Home / Intervista / INTERVISTA ALL'ANALISTA POLITICO PEPE ESCOBAR

INTERVISTA ALL'ANALISTA POLITICO PEPE ESCOBAR

“LE ÉLITES DI WASHINGTON SONO MOLTO PREOCCUPATE PER I NUOVI BLOCCHI ANTI-EGEMONICI ”

DI SALVADOR LOPEZ ARNAL
Red Voltaire

Lentamente ma energicamente il popolo del Sud si organizza e si prepara politicamente non solo per frenare l’imperialismo militarista e bellicista degli Stati Uniti ma anche per mettere fine all’ipocrisia dell’abuso di dominazione neo-coloniale da parte delle potenze industriali europee, con le loro addormentate società civili. Frenare le ingiustizie a cui sono sottomessi numerosi popoli in pieno ventunesimo secolo, rispetto e mutua reciprocità sono i nuovi dogmi. In questa intervista, il nostro collega Pepe Escobar analizza il modo in cui alcuni paesi emergenti, come il Brasile, la Turchia o l’India, stanno organizzando una nuova era di relazioni armoniche e rispettose fra i popoli.

Domanda: in un recente articolo pubblicato da Asia Times Online [1], tradotto da Sinfo Fernández di Rebelión, lei parlava della dominatrice. Mi permetta di complimentarmi per la sua trovata terminologica. Perché lei crede che la Segreteria di Stato statunitense (Hillary Clinton) si adatti bene a questo termine? Non sono migliorate le forme di politica estera degli Stati Uniti nell’amministrazione Obama?
Pepe Escobar: Hillary è una dominatrice nel senso che è capace di soggiogare tutto il Consiglio di Sicurezza dell’ONU invece di ammettere il fallimento della sua diplomazia. Forse lo ha imparato con Bill… O forse sono tutti masochisti.

No, non è così. La ragione principale è che la Cina e la Russia si lasciarono dominare. Cina e Russia decisero che era meglio lasciare la stridula Hillary dominare il palco per qualche giorno, e lavorare in silenzio per raggiungere il loro obiettivo: porre sanzioni con il massimo sentore “light” su Teherán. Per ciò che riguarda l’Iran, gli Stati Uniti sono ciechi, lo vedono tutto rosso. Lo stesso può dirsi in relazione a Israele, lo vedono tutto bianco celestiale.

Domanda: il nodo centrale del suo recente articolo – «Irán, Sun Tzu y la dominatrix» [2] [Traduzione Comedonchisciotte N.d.r] – è l’accordo fra le diplomazie di Brasile, Turchia e Iran sul tema dello sviluppo nucleare di quest’ultimo Paese. In cosa consiste questo accordo?

Pepe Escobar: è essenzialmente lo stesso accordo proposto dagli stessi statunitensi nell’ottobre del 2009. La differenza sta nel fatto che, secondo la proposta del 2009, l’arricchimento dell’uranio si realizzava in Francia e in Russia e ora, attraverso l’accordo, si effettuerà in Turchia.

La differenza fondamentale è nel metodo. Turchia e Brasile si sono comportate con diplomazia, senza polemiche e rispettando le ragioni iraniane. Altro dettaglio fondamentale: tutto quello che hanno fatto era già stato discusso in dettaglio a Washington. Quando è stato presentato un risultato concreto, quando è stato raggiunto l’accordo con l’Iran, Washington, mi permetta la metafora bellica, ha sparato loro un colpo nelle costole.


[Truppe statunitensi sparse per il mondo nel tentativo di ottenere una dominazione militare, oltre che economica. Il caso iracheno è esemplare. Si tratta di un’invasione per il petrolio, con il pretesto di difendersi da possibili armi nucleari che non sono mai state trovate.]

Domanda: non è una novità nella diplomazia internazionale che Brasile e Turchia, due paesi non contrapposti agli Stati Uniti, si mettano in gioco in questa faccenda? Perché lei crede che abbiano scommesso su questa strategia autonoma? Cosa vincerebbero? L’Iran non è forse lontano, molto lontano, dal Brasile?

Pepe Escobar: ogni Paese ha i suoi motivi per espandere la propria mappa geopolitica. La Turchia si vuole proiettare come attore eccezionale, che conta davvero in Medio Oriente. Ne consegue una politica diciamo post-Ottomana, organizzata dal Ministro delle Relazioni Estere, il professor Ahmet Davutoglu.

Anche il Brasile, con una politica molto intelligente di Lula e del suo ministro Celso Amorim, vuole posizionarsi come mediatore onesto nel Medio Oriente. Il Brasile fa parte della BRIC (Brasile, Russia, India, Cina) che secondo me è attualmente il vero contro-potere all’egemonia unilaterale degli Stati Uniti. Se circa due settimane fa ha discusso formalmente a Brasilia la sua adesione, la Turchia sarebbe parte del gruppo, il quale sarebbe quindi chiamato BRICT. Questa è la nuova realtà nella geopolitica globale. E, senza dubbio, le vecchie élites di Washington sono diventate livide.

Domanda: non sembra, come lei stesso segnalava, che l’accordo abbia suscitato entusiasmo nella Segreteria di Stato né nei governi europei. Perché? Vorrebbero che la strada diplomatica fallisca per proseguire con le loro sanzioni e condurci ad uno scenario bellico? Se è così, cosa guadagnerebbero con esso? Non ci sarebbero troppi fronti aperti allo stesso tempo?

Pepe Escobar: dalla prospettiva della politica interna degli Stati Uniti, quello che interessa a Washington è cambiare il regime. Ci sono almeno tre tendenze in lizza. I “realisti” e la sinistra del Partito Democratico che sono a favore del dialogo; l’ala del Pentagono e dei servizi di intelligence vogliono almeno delle sanzioni, e i repubblicani, i neocolonialisti, le lobby di Israele e la sezione Full Spectrum Dominance del Pentagono vogliono un cambio di regime sia come sia, inclusa la strada militare, se fosse necessario.

I governi europei sono cagnolini da compagnia di Bush o di Obama. Non servono a niente. Ci sono voci autorevoli in alcune capitali europee e a Bruxelles. Sanno che l’Europa ha bisogno del petrolio e del gas iraniano per non essere ostaggi di Gazprom. Ma sono una minoranza.

Domanda: lei crede che il Governo iraniano aspiri, oltre le sue dichiarazioni, a possedere un armamento nucleare? Per farsi rispettare? Per piegare Israele? Per attaccarla? Pakistan nucleare, India nucleare, Israele nucleare, Iran nucleare. Tutta questa zona non diventerebbe un’autentica polveriera?

Pepe Escobar: sono stato molte volte in Iran e mi sono convinto di quanto segue: il regime iraniano può causare rabbia ma non è un sistema suicida. Il leader supremo, in diverse occasioni, ha annunciato una fatwa affermando che l’arma nucleare è “non-islamica”. Le Guardie Rivoluzionarie supervisionano il programma nucleare iraniano, senza dubbio, ma sanno molto bene che le ispezioni e il controllo della IAEA, Agenzia Internazionale dell’Energia Atomica, sono molto seri. Se punteranno a sviluppare una bomba atomica rudimentale, saranno scoperti e denunciati immediatamente.

Di fatto, l’Iran non ha bisogno di alcuna bomba atomica come elemento di dissuasione. Gli basta un arsenale militare high-tech, di tecnologia sempre più avanzata. L’unica soluzione giusta sarebbe una denuclearizzazione totale del Medio Oriente che Israele, ovviamente, con i suoi più di duecento missili nucleari, non accetterà e mai rispetterà.

Domanda: che ruolo gioca la Russia in questa situazione? Lei ricordava che l’impianto nucleare di Bushehr fu costruito dalla Russia, che lì si stanno si stanno svolgendo le ultime prove e che probabilmente si inaugurerà quest’estate.

Pepe Escobar: Bushehr deve essere inaugurata in agosto, dopo molti ritardi. Per la Russia l’Iran è un cliente privilegiato in termini nucleari e degli armamenti. Ai russi interessa che l’Iran continui in questo modo, che la situazione non cambi. Non vogliono l’Iran come potere nucleare militare. È una relazione con molti nodi, ma soprattutto commerciale.

Domanda: nel suo articolo lei cita il vecchio generale e stratega Sun Tzu. Ricorda un aforisma del filosofo cinese: “lascia che il tuo nemico commetta i suoi errori e non correggerli”. Lei afferma che Cina e Russia, maestri strateghi quali sono, stanno applicando questa massima rispetto agli Stati Uniti. Che errori stanno commettendo gli USA? Sono tanto goffi i suoi strateghi? Non hanno per caso letto Sun Tzu?

Pepe Escobar: tutti gli statunitensi ben educati nelle università hanno letto Sun Tzu. Altra cosa è saperlo applicare. Cina e Russia, in una strategia comune ai BRIC, si accordarono per lasciare gli Stati Uniti con l’illusione di condurre le sanzioni, nello stesso tempo in cui lavorarono e lavorano per minarle al massimo e approvare in ultima istanza un pacchetto di sanzioni molto “light”. Russia e Cina vogliono stabilità in Iran con il beneficio delle loro importanti relazioni commerciali. Nel caso della Cina, tenga in conto che l’Iran è un grande fornitore di gas e questo riguarda la massima sicurezza nazionale.

Domanda: siamo, lei riassume, in una situazione in cui sul tavolo dell’Agenzia Internazionale dell’Energia Atomica c’è un accordo di interscambio approvato dall’Iran, mentre nelle Nazioni Unite è in marcia un’offensiva di sanzioni contro l’Iran. Lei si domanda di chi si dovrebbe fidare la “comunità internazionale”. Io le domando: di chi si dovrebbe fidare la “comunità internazionale”?

Pepe Escobar: la vera “comunità internazionale”, i BRIC, i paesi del G-20, le 118 nazioni in sviluppo del Movimento dei non-allineati, insomma, tutto il mondo in sviluppo, sta con Brasile, Turchia e la loro diplomazia di non-opposizione. Solo gli Stati Uniti vogliono sanzioni e i suoi patetici, ideologici cani da compagnia europei.

Domanda: lei afferma anche che l’architettura della sicurezza globale, “vigilata da un pugno di temibili guardiani occidentali auto-nominati”, è in coma. L’Occidente “atlantista” affonda come il Titanic. Non esagera? Non confonde i suoi desideri con la realtà? Non c’è il pericolo reale che l’affondamento distrugga quasi tutto prima di affondare definitivamente?

Pepe Escobar: io ero già di fronte, con l’orrore di tutto il mondo, come per ora poter almeno credere nella possibilità di un nuovo ordine, delineato soprattutto dal G-20 e dai paesi del BRICT. Inclusa la T finale.

Il futuro economico è dell’Asia e il futuro politico è dell’Asia e delle grandi nazioni in via di sviluppo. È chiaro che le élites atlantiste rinunciano al loro potere solo dopo aver visto i propri cadaveri distesi per terra. Il Pentagono continuerà con la sua dottrina di guerra infinita. Però prima o poi non avrà come pagarla. Non nego che sia una possibilità che gli USA, in un futuro prossimo, sotto l’amministrazione di un pazzo repubblicano di estrema destra, entri in un periodo di guerra allucinata, sconvolta. Se così fosse, sarà senza dubbio la sua caduta, la caduta del nuovo Impero Romano.

Domanda: quale forte lobby degli USA è a favore della guerra infinita a cui si è appena riferito? Chi sostenta e finanzia questa lobby?

Pepe Escobar: La guerra infinita è la logica della Full Spectrum Dominance, la dottrina ufficiale del Pentagono, che include “l’encirclement” di Cina e Russia, la convinzione che questi paesi non possano emergere come ficcanaso e competitori degli USA, e inoltre fare tutti gli sforzi per controllare o almeno vigilare Eurasia. È la dottrina del Dr. Strangelove [3], però è anche la mentalità dei dirigenti militari statunitensi e della maggioranza del suo establishment. Il complesso industrial-militare non ha bisogno dell’economia civile per sostentarsi. Ha in elenco un’enorme quantità di politici e tutte le grandi corporazioni.

Domanda: lei parla della dottrina del Dr. Zbigniew “conquisteremo l’Eurasia”. Un’altra trovata, mi permetta un altro complimento. Il vecchio assessore alla sicurezza nazionale, lei segnala, sottolineò che “per la prima volta in tutta la storia umana, l’umanità si è svegliata politicamente -questa è una nuova e totale realtà- , una cosa mai successa prima”. Secondo lei è così? Che parte dell’umanità addormentata si è svegliata?

Pepe Escobar: per le élites statunitensi il dato essenziale è che Asia, America Latina e Africa stanno intervenendo politicamente nel mondo in un modo impensabile durante il colonialismo e che la decolonizzazione è, per loro, un incubo senza fine. Come dominare chi ora sa come comportarsi per non essere dominato di nuovo? È una domanda basilare.

Domanda: Washington, profondamente unilaterale, lei segnala, non esita a puntare l’indice fino al più vicino dei suoi amici. Perché? Sono per caso l’incarnazione dell’Asse del Male? Può essere raggiunta l’egemonia con procedimenti così poco gentili? Fino a quando?

Pepe Escobar: Non si può sottovalutare la crisi statunitense. È totale: economica, morale, culturale e politica. Ed anche militare perché furono distrutti in Iraq e sono al limite di un’umiliante sconfitta totale in Afganistan. Il nuovo secolo americano morì già nel 2001. L’11 settembre, oggi, si può interpretare come un messaggio apocalittico di fine.

Domanda: ma qual è uno degli attori principali della politica statunitense nel Vicino Oriente? Israele è addormentato? Quali sono i piani dei bulli di Gaza? [4]

Pepe Escobar: Israele si è convertito in quello che io chiamo “briccone” [birbante, o stato villano]. Sparta paranoica, etno-razzista, che ha la responsabilità della macchia profonda dell’apartheid. Israele sarà ogni volta più isolata dal mondo reale, protetta solo dagli USA, di cui è uno Stato-cliente. E il suo incubo, come se si trattasse di un film horror hollywoodiano, sarà il ritorno di ciò che è stato represso: la storia gli farà pagare per tutto l’orrore che ha perpetrato e continua a perpetrare contro i palestinesi.

Domanda: che opinione ha dell’azione di Israele dello scorso 30 maggio? Che senso può avere un attacco a dei pacifisti solidali con Gaza?

Pepe Escobar: fa parte della stessa logica di sempre. Abbiamo sempre ragione; quelli che sono contro le nostre politiche sono terroristi o antisemiti. Ora Israele è nella fase di difendere l’indifendibile: il blocco di Gaza.

È chiaro che ora tutto il mondo lo sa e non lo potrà più ingannare con le sue bugie, la Palestina sarà l’eterno Vietnam di Israele. Ma dubito, come nel caso degli Stati Uniti, che questa volta siano capaci di imparare la lezione.

Pepe Escobar [foto accanto al titolo N.d.r.], analista geopolitico. È autore di «Globalistan: How the Gbalizad World is Dissolving into Liquid War» (Nimble Books, 2007) e di «Red Zone Blues: a shapshot of Baghdad during the surge». Recentemente ha pubblicato «Obama does Globalistan» (Nimble Books, 2009), un libro che merita di essere tradotto (in spagnolo) con urgenza.

NOTE

[1] Fonte: http://www.atimes.com/atimes/Middle…

[2] http://www.rebelion.org/noticia.php…, 27 maggio 2010.

[3] Il film di S. Kubrick il cui titolo in italiano è “il Dottor Stranamore”, uno dei film preferiti di Manuel Sacristán.

[4] La domanda è stata formulata prima dell’attacco alla Flotilla della libertà e solidarietà. L’intervista termina con una domanda sull’attacco. “La Palestina sarà l’eterno Vietnam di Israele”, afferma Escobar.

Titolo originale: “”LA GUERRA INFINITA ES LA LÓGICA DE LA DOCTRINA OFICIAL
DEL PENTÁGONO””

Fonte: www.rebelion.org
Link: http://www.rebelion.org/noticia.php?id=107156
04.05.2010

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di GABRIELLA REHO

Pubblicato da Das schloss

  • brunotto588

    … E meno male che ogni tanto qualcuno arriva, a togliervi le fette di salame dal paraocchi “occidentale”, il solo attraverso il quale vi permettono di guardare il mondo … !!! AVANTI COSI’: L’ America si sta praticamente annientando da sola ( e non sarà a breve più un problema per le cd. “forze del male” rappresentate da SCO e BRIC; la solidarietà orientale sta vincendo, vivaddio, sui folli impotenti imperialisti … ). Il colpo di coda che l’ America sta cercando di infliggere alla Colonia Europa la dice lunga in tal senso … sente che il controllo le sta sfuggendo di mano, e cerca risorse ovunque … a costo di affossare l’ Euro e gli stati europei … Ma il Sudamerica ha fatto passi da gigante sulla via dell’ indipendenza, e cosa importantissima sono “solidali” tra loro … La SCO ha sempre portato avanti il suo accordo economico-militare di “buon senso” … L’ Iran ? Comunque vada ormai costituisce la “Waterloo” degli USA … Ecco: adesso è il momento in cui chi contesta il sistema potrebbe ottenere qualcosa anche da noi. Vive la fesse.

  • joko

    Qual’è l’emergenza mondiale da risolvere più rapidamente possibile oggi 25 giugno 2010? Il terrorismo? Al Qeida? I talebani? L’iraq? Le missioni nello spazio?

    Nooo.

    C’è una cosa che provocherà danni irreparabili per i prossimi decenni (se non secoli) e nuocerà direttamente e specialmente il popolo statunitense….. (sì sì lo avete capito, ma per chi non lo avesee ancora capito) è la marea nera nel golfo del Messico.

    E allora io dico perchè Obama non da dimostrazione di coerenza con il suo governo/popolo e dimostrazione di responsabilità (e anche distensione verso i popoli “avversi”) facendo rientrare tutti i soldati americani impegnati all’estero in missioni di “pace” per impiegarli a ridurre il più possibile i danni della maledetta marea nera; cataclisma planetario dai risvolti imprevedibili con ricadute molto pericolose per il mondo intero e specialmente per il futuro di tutti i bambini del mondo che vivranno in un luogo molto peggiore dell’attuale.

  • AlbertoConti

    ……….. Non si può sottovalutare la crisi ………… È totale: economica, morale, culturale e politica ………… (non ci ricorda qualcosa di molto più vicino?)

  • vic

    Perdinci, siamo atterrati in un set del nuovo western di Leo A.
    Sullo sfondo il monte Ararat osserva imperterrito.

    V: Ragazzo, ti spaccherai le spalle con quel tizio sulle spalle.
    Armonica: Suona armoniosamente la sua armonica
    V: Signor regista chi e’ quell’uomo sulle spalle del ragazzo? Non corre il rischio di cadere?
    regista Leo Ataturk: Non lo disturbi. Non e’ un uomo ma un curdo. E’ fissato con una comoda corda attorno al collo, cosi’ non cade malamente.
    V: E’ il nuovo corso della cinematografia turca?
    regista Leo A: Giusto, armonia e rispetto innanzitutto.
    V: Come quella famosa, si puo’ dire faccenda, degli Armeni.
    regista Leo A: Ah pure lei a menarla con gli Armeni. Non e’ successo niente, la vuole capire, rispettosamente parlando.
    V: Capito. La saluto con armonia e rispetto cristiano.
    regista Leo A: Grande rispetto per i sempre piu’ esigui cristiani.
    V: Salamelec.

    Armonia e rispetto, avantutto!