Home / Attualità / La Festa dei Laboratori

La Festa dei Laboratori

DI ALESSANDRA DANIELE

carmillaonline.com

Da quando negli anni venti del nuovo millennio la flessibilità genetica ha risollevato le sorti dell’economia e dell’occupazione, la Festa del Primo Maggio è dedicata alla preziosa opera dei Laboratori di Ingegneria che ogni giorno modificano migliaia di risorse umane secondo le richieste del mercato, sempre operando sul DNA di soggetti adulti e mai di embrioni, nel pieno rispetto dei dettami della Chiesa Cattolica.
Gli operai multibraccia, i centralinisti multiorecchie, gli edili dallo scheletro gommoso che cadendo dalle impalcature rimbalzano al loro posto, i petrolchimici che respirano metano, le badanti poliocchiute e quelle multifiga, i metalmeccanici metallizzati, ormai sono milioni coloro che devono il loro posto di lavoro alla geniale opera dei Laboratori, e ai relativi nuovi Contratti Mutanti.
Oggi gli imprenditori non devono più preoccuparsi di arcaiche assurdità come le norme di sicurezza, gli operai ignifughi non necessitano di misure antincendio, e non c’è turno che un operaio auto-anfetaminico possa considerare troppo usurante.
Non più una fabbrica a misura d’uomo, ma un uomo a misura di fabbrica, letteralmente.
La disoccupazione non è più una condizione avvilente che grava sulla collettività, ma solo una breve transizione fra una riconversione genetica e l’altra. Gli impiegati polidattili in esubero possono farsi crescere le branchie, e spostarsi nel settore marittimo come polpoperai, le maestranze dell’obsoleto mondo della cultura possono rimpiazzare le parti del loro cervello ormai inutili con wetware contabile, e ricollocarsi come registratori di cassa viventi.
Tutte le nostre imprese sono tornate competitive, compresa Alitalia, i cui piloti alati sono in grado di trasportare cargo passeggeri in tutto il mondo senza l’ausilio d’ingombranti e dispendiosi motori meccanici.
La nuova era è cominciata.
Buona Festa dei Laboratori a tutti.

Alessandra Daniele

Fonte: www.carmillaonline.com

Link: https://www.carmillaonline.com/2017/05/01/la-festa-dei-laboratori/

1.05.2017

Pubblicato da Davide

  • VanderZande

    Buona festa dello schiavo a tutti.

  • sergio caniglia

    Oggi pranzo speciale per gli ” squali “.

  • gianni

    Certo che se siamo arrivati oggi ad avere la nostra società un fallimento totale vuol dire che negli ultimi 50-60 anni abbiamo sbagliato tutto

  • ton1957

    “gli edili dallo scheletro gommoso che cadendo dalle impalcature rimbalzano al loro posto”
    Ottimo articolo ma scarsa conoscenza dei cantieri edili…….coloro che rimbalzano al loro posto sono quelli assunti lo stesso giorno (non è dato sapere se prima o dopo la caduta) tutti gli altri rimbalzano si….ma fuori dal cantiere (caduti a casa dal divano mentre guardavano la TV ) ……..si sospetta anche rimbalzamento, per i meno dotati di scheletro gommoso, entro gettata di calcestruzzo e o pilastro in cemento armato, ma solo al fine di evitare inutili spese alla famiglia (costo funerale)

  • Truman

    Effetto Fantozzi: Daniele mi fa ridere appena la leggo, ma poi ci ripenso e mi viene da piangere. E’ lo stesso effetto che mi facevano i film di Fantozzi. Non so se il risultato nel complesso sia catartico o altro.

    • CarloBertani

      Bravissima questa Daniele, davvero. Credo che sia una ex raccoglitrice di pomodori multibraccia: gran successo, hanno innestato alcuni geni di Orwell ed il risultato è stato strabiliante! Complimenti al Laboratorio! (e ad Alessandra Daniele)

  • cedric

    Siete degli ingrati: dovreste ringraziare di non essere lasciati a morire di fame visto che i robot costano meno di voi e soprattutto non hanno sindacati e non chiedono di riposare la domenica.

    La vostra unica scelta è la flessibilità totale, facendovi crescere qualche mano o orecchio in più, oppure essere venduti come carne per hamburger. Che non è poi una idea nuova, il buon Swift già nel 1700 propose di macellare i figli dei poveri per venderli (bolliti) ai ricchi…

  • Vanda Sanzogni

    Effetto “societa’ senza uomini con gli attributi”!

  • Ronte

    Per inciso, nel mondo gli operai sono ben oltre i 2miliardi.
    Si muore di lavoro e per il lavoro. Muore per disperazione chi è stato licenziato e chi il lavoro non lo trova.
    Eppure la gente continua a seguire gli ‘Ammazza Tutto’….

  • World Libre