La guerra di classe COVID

DI YANIS VAROUFAKIS

project-syndicate.org

Il fondo di risanamento proposto dall’Unione Europea per contrastare le ricadute economiche della pandemia sembra destinato a peggiorare la condizione economico sociale della maggior parte degli Stati membri. La finanza sarà di nuovo protetta, benché ciò sia un danno, mentre i lavoratori dovranno pagare il conto attraverso nuovi round di austerità.

ATENE – La crisi dell’euro scoppiata un decennio fa è stata a lungo descritta come uno scontro tra il nord frugale dell’Europa e il sud dissoluto. In effetti, al centro c’era una feroce guerra di classe che lasciò l’Europa, compresi i suoi capitalisti, molto indebolita rispetto agli Stati Uniti e alla Cina. Peggio ancora, la risposta dell’Unione europea alla pandemia, compreso il fondo di recupero dell’UE attualmente in fase di deliberazione, è destinata a intensificare questa guerra di classe e dare un altro colpo al modello socioeconomico europeo.

Se abbiamo imparato qualcosa negli ultimi decenni, è inutile concentrarsi sull’economia dei singoli Paesi. Una volta, quando il denaro si spostava da un Paese all’altro principalmente per finanziare il commercio e la maggior parte della spesa per consumi andava a beneficio dei produttori nazionali, i punti di forza e di debolezza di un’economia nazionale potevano essere valutati separatamente. Oggi non più. Le debolezze attuali di Cina e Germania si intrecciano a quelle di Paesi come Stati Uniti e Grecia.

Lo sganciamento della finanza nei primi anni ’80, in seguito all’eliminazione dei controlli sui capitali liberatisi del sistema di Bretton Woods, permise il finanziamento di enormi squilibri commerciali con fiumi di denaro creati privatamente tramite l’ingegneria finanziaria. Mentre gli Stati Uniti passavano da un avanzo commerciale a un disavanzo massiccio, la sua egemonia cresceva. Le sue importazioni mantengono la domanda globale e sono finanziate dagli afflussi di profitti degli stranieri che si riversano a Wall Street.

Questo strano processo di riciclaggio è gestito dalla banca centrale, di fatto  mondiale, cioè la Federal Reserve americana. E mantenere una struttura così impressionante – un sistema globale permanentemente squilibrato – richiede la costante intensificazione della guerra di classe sia nei Paesi in deficit che in quelli in surplus.

I Paesi in deficit stanno vivendo tutti la stessa condizione: sia quelli potenti come gli Stati Uniti, che quelli deboli come la Grecia, sono condannati a generare bolle di debito mentre i loro lavoratori guardano impotenti le aree industriali trasformarsi in “cinture di ruggine”. Una volta scoppiate le bolle, i lavoratori nel Midwest o nel Peloponneso affrontano la schiavitù del debito e il crollo degli standard di vita.

BERLINO, GERMANIA – 29 GIUGNO 2020: I dimostranti, compresi i rappresentanti del partito di sinistra Die Linke, protestano contro il patto fiscale dell’Unione Europea fuori dal Reichstag, sede del Bundestag, il 29 giugno a Berlino, Germania. I membri del Bundestag dovevano votare sulla ratifica del patto fiscale e del MES (meccanismo europeo di stabilità) nel corso della giornata. (Foto di Sean Gallup / Getty Images)

Sebbene anche i paesi in surplus commerciale siano caratterizzati dalla guerra di classe contro i lavoratori, differiscono in modo significativo l’uno dall’altro. Consideriamo Cina e Germania. Entrambi presentano grandi eccedenze commerciali con gli Stati Uniti e il resto dell’Europa. Entrambi reprimono il reddito e la ricchezza dei loro lavoratori. La principale differenza tra loro è che la Cina mantiene enormi livelli di investimento attraverso una bolla del credito interno, mentre le società tedesche investono molto meno e fanno affidamento sulle bolle di credito nel resto dell’Eurozona.

La crisi dell’euro non è mai stata uno scontro tra tedeschi e greci (scorciatoia per il leggendario scontro nord-sud). Invece derivò da un’intensificazione della guerra di classe in Germania e in Grecia per mano di un’oligarchia senza frontiere che viveva al di fuori dei flussi finanziari.

Ad esempio, quando lo Stato greco è fallito nel 2010, l’austerità imposta alla maggior parte della popolazione greca ha fatto di tutto per limitare gli investimenti in Grecia. Ma ha fatto lo stesso in Germania, reprimendo indirettamente i salari tedeschi in un momento in cui la stampa di denaro della Banca centrale europea stava facendo salire i prezzi delle azioni (e i bonus dei direttori  tedeschi) alle stelle.

La guerra di classe è probabilmente più brutale in Cina e negli Stati Uniti che in Europa. Ma la mancanza di un’unione politica in Europa assicura che la sua guerra di classe sia quasi inutile, anche dal punto di vista dei capitalisti.

Non è difficile trovare prove che i capitalisti tedeschi abbiano sperperato la ricchezza sottratta alle classi lavoratrici dell’UE. La crisi dell’euro ha causato una massiccia  svalutazione  del 7%  delle eccedenze, che il settore privato tedesco aveva accumulato dal 1999 in poi, perché i proprietari di capitali non avevano altra alternativa che prestare questi trilioni a stranieri, il cui successivo disagio ha provocato gravi perdite.

Questo non è solo un problema tedesco. È una condizione che affligge anche gli altri Paesi in eccedenza dell’UE. Il quotidiano tedesco  Handelsblatt ha  recentemente rivelato una  notevole inversione. Mentre nel 2007 le società dell’UE avevano guadagnato circa € 100 miliardi ($ 113 miliardi) in più rispetto alle loro controparti statunitensi, nel 2019 la situazione si è invertita.

Inoltre, questa tendenza è in accelerazione. Nel 2019, gli utili societari sono aumentati del 50% più velocemente negli Stati Uniti che in Europa. E gli utili delle imprese statunitensi dovrebbero soffrire meno della recessione indotta dalla pandemia, scendendo del 20% nel 2020, rispetto al 33% in Europa.

L’essenza dell’enigma Europa è che, sebbene si tratti di un’economia in eccedenza, la sua frammentazione assicura che le perdite di reddito dei lavoratori tedeschi e greci non diventino nemmeno profitti sostenibili per i capitalisti europei. In breve, dietro la narrativa della frugalità del nord si nasconde lo spettro di uno sfruttamento.

Le notizie secondo cui COVID-19 ha indotto l’UE a rilanciare il gioco sono molto  esagerate. La silenziosa morte della mutualizzazione del debito europeo garantisce che il gigantesco aumento dei disavanzi del bilancio nazionale sarà seguito da un’austerità altrettanto considerevole in ogni Paese. In altre parole, si intensificherà la guerra di classe che ha già eroso il reddito della maggior parte delle persone. “Ma che dire del proposto fondo di recupero da 750 miliardi di euro?” ci si potrebbe chiedere. “L’accordo per l’emissione del debito comune non è una svolta?”

Sì e no. Gli strumenti di debito comune sono una condizione necessaria ma insufficiente per migliorare l’intensificata guerra di classe. Per svolgere un ruolo progressivo, il debito comune deve finanziare le famiglie e le imprese più deboli in tutta l’area economica comune: in Germania e in Grecia. E deve farlo automaticamente, senza fare affidamento sulla gentilezza degli oligarchi locali. Deve funzionare come un meccanismo di riciclaggio automatizzato che sposta le eccedenze verso coloro che sono in deficit in ogni città, regione e Stato. Negli Stati Uniti, ad esempio, buoni alimentari e pagamenti di sicurezza sociale sostengono i deboli in California e nel Missouri, mentre spostano le risorse nette dalla California al Missouri – e tutto senza alcun coinvolgimento da parte dei governatori statali o dei burocrati locali.

Al contrario, l’allocazione fissa del fondo di recupero dell’UE per gli Stati membri li metterà l’uno contro l’altro, poiché la somma fissa da assegnare, diciamo, all’Italia o alla Grecia, è descritta come una tassa sulla classe lavoratrice tedesca. Inoltre, l’idea è quella di trasferire i fondi ai governi nazionali, affidando efficacemente all’oligarchia locale il compito di distribuirli.

Rafforzare la solidarietà degli oligarchi europei non è una buona strategia per rafforzare la maggioranza dell’opinione pubblica europea. Al contrario. Qualsiasi “ripresa” basata su tale formula cambierà in breve tempo quasi tutti gli europei e spingerà la maggioranza dei cittadini in una più profonda disperazione.

 

YANIS VAROUFAKIS

30.06.2020

Link: https://www.project-syndicate.org/commentary/covid19-economic-recovery-class-war-by-yanis-varoufakis-2020-06

 

Scelto e tradotto per www.comedonchisciotte.org da Rosanna 

Comments are closed.