La lunga marcia dei camionisti verso Ottawa contro l’obbligo vaccinale

La protesta iniziata il 18 gennaio si è ingrandita a dismisura e centinaia di trasportatori sono sulla strada per la capitale canadese

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale "Ultime Notizie".

All’inizio, il 18 gennaio, erano una cinquantina, adesso sono centinaia e stanno ricevendo il sostegno di centinaia di persone che li aspettano al gelo ai bordi delle strade per manifestargli solidarietà e sostegno. Ai canadesi si sono uniti anche camionisti americani.

Divenuta ormai simbolica, la protesta “Truckers For Freedom” dei camionisti canadesi contro l’obbligo vaccinale e il green pass, che costringerebbe i non vaccinati a stare in quarantena dopo ogni passaggio al confine facendogli perdere più di metà delle consegne, ormai coinvolge migliaia di persone tra Canada e Stati Uniti. Così scrive TgCom24:

Centinaia di camionisti canadesi hanno iniziato un lungo viaggio verso Ottawa per protestare contro l’obbligo di vaccinarsi contro il Covid-19, imposto da Canada e Stati Uniti a chiunque voglia attraversare il confine, il più lungo al mondo con quasi 9mila chilometri di strada. Questa misura è entrata in vigore il 15 gennaio in Canada e sabato negli Usa. Le autorità statunitensi minacciano i potenziali trasgressori di un divieto permanente di operare sul territorio mentre il Canada impone una quarantena di 14 giorni ai conducenti non vaccinati.

Così riporta ieri CBC Canada:

Centinaia di camionisti sono partiti dalla Columbia Britannica a Ottawa domenica per protestare contro l’ordinanza federale di obbligo vaccinale, nonostante l’esortazione della più grande federazione di camionisti del paese [la Canadian Trucking Alliance NdR] a uniformarsi alle regole.

La protesta è stata soprannominata “Freedom Rally” contro l’obbligo vaccinale federale per i camionisti transfrontalieri, che è entrato in vigore il 15 gennaio. […]

La Canadian Trucking Alliance e l’American Trucking Associations dicono che fino a 26mila dei 160mila autisti che fanno viaggi regolari attraverso il confine Canada-USA saranno probabilmente emarginati a causa dell’obbligo vaccinale.

Si è così scatenato un movimento online per protestare, con un GoFundMe per il raduno dei camionisti, raccogliendo oltre 2,5 milioni di dollari a partire da domenica.

“L’obiettivo è quello di arrivare [a Ottawa entro il prossimo fine settimana] e chiedere che questi obblighi vengano fermati”, ha detto la partecipante Candace Hill.

Se continua così, agli attuali ritmi di crescita e adesioni, la protesta inficerà seriamente il commercio tra i due paesi, come avvertono le associazioni di categoria. I due governi, per ora, rispondono con la linea dura, e non si sa ancora cosa aspetta i resistenti nella capitale canadese.

MDM 24/01/2022

Fonte https://www.tgcom24.mediaset.it/mondo/canada-camionisti-verso-ottawa-per-protestare-contro-il-green-pass_44787994-202202k.shtml

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
4 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
4
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x