizzazione economica (Stati Uniti, Canada, Regno Unito, Europa e Giappone), assieme ai Paesi in via di sviluppo impegnati ad arrivarci (Brasile, Russia, India, Cina e altri); e il resto del mondo, che è The Gap, un’eterogenea landa desolata di Paesi pericolosi e senza legge, definita fondamentalmente per “non essere in connessione” con le meraviglie della globalizzazione. Ciò include la maggior parte del Medio Oriente e dell’Africa, grandi fette del Sud America, così come gran parte dell’Asia centrale e dell’Europa dell’Est. È il compito degli Stati Uniti “ridurre il divario”, diffondendo il “set di regole” culturale ed economico della globalizzazione che caratterizza The Core, e imponendo la sicurezza in tutto il mondo per consentire la diffusione di questo “set di regole”.

Queste due funzioni del potere statunitense sono racchiuse nei concetti di “Leviathan” e “System Administrator” di Barnett. Il primo riguarda la regolamentazione per facilitare la diffusione dei mercati capitalistici, regolamentati dalla legge militare e civile. Il secondo consiste nel proiettare la forza militare in The Gap, in una missione globale aperta, per imporre la sicurezza e impegnarsi nella costruzione di nazioni. Non “ricostruire”, ci tiene a sottolineare, ma costruire “nuove nazioni”.

Per Barnett, l’introduzione del Patriot Act in patria, da parte dell’amministrazione Bush nel 2002, con il totale annullamento dell’habeas corpus, e la National Security Strategy all’estero, con l’apertura di una guerra unilaterale di prevenzione, rappresentavano l’inizio della necessaria riscrittura del set di regole in The Core per intraprendere questa nobile missione. Questo è l’unico modo per gli Stati Uniti, affinché raggiungano la sicurezza, scrive Barnett, perché finché esiste The Gap, sarà sempre una fonte di violenza e disturbo senza legge. Un paragrafo in particolare riassume la sua visione:

“L’America come poliziotto globale crea sicurezza. La sicurezza crea regole comuni. Le regole attirano investimenti stranieri. L’investimento crea infrastrutture. L’infrastruttura crea l’accesso alle risorse naturali. Le risorse creano una crescita economica. La crescita crea stabilità. La stabilità crea mercati. E una volta che sei una parte crescente e stabile del mercato globale, fai parte di The Core. Missione compiuta.”

Gran parte di ciò che prevedeva Barnett avrebbe dovuto accadere per realizzare questa visione, e nonostante la sua tendenza neoconservativa, è ancora perseguita sotto Obama. Nel prossimo futuro, Barnett prevedeva che le forze militari americane saranno spedite al di là dell’Iraq e dell’Afghanistan, in luoghi come Uzbekistan, Gibuti, Azerbaigian, l’Africa nord-occidentale, l’Africa meridionale e l’America meridionale.

Il briefing al Pentagono di Barnett è stato accolto con entusiasmo quasi unanime. Il Forum aveva anche acquistato copie del suo libro e le aveva distribuite a tutti i delegati del Forum, e nel maggio 2005 Barnett è stato invitato a partecipare a un intero Forum incentrato sul suo concetto “SysAdmin”.

L’Highlands Forum ha quindi svolto un ruolo di primo piano nella definizione della concezione della “guerra al terrore” del Pentagono nella sua interezza. Irving Wladawsky-Berger, vicepresidente IMB in pensione che ha co-presieduto il President’s Information Technology Advisory Committee dal 1997 al 2001, ha descritto la sua esperienza di una riunione del Forum del 2007 in termini rivelatori:

“Allora c’è la Guerra al Terrore, che il DoD ha cominciato a chiamare la Lunga Guerra, un termine che ho sentito per la prima volta al Forum. Sembra molto appropriato descrivere il conflitto globale in cui ci troviamo ora. Si tratta di un conflitto veramente globale … i conflitti in cui siamo ora hanno molto più l’impressione di una battaglia di civiltà o di culture, nel tentativo di distruggere il nostro stesso modo di vivere per imporre il proprio”.

Il problema è che al di fuori di questa potente cricca del Pentagono, non vi è accordo tra tutti gli altri. “Non sono convinto che la cura di Barnett sarebbe migliore rispetto alla malattia”, ha scritto la Dr.ssa Karen Kwiatowski, ex analista senior del Pentagono nella sezione del Vicino Oriente e dell’Asia meridionale, che ha fatto una soffiata su come il suo dipartimento abbia deliberatamente fabbricato false informazioni nel periodo antecedente alla guerra in Iraq. “Sarebbe sicuramente costato molto di più in termini di libertà americana, di democrazia costituzionale e di sangue, rispetto a quanto ne valga veramente la pena”.

Tuttavia l’equilibrio di “ridurre il divario” con il sostegno della sicurezza nazionale di TheCore, porta su un versante scivoloso. Significa che se agli Stati Uniti sarà impedito di svolgere questo ruolo di leadership come “poliziotti globali”, The Gap si allargherà, The Core si ridurrà e l’intero ordine globale potrebbe svelarsi. Con questa logica, gli Stati Uniti non possono semplicemente permettersi che il governo o l’opinione pubblica rifiutino la legittimità della propria missione. Se lo facesse, consentirebbe a The Gap di allontanarsi dal controllo, sconvolgendo TheCore e potenzialmente distruggerlo, insieme al protettore di TheCore, l’America. Quindi, “ridurre il divario” non è solo un imperativo di sicurezza: è una priorità così esistenziale che deve essere sostenuta da una guerra di informazioni per dimostrare al mondo la legittimità dell’intero progetto.

Sulla base dei principi di guerra dell’informazione di O’Neill, come articolato nel suo briefing della Marina militare americana del 1989, i bersagli della guerra d’informazione non sono solo le popolazioni di The Gap, ma anche le popolazioni interne al The Core e i loro governi: compreso il governo degli Stati Uniti. Quel briefing segreto, che secondo l’ex ufficiale senior dell’intelligence americano John Alexander è stato ricevuto dalla leadership superiore del Pentagono, ha sostenuto che la guerra di informazioni deve essere mirata: per convincere gli avversari della loro vulnerabilità; per far accettare “la causa come giusta” da parte di potenziali partner in tutto il mondo; e, infine, per far credere alle popolazioni civili e alla leadership politica che “il costo” in sangue e bottino vale la pena.

Il lavoro di Barnett è stato reclamizzato dall’Highlands Forum del Pentagono, perché si adatta allo scopo, in modo da fornire un’irresistibile ideologia “feel good” per il complesso militare-industriale statunitense.

Ma l’ideologia neoconservativa, ovviamente, non è nata con Barnett: lui stesso è una figura relativamente di spicco e poco valore, anche se il suo lavoro è stato estremamente influente in tutto il Pentagono. Il pensiero retrogrado dei funzionari senior coinvolti nell’Highlands Forum è visibile molto prima dell’11 settembre, ed è stato interrotto dagli attori legati al Forum con una potente forza d’autorizzazione per legittimare la direzione sempre più aggressiva delle politiche estere e di intelligence statunitensi.

Yoda e i Sovietici

L’ideologia rappresentata dall’Highlands Forum può essere attinta molto tempo prima della sua istituzione nel 1994, al tempo in cui l’ONA di Andrew ‘Yoda’ Marshall era il principale luogo di attività del Pentagono per la pianificazione futura.

Un mito della sicurezza nazionale, ampiamente promulgato dai giornalisti nel corso degli anni, è che la reputazione di ONA, come meccanismo divinatorio interno al Pentagono, ricadeva sulla precaria analisi del direttore Marshall. Presumibilmente, è stato tra i pochi che hanno avutopreveggenza nel riconoscere che la minaccia sovietica era pretenziosa da parte della comunità di intelligence statunitense. A dispetto del suo essere una figura isolata aveva, la storia dice, una voce inesorabile all’interno del Pentagono, che invitava i responsabili politici a riesaminare le loro proiezioni della forza militare dell’URSS.

Salvo che la storia non è vera. L’ONA non si occupava di un’analisi moderata di minaccia, ma di una proiezione di minaccia paranoica che giustificasse l’espansione militare. Jeffrey Lewis del Foreign Policy sottolinea che, lungi dall’offrire una voce di buonsenso che richiedesse una valutazione più equilibrata delle capacità militari sovietiche, Marshall ha cercato di minimizzare le scoperte dell’ONA che scartavano l’imbonimento di un’imminente minaccia sovietica. Avendo commissionato uno studio che concludeva che gli Stati Uniti avevano sovrastimato l’aggressività sovietica, Marshall lo ha diffuso con una lettera d’accompagnamento, dichiarandosi “non persuaso” per i risultati. Lewis illustra come la mentalità di proiezione di minaccia di Marshall si estendeva alla commissione di una ricerca assurda che sostenesse i fondamentali resoconti neocon sul collegamento (inesistente) di Saddam con al-Qaeda, e anche la nota relazione di un consulente RAND che richiedeva di ridisegnare la mappa del Medio Oriente, presentata nel 2002 al Defense Policy Board del Pentagono su invito di Richard Perle.

Il giornalista investigativo Jason Vest ha trovato riscontro similmente anche dalle fonti del Pentagono, che durante la guerra fredda Marshall aveva a lungo ignorato la minaccia sovietica e svolto un ruolo chiave nel dare al gruppo d’influenza neoconservatore, il Committee on the Present Danger, l’accesso a dati classificati della CIA, per riscrivere il National Intelligence Estimate on Soviet Military Intentions. Ciò è stato un precursore della manipolazione dell’intelligence dopo l’11 settembre per giustificare l’invasione e l’occupazione dell’Iraq. Ex dipendenti di ONA hanno confermato che Marshall era stato bellicoso “fino alla fine”, al riguardo di un’imminente minaccia sovietica. Melvin Goodman, sovietologo della CIA, ha ricordato ad esempio, che Marshall era anche di valido aiuto a spingere, affinché i mujahideen afghani fossero dotati di missili Stinger – una mossa che ha reso ancora più brutale la guerra, incoraggiando i Russi a usare tattiche di terra bruciata.

Enron, i talebani e l’Iraq

Il periodo dopo la guerra fredda ha visto la creazione dell’Highlands Forum del Pentagono nel 1994, sotto l’ala dell’ex segretario alla difesa William Perry, ex direttore della CIA e primo sostenitore di idee neocon come la guerra preventiva. In modo incredibile, il dubbio ruolo del Forum come ponte governo-industria può essere chiaramente riconosciuto in relazione agli esperimenti di Enron con il governo degli Stati Uniti. Proprio mentre il Forum elaborava politiche di rafforzamento del Pentagono per la sorveglianza di massa, ha alimentato contemporaneamente, in modo diretto, il pensiero strategico che culmina nelle guerre in Afghanistan e in Iraq.

Il 7 novembre 2000, George W. Bush “ha vinto” le elezioni presidenziali statunitensi. Enron e i suoi dipendenti avevano dato in totale oltre 1 milione di dollari alla campagna di Bush. Ciò includeva un contributo di 10.500 dollari al comitato di riconteggio per Bush in Florida e altri 300.000 dollari per le celebrazioni d’insediamento che hanno fatto seguito. Enron ha anche fornito compagnie aeree per trasportare avanti e indietro avvocati repubblicani in tutta la Florida e alla lobby di Washington, per conto di Bush, per il riconteggio di dicembre. I documenti elettorali federali successivamente hanno evidenziato che dal 1989 Enron aveva realizzato un totale di 5,8 milioni di dollari in donazioni per campagne elettorali, il 73 per cento ai repubblicani e il 27 per cento ai democratici – con ben 15 funzionari senior dell’amministrazione Bush in possesso di azioni di Enron, tra cui il segretario Donald Rumsfeld, il consigliere senior Karl Rove e il segretario dell’esercito Thomas White.

Tuttavia, proprio un giorno prima di questa elezione controversa, il Presidente fondatore dell’Highlands Forum del Pentagono ha scritto a Kenneth Lay, direttore generale di Enron, invitandolo a fare una presentazione al Forum sulla modernizzazione del Pentagono e dell’Esercito. L’email da O’Neill a Lay è stata pubblicata come parte di Enron Corpus, le email ottenute dalla Federal Energy Regulatory Commission, il cui contenuto è ancora sconosciuto.

L’email iniziava “A nome del ViceSegretario alla difesa (C3I) e del DoD, il CIO (n.d.T. Chief Information Officer – Direttore Informatico) Arthur Money” e invitava Lay “a partecipare alla Segreteria alla Difesa presso l’Highlands Forum”, che O’Neill ha descritto come “un gruppo multidisciplinare di eminenti studiosi, ricercatori, CEO (n.d.T. Chief Executive Officer – Amministratore delegato) / CIO / CTO (n.d.T. Chief Technical Officer – Direttore Tecnico) dell’industria e leader dei media, delle materie umanistiche e delle professioni che si sono incontrati negli ultimi sei anni per esaminare le aree di interesse emergente per tutti noi”. Ha aggiunto che le sessioni del Forum includono “funzionari senior della Casa Bianca, della Difesa e di altre agenzie di governo (la partecipazione governativa è limitata a circa il 25%)”.

Ed ecco che O’Neill rivela che l’Highlands Forum del Pentagono stava fondamentalmente per esplorare non solo gli obiettivi del governo, ma anche gli interessi dei leader dell’industria partecipanti come Enron. Il Pentagono, continua O’Neill, voleva che Lay si impegnasse nella “ricerca di strategie di informazione e trasformazione del Dipartimento della Difesa (e del governo in generale)”, in particolare “dal punto di vista aziendale (trasformazione, produttività, vantaggio competitivo)”. Ha elogiato ampiamente Enron come “un notevole esempio di trasformazione in un settore altamente rigido e regolamentato, che ha creato un nuovo modello e nuovi mercati”.

O’Neill ha reso chiaro che il Pentagono ha voluto che Enron svolgesse un ruolo fondamentale nel futuro DoD, non solo nella creazione di una “strategia operativa con una superiorità delle informazioni”, ma anche in relazione all’ “enorme impresa globale di affari di DoD che può trarre vantaggio da molte delle migliori pratiche e idee dell’industria”.

“Abbiamo grande interesse per ENRON”, ha ribadito. “Quello che impariamo da voi può aiutare molto il Dipartimento della Difesa, in quanto agisce per costituire una nuova strategia. Spero che abbiate tempo, nel vostro fitto calendario d’impegni, per unirvi a noi in tutti gli Highlands Forum, ai quali potete partecipare e parlare con il gruppo”.

Quella riunione dell’Highlands Forum è stata presenziata da funzionari senior della Casa Bianca e dell’intelligence degli Stati Uniti, tra cui il vice direttore della CIA Joan A. Dempsey, che aveva precedentemente prestato servizio come segretario alla difesa per l’intelligence e nel 2003 è stato nominato da Bush come direttore esecutivo dell’Intelligence Estera del President’s Foreign Intelligence Advisory Board, e in tale ruolo ha elogiato l’ampia diffusione di informazioni da parte dell’NSA e dell’NGA dopo l’11 settembre. Ha continuato diventando vicepresidente esecutivo di Booz Allen Hamilton, un importante appaltatore del Pentagono in Iraq e in Afghanistan che, tra l’altro, ha creato il database della Coalition Provisional Authority, per tenere traccia di ciò che ora sappiamo erano progetti di ricostruzione altamente corrotti in Iraq.

La relazione di Enron con il Pentagono era già in pieno svolgimento l’anno precedente. Thomas White, allora vicepresidente dei servizi energetici di Enron, aveva utilizzato le sue estese connessioni militari statunitensi per assicurare un accordo prototipo a Fort Hamilton per privatizzare l’alimentazione elettrica delle basi dell’esercito. Enron era l’unico offerente per l’affare. L’anno successivo, dopo che l’amministratore delegato di Enron era stato invitato all’Highlands Forum, White ha tenuto il suo primo discorso a giugno solo “due settimane dopo essere diventato segretario dell’Esercito”, dove ha “promesso di accelerare l’assegnazione di tali contratti”, assieme a un ulteriore “rapida privatizzazione” dei servizi energetici dell’esercito. “Potenzialmente, Enron avrebbe potuto trarre vantaggio dall’accelerazione dell’aggiudicazione dei contratti, come avrebbero potuto altri utenti che tentano di fare affari”, ha osservato USA Today.

Quel mese, su autorità del Segretario alla Difesa Donald Rumsfeld – che ha partecipato in modo significativo a Enron – il Pentagono di Bush ha invitato un altro dirigente di Enron e uno dei consiglieri finanziari esterni senior di Enron a partecipare a una ulteriore segreta sessione dell’Highlands Forum.

Un’email di Richard O’Neill del 22 giugno, ottenuta tramite Enron Corpus, ha dimostrato che Steven Kean, allora vice presidente esecutivo e capo dello staff di Enron, avrebbe dovuto fare lunedì 25 un’altra presentazione all’Highlands. “Ci stiamo avvicinando all’Highlands Forum sponsorizzato dal Segretario alla Difesa e attendiamo caldamente la Sua partecipazione”, ha scritto O’Neill, promettendo a Kean di essere “il punto centrale della discussione. L’esperienza di Enron è molto importante per noi, considerando seriamente il cambiamento di trasformazione del Dipartimento della Difesa”.

Steven Kean è ora presidente e COO (n.d.T. Chief Operating Officer – Direttore Operativo) (e amministratore delegato) di Kinder Morgan, una delle più grandi aziende energetiche del Nord America e importante sostenitore del progetto controverso del gasdotto Keystone XL.

Era prevista la partecipazione, alla stessa sessione dell’Highlands Forum con Kean, di Richard Foster, allora partner senior della consulenza finanziaria McKinsey. “Ho dato copie del nuovo libro di Dick Foster, Creative Destruction, al Vice Segretario alla Difesa e all’Assistente Segretario”, ha detto O’Neill nella sua email, “e il caso Enron che si delinea porta a una discussione importante. Intendiamo distribuire copie ai partecipanti al Forum”.

L’azienda di Foster, McKinsey, aveva fornito consulenza finanziaria strategica a Enron dalla metà degli anni ’80. Joe Skilling, che nel febbraio 2001 è diventato CEO di Enron mentre Kenneth Lay si trasferiva alla presidenza, era stato capo del business di consulenza energetica di McKinsey prima di entrare a Enron nel 1990.

McKinsey e poi il partner Richard Foster erano strettamente coinvolti nella realizzazione delle strategie di gestione finanziaria di Enron, erano responsabili della crescita rapida, ma fraudolenta, della società. Mentre McKinsey ha sempre negato di essere a conoscenza della precaria contabilità che ha portato alla fine di Enron, i documenti aziendali interni hanno dimostrato che Foster aveva partecipato a un comitato finanziario di Enron che si riuniva un mese prima della sessione dell’Highlands Forum, per discutere la “necessità di partenariati privati ​​esterni per aiutare a guidare la crescita rischiosa della società” -proprio le partnership di investimento responsabili del crollo di Enron.

I documenti di McKinsey hanno dimostrato che l’impresa è “pienamente consapevole dell’ampio utilizzo di fondi fuori bilancio di Enron”. Ben Chu, redattore di economia del The Independent, osserva che: “McKinsey ha pienamente approvato i metodi contabili dubbi”, che hanno portato all’inflazione della valutazione di mercato di Enron e “che hanno determinato che la società implodesse nel 2001”.

Foster stesso aveva infatti partecipato personalmente a sei riunioni del Consiglio di Enron dall’ottobre 2000 all’ottobre 2001. Tale periodo coincideva grosso modo con la crescente influenza di Enron sulle politiche energetiche dell’amministrazione Bush e con la pianificazione del Pentagono per l’Afghanistan e l’Iraq.

Sicuramente Foster era anche frequentatore regolare presso l’Highlands Forum del Pentagono – il suo profilo LinkedIn lo descrive come membro del Forum dal 2000, anno in cui ha aumentato l’impegno con Enron. Ha inoltre svolto una presentazione inaugurale all’Island Forum di Singapore nel 2002.

Il coinvolgimento di Enron nella Task Force Cheney Energy sembra essere legato alla pianificazione, avvenuta nel 2001, dell’amministrazione Bush per le invasioni dell’Afghanistan e dell’Iraq, motivate dal controllo del petrolio. Come rilevato dal Prof. Richard Falk, ex membro del consiglio di Human Rights Watch ed ex investigatore per l’ONU, Kenneth Lay di Enron “è stato il principale consulente riservato, che faceva affidamento al Vice Presidente Dick Cheney, durante il processo altamente riservato di stesura di una relazione che descrivesse la politica energetica, ampiamente considerata come elemento chiave nell’approccio statunitense alla politica estera in generale, e in particolare al mondo arabo”.

Gli incontri strettamente segreti tra dirigenti senior di Enron e funzionari governativi di alto livello degli Stati Uniti, per mezzo dell’Highlands Forum del Pentagono dal novembre 2000 al giugno 2001, hanno svolto un ruolo centrale nello stabilire e consolidare il legame sempre più simbiotico tra Enron e la pianificazione del Pentagono. Il ruolo del Forum era, come O’Neill ha sempre detto, operare come un laboratorio di idee per esplorare gli interessi reciproci dell’industria e del governo.

Enron e la pianificazione della guerra del Pentagono

Nel febbraio 2001, quando i dirigenti di Enron, incluso Kenneth Lay, hanno iniziato a partecipare d’intesa alla Task Force Cheney Energy, un documento classificato del National Security Council ha ordinato ai dipendenti della NSC di collaborare con la task force per la “fusione” di precedenti questioni distinte: “politiche operative nei confronti degli Stati canaglia” e “azioni riguardanti l’acquisizione di zone ricche di petrolio e di gas nuove ed esistenti”.

Secondo il segretario al tesoro di Bush, Paul O’Neill, citato da Ron Suskind in The Price of Loyalty (2004), i funzionari del governo hanno discusso dell’invasione dell’Iraq nella loro prima riunione dell’NSC e avevano anche preparato una mappa per l’occupazione post-bellica che segnava la spartizione dei campi petroliferi dell’Iraq. Il messaggio proveniente in quel momento dal Presidente Bush era che i funzionari dovevano “trovare un modo per farlo”.

I documenti della Task Force Cheney Energy ottenuti da Judicial Watch secondo il Freedom of Information, hanno rivelato che a marzo, con un notevole contributo dell’industria, la task force aveva preparato mappe dello Stato del Golfo e in particolare dei campi petroliferi iracheni, delle condutture e delle raffinerie, assieme ad un elenco intitolato “Foreign Suitors for Iraqi Oilfield Contracts”. Entro aprile, una relazione del think-tank commissionata da Cheney, sovrintesa dall’ex segretario di stato James Baker, riunita da un comitato dell’industria energetica e dagli esperti di sicurezza nazionale, ha invitato il governo degli Stati Uniti “a condurre immediatamente una revisione politica verso l’Iraq, comprese le valutazioni militari, energetiche, economiche e politico / diplomatiche”, per affrontare l’influenza destabilizzante dell’Iraq sui flussi di petrolio nei mercati globali. Il rapporto comprendeva le raccomandazioni del delegato dell’Highlands Forum e Presidente di Enron, Kenneth Lay.

Ma la Task Force Cheney Energy stava anche insistendo con i piani per l’Afghanistan che coinvolgevano Enron, avviati sotto Clinton. Fino alla fine degli anni ‘90, Enron ha lavorato con la società statunitense di energia Unocal, con sede in California, per sviluppare un gasdotto di petrolio e gas che avrebbe estratto le riserve del bacino del Caspio e portato petrolio e gas in Afghanistan, fornendo Pakistan, India e potenzialmente altri mercati. Il tentativo ha avuto la benedizione ufficiale dell’amministrazione Clinton, e successivamente dell’amministrazione Bush, che ha tenuto diversi incontri con i rappresentanti dei Talebani per negoziare i termini per l’affare del gasdotto nel 2001. I Talebani, la cui conquista dell’Afghanistan aveva ricevuto assistenza segreta sotto Clinton, avevano ricevuto il riconoscimento formale come governo legittimo dell’Afghanistan, in cambio di consentire l’installazione del gasdotto. Enron ha pagato 400 milioni di dollari per uno studio di fattibilità per il gasdotto, una gran parte dei quali è stata trasferita come tangente ai leader talebani e sono stati perfino assunti agenti facilitatori della CIA.

Poi nell’estate 2001, mentre funzionari di Enron erano in contatto con funzionari senior del Pentagono all’Highlands Forum, il National Security Council della Casa Bianca stava gestendo un “gruppo di lavoro” interdipartimentale, guidato da Rumsfeld e Cheney per aiutare a completare un progetto in corso in India, una centrale elettrica da 3 miliardi di dollari a Dabhol. L’impianto era destinato a ricevere l’energia dal gasdotto trans-afghano. Il National Security Council dell’NSC, presieduto dal consulente per la sicurezza nazionale di Bush, Condoleeza Rice, ha generato una serie di tattiche per rafforzare la pressione del governo americano sull’India per completare l’impianto di Dabhol, in modo continuativo fin dall’inizio di novembre. Il progetto Dabhol e il gasdotto trans-afghano erano di gran lunga l’affare più redditizio di Enron all’estero.

Nel corso del 2001, funzionari di Enron, incluso Ken Lay, hanno partecipato all’Energy Task Force di Cheney, assieme a rappresentanti del settore energetico statunitense. A partire da febbraio, poco dopo l’entrata in carica dell’amministrazione Bush, Enron è stata coinvolta in sei meeting dell’Energy Task Force. Dopo una di queste riunioni segrete, una bozza per l’energia è stata modificata per includere una nuova disposizione che proponesse di aumentare notevolmente la produzione di petrolio e gas naturale in India, in modo che si applicasse solo alla centrale elettrica di Dabhol di Enron. In altre parole, assicurare che il flusso di gas a basso costo verso l’India attraverso il gasdotto trans-afghano fosse ora una questione della ‘sicurezza nazionale statunitense’.

Dopo quasi due mesi, l’amministrazione Bush ha dato ai Talebani 43 milioni di dollari, giustificati dalla repressione della produzione di oppio, nonostante le sanzioni delle Nazioni Unite imposte dagli Stati Uniti impedissero l’aiuto al gruppo per non aver consegnato Osama bin Laden.

Poi nel giugno 2001, nello stesso mese in cui il vicepresidente esecutivo di Enron Steve Kean ha partecipato all’Highlands Forum del Pentagono, le speranze della società per il progetto Dabhol sono state interrotte quando il gasdotto trans-afghano non si è concretizzato e, di conseguenza, la costruzione dell’impianto di Dabhol è stata bloccata. Il fallimento del progetto da 3 miliardi di dollari ha contribuito al fallimento di Enron nel mese di dicembre. Quel mese, funzionari di Enron hanno incontrato il segretario al commercio di Bush, Donald Evans, per parlare dell’impianto e Cheney ha fatto manovre di corridoio con il principale partito di opposizione indiano sul progetto Dhabol. Ken Lay ha anche riferito di aver contattato l’amministrazione Bush circa in questo periodo, per informare i funzionari sui problemi finanziari dell’impresa.

A partire dal mese di agosto, disperati per la rescissione dell’accordo, i funzionari statunitensi hanno minacciato i rappresentanti dei Talebani di muovere guerra se avessero rifiutato di accettare i termini americani: cioè cessare la lotta e unirsi in un’alleanza federale con l’Alleanza settentrionale d’opposizione e rinunciare alle richieste di consumo locale di gas. Il 15 di quel mese, il lobbista di Enron Pat Shortridge ha riportato all’allora consigliere economico della Casa Bianca Robert McNally che Enron si stava dirigendo verso una fusione finanziaria che avrebbe paralizzato i mercati energetici del Paese.

L’amministrazione Bush ha dovuto anticipare il rifiuto dell’accordo da parte dei Talebani, perché aveva pianificato una guerra in Afghanistan già da luglio. Secondo l’allora Ministro degli esteri pakistano Niaz Naik, che aveva partecipato ai negoziati tra gli Stati Uniti e i Talebani, i funzionari statunitensi gli avevano detto che avevano intenzione di invadere l’Afghanistan a metà ottobre 2001. Non appena la guerra è iniziata l’ambasciatore di Bush in Pakistan, Wendy Chamberlain, ha chiamato il Ministro pakistano del petrolio Usman Aminuddin, per discutere “la proposta di progetto di gasdotto Turkmenistan-Afghanistan-Pakistan”, secondo il Frontier Post, un giornale pakistano in lingua inglese. Secondo quanto riferito, sono stati concordi, poiché il “progetto apre nuovi percorsi di cooperazione regionale multidimensionale in previsione soprattutto dei recenti sviluppi geo-politici nella zona”.

Due giorni prima dell’11 settembre, Condoleeza Rice ha ricevuto la bozza di una National Security Presidential Directive formale che Bush doveva firmare immediatamente. La direttiva conteneva un piano esauriente per lanciare una guerra globale contro Al-Qaeda, inclusa l’invasione “imminente” dell’Afghanistan per abbattere i Talebani. La direttiva è stata approvata dai più alti livelli della Casa Bianca e da funzionari del National Security Council, inclusi naturalmente Rice e Rumsfeld. Gli stessi funzionari dell’NSC hanno simultaneamente diretto il gruppo di lavoro Dhabol per assicurare l’affare inerente la centrale elettrica e per il progetto di gasdotto trans-afghano di Enron. Il giorno dopo, un giorno prima dell’11 settembre, l’amministrazione Bush formalmente concordava sul piano di attacco ai Talebani.

Il legame di fondo dell’Highlands Forum del Pentagono con gli interessi coinvolti in tutto questo, mostra che non valevano solo per l’amministrazione Bush: per questo motivo, mentre Obama si stava preparando ad allontanare le truppe dall’Afghanistan, ha ribadito il sostegno del suo governo al progetto di gasdotto trans-afghano e il suo desiderio che venisse costruito da una ditta americana.

Il faccendiere della propaganda del Pentagono

Durante questo periodo, la guerra d’informazione ha svolto un ruolo centrale nello stimolare il sostegno pubblico per la guerra e l’Highlands Forum ha aperto la strada.

Nel dicembre 2000, poco meno di un anno prima dell’11 settembre e poco dopo la vittoria elettorale di George W. Bush, i membri chiave del Forum avevano partecipato a un evento presso la Carnegie Endowment for Peace International per esplorare “l’impatto della rivoluzione informatica, della globalizzazione e della fine della guerra fredda sul processo di produzione estera degli Stati Uniti”. Invece di proporre “riforme incrementali”, la riunione era intesa per i partecipanti “per costruire da zero un nuovo modello che sia ottimizzato per le proprietà specifiche del nuovo ambiente globale”.

Tra le questioni evidenziate nella riunione vi era la “Rivoluzione del controllo globale”: la natura “distribuita” della rivoluzione informatica stava modificando “le dinamiche chiave della politica mondiale, sfidando il primato degli Stati e delle relazioni inter-statali”. Ciò consisteva “nel creare nuove sfide alla sicurezza nazionale, riducendo la capacità degli Stati leader di controllare i dibattiti politici globali, sfidando l’efficacia delle politiche economiche nazionali ecc”.

In altre parole, come può il Pentagono trovare il modo per sfruttare la rivoluzione dell’informazione per “controllare i dibattiti politici globali”, in particolare sulle “politiche economiche nazionali”?
L’incontro è stato co-presentato da Jamie Metzl, che al momento prestava servizio al National Security Councildi Bill Clinton, dove aveva appena guidato la redazione della Presidential Decision Directive 68  di Clinton sulle informazioni internazionali pubbliche (n.d.T. IPI – International Public Information), un nuovo piano pluriennale per coordinare la diffusione all’estero delle informazioni pubbliche degli Stati Uniti. Metzl ha continuato a coordinare l’IPI presso il Dipartimento di Stato.

L’anno precedente, un funzionario senior di Clinton ha rivelato al Washington Times che l’IPI di Metzl era veramente mirato a “trasformare il pubblico americano” ed “era emerso dalla preoccupazione che il pubblico americano si potesse rifiutare di sostenere la politica estera del Presidente Clinton”. L’IPI avrebbe piazzato notizie favorevoli agli interessi statunitensi per mezzo della TV, stampa, radio e altri media all’estero, sperando che sarebbero state acquisite nei media americani. Il pretesto era che “in patria la copertura delle notizie è distorta e si deve combatterla a tutti i costi, utilizzando risorse che mirano a trasformare la notizia”. Metzl ha gestito le operazioni di propaganda d’oltremare dell’IPI per l’Iraq e il Kosovo.

Tra gli altri partecipanti alla riunione di Carnegie nel dicembre 2000 vi erano due membri fondatori dell’Highlands Forum, Richard O’Neill e Jeff Cooper di SAIC – assieme a Paul Wolfowitz, un altro accolito di Andrew Marshall, che stava per unirsi all’amministrazione entrante di Bush come vice segretario alla difesa di Rumsfeld. Era anche presente una figura che presto è diventata particolarmente nota nella propaganda relativa all’Afghanistan e alla Guerra in Iraq del 2003: John W. Rendon Jr., Presidente fondatore di The Rendon Group (TRG) e membro di lunga data dell’Highlands Forum del Pentagono.

John Rendon (a destra) all’Highlands Forum, accompagnato dal presentatore della BBC Nik Gowing (a sinistra) e Jeff Jonas, ingegnere capo di Entity Analytics di IBM (in mezzo)

John Rendon (a destra) al Highlands Forum, accompagnato dall’ancora BBC Nik Gowing (a sinistra) e Jeff Jonas, ingegnere capo dell’IBM Entity Analytics (al centro).

TRG è una nota azienda di comunicazione che è stata appaltatrice del governo americano per decenni. Rendon ha svolto un ruolo fondamentale nell’eseguire le campagne di propaganda del Dipartimento di Stato in Iraq e in Kosovo, sotto Clinton e Metzl. Ciò include la concessione di una sovvenzione del Pentagono per l’esecuzione di un sito web di notizie, il Balkans Information Exchange e l’US Agency for International Development (USAID) per promuovere la “privatizzazione”.

Il ruolo centrale di Rendon nell’aiutare l’amministrazione Bush ad accrescere la minaccia inesistente delle armi di distruzione di massa (n.d.T. WMD – weapons of mass destruction) per giustificare l’invasione militare statunitense è ormai ben nota. Come James Bamford ha esposto benissimo nella sua indagine influente su Rolling Stone, Rendon ha svolto un ruolo determinante per conto dell’amministrazione Bush nell’implementazione della “gestione della percezione”, in modo da “creare le condizioni per la rimozione di Hussein dal potere”, secondo i contratti da svariati milioni del Pentagono.

Tra le attività di Rendon vi era la creazione del Congresso Nazionale Iracheno (CNI) di Ahmed Chalabi per conto della CIA, un gruppo di esuli iracheni incaricati di diffondere la propaganda, tra cui gran parte relativa alla falsa intelligence sulle armi di distruzione di massa. Quel processo era iniziato in modo concertato sotto l’amministrazione di George H. W. Bush, poi smascherato sotto Clinton con una certa ostentazione, prima di intensificarsi dopo l’11 settembre sotto George W. Bush. Rendon ha quindi svolto un ruolo importante nella produzione di notizie false e inaccurate riguardanti l’Iraq,sotto contratti lucrosi della CIA e del Pentagono – e lo ha fatto nel periodo precedente all’invasione del 2003 come consulente del National Security Council di Bush: lo stesso NSC, ovviamente, aveva previsto che le invasioni dell’Afghanistan e dell’Iraq fossero realizzate con l’input dei dirigenti di Enron, che avevano contemporaneamente coinvolto l’Highlands Forum del Pentagono.

Ma questa è la punta dell’iceberg. Documenti non classificati mostrano che l’Highlands Forum è stato strettamente coinvolto nei processi segreti tramite i quali i funzionari chiave hanno architettato la via verso la guerra contro l’Iraq, in base alla guerra d’informazione.

Una relazione del 2007 redatta dall’Ispettore generale del DoD rivela che uno degli appaltatori utilizzati ampiamente dall’Highlands Forum del Pentagono, durante e dopo la guerra in Iraq, non era altro che The Rendon Group. TRG è stato messo sotto contratto dal Pentagono per organizzare sessioni del Forum, determinare i temi da discutere, nonché convocare e coordinare le riunioni del Forum. L’inchiesta dell’Ispettore Generale era stata indotta dalle accuse sollevate nel Congresso sul ruolo di Rendon nel manipolare le informazioni per giustificare l’invasione e l’occupazione dell’Iraq del 2003. Secondo il rapporto dell’Ispettore Generale:

“… il Vice Segretario alla Difesa per le reti e l’integrazione delle informazioni / Chief Information Officer ha impiegato TRG per condurre forum che fanno appello a un gruppo interdisciplinare di leader a livello nazionale. I forum erano formati da piccoli gruppi che discutevano sulle informazioni e tecnologie e in merito ai loro effetti sui processi scientifici, organizzativi e aziendali, le relazioni internazionali, l’economia e la sicurezza nazionale. TRG ha inoltre condotto un programma di ricerca e interviste per formulare e sviluppare argomenti per il focus group dell’Highlands Forum. L’Ufficio dell’Assistente Segretario alla Difesa per le Reti e l’Integrazione delle Informazioni avrebbe approvato i temi, e TRG avrebbe agevolato le riunioni”.

TRG, il braccio privato della propaganda del Pentagono, ha quindi svolto un ruolo centrale, nel vero senso della parola, nella gestione dell’Highlands Forum del Pentagono che ha riunito funzionari di alto livello con dirigenti dell’industria per generare la strategia di guerra dell’informazione del DoD.

L’indagine interna del Pentagono ha assolto Rendon per qualsiasi illecito. Ma ciò non sorprende, dato il conflitto di interessi in gioco: l’allora Ispettore Generale era Claude M. Kicklighter, un nominato da Bush che aveva supervisionato direttamente le operazioni militari chiave dell’amministrazione. Nel 2003 è stato direttore del Iraq Transition Teamdel Pentagono e l’anno successivo è stato nominato al Dipartimento di Stato come consulente speciale per le operazioni di stabilizzazione e sicurezza in Iraq e Afghanistan.

Il nesso di sorveglianza-propaganda

Ancora più rivelatori, i documenti del Pentagono ottenuti da Bamford per l’articolo su Rolling Stone hanno mostrato che a Rendon era stato concesso l’accesso ai dati di sorveglianza top-secret dell’NSA, per svolgere il suo lavoro per conto del Pentagono. TRG, come i documenti del DoD riportavano, è autorizzato “a ricercare e analizzare informazioni classificate fino a Top Secret / SCI / SI / TK / G / HCS”.

“SCI” ​​significa Sensitive Compartmented Information, dati classificati a livello superiore rispetto a quelli Top Secret, mentre “SI”designa Special Intelligence, cioè comunicazioni molto segrete intercettate dall’NSA. “TK” si riferisce a Talent / Keyhole, nomi in codice per immagini da aeromobili di ricognizione e satelliti spia, mentre “G”sta per Gamma, che comprende intercettazioni di comunicazione da sorgenti estremamente sensibili e “HCS” significa Humint Control System – informazioni provenienti da fonte umana riservata. Dalle parole di Bamford:

“Considerati insieme, gli acronimi indicano che Rendon gode dell’accesso alle informazioni più segrete di tutte e tre le forme di raccolta d’intelligence: le intercettazioni, immagini da satelliti e le spie umane”.

Quindi il Pentagono aveva:

  1. messo sotto contratto Rendon, una società di propaganda;
  2. dato accesso a Rendon alle informazioni più classificate della comunità di intelligence, inclusi i dati provenienti dalla sorveglianza dell’NSA;
  3. ordinato a Rendon di agevolare lo sviluppo della strategia di gestione delle informazioni da parte del DoD, eseguendo la prassi dell’Highlands Forum;
  4. e ulteriormente, ordinato a Rendon di sorvegliare l’esecuzione concreta di questa strategia sviluppata per mezzo della prassi dell’Highlands Forum, in operazioni di informazione in tutto il mondo, in Iraq, in Afghanistan e oltre.

L’amministratore delegato di TRG, John Rendon, rimane strettamente coinvolto all’Highlands Forum del Pentagono e alle continue operazioni di informazione del DoD nel mondo musulmano. La sua biografia del novembre 2014 per il corso “Emerging Leaders” dell’Harvard Kennedy School lo descrive come “un partecipante a organizzazioni lungimiranti come l’Highlands Forum”, “uno dei primi leader di pensiero nello sfruttare il potere delle tecnologie emergenti a sostegno della gestione dell’informazione in tempo reale”e un esperto“dell’impatto delle tecnologie dell’informazione emergenti sul pensiero e comportamento delle popolazioni”. La carriera accademica ad Harvard di Rendon gli attribuisce anche la creazione e l’esecuzione di “iniziative di comunicazione strategica e programmi di informazione relativi alle operazioni Odyssey Dawn (Libia), Unified Protector (Libia), Global War on Terrorism (GWOT), Iraqi Freedom, Enduring Freedom (Afghanistan), Allied Force and Joint Guardian (Kosovo), Desert Shield, Desert Storm (Kuwait), Just Cause (Panama), tra le altre”.

Anche il lavoro di Rendon sulla gestione delle percezioni e le operazioni di informazione ha “aiutato diversi interventi militari statunitensi” altrove, oltre a eseguire operazioni di informazione statunitense in Argentina, Colombia, Haiti e Zimbabwe –in realtà un totale di 99 Paesi. Come ex direttore esecutivo e direttore politico nazionale del Partito Democratico, John Rendon rimane una figura potente a Washington sotto l’amministrazione di Obama.

I documenti del Pentagono dimostrano che TRG ha ricevuto, dal 2000, oltre 100 milioni di dollari dal DoD. Nel 2009 il governo degli Stati Uniti ha annullato il contratto di “comunicazioni strategiche” con TRG, dopo la rivelazione che veniva utilizzato per eliminare i giornalisti che avrebbero scritto articoli dal tono negativo sulle forze armate statunitensi in Afghanistan, e per promuovere solamente i giornalisti solidali con la politica statunitense. Eppure nel 2010 l’amministrazione Obama ha messo Rendon di nuovo sotto contratto per fornire servizi per il “sotterfugio militare” in Iraq.

Da allora, TRG ha fornito consulenza all’US Army’s Training and Doctrine Command, al Special Operations Command, ed è ancora sotto contratto presso l’Ufficio del Segretario alla Difesa, l’US Army’s Communications Electronic Command, oltre a fornire “supporto alla comunicazione” per il Pentagono e le ambasciate statunitensi sulle operazioni anti narcotici.

TRG si vanta inoltre sul suo sito web di fornire “Supporto di guerra irregolare”, incluso “supporto operativo e di pianificazione” che “aiuta il nostro governo e i committenti militari a sviluppare nuovi approcci per contrastare ed erodere il potere, l’influenza e la volontà di un avversario”. Gran parte di questo supporto è stato perfettamente affinato, negli ultimi dieci anni o più, all’interno dell’Highlands Forum del Pentagono.

Guerra irregolare e pseudo-terrorismo

Il collegamento stretto dell’Highlands Forum del Pentagono, per mezzo di Rendon, alle operazioni propagandistiche perseguite sotto Bush e Obama a sostegno della “lunga guerra”, dimostrano il ruolo integrale della sorveglianza di massa sia nella guerra irregolare che nelle ‘comunicazioni strategiche’.

Uno dei principali sostenitori di entrambi è il Prof. John Arquilla della Naval Postgraduate School, il rinomato analista della difesa statunitense al quale viene attribuito lo sviluppo del concetto “netwar”, che oggi apertamente promuove la necessità di sorveglianza di massa e la massiccia estrazione dati per sostenere operazioni di prevenzione, al fine d’impedire le trame terroristiche. E quindi Arquilla è un altro “membro fondatore” dell’Highlands Forum del Pentagono.

Gran parte del suo lavoro sull’idea di ‘guerra in rete’, ‘deterrenza in rete’, ‘guerra d’informazione’ e ‘swarming’, in gran parte prodotta per RAND sotto contratto del Pentagono, è stata incubata dal Forum durante i suoi primi anni ed è divenuta quindi parte integrante della Strategia del Pentagono. Ad esempio, nello studio per RAND del 1999 realizzato da Arquilla, The Emergence of Noopolitik: Toward an American Information Strategy, lui e il suo coautore David Ronfeldt esprimono la loro gratitudine a Richard O’Neill “per il suo interesse, sostegno e guida” e “ai membri dell’Highlands Forum” per i loro commenti sulla progressione dello studio. Gran parte del suo lavoro per RAND è ascrivibile all’Highlands Forum e a O’Neill per il loro sostegno.

Il Prof. John Arquilla della Naval Postgraduate Schoole membro fondatore dell’Highlands Forum del Pentagono

Il prof. John Arquilla della Scuola post-laurea navale e membro fondatore del Pentagono Highlands Forum.

Il lavoro di Arquilla è stato menzionato in uno studio del 2006 della National Academy sul futuro della scienza in rete, commissionato dall’esercito americano, le cui basi della ricerca sono: “I progressi delle tecnologie informatiche e delle telecomunicazioni consentono alle reti sociali di facilitare le affiliazioni di gruppo, tra cui le reti terroristiche”. Lo studio ha fuso i rischi del terrore e dei gruppi di attivisti: “Le implicazioni di questo fatto per le reti criminali, terroristiche, di protesta e di insurrezione sono state esplorate da Arquilla e Ronfeldt (2001) e sono argomento comune di discussione da parte di gruppi come l’Highlands Forum, e si percepisce che gli Stati Uniti sono estremamente vulnerabili all’interruzione di reti essenziali”. Arquilla ha continuato a contribuire a sviluppare strategie di guerra delle informazioni “per le campagne militari in Kosovo, Afghanistan e Iraq”, secondo lo storico militare Benjamin Shearer nel suo dizionario biografico, Home Front Heroes (2007), ancora una volta illustra il ruolo diretto di alcuni membri chiave del Forum, nell’esecuzione delle operazioni di informazione del Pentagono nei teatri di guerra.

La dottoressa Amy Zalman, ex stratega SAIC, è CEO della World Futures Society ed esperta di comunicazioni strategiche in guerre irregolari.

Nella sua indagine del 2005 per il New Yorker, il Premio Pulitzer Seymour Hersh ha fatto riferimento a una serie di articoli di Arquilla, che elaboravano una nuova strategia per “combattere il terrore” con il pseudo terrore. “Ci vuole una rete per combattere una rete”, ha detto Arquilla, attingendo alla tesi che lui promuoveva nel Pentagono per mezzo dell’Highlands Forum, sin dalla sua fondazione:

“Quando le operazioni militari convenzionali e i bombardamenti non sono riuscite a sconfiggere l’insurrezione dei Mau Mau, negli anni ’50, in Kenia, i Britannici hanno formato squadre con membri di tribù amiche Kikuyu che si atteggiavano da terroristi. Queste ‘pseudo-bande’, come sono state chiamate, hanno messo rapidamente i Mau Mau sulla difensiva, sia facendosi amici poi imboscandosi con bande di combattenti o guidando gli attentatori ai campi dei terroristi”.

Arquilla ha continuato a sostenere che i servizi di intelligence occidentali dovrebbero utilizzare il caso britannico come modello per la creazione di nuovi gruppi terroristici, “pseudo-bande”, come modo per sconvolgere le reti “reali” del terrore:

“Ciò che ha funzionato in Kenya mezzo secolo fa ha una meravigliosa possibilità per minare la fiducia e il reclutamento tra le reti attuali del terrore. La costituzione di nuove pseudo-bande non dovrebbe essere difficile”.

In sostanza, il ragionamento di Arquilla era che, poiché solo le reti possono combattere le reti, l’unico modo per sconfiggere i nemici che conducono la guerra irregolare è utilizzare tecniche di guerra irregolare contro di loro. Infine, il fattore determinante nella vittoria non è la sconfitta militare convenzionale di per sé, ma la misura in cui la direzione del conflitto può essere calibrata per influenzare la popolazione e mobilitare la loro opposizione nei confronti dell’avversario. La strategia delle ‘pseudo-bande’ di Arquilla era, come riportato da Hersh, già attuata dal Pentagono:

“Secondo il nuovo approccio di Rumsfeld, mi è stato detto che gli operatori militari americani all’estero sarebbero autorizzati a fingere di essere uomini d’affari stranieri corrotti che cercano di acquistare oggetti di contrabbando, che potrebbero essere utilizzati nei sistemi di armi nucleari. In alcuni casi, secondo i consiglieri del Pentagono, i cittadini locali potrebbero essere reclutati e potrebbe essere chiesto a loro di unirsi ai guerriglieri o ai terroristi …

Le nuove regole permetteranno alla comunità delle Forze Speciali di istituire ciò che si definisce ‘squadre di azione’ nei Paesi target all’estero, che possono essere impiegate per individuare ed eliminare le organizzazioni terroristiche. ‘Si ricorda delle squadre di fucilazione di destra in El Salvador?’ mi ha chiesto un ex funzionario di intelligence di alto livello, riferendosi alle bande armate guidate dall’esercito che avevano commesso atrocità agli inizi degli anni ’80. ‘Le abbiamo istituite e le abbiamo finanziate’, ha detto. ‘L’obiettivo ora è reclutare la gente del posto in qualsiasi zona vogliamo. E non vogliamo riferirlo al Congresso’. Un ex ufficiale militare, che è a conoscenza delle capacità di commando del Pentagono, ha detto: ‘Staremo dalla parte dei cattivi’”.

È confermato ufficialmente che questa strategia è ormai operativa, per il fatto che è trapelato un manuale di campo delle operazioni speciali dell’esercito americano del 2008. Le forze armate statunitensi, secondo il manuale, possono condurre guerre irregolari e non convenzionali usando gruppi surrogati non statali come “forze paramilitari, individui, imprese, organizzazioni politiche straniere, organizzazioni resistenti o insorte, espatriati, avversari terroristici transnazionali, membri disillusi del terrorismo transnazionale, contrabbandieri e altri ‘indesiderati’ sociali o politici”. In modo clamoroso, il manuale ha specificamente fatto riconoscere che le operazioni speciali statunitensi possono implicare sia l’antiterrorismo che il “terrorismo”, così anche: “Attività criminali transnazionali, tra cui il narcotraffico, le operazioni e le transazioni finanziarie illegali”. Lo scopo di tali operazioni segrete è, in sostanza, il controllo della popolazione –si “concentrano specificamente sullo sfruttamento di una parte della popolazione indigena, affinché accetti lo status quo” o accetti “qualsiasi risultato politico” che viene imposto o negoziato.

Secondo questa logica contorta il terrorismo può, in alcuni casi, essere definito come strumento legittimo della politica americana per influenzare le popolazioni, affinché accolgano un particolare “risultato politico” – tutto in nome della lotta al terrorismo.

Questo è ciò che il Pentagono faceva, coordinando quasi 1 miliardo di dollari di finanziamenti provenienti dai regimi del Golfo e destinati ai ribelli anti Assad, la maggioranza dei quali, secondo le valutazioni classificate della CIA, è finita nelle casse di violenti estremisti islamisti legati ad Al-Qaeda, che hanno continuato a generare lo “Stato Islamico”?

La motivazione per la nuova strategia è stata ufficialmente presentata in un briefing del mese di agosto 2002 per il Defense Science Board del Pentagono, che ha sostenuto la creazione di un ‘Proactive, Preemptive Operations Group‘ (P2OG) all’interno del National Security Council. Il Comitato ha proposto il P2OG, che deve condurre operazioni clandestine per infiltrarsi e “sollecitare le reazioni” tra le reti terroristiche per incitarle all’azione e pertanto agevolare il loro targeting.
La Defense Science Board è, come altre agenzie del Pentagono, strettamente legata all’Highlands Forum, il cui lavoro si alimenta della ricerca del comitato, che a sua volta viene presentato regolarmente al Forum.

Secondo le fonti di intelligence americane che hanno parlato con Hersh, Rumsfeld aveva assicurato che il nuovo brand di operazioni oscure sarebbe stato condotto interamente sotto la giurisdizione del Pentagono, difeso dalla CIA e dai comandanti militari di zona statunitensi ed eseguita con il proprio comando segreto delle operazioni speciali. Quella catena di comando avrebbe incluso, oltre al segretario alla difesa, due suoi secondi, compreso il sottosegretario alla difesa per l’intelligence: la posizione che sovrintende l’Highlands Forum.

Comunicazioni strategiche: propaganda di guerra in patria e all’estero

All’interno dell’Highlands Forum, le tecniche per le operazioni speciali esplorate da Arquilla sono state riprese da molti altri, in direzioni sempre più focalizzate sulla propaganda – tra i quali, la Dr.ssa Lochard, come visto in precedenza, e anche la Dr.ssa Amy Zalman, che si concentra in particolare sull’idea che le forze armate statunitensi facciano utilizzo di “discorsi strategici” per influenzare l’opinione pubblica e vincere le guerre.

Come il suo collega, membro fondatore dell’Highlands Forum Jeff Cooper, Zalman è stata formata nelle viscere di SAIC / Leidos. Dal 2007 al 2012 è stata stratega senior di SAIC, prima di diventare Presidente del Department of Defense Information Integration presso l’US Army’s National War College, dove si è concentrata sull’ottimizzazione della propaganda per carpire risposte precise e desiderate dai gruppi target, basate sulla completa comprensione di tali gruppi. A partire dall’estate dello scorso anno, è diventata CEO della World Futures Society.

La Dr.ssa Amy Zalman, ex stratega di SAIC, è CEO della World Futures Society e delegata da lungo tempo per la consultazione con il governo degli Stati Uniti sulle comunicazioni strategiche in guerre irregolari, presso l’Highlands Forum del Pentagono

Nel 2005, lo stesso anno in cui Hersh ha riferito che era in corso la strategia del Pentagono per “stimolare le reazioni” tra i terroristi provocandole, Zalman ha tenuto un briefing all’Highlands Forum del Pentagono intitolato “In Support of a Narrative Theory Approach to US Strategic Communication”. Da allora, Zalman è stata un delegato dell’Highlands Forum per lungo tempo e ha presentato il suo lavoro sulle comunicazioni strategiche a una vasta gamma di agenzie governative statunitensi, ai forum della NATO, e ha tenuto corsi di guerra irregolare ai soldati presso l’US Joint Special Operations University.

Il suo briefing all’Highlands Forum del 2005 non è disponibile al pubblico, ma la spinta degli input di Zalman nella componente informativa delle strategie speciali del Pentagono può essere attinta da alcuni lavori pubblicati. Nel 2010, quando era ancora unita a SAIC, il suo documento per la NATO aveva rilevato che una componente chiave della guerra irregolare è “vincere un certo grado di sostegno emotivo della popolazione influenzando le percezioni soggettive”. Ha sostenuto che il modo migliore per ottenere tale influenza va ben oltre le tecniche di propaganda tradizionale e di messaggistica. Senza dubbio, gli analisti devono “mettersi nei panni delle persone sotto osservazione”.

Zalman ha diffuso un altro documento nello stesso anno tramite l’IO Journal, pubblicato dall’ Information Operations Institute, che si definisce “gruppo d’interesse speciale” dell’Association of Old Crows. Quest’ultima è un’associazione professionale per teorici e praticanti di operazioni di guerra elettronica e operazioni d’informazione, presieduta da Kenneth Israel, vicepresidente di Lockheed Martin, ed è stata vicepresieduta da David Himes, che si è ritirato l’anno scorso dalla sua posizione di consigliere senior per l’US Air Force Research Laboratory nell’ambito della guerra elettronica.

In questo documento, intitolato “Narrative as an Influence Factor in Information Operations”, Zalman lamenta che l’esercito statunitense “ha trovato difficoltà a creare narrazioni avvincenti – o notizie – o nell’esprimere i propri obiettivi strategici o per comunicare in situazioni discrete, come le morti di civili”. Alla fine, conclude che “il problema complesso delle morti di civili” dovrebbe essere affrontato non solo con “scuse e risarcimenti” – che in ogni caso si verifica a malapena – ma propagando narrazioni che ritraggono personaggi alle quali il pubblico si collega (in questo caso ‘il pubblico’ sono le ‘popolazioni in zone di guerra’). Ciò serve per agevolare il pubblico, affinché risolva le lotte in modo “positivo”, definito naturalmente dagli interessi militari statunitensi. L’impegno emotivo, in questo modo, con i “sopravvissuti di quei morti” dell’azione militare statunitense potrebbe “essere una forma di influenza empatica”. Ovunque nel documento, Zalman non è in grado di mettere in discussione la legittimità degli obiettivi strategici statunitensi o di riconoscere che l’impatto di tali scopi nell’aumento delle morti di civili, è proprio la questione che deve cambiare – al contrario del modo in cui sono ideologicamente inquadrati per le popolazioni sottoposte all’azione militare.

“L’empatia”, in questo caso, è solo uno strumento per manipolare.

Zalman ha scritto nel 2012 un articolo per The Globalist, che cercava di dimostrare come doveva essere superata la rigida delineazione di “hard power” e “soft power”, riconoscendo che l’uso della forza richiede il giusto effetto simbolico e culturale per garantire il successo:

“Fintanto che la difesa e la diplomazia economica rimangono in una scatola con etichetta “hard power”, non si riesce a vedere quanto il loro successo si basa sui loro effetti simbolici, nonché su quelli materiali. Fintanto che gli sforzi diplomatici e culturali sono conservati in una scatola contrassegnata “soft power”, non si riescono a vedere i modi in cui possono essere usati coercitivamente o per produrre effetti simili a quelli della violenza”.

Data la forte partecipazione di SAIC all’Highlands Forum del Pentagono, e tramite esso lo sviluppo di strategie di informazione sulla sorveglianza, la guerra irregolare e la propaganda, non è sorprendente che SAIC fosse l’altra azienda chiave per la difesa privata, impegnata a generare propaganda in vista della Guerra in Iraq nel 2003, assieme a TRG.

“I dirigenti di SAIC sono stati coinvolti in tutte le fasi della guerra in Iraq”, ha riferito sarcasticamente Vanity Fair, in termini di diffusione deliberata di false affermazioni sulle armi di distruzione di massa e poi indagando il “fallimento dell’intelligence”, circa le false affermazioni delle armi di distruzione di massa. David Kay, ad esempio, assunto dalla CIA nel 2003 come capo dell’Iraq Survey Groupper dare la caccia alle armi di distruzione di massa di Saddam, è stato fino all’ottobre 2002 vice presidente senior di SAIC e insisteva “con la minaccia rappresentata dall’Iraq”, secondo il contratto del Pentagono. Quando le armi di distruzione di massa non sono emerse, la commissione del Presidente Bush per indagare questo fallimento dell’intelligence degli Stati Uniti includeva tre dirigenti SAIC, tra i quali Jeffrey Cooper, membro fondatore dell’Highlands Forum. Proprio nell’anno in cui Kay è stato nominato per l’Iraq Survey Group, il Segretario alla Difesa di Clinton,William Perry, – l’uomo sotto i cui ordini è stato istituito l’Highlands Forum – è entrato a far parte del consiglio di amministrazione di SAIC. L’inchiesta di Cooper ha fatto in modo che l’amministrazione Bush se la cavasse nell’ideazione della propaganda per legittimare la guerra – prevedibilmente, dato il ruolo essenziale di Cooper nella stessa rete del Pentagono che ha prodotto quella propaganda.

SAIC è stata anche tra i molti appaltatori che hanno tratto un buon vantaggio dalle operazioni di ricostruzione in Iraq e sono stati messi di nuovo sotto contratto dopo la guerra, per promuovere le narrazioni pro-USA all’estero. Analogamente al lavoro di Rendon, l’idea era che le storie piazzate all’estero sarebbero state raccolte dai media statunitensi per il consumo in patria.

Delegati al 46° Highlands Forum del Pentagono nel dicembre 2011, da destra a sinistra: John Seely Brown, scienziato capo / direttore di Xerox PARC dal 1990-2002 e uno dei primi membri del consiglio di amministrazione di In-Q-Tel; Ann Pendleton-Jullian, coautrice con Brown del manoscritto, Design Unbound; Antonio e Hanna Damasio, rispettivamente neurologo e neurobiologa, che fanno parte di un progetto finanziato dal DARPA sulla propaganda

Delegati al 46 ° Highlands Forum del Pentagono nel dicembre 2011, da destra a sinistra: John Seely Brown, chief scientist / director di Xerox PARC del 1990-2002 e membro di un primo consiglio di In-Q-Tel; Ann Pendleton-Jullian, co-autore con Brown di un manoscritto; Antonio e Hanna Damasio, un neurologo e un neurobiologo rispettivamente, che fanno parte di un progetto finanziato da DARPA sulla propaganda.

Ma la promozione di tecniche avanzate di propaganda dell’Highlands Forum del Pentagono non è esclusiva dei delegati di lunga data come Rendon e Zalman. Nel 2011 il Forum ha ospitato due scienziati finanziati dal DARPA, Antonio e Hanna Damasio, ricercatori principali del progetto ‘Neurobiology of Narrative Framing’ dell’Università di Southern California. Evocando l’attenzione di Zalman sulla necessità di operazioni psicologiche del Pentagono per impegnare “l’influenza empatica”, il nuovo progetto, sostenuto dal DARPA, mira a indagare su come i narratori spesso si appellino “a valori forti e sacri per evocare una risposta emotiva”, ma in modi diversi a seconda delle culture. L’elemento più inquietante della ricerca è il focus sul tentativo di capire come aumentare la capacità del Pentagono di impiegare narrazioni che influenzino gli ascoltatori in un modo che supera il ragionamento convenzionale, nel contesto di azioni discutibili dal punto di vista morale.

La descrizione del progetto spiega che la reazione psicologica agli eventi narrati è “influenzata dal modo in cui il narratore inquadra gli eventi, appellandosi a valori, conoscenze e esperienze diverse rispetto a quelle dell’ascoltatore”. L’inquadramento narrativo che “mira ai valori sacri dell’ascoltatore, incluso il nucleo dei valori personali, nazionalistici e/o religiosi, è particolarmente efficace per influenzare l’interpretazione dell’ascoltatore degli eventi narrati”, perché tali “valori sacri”sono strettamente legati alla “psicologia dell’identità, dell’emozione, della decisione morale e della cognizione sociale”. Applicando l’inquadramento sacro anche a questioni banali, tali questioni “possono acquisire proprietà di valori sacri e provocare una forte avversione nell’uso del ragionamento convenzionale per interpretarli”. I Damasio e il loro team stanno esplorando il “ruolo che i meccanismi linguistici e neuropsicologici” svolgono nel determinare “l’efficacia dell’inquadratura narrativa, utilizzando valori sacri nell’influenzare l’interpretazione degli eventi da parte dell’ascoltatore”.

La ricerca si basa sull’estrazione di narrazioni da milioni di blog americani, iraniani e cinesi, sottoponendoli a un’analisi automatizzata del discorso, li si confronta quantitativamente tra le tre lingue. Gli investigatori proseguono quindi facendo uso di esperimenti comportamentali con lettori / ascoltatori di culture diverse per misurare la loro reazione a narrazioni diverse “dove ogni storia fa appello a un valore sacro per spiegare o giustificare un comportamento discutibile dal punto di vista morale dell’autore”. Infine, gli scienziati applicano la scansione neurobiologica fMRI per correlare le reazioni e le caratteristiche personali dei soggetti con le loro risposte cerebrali.

Perché la ricerca con finanziamento del Pentagono indaga su come sfruttare i “valori sacri” della gente, per estinguere la loro capacità di ragionamento logico e aumentare la loro apertura emotiva a “comportamenti discutibili dal punto di vista morale”?

L’attenzione sull’Inglese, sul Farsi e sul Cinese può anche rivelare che le attuali preoccupazioni del Pentagono sono innanzitutto lo sviluppo di operazioni d’informazione contro due avversari chiave, l’Iran e la Cina, che si inseriscono in ambizioni di vecchia data, per proiettare influenze strategiche in Medio Oriente, Asia centrale e Sud-Est asiatico. Allo stesso modo, l’enfasi posta sulla lingua inglese, tratta in particolare dai blog americani, suggerisce inoltre la preoccupazione del Pentagono di proiettare la propaganda per influenzare l’opinione pubblica in patria.

Rosemary Wenchel (a sinistra) del Dipartimento per la Sicurezza Nazionale degli Stati Uniti con Jeff ‘Skunk’ Baxter, ex musicista e ora consulente della difesa degli Stati Uniti che ha lavorato per appaltatori come SAIC e Northrup Grumman. Dietro a loro il funzionario di SAIC / Leidos Jeff Cooper

Rosemary Wenchel (a sinistra) del Dipartimento per la Sicurezza Nazionale degli Stati Uniti con Jeff ‘Skunk’ Baxter, ex musicista e ora consulente di difesa degli Stati Uniti che ha lavorato per SAIC e Northrup Grumman.

Affinché non si supponga che l’intenzione del DARPA di estrarre milioni di blog americani, come parte della sua ricerca “in neurobiologia della composizione narrativa” sia un semplice caso di selezione casuale, un ulteriore co-presidente dell’Highlands Forum del Pentagono negli ultimi anni è Rosemary Wenchel, ex direttore delle funzionalità cyber e delle operazioni di supporto presso l’Ufficio del Segretario alla Difesa. Dal 2012, Wenchel è stata assistente del vice segretario per la strategia e la politica nel Dipartimento della sicurezza interna.

Come dimostra il vasto finanziamento della propaganda sull’Iraq e sull’Afghanistan, l’influenza della popolazione e la propaganda sono essenziali non solo nei teatri estremi nelle zone strategiche all’estero, ma anche in patria, per eliminare il rischio che l’opinione pubblica interna pregiudichi la legittimità della politica del Pentagono. Nella foto soprastante, Wenchel sta parlando con Jeff Baxter, un consulente della difesa e dell’intelligence degli Stati Uniti. Nel settembre 2005, Baxter faceva parte di un gruppo di studio presumibilmente “indipendente” (presieduto da Booz Allen, appaltatore dell’NSA) commissionato dal Dipartimento per la Sicurezza Nazionale, che ha raccomandato un maggior ruolo per i satelliti spia degli Stati Uniti nel monitoraggio della popolazione in patria.

Nel frattempo, Zalman e Rendon, ciononostante entrambi rimangono strettamente coinvolti nell’Highlands Forum del Pentagono, continuano a essere corteggiati dalle forze armate statunitensi per la loro competenza sulle operazioni di informazione. Nell’ottobre 2014, entrambi hanno partecipato a un’importante conferenza per il Strategic Multi-Layer Assessment, sponsorizzata dal Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti e dai Capi di Stato congiunti, intitolata ‘A New Information Paradigm? From Genes to “Big Dataand Instagram to Persistent Surveillance… Implications for National Security’. Altri delegati facevano le veci di funzionari militari americani, dirigenti del settore della difesa, funzionari della comunità di intelligence, think tank di Washington e accademici.

John Rendon, CEO del gruppo Rendon, in una sessione dell’Highlands Forum nel 2010

John Rendon, CEO del gruppo Rendon, in una sessione del Forum Highlands nel 2010.

Rendon e SAIC / Leidos, due aziende che sono state centrali per l’evoluzione della strategia delle operazioni di informazione del Pentagono mediante il loro impegno essenziale nell’Highlands Forum, che continuano a essere messe sotto contratto per operazioni chiave nell’amministrazione Obama. Ad esempio, un documento della General Services Administration degli Stati Uniti mostra che a Rendon è stato concesso un importante contratto, tra il 2010 e il 2015, per fornire servizi generali di supporto ai media e alle comunicazioni in tutte le agenzie federali. Allo stesso modo, SAIC / Leidos ha avuto un contratto di 400 milioni di dollari tra il 2010 e il 2015 con l’US Army Research Laboratory per “Expeditionary Warfare; Irregular Warfare; Special Operations; Stabilization and Reconstruction Operations” - un contratto che ora è “pronto per essere ricompilato”.

L’impero reagisce

Sotto Obama, il nesso di potere delle corporation, dell’industria e della finanza rappresentato dagli interessi che partecipano all’Highlands Forum del Pentagono, si è consolidato a un livello senza precedenti.
Simultaneamente, proprio nel momento in cui Obama ha annunciato le dimissioni di Hagel, il DoD ha rilasciato un comunicato stampa che ha evidenziato come Robert O. Work, vice segretario alla difesa di Hagel, nominato da Obama nel 2013, prevedeva di portare avanti la Defense Innovation Initiative, che Hagel aveva annunciato appena una settimana prima. La nuova iniziativa era focalizzata sul fatto che il Pentagono sarebbe stato sottoposto a una trasformazione a lungo termine, per tenere il passo con le tecnologie all’avanguardia per il disturbo nelle operazioni di informazione.

Qualsiasi siano le vere ragioni per l’espulsione di Hagel, questa è stata una vittoria simbolica e concreta per Marshall e per l’idea dell’Highlands Forum. Il co-presidente dell’Highlands Forum Andrew Marshall, capo dell’ONA, può effettivamente andare in pensione. Ma al Pentagono post-Hagel sono stati ora assunti i suoi seguaci.

Robert Work, che ora presiede il nuovo schema di trasformazione del DoD, è un fedele accolito di Marshall,aveva precedentemente diretto e analizzato giochi di guerra per l’Office of Net Assessment. Come Marshall, Wells, O’Neill e altri membri dell’Highlands Forum, Work è anche un visionario dei robot che ha guidato la stesura dello studio, Preparing for War in the Robotic Age, pubblicato all’inizio dell’anno scorso dal Center for a New American Security (CNAS).

Work è anche un imbonitore nel determinare il futuro dell’ONA, assistito dal suo stratega Tom Ehrhard e dal sottosegretario del DoD per l’intelligence, Michael G. Vickers, sotto la cui autorità è gestito attualmente l’Highlands Forum. Ehrhard, un sostenitore dell’“integrazione delle tecnologie di disturbo nel DoD”, era in precedenza assistente militare di Marshall all’ONA, mentre Mike Vickers – che sovrintende le agenzie di sorveglianza come l’NSA – è stato anche assunto in precedenza da Marshall per le consultazioni con il Pentagono.

Vickers è anche il capofila preminente della guerra irregolare. Come vice segretario alla difesa per operazioni speciali e conflitti a bassa intensità, sotto l’ex segretario alla difesa Robert Gates nelle amministrazioni Bush e Obama, l’idea della guerra irregolare di Vickers ha spinto per “operazioni distribuite in tutto il mondo”, inclusi “numerosi Paesi con i quali gli Stati Uniti non sono in guerra”, come parte di un programma di una contro guerra, utilizzando una “rete per combattere una rete” – una strategia che ovviamente vede l’Highlands Forum in ogni ambito. Nel suo ruolo precedente sotto Gates, Vickers ha aumentato il bilancio per operazioni speciali, tra cui operazioni psicologiche, trasporto di stealth, dispiegamento del drone Predator e “utilizzo di sorveglianza e ricognizione ad alta tecnologia per seguire e puntare i terroristi e gli insorti”.

Per sostituire Hagel, Obama ha nominato Ashton Carter, ex vice segretario alla difesa dal 2009 al 2013, la cui competenza nei budget e negli appalti, secondo il Wall Street Journal si “prevedeva che incentivasse alcune delle iniziative promosse dall’attuale secondo del Pentagono, Robert Work, tra cui uno sforzo per sviluppare nuove strategie e tecnologie per salvaguardare il vantaggio degli Stati Uniti sul campo di battaglia”.

Tornando al 1999, dopo tre anni come segretario alla difesa di Clinton, Carter ha collaborato alla stesura di uno studio con l’ex segretario alla difesa William J. Perry, nel quale si sosteneva una nuova forma di ‘guerra via telecomando’ agevolata dalla “tecnologia digitale e dal costante flusso di informazioni”. Uno dei colleghi di Carter nel Pentagono, durante il periodo del suo mandato, era Linton Wells, co-presidente dell’Highlands Forum; ed è stato Perry che ovviamente, come allora segretario alla difesa, ha nominato Richard O’Neill per istituire nel 1994 l’Highlands Forum come think-tank del Pentagono.

Perry, il padrone dell’Highlands Forum, ha continuato ad aderire al consiglio di amministrazione di SAIC, prima di diventare Presidente di un altro gigante appaltatore per la difesa, Global Technology Partners (GTP). E Ashton Carter era nel consiglio di GTP sotto Perry, prima di essere nominato per la segretaria alla difesa dell’amministrazione Obama. Durante il precedente lasso di tempo al Pentagono sotto Obama, Carter ha lavorato a stretto contatto con Work e l’attuale sottosegretario alla difesa, Frank Kendall. Le fonti del settore della difesa esultano per il fatto che il nuovo team del Pentagono “migliorerà sensibilmente” le possibilità di “dare impulso a grandi progetti di riforma” che al Pentagono “sono in dirittura di arrivo”.

Infatti, la priorità di Carter  con nomina a capo della difesa è identificare e acquisire nuove “tecnologie di disturbo” commerciali per migliorare la strategia militare statunitense – in altre parole, eseguire il piano Skynet del DoD.

Le origini della nuova iniziativa d’innovazione del Pentagono possono pertanto essere ricondotte a idee ampiamente diffuse all’interno del Pentagono già da decenni, ma che a tuttoggi non sono riuscite a radicarsi. Tra il 2006 e il 2010, nello stesso periodo in cui tali idee sono state sviluppate dagli esperti dell’Highlands Forum come Lochard, Zalman e Rendon, tra gli altri, l’ Office of Net Assessment ha fornito un meccanismo diretto per incanalare queste idee in una strategia concreta e sviluppo di una linea di condotta, per mezzo del Quadrennial Defense Review, in cui l’input di Marshall era primariamente responsabile dell’espansione del mondo “malvagio”: “operazioni speciali”, “guerra elettronica” e “operazioni d’informazione”.

Andrew Marshall, già capo in pensione dell’Ufficio di Net Assessment di DoD e co-presidente di Highlands Forum, in una sessione del Forum nel 2008.

Andrew Marshall, già capo in pensione dell’Office of Net Assessment del DoD e co-presidente dell’Highlands Forum, in una sessione del Forum nel 2008

L’idea di Marshall precedente all’11 settembre di un sistema militare completamente in rete e automatizzato, ha trovato la sua fruizione nello studio Skynet del Pentagono, pubblicato dalla National Defense University nel settembre 2014, redatto assieme a Linton Wells, collega di Marshall all’Highlands Forum. Molte delle raccomandazioni di Wells devono ora essere eseguite tramite la nuova Defense Innovation Initiative da parte dei veterani e affiliati dell’ONA e dell’Highlands Forum.

Dato che il libro bianco di Wells ha evidenziato l’attento interesse del Pentagono nell’accentrare la ricerca nel campo dell’Intelligenza Artificiale, per monopolizzare la guerra fatta con robot autonomi in rete, non è del tutto sorprendente che i partner che sponsorizzano il Forum presso SAIC / Leidos abbiano una curiosa sensazione circa l’uso pubblico della parola “Skynet”.

In una voce di Wikipedia intitolata “Skynet (fictional)”, le persone che utilizzavano i computer SAIC hanno cancellato diversi paragrafi sotto la sezione “Trivia” indicando “Skynets” del mondo reale, come il sistema satellitare militare britannico e vari progetti tecnologici d’informazione.

L’allontanamento di Hagel ha aperto la strada ai funzionari del Pentagono collegati all’Highlands Forum, per consolidare l’influenza nel governo. Questi funzionari sono incorporati,da lunga data, in una rete ombra di funzionari politici, industriali, dei media e aziendali, una presenza che passa inosservata dietro gli scranni del governo, eppure scrivono parola per parola le politiche di sicurezza nazionale in patria e all’estero, che l’amministrazione sia democratica o repubblicana, collaborando con “idee” e forgiando relazioni tra governo e industria.

È questo tipo di networking chiuso che ha reso inutile la votazione americana. Lungi dal tutelare l’interesse pubblico o aiutare a combattere il terrorismo, il monitoraggio completo delle comunicazioni elettroniche è stato abusato sistematicamente per dare impulso agli interessi dei settori dell’energia, della difesa e dell’informatica.

Lo stato di una guerra globale permanente, derivato dalle alleanze del Pentagono con appaltatori privati ​​e da esperti d’informazione imbrigliati che non devono rendere conto a nessuno, non rende nessuno più sicuro, ma ha dato origine a una nuova generazione di terroristi, sotto forma del cosiddetto “Stato Islamico”, di per sé un sottoprodotto Frankenstein della combinazione putrida della brutalità di Assad e delle operazioni segrete di lunga data degli Stati Uniti nella zona. L’esistenza di questo Frankenstein ora è sfruttata cinicamente dagli appaltatori privati ​​che cercano di trarre profitto dall’espansione dell’apparato di sicurezza nazionale, in un momento in cui la volatilità economica ha spinto i governi a tagliare le spese per la difesa.

Secondo la Securities and Exchange Commission, dal 2008 al 2013, i cinque maggiori appaltatori per la difesa degli Stati Uniti hanno perso il 14 per cento dei loro dipendenti, dato che l’esaurirsi delle guerre statunitensi in Iraq e in Afghanistan ha portato alla mancanza di affari e alla riduzione dei ricavi. La prosecuzione della “lunga guerra”, scatenata dall’ISIS, ha per ora invertito i loro capitali. Tra le aziende che traggono vantaggio dalla nuova guerra, molte sono collegate all’Highlands Forum, come Leidos, Lockheed Martin, Northrup Grumman e Boeing. La guerra è infatti un giro losco.

Non più ombre

Tuttavia, sul lungo periodo, gli imperialisti dell’informazione hanno già fallito. Questa indagine si basa interamente su tecniche open source, rese fattibili in gran parte nel contesto della stessa rivoluzione informatica che ha reso possibile Google. L’indagine è stata finanziata interamente dal pubblico, per mezzo di crowdfunding. E l’indagine è stata pubblicata e distribuita al di fuori dei circuiti dei media tradizionali, precisamente per far sì che in questa nuova era digitale le concentrazioni top-down centralizzate del potere, non possano superare il potere delle persone, il loro amore per la verità e la giustizia, e il loro desiderio di condividerlo.

Quali lezioni si traggono da questo paradosso? È semplice, in realtà: la rivoluzione dell’informazione è intrinsecamente decentralizzata e decentralizzante. Non può essere controllata e cooptata dal Grande Fratello. Gli sforzi per farlo, alla fine, falliranno immancabilmente, nel senso che, in ultima analisi,sono autolesionisti.

L’ultima folle iniziativa del Pentagono per dominare il mondo, tramite il controllo dell’informazione e delle tecnologie dell’informazione, non è un segno della natura onnipotente della rete ombra, ma piuttosto un sintomo della sua illusoria temerarietà, in quanto tenta di allontanare l’accelerazione del suo declino egemonico.

Ma il declino è ormai iniziato. E questa storia, come molte in precedenza, è un piccolo segno che le opportunità di mobilitare la rivoluzione dell’informazione a beneficio di tutti, nonostante gli sforzi che il potere fa per nascondersi nell’ombra, sono più vigorosi che mai.

SI LEGGA LA PRIMA PARTE

Il Dr. Nafeez Ahmed è un giornalista investigativo, autore di bestseller e studioso di sicurezza internazionale. È un ex giornalista del Guardian, scrive la rubrica ‘System Shift’ per VICE Motherboard ed è anche giornalista per Middle East Eye. È il vincitore del Project Censored Award for Outstanding Investigative Journalism del 2015per il suo lavoro al Guardian.
Nafeez ha scritto, tra gli altri, anche per The Independent, Sydney Morning Herald, The Age, The Scotsman, Foreign Policy, The Atlantic, Quartz, Prospect, New Statesman, Le Monde diplomatique, New Internationalist, Counterpunch, Truthout. È autore, tra gli altri libri, di A User’s Guide to the Crisis of Civilization: And How to Save It (2010) e del romanzo thriller di fantascienza ZERO POINT. Il suo lavoro sulle cause alla radice e sulle operazioni segrete legate al terrorismo internazionale, ha contribuito ufficialmente alla 9/11 Commissione alla 7/7 Coroner’s Inquest.

Quest’esclusiva viene pubblicata gratuitamente nell’interesse pubblico, ed è stata resa possibile per mezzo di crowdfunding. Vorrei ringraziare la mia incredibile comunità di sostenitori per l’appoggio, che mi ha dato l’opportunità di lavorare a questa indagine approfondita. Per favore, sostenete il giornalismo indipendente e investigativo per i diritti globali.

 

Nafeez Ahmed

Fonte: https://medium.com/

Link: https://medium.com/insurge-intelligence/why-google-made-the-nsa-2a80584c9c1

22.01.2015

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di NICKAL88

Pubblicato da Rosanna

Ho insegnato italiano, latino e storia in un Liceo Classico, la mia insolita passione è quella di andare a caccia della "verità" nelle vicende contemporanee, attraverso gli interstizi dell'informazione, il mio vizio assurdo invece consiste nell'amare l'anonimato più della notorietà, la responsabilità più del narcisismo, l'impegno sociale più del letargo intellettuale ...
  • natascia

    1. Se devo leggere un saggio lo acquisto, lo leggo e lo rileggo con calma e mi formo. La decisione di leggerlo è mia e varie sono le ragioni per cui accettero’ di farmi condizionare da esso. 2. Non ho letto questo saggio breve perché la lunghezza comporta a mio avviso un’inevitabile condizionamento non deciso.

    • GiNoDue

      É fuori tema

  • Luigi Zambotti

    Madonna che ‘papiro’!
    Qualcuno me lo riassume per cortesia- Non ce l’ho fatta a leggerlo oltre un terzo.

    • Truman

      E’ facile riassumerlo: “E’ un documento che andrebbe letto per intero, insieme alla parte precedente, e messo da parte (almeno un link) per verificare chi è che sostiene grandi valori di libertà da diffondere.”

  • Quasar

    solo un pezzo del puzzle…

  • GiNoDue

    il wb censura il mio quarto commento di seguito e questo sarà il quinto?

    l articolo è effettivamente un po lungo ma vale la pena leggerlo tutto.

    il mio commento è perfettamente in tema. non meno degli altri.
    e ribadisco che la censura è arrivata anche su Comedonchisciotte.org visto che mai nemmeno gli insulti diretti sono mai stati censurati con tale veemenza. se a voi altri utenti sta bene….. sono contento.

    l articolo leggetelo però.

    • WM

      “il wb censura il mio quarto commento di seguito e questo sarà il quinto?”
      Ho cancellato i commenti fuori tema, come da regole che sei tenuto a seguire.
      Se non ti stanno bene le regole o il seguirle, la porta è aperta, accomodati da un’altra parte.

      • GiNoDue

        qua nessuno segue niente. ci sono insulti e fuori tema di ogni tipo…. e mi inviti anche ad andarmene. cosa ti infastidisce? di la verità.
        testiamo qui tutti quelli che vogliono cambiare e ribellarsi… cosa faranno di fronte un comportamento del genere…. sono curioso.