I terroristi del Mek mettono a rischio l’infrastruttura informatica dell’Albania

Secondo l'analista iraniano Alireza Niknam l'organizzazione Mojahedin-e Khalq metterà in difficoltà Tirana col suo sostegno dovuto alle compiacenze occidentali di Rama.

Riceviamo e pubblichiamo dal giornalista e analista iraniano Alireza Niknam, reporter e ricercatore nel campo dei gruppi terroristici, in particolare il gruppo terroristico di Mujahedin-e Khalq (MEK). Niknam ha conseguito una laurea in scienze politiche presso l’Università di Teheran e scrive articoli per diverse agenzie di stampa internazionali. Oltre al giornalismo è commentatore politico e consulente del TerrorSpring Institute nel campo dell’antiterrorismo.

Di Alireza Niknam

Il MEK e’ un’organizzazione paramilitare che ha iniziato le sue attività in Iran nel 1965. Dopo la vittoria della Rivoluzione Islamica iraniana nel 1979, l’organizzazione MEK, che sosteneva di aver realizzato la Rivoluzione Islamica, iniziò un conflitto con l’Iran. Infine, nel 1981 si verificò la lotta armata contro la Repubblica islamica dell’Iran, l’MKO dichiarò di prendere le armi e portò avanti operazioni terroristiche di grandi e piccole dimensioni; più di 17.000 persone della Repubblica islamica dell’Iran furono martirizzate, e la più importante di queste azioni fu l’attentato all’Ufficio del Primo Ministro e all’Ufficio del Partito della Repubblica islamica dell’Iran, dove il Presidente, il Primo Ministro e il Capo della Corte Suprema della Repubblica islamica dell’Iran furono martirizzati in questi due incidenti.

Dopo l’accettazione del trattato di pace da parte dell’Iran e dell’Iraq, il MEK ha attaccato l’Iran con l’illusione di conquistare Teheran in pochi giorni con il sostegno di Saddam. Subito dopo l’ingresso in Iran, i “Mujahedin del Popolo” hanno commesso azioni efferate, come dare fuoco a persone e impiccarle.

Uno dei più grandi tradimenti commessi contro il popolo iraniano dal MEK, fu quello di unirsi ai nemici della Repubblica Islamica dell’Iran, che all’epoca era l’Iraq o meglio il Partito Baathista guidato da Saddam. Quando il regime di Saddam fu rovesciato in Iraq, l’organizzazione Mojahedin-e Khalq (MEK) rimase senza casa e chiamò l’America e Israele, nemici giurati della Repubblica Islamica dell’Iran, per trovare nuovi sostenitori.

L’Albania divenne il luogo scelto dall’organizzazione per la propria base. I leader del MEK hanno deposto le armi per aver trovato riparo in Albania, ma non hanno messo da parte la loro inimicizia nei confronti del popolo iraniano. Utilizzando la capacità dei social network, hanno creato una nuova formazione militare contro l’Iran e si sono attivati nello spazio virtuale per mostrare la loro ostilità nei confronti del popolo e hanno preso molte iniziative contro il governo e il popolo iraniano.

Le attività dei membri del MEK possono essere osservate nelle rivolte del 2009, note come “rivolte della benzina” (Petrol Riots), e negli eventi del 2022. Nel frattempo, l’Organizzazione Mojahedin-e Khalq ha utilizzato l’infrastruttura informatica dell’Albania e ha condotto attacchi estesi contro i funzionari della Repubblica Islamica, per cui l’Albania è da ritenersi responsabile di aver fornito la sua infrastruttura informatica all’Organizzazione Mojahedin-e Khalq.

L’organizzazione utilizza l’infrastruttura informatica di questo Paese e ha cercato e sta ancora cercando di attaccare i funzionari della Repubblica Islamica dell’Iran.

Nella guerra classica, gli attacchi erano territoriali e fisici, ma nella guerra morbida si tratta di attacchi ai pensieri e alle idee che gli oppositori della Repubblica Islamica, in particolare da parte dell’Organizzazione Mojahedin-e Khalq. Di conseguenza, il popolo iraniano dovrebbe prendere delle contromisure quando il MEK ha sempre cercato la guerra.

Sebbene le autorità della Repubblica islamica dell’Iran non abbiano mai accettato l’attacco all’infrastruttura informatica dell’Albania, sono nella posizione di agire molto duramente se questo processo dovesse continuare. Da un lato, il sostegno spirituale e politico dell’organizzazione Mojahedin-e Khalq può mettere in pericolo l’infrastruttura informatica dell’Albania, e dall’altro, se una situazione del genere si verifica in Albania, il Paese e il popolo albanese dovranno affrontare seri problemi.

Pertanto, i funzionari e le autorità albanesi dovrebbero prestare attenzione al fatto che il loro Paese si trova ora in una situazione in cui, se tali azioni continueranno, potrebbero verificarsi attacchi più diffusi all’infrastruttura informatica del Paese o le principali infrastrutture del Paese saranno interrotte.

Di Alireza Niknam

Traduzione a cura della Redazione di ComeDonChisciotte.org

ISCRIVETEVI AI NOSTRI CANALI
CANALE YOUTUBE: https://www.youtube.com/@ComeDonChisciotte2003
CANALE RUMBLE: https://rumble.com/user/comedonchisciotte
CANALE ODYSEE: https://odysee.com/@ComeDonChisciotte2003

CANALI UFFICIALI TELEGRAM:
Principale - https://t.me/comedonchisciotteorg
Notizie - https://t.me/comedonchisciotte_notizie
Salute - https://t.me/CDCPiuSalute
Video - https://t.me/comedonchisciotte_video

CANALE UFFICIALE WHATSAPP:
Principale - ComeDonChisciotte.org

Potrebbe piacerti anche
Notifica di
1 Commento
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
1
0
È il momento di condividere le tue opinionix