La violenza della mentalità ereditata

E voi, siete persone con un’eredità?

 

Julian Macfarlane – News Forensics – 7 dicembre 2023

 

L’eredità

Il termine “eredità” ha diversi significati. Fondamentalmente, è qualcosa che si eredita, come le vecchie cose nella cantina della nonna, ormai fuori moda, ma che si conservano comunque. È come i media “legacy” – che, nonostante la loro mancanza di significato o utilità, si leggono o si guardano solo perché sono in circolazione da molto tempo. Un tempo erano di qualcun altro.

Naturalmente, questo fa di voi una “persona ereditata”. Qualcuno vi ha posseduto prima. Chi vi possiede ora?

Questo rende anche paesi come gli Stati Uniti, il Canada o il Regno Unito “paesi eredità”, che hanno avuto molti proprietari.

L’idea è chiara. Le cose ereditate sono di seconda mano. Sempre di seconda mano. O di terza mano.

I media, le persone e le nazioni “eredità” non vivono nel presente, ma nei cassetti del passato e nella loro immaginazione.

Vogliono storie. Più sono vivide, meglio è. Più sono terribili, meglio è. Guardano la TV, non la finestra. E certamente non nello specchio.

Per fortuna, c’è sempre chi è pronto a raccontare loro delle storie.

Un tizio di nome Gheddafi

Forse ricorderete un Paese chiamato Libia, governato da un tizio di nome Gheddafi che viveva in una tenda ed è morto violentato da una baionetta, mentre Hillary Clinton esultava e rideva.

La distruzione della Libia è stata alimentata dalle accuse secondo cui agli uomini di Gheddafi veniva dato del Viagra per aiutarli ad abusare sessualmente di un gran numero di donne, ragazze, bambini, capre e quant’altro.

Ora abbiamo storie di Hamas che, sotto il fuoco pesante dell’IDF e delle milizie, stupra in gruppo, tortura, mutila e infine – dopo un po’ di tempo – uccide donne israeliane.

Naturalmente, i media occidentali hanno riportato con entusiasmo queste storie come se fossero vere, senza fare alcuna indagine, senza pensare in modo critico o senza esercitare un briciolo di buon senso.

La pornografia di guerra vende sempre.

La propaganda ereditata

I loro corpi raccontano le loro storie. Non sono vivi per parlare da soli. (NBC)

Hamas ha violentato e mutilato donne il 7 ottobre (BBC)

I resoconti delle violenze sessuali di Hamas vengono trasmessi tra le critiche delle Nazioni Unite (New York Times)

Biden denuncia le violenze sessuali di Hamas e dice che devono essere condannate con forza (CNN)

Notizie fasulle per esseri umani fasulli, come Hillary [Clinton] che vi diranno che queste storie – che sono solo storie – giustificano in qualche modo il genocidio sionista.

Vladimir Putin, che è una persona vera e di sani principi, ha giustamente definito gli Stati Uniti e i loro alleati “l’impero della menzogna” e Israele, come parte di quell’impero, alimenta doverosamente il pubblico con la merda e la chiama hamburger.

Israele teme di perdere il sostegno degli Stati Uniti per il suo genocidio in corso a Gaza, mentre l’opinione pubblica mondiale guarda con orrore le fotografie di bambini morti e le storie delle atrocità israeliane.  Senza il sostegno degli Stati Uniti, lo sforzo bellico israeliano crollerebbe.

Così, Israele ha ripreso una strategia in uso da tempo immemorabile: inventare storie di atrocità del nemico. I britannici e i francesi lo fecero nella Prima Guerra Mondiale con storie di bambini sulle baionette tedesche e, naturalmente, di stupri. Ha funzionato. Hanno convinto migliaia e migliaia di giovani ad arruolarsi per combattere gli “unni” e a morire inutilmente in trincea, difendendo democrazie che non lo erano.

Ma questo era prima dei media alternativi, che stanno già facendo buchi nella propaganda sionista, quindi i media tradizionali devono lavorare di più per annegare i fatti che nascono.

Dire la verità significa odiare se stessi?

Come sempre, questi fatti vengono dagli ebrei. In particolare, dall’auto-odio di Max Blumenthal e Aaron Mate di Grayzone.

Per le persone che hanno difficoltà a elaborare le parole quando le pronuncio, ecco il Times of Israel che il 9 novembre – un mese dopo il 7 ottobre – ha riferito che “sui cadaveri non sono state riscontrate le prove fisiche dell’aggressione sessuale“. Inoltre, “i funzionari dell’obitorio non hanno designato i singoli casi come stupro data la mancanza di prove fisiche accettabili in tribunale“. Il che ci lascia a fare affidamento sulle affermazioni dei “testimoni” forniti dal governo israeliano – lo stesso governo israeliano che ha mentito sui bambini decapitati, su un bambino ucciso in un forno, su un quartier generale di Hamas ad Al-Shifa e su altre menzogne usate per creare sostegno alla sua campagna di genocidio a Gaza.

Nessuna prova fisica. Che ne dite di quel video? È stato ripreso da un sito web giapponese che mostra donne curde morte nel 2022 circa.

Rapporti di testimoni oculari? Da sbellicarsi dalle risate. Come per i bambini decapitati.

La mancanza di prove reali a sostegno di questi articoli è quasi troppo ridicola per le parole – eppure i principali media, tra cui la BBC e il New York Times, riportano notizie che danno credito alle menzogne e permettono a persone come Biden e Hillary Clinton di pronunciarsi, per sostenere che gli israeliani sono in qualche modo giustificati nel genocidio.

Alcuni articoli sono lunghi e contengono molti dettagli e testimonianze.

Ma da dove provengono i resoconti? Da fonti ufficiali. Ormai dovreste esservi abituati a questa frase.

Da qualche parte nell’articolo, nascosto, di solito verso la fine, troverete qualcosa del tipo “non siamo stati in grado di confermare le notizie“. No, proprio come le storie di Viagra e stupri in Libia o i racconti dei soldati iracheni che strappano i bambini dalle incubatrici.

Vergogna

Vergogna ai media. Vergogna agli Stati Uniti e a Israele. Vergogna a chiunque creda a queste assurdità. Quando la gente muore non ci sono scuse.

israeli_freed

Nel frattempo, gli israeliani si rifiutano di agli ostaggi recentemente liberati di parlare con i media, dato che…

a.) i loro rapitori li hanno trattati bene

b.) gli israeliani hanno cercato di ucciderli prima del rilascio – e in alcuni casi ci sono effettivamente riusciti.

Il sionismo è nazismo, è così semplice.

Se si sostiene Israele, si tradiscono tutti quelli che sono morti nell’Olocausto: sarebbe come sostenere la Germania nella Seconda Guerra Mondiale – il che significa sostenere il Reich. Non si può sostenere uno Stato senza sostenere l’ideologia su cui si basa – e Israele non può essere separato dal sistema di credenze che ritiene gli dia la licenza di commettere genocidi.

Inutile dire che se siete americani, canadesi, inglesi o altro e votate per i politici che sostengono Israele, siete complici dei loro crimini, proprio come il tizio che guida l’auto di una banda di assassini.

Non avevo scelta“, dice,

È stato costretto a guidare?” gli chiede la polizia. “Beh, no…“.

C’è sempre una possibilità di scelta.

E non parlatemi di mali maggiori e minori – non di fronte all’abominio.

Sono addolorato dai paralleli che osservo tra le mie esperienze in Germania prima del 1939 e quelle subite dai palestinesi oggi. Non posso fare a meno di sentire echi del mito nazista del “sangue e del suolo” nella retorica del fondamentalismo dei coloni che rivendica un diritto sacro su tutte le terre della Giudea e della Samaria bibliche. Le varie forme di punizione collettiva inflitte al popolo palestinese – la ghettizzazione forzata dietro un “muro di sicurezza”, l’abbattimento delle case e la distruzione dei campi, il bombardamento di scuole, moschee ed edifici governativi, il blocco economico che priva la popolazione di acqua, cibo, medicine, istruzione e dei beni di prima necessità per una sopravvivenza dignitosa – mi costringono a ricordare le privazioni e le umiliazioni che ho vissuto in gioventù. Questo processo di oppressione lungo un secolo significa per i palestinesi una sofferenza inimmaginabile“.

Dr. Hajo Meyer, “Una tradizione etica tradita“, Huffington Post, 27/1/2010.

Hajo Meyer è un sopravvissuto di Auschwitz.

Dovreste sostenere Hamas?

Non hanno un’eredità da tramandare al futuro. La loro è una posizione morale.

Quella degli Stati Uniti e di Israele non lo è.

 

j_macfarlaneJulian Macfarlane è un analista di strategia e media, di base a Tokyo

 

 

Link: https://julianmacfarlane.substack.com/p/raping-the-legacy-mind

Scelto e tradotto (IMC) da CptHook per ComeDonChisciotte

 

ISCRIVETEVI AI NOSTRI CANALI
CANALE YOUTUBE: https://www.youtube.com/@ComeDonChisciotte2003
CANALE RUMBLE: https://rumble.com/user/comedonchisciotte
CANALE ODYSEE: https://odysee.com/@ComeDonChisciotte2003

CANALI UFFICIALI TELEGRAM:
Principale - https://t.me/comedonchisciotteorg
Notizie - https://t.me/comedonchisciotte_notizie
Salute - https://t.me/CDCPiuSalute
Video - https://t.me/comedonchisciotte_video

CANALE UFFICIALE WHATSAPP:
Principale - ComeDonChisciotte.org

Potrebbe piacerti anche
Notifica di
20 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
20
0
È il momento di condividere le tue opinionix