Il CDC cambia le regole: PCR a 28 cicli, ma solo ai vaccinati

Megan Redshaw
childrenshealthdefense.org

Con l’aumentare delle segnalazioni di nuovi casi di COVID, all’interno e all’esterno degli Stati Uniti, il Centers for Disease Control and Prevention (CDC) oggi ha dichiarato che, a partire dal 14 maggio, cambieranno le modalità di segnalazione dei nuovi casi post vaccinazione [breakthrough cases].

Secondo una dichiarazione sul sito web del CDC, l’agenzia ha comunicato che, nell’intento di “ottimizzare la qualità dei dati raccolti sui casi di maggiore importanza per la clinica e la salute pubblica” smetterà di segnalare settimanalmente i nuovi casi di COVID post vaccinale, a meno che non risultino in un ricovero o in un decesso.

La notizia segue un altro cambiamento, annunciato alla fine del mese scorso sul modo in cui i test PCR dovranno essere praticati alle persone completamente vaccinate.

Entrambi i cambiamenti, negli Stati Uniti avranno come risultato una diminuzione del numero complessivo dei nuovi casi post vaccinazione.

Si parla ufficialmente di nuovo caso post vaccinazione quando una persona risulta positiva alla SARS-Cov-2 due settimane dopo aver ricevuto la dose singola del Johnson & Johnson (J&J) o la seconda dose del vaccino di Moderna o di Pfizer.

Perché questi cambiamenti sono importanti

Ad aprile, il CDC aveva diramato una nuova indicazione per i laboratori, raccomandando di ridurre il valore CT della RT-PCR a 28 cicli, ma solo per i test COVID su individui completamente vaccinati.

In un test RT-PCR, il gold standard per la diagnosi della SARS-CoV-2, l’RNA viene estratto dal tampone utilizzato dal paziente. Viene poi convertito in DNA, che viene poi amplificato.

Il CT, o soglia dei cicli, è il valore che caratterizza il test RT-PCR. Il valore del CT si riferisce al numero di cicli necessari per amplificare il DNA del test, che, a sua volta, deriva dall’RNA virale e portarlo ad un livello rilevabile visivamente.

Secondo l’Indian Council of Medical Research, un paziente è considerato positivo per la COVID se il valore di CT è inferiore a 35. In altre parole, se il virus è rilevabile dopo 35 cicli o prima, allora il paziente è considerato positivo.

Il Dr. Anthony Fauci raccomanda un valore CT di 35. A livello globale, il valore di soglia CT comunemente accettato per essere considerati COVID positivi varia tra 35 e 40, a seconda delle raccomandazioni dei produttori delle apparecchiature per il test.

Se il valore di riferimento venisse abbassato a 24, significherebbe che i valori CT nell’intervallo 25-34 non sarebbero considerati positivi,” secondo l’Indian Council of Medical Research e come riportato da The Indian Express. “Un valore di riferimento di 35, quindi, significa che sarebbero considerati positivi molti più pazienti rispetto a quelli che otterremmo se il valore di riferimento fosse 24.”

In altre parole, l’abbassamento del parametro di soglia CT può mascherare persone effettivamente infette.

Il CDC questa settimana non riporterà il numero dei nuovi casi post vaccinazione

Poiché il cambiamento nel modo in cui il CDC riporterà il numero dei nuovi casi post vaccinazione è ancora in fase di attuazione e non entrerà in vigore fino al 14 maggio, il CDC, questa settimana, non ha comunicato i dati.

Secondo gli ultimi dati disponibili al 26 aprile, il CDC aveva riferito che 9.245 persone erano risultate positive alla COVID almeno due settimane dopo aver ricevuto l’ultima dose di vaccino COVID. 835 persone, circa il 9%, avevano dovuto essere ospedalizzate e 132 erano morte.

Dei pazienti ricoverati, 241 erano stati dichiarati asintomatici o con una malattia non correlata alla COVID e 20 decessi erano stati riportati come asintomatici o non correlati alla malattia.

Questi ultimi dati provengono da 46 stati e territori degli Stati Uniti. Non è chiaro quali siano i quattro stati che non hanno presentato al CDC i dati sui nuovi casi post vaccinazione.

Questi dati di sorveglianza sono un’istantanea e aiutano ad identificare i modelli e le caratteristiche dei nuovi casi resistenti al vaccino,” ha comunicato il CDC in una dichiarazione del 27 aprile. “Poiché il CDC e i dipartimenti sanitari statali si concentreranno ora solo sui nuovi casi post vaccinazione che risulteranno in ospedalizzazioni o decessi, questi dati saranno regolarmente aggiornati e pubblicati ogni venerdì.”

Secondo il CDC, il numero reale dei casi post vaccinali è probabilmente più alto, poiché il sistema di sorveglianza è passivo e si basa sulle segnalazioni volontarie dei dipartimenti sanitari statali e potrebbe non essere completo. Inoltre, alcuni casi potrebbero non essere identificati a causa della mancanza di test. Questo è particolarmente vero nei casi di malattia asintomatica o lieve, ha aggiunto il CDC.

Il CDC ha affermato che i vaccini sono ancora efficaci, facendo notare che i casi post vaccinazione rappresentano solo una piccola percentuale della popolazione vaccinata.

Il Paese più vaccinato del mondo torna in lockdown, mentre aumentano i casi di infezione

La Repubblica delle Seychelles, il Paese con la più alta percentuale al mondo di popolazione vaccinata contro la COVID, visto l’aumento dei nuovi casi, ha dovuto nuovamente far ricorso a misure di blocco simili a quelle imposte nel 2020.

Secondo Bloomberg, il 62,2% della popolazione adulta dell’isola ha ricevuto due dosi di vaccino COVID. Questo dato è superiore il 55,9% di Israele, la seconda nazione più vaccinata al mondo. Sinopharm e Covishield di AstraZeneca sono i due vaccini somministrati alle Seychelles.

“Nonostante tutti gli sforzi eccezionali che stiamo facendo, nel nostro Paese la situazione della Covid-19 in questo momento è critica, con molti casi giornalieri riportati la scorsa settimana,” ha riferito martedi scorso Peggy Vidot, il ministro della salute della nazione, durante una conferenza stampa.

Su base pro capite, l’epidemia delle Seychelles è peggiore di quella che attualmente sta infuriando in India. Avere una media di poco più di 100 nuovi casi al giorno è un grave problema per un Paese con una popolazione di meno di 100.000 persone, secondo il Washington Post.

Di questi casi, l’84% sono Seychellesi e il 16% stranieri, ha affermato Daniel Lucey, professore clinico di medicina alla Dartmouth Geisel School of Medicine, in un post sul blog Sciece Speaks. Poco meno dei due terzi di queste persone non sono vaccinate, o hanno ricevuto solo una dose, e il resto  due dosi, ha aggiunto Lucey.

Un confronto tra Sinopharm, Covishield e le persone infette non vaccinate potrebbe essere fatto usando il sequenziamento genetico e i dati sulla gravità delle loro infezioni, ha detto Lucey. “Dato l’ampio uso internazionale di questi due vaccini ci sono implicazioni globali per ciò che sta accadendo ora alle Seychelles.”

Nel corso di una conferenza stampa, alcuni funzionari del Paese hanno fornito pochi dettagli sulle possibili cause di questa recrudescnza dell’infezione, limitandosi a dire che la gente stava prendendo meno precauzioni contro il virus rispetto a prima e che l’aumento nel numero dei casi potrebbe essere dovuto ai festeggiamenti successivi alla Pasqua.

In California migliaia di casi di COVID post vaccinazione

Tra il 1° gennaio e il 28 aprile, i funzionari della sanità pubblica californiana hanno registrato 3.084 casi di COVID post vaccinale, ha riferito The Sacramento Bee.

Con il passare del tempo e il fatto che sempre più persone sono completamente vaccinate, è probabile che si verificheranno ulteriori casi post-vaccinazione,” ha riferito in una dichiarazione il Dipartimento della Salute Pubblica della California.

Si parla ufficialmente di nuovo caso post vaccinazione quando una persona risulta positiva alla SARS-Cov-2 due settimane dopo aver ricevuto la dose singola del Johnson & Johnson (J&J) o la seconda dose del vaccino di Moderna o di Pfizer.

Il Dipartimento della Salute dello stato non aveva informazioni sui ricoveri e i decessi attribuiti ai nuovi casi post vaccinazione.

The Defender ha già riferito sui casi post vaccinazione a Washington, e in Florida, South Carolina, Texas, New York, California e Minnesota.

Megan Redshaw

 

Fonte: childrenshealthdefense.org
Link: https://childrenshealthdefense.org/defender/cdc-changes-rules-counting-breakthrough-cases/
05.’5.2021
Scelto e tradotto da Markus per comedonchisciotte.org

“© [CDC Changes Rules for Counting Breakthrough Cases, as More Fully Vaccinated People Test Positive 05/07/21] Children’s Health Defense, Inc. This work is reproduced and distributed with the permission of Children’s Health Defense, Inc. Want to learn more from Children’s Health Defense? Sign up for free news and updates from Robert F. Kennedy, Jr. and the Children’s Health Defense. Your donation will help to support us in our efforts.

 

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
31 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
31
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x