Home / Attualità / I leader europei fuggono nuovamente dalla realtà

I leader europei fuggono nuovamente dalla realtà

FONTE: ZEROHEDGE.COM

Quando i leader del G7 arriveranno a Taormina il 26 maggio, si troveranno in un ambiente imbellettato. L’Italia ha annunciato che chiuderà tutti i porti dell’isola alle navi cariche di migranti (soprattutto quelle provenienti dalla Libia) per due giorni. Il motivo è proteggere la riunione da eventuali attacchi terroristici. Secondo i media italiani, “il ministero degli interni ritiene che le imbarcazioni con immigrati clandestini potrebbero nascondere una minaccia islamista”.

Tali riunioni sono, naturalmente, sempre soggette a una serie di misure di sicurezza ad alto livello. Tuttavia, che i capi di Stato si schermino di fronte alle conseguenze delle loro politiche rappresenta un nuovo clamoroso livello di ipocrisia, indipendentemente dai rischi di terrorismo. Non si preoccupano affatto dei veri rischi terroristici che i cittadini europei sono costretti a vivere quotidianamente grazie alle politiche migratorie imposte dai loro stessi governi.

Nel 2015, alla domanda su come l’Europa possa difendersi dall’islamizzazione, la Merkel, che non si muove senza la sua personale scorta di 15-20 guardie del corpo armate, ha risposto con disinvoltura: “La paura non è un buon consigliere. Dobbiamo avere il coraggio di ribadire le nostre radici cristiane”. Nel dicembre 2016, ha detto ai membri dell’Unione Democratica Cristiana (CDU), che chiedevano come rassicurare il pubblico sul problema dell’integrazione: “Ampliate i vostri orizzonti culturali”.

Perché i cittadini europei dovrebbero “allargare gli orizzonti”, mentre i governanti, che li hanno costretti a farlo, si proteggono dalla realtà che essi stessi hanno deciso per tutti gli altri? Questo atteggiamento, assolutamente non democratico, è molto vicino a quello dei monarchi assoluti dell’Europa di un tempo.

Vedere i migranti che arrivano in Sicilia potrebbe far capire a questi capi la realtà dell’Europa.

Secondo l’UNHCR, nel 2016  sono arrivati 362.753 immigrati in Europa via Mediterraneo, mentre nel 2015, quando la Merkel invitò in Germania i richiedenti asilo, erano stati più di un milione.

Nel 2016, la maggioranza di questi migranti, 181,436, ha attraversato il Mediterraneo giungendo in Italia, altri 173.450 in Grecia. Secondo l’UNHCR, 55.374 ne sono già arrivati in Europa attraverso il Mediterraneo, tra il 1° gennaio e il 19 maggio 2017. La maggioranza (quasi 46.000) è arrivata in Italia, ma alcuni sono arrivati anche in Spagna (3.200) e in Grecia 6.100). I paesi di  provenienza più comuni sono Nigeria (17%), Bangladesh (10,7%), Guinea (9,7%), Costa d’Avorio (9,1%), Gambia (6,6%), Siria (6,1%), Senegal (5,9%) e Marocco (5,6%), più un totale del 10% da paesi “non specificati”. La maggior parte di questi, evidentemente, non sono rifugiati, ma migranti economici.

Ciononostante, l’Europa persevera nelle sue vecchie politiche disfunzionali. Il 2 maggio 2017, Dimitris Avramopoulos, commissario europeo responsabile per la migrazione, gli affari interni e la cittadinanza, ha sollecitato l’UE:

“Bisogna tornare gradualmente, come ribadito più volte, ad un normale funzionamento dell’area Schengen. L’obiettivo rimane invariato: uno spazio completamente funzionale, libero da controlli delle frontiere interne”.

In altre parole, sembra che l’Unione Europea voglia un ritorno al completo caos che regnava nel 2015, che cessò quando diverse nazioni ripristinarono i controlli alle frontiere in stile pre-Schengen. Avramopoulos “ha particolarmente raccomandato” che Austria, Germania, Danimarca, Svezia e Norvegia eliminino “nei prossimi sei mesi i controlli temporanei in vigore in alcune delle loro frontiere Schengen”. Questi sono i paesi che hanno vissuto più caos dai migranti desiderosi di raggiungere quelle ricche nazioni, dopo che Angela Merkel li ha invitati.

Evidentemente sembra inconcepibile ai politici europei che la risposta alla grande ondata di migranti (da otto a dieci milioni potrebbe essere la nuova ondata) possa essere qualcosa di diverso dall’accoglienza e una prosecuzione delle vecchie politiche di welfare.

È vero, come dice il ministro tedesco dello sviluppo Gerd Müller, che “nell’era digitale tutti conoscono la nostra prosperità”. Ma la risposta a questo problema non è fatalisticamente sedersi e aspettare l’invasione. La risposta è una modifica delle obsolete e insostenibili politiche di welfare europee, che derivano da un’epoca di pre-globalizzazione: bisogna rendere meno attraente per milioni di migranti avventurarsi verso l’Europa.

Inoltre, ai leader europei sembra non interessare che le loro continue politiche di migrazione sostengono un’intera industria di trafficanti umani, che fanno affari miliardari.

Secondo il rapporto [Europol], il traffico di migranti nel 2015 ha fatto guadagnare ai boss della criminalità fino a 5,7 miliardi di euro, con un leggero calo lo scorso anno (circa 2 miliardi di euro), quando il numero di illegali è sceso a circa 510.000.

Europol ha dichiarato: “Il contrabbando dei migranti è emerso come una delle attività più redditizie e diffuse per la criminalità organizzata nell’UE”.

I politici europei sono indirettamente responsabili dell’esistenza di questo settore.

L’Italia pensa di proteggere i leader del G7 da potenziali attacchi terroristici a Taormina, chiudendo i porti siciliani ai migranti. Ma schermando dalla realtà i politici, che già di base non la vivono, espongono i cittadini europei – che dovrebbero essere loro sì protetti – a rischi ancor maggiori.

 

Judith Bergmann via The Gatestone Institute,

Fonte: www.zerohedge.com

Link: http://www.zerohedge.com/news/2017-05-23/europes-blinkered-leaders-shielding-themselves-reality

23.05.2017

Scelto e tradotto per www.comedonchisciotte.org da HMG

Pubblicato da Davide

  • clausneghe

    Certo che “Tutti insieme al Braccobaldo show” sarebbe una occasione ghiotta, se l’Orso volesse a-profittare….(scherzo).

  • Hito

    Intanto il M5Soros, come aveva dato modo di pensare dopo aver richiesto l’abolizione del reato di clandestinità, esce allo scoperto e, nella persona del suo leader, si iscrive tra quelli che “abbiamo bisogno di almeno 200000 immigrati per pagarci la pensione”
    https://www.youtube.com/watch?v=M5jVKpLH3uA
    Quindi, facendo un riepilogo, sono:
    – Pro-euro perchè l’uscita è una questione “metafisica”.
    – Pro immigrati, perchè ci devono pagare la pensione.
    – Pro povertà, (la vostra) perchè fa molto francescano.
    Sempre più convinto di votare Lega.

    • clausneghe

      E che ti da la Lega?

      • Hito

        Coerenza. Ed è l’unico partito che su questi temi, cruciali, dice la verità, a costo di mettersi contro tutti i pennivendoli di regime.

        • robespierre

          Che sia o sia stata coerente la Lega e’ tutto da dimostrare, vedi cio’ che dicevano in passato i leaders e cio’ che facevano. Comunque, anche attualmente, per caso sai che Maroni e’ sotto processo per due sue collaboratrici? E la compagna (o ex, non si capisce mai) di Salvini pure assunta in ente pubblico? E i soldi e diamanti investiti dalla Lega in Tanzania, ovvero nell’Africa da loro sempre osteggiata? E le spese personali della famiglia Bossi con soldi del partito (processo tuttora in corso)? E la laurea del figlio di Bossi in Albania?

          • Hito

            Io sento, vedo e valuto in base alla realtà presente al momento della
            valutazione; DI SICURO non posso sperare che altri facciano la cosa giusta, se hanno il piccolo problemuccio di dire e pensare le cose sbagliate; i processi devono essere conclusi, prima di formulare accuse, per esempio Cota, eletto governatore del Piemonte, è stato fatto dimettere per un paio di Boxer da 10€, rovinandogli la carriera (e probabilmente rovinando la regione), poi è risultato innocente, gli si restituisce il governatorato? E il consigliere regionale del M5Soros, REO CONFESSO per un reato penale, basta che si dimetta e pace fatta? E il malcostume dei pentastellati nel gonfiare i rimborsi, bisogna tollerarlo perchè loro urlano O-NE-STA’- O-NE-STA’ ogni mezz’ora? I diamanti (comprati con soldi della Lega, non rubati, come erano soldi della Lega quelli spesi per Bossi and family) coerentemente a quanto dicono, sono stati investiti in Africa per aiutarli a casa loro! 😉

          • robespierre

            Cota fu accusato e poi assolto per un fatto minimo. Pero’, in effetti, sulla sua elezione ci fu un ricorso relativo ad una lista che appariva di sinistra e che di fatto era di destra (ergo, volutamente si erano confusi gli elettori), lista legata a due personaggi, padre e figlio, che gia’ in precedenza si erano fatti conoscere, certo in modo non positivo, nell’ambito politico. I diamanti furono comprati con soldi della Lega solo nominalmente, ma di fatto si trattava di soldi di contribuenti italiani. I contributi statali ai partiti devono essere rapportati a fini politici, non a speculazioni economiche e talora anche finanziarie!!! Non ho poi presente il consigliere regionale 5 Stelle Soros, io conosco solo un certo George Soros. Non mi dica poi che i soldi della Lega furono investiti in Africa per aiutare i popoli del continente, perche’ mi potrebbe addirittura venire il sospetto che lei possa credere agli asini volanti!!! Ultimo capitolo: guardi come ieri ha votato la Lega in rapporto ai vouchers: a favore del governo per il loro ripristino. Quindi, da un lato, giustamente, almeno verbalmente, Salvini si impegna per le pensioni contro la legge Fornero e dall’altro e’ a favore dei vouchers? Letterale comica e incoerenza.
            P.S.: se non e’ lombardo provi a chieder cosa pensino i lombardi della vecchia guardia della Lega e della relativa gestione: la risposta non sara’ certo positiva!

          • Hito

            Io chiamo il M5S M5Soros, visto che PROBABILMENTE è tra i suoi finanziatori, infatti ha il programma che, a partire dalla “corruzione” non manca mai nelle recenti rivoluzioni colorate. Il consigliere regionale si chiama Enrico Cantone, ed è reo confesso, che è colpevole l’ha scritto lui su facebook! Sui voucher si potrebbe fare un lungo discorso, ma è lungo e non ne ho il tempo… diciamo che van bene fino ad un certo punto, non esasperati all’inverosimile come fatto dal PD. Che non hai il senso dell’umorismo mi è già chiaro, visto che non sai riconoscere le battute nemmeno se seguite da uno smile ;)… Tu che sei lombardo prova a chiedere ai cittadini cosa ne pensano ORA della NUOVA guardia della Lega (la risposta potrebbe stupirti), altrimenti inizio a dubitare anche della tua comprensione dell’Italiano.

          • robespierre

            Punto 1: dubito che dietro i 5 Stelle ci sia Soros e se dubito, fidati, ho i miei buoni motivi. Punto 2: i vouchers andrebbero bene per lavori domestici o veramente stagionali, ma solo in piccole imprese. Essi in effetti sono serviti solo a non fare pagare i contributi a tantissime imprese, il tutto a grave carico dello Stato. Punto 3: che io non abbia senso dell’umorismo e’ letteralmente assurdo. Se avessi modo di conoscermi direttamente ti ricrederesti in (massimo) 5 minuti. La tendenza alla battuta e alla satira e’ in me fortemente innata. Punto 4: sono emiliano romagnolo, ma ho diversi amici e conoscenti lombardi e ti posso assicurare che i commenti relativi alla Lega non li ho mai sentiti positivi. La Lega ha riacquistato negli ultimi anni consensi non per convinzione e senso di appartenenza partitica, ma solo per interesse o per il nulla (o quasi) assoluto politico nel panorama nazionale (oltre che per i voti di destra di diversi gruppi del Centro Sud). L’italiano penso di conoscerlo bene, alquanto bene, a partire dall’uso dei congiuntivi, vedi: Il consigliere regionale si chiama Enrico Cantone, ed è reo confesso, che è colpevole l’ha scritto lui su facebook! Il modo da usare e’ il congiuntivo (che sia colpevole), non l’indicativo!!!

          • Hito

            Punto 1: la fede… Punto 2: la fede… Punto 3: la fede… Punto 4: la fede… (Punto 5): le forme verbali… (della sostanza, MARCIA, evidentemente non ti frega una fava). Quindi le mie prime 3 affermazioni, DOCUMENTATE, perdono contro la fede cieca… Pensa che fino a 2 anni fa ero per il M5S anche io, ho Votato M5S alle ultime politiche ed alle europee, andavo a tutte le STERILI riunioni, quindi so di cosa parlo quando dico “la fede”, poi però bisogna anche svegliarsi!!! Quando la smetti con le pippe mentali e le forme verbali, sono qui.

          • robespierre

            Io non parlo di fede, ma di fatti, ai quali, capisco, puoi anche non credere, sei pienamente libero di farlo. Comunque non credo assolutamente ci sia Soros dietro i 5 Stelle ed anche se ci fosse lui ce ne accorgeremmo immediatamente una volta al potere i pentastellati. Proprio per questo ti chiedo di evidenziare le prove di cio’ che sostieni, visto che quanto esce dalla tua mente e’ inconfutabile. Che poi le loro riunioni siano sterili e’ possibile, pero’ di fatto sono stati reiteratamente proprio i 5 Stelle ad evidenziare tante incongruenze del sistema e a presentare in Parlamento proposte per cancellarle, eppure tutti gli altri partiti hanno votato no. Solo ora, in prossimita’ di nuove elezioni, tornano a parlare di vitalizi per parlamentari decaduti calcolati col metodo contributivo e della diminuzione delle slot-machines. Precedentemente si erano ostinatamente interposti bloccando il tutto. Come gia’ detto, questi sono solo 2 esempi, ma essi sarebbero moltissimi, a partire dal reddito di cittadinanza. Non si possono aiutare persone che faticano a trovare lavoro e non hanno altre sostentamenti e poi si spreca denaro per salvare compagnie e banche gia’ fallite o in armamentari che servono solo a date aziende o Stati? La cassa integrazione, anomalia puramente italiana creata per sostenere o forse, meglio, aiutare economicamente anche tante aziende di fatto non in crisi, ma pronte poi ad esportare capitali e produzione all’estero, non puo’ essere abolita?
            P.S.: Parli troppo di pippe mentali che io certo non ho e ricorda: chi parla piu’ volte di un problema e’ colui che di fatto l’ha!

          • Emilia2

            Bossi non e’ piu’ a capo della lega

          • robespierre

            Non c’entra niente, la questione e’ il principio. Inoltre le accuse sono legate a quando Bossi era il capo della Lega.

    • Edoxxx

      SOLO la LEGA è CONTRO l’IMMIGRAZIONE!

  • GioCo

    Se in Africa non ci fosse il “problema economico”, vorrebbe dire che qualcuno l’ha risolto e ad oggi solo la Cina ha manisfestato l’interesse a intervenire nel “problema economico africano”, ma non ha mai detto che lo fa “per il bene dei residenti”. Naturalmente questo in cambio dello sfruttamento di materie prime di cui il continente è ricco ma non come lo Zio Sam, cioè con l’abuso, la libera diffusione di stupefacienti e la guerriglia combinati insieme alla corruzione, ma con la corruzione e basta, fatta di fiumi di affari estremamente “polposi”. Si sa, che il malaffare vive di ingordigia e per ciò la Cina non fatica a trovare ingordi che facciano i suoi interessi. Questo non è contrario alla volontà made in USA, a patto che il controllo politico dell’area rimanga saldamente in mani statunitensi. Cosa che (va da sé) non è facile se circola ricchezza “per tutti”. Allora si crea indigenza artificiale con una ricchezza estrema, che alimenta esclusivamente la distanza tra chi può e chi non può, così tutti sono contenti. Tanto è l’Europa che ne paga il prezzo e per farla stare buona basta una Merkel, basta il papa buono, basta chi c’è insomma da corrompere … e tutti sono contenti … e chi non è contento muore … tanto si potrà sempre dire che è morto per la cattiveria che regna sovrana nel mondo.

  • neroscuro2014

    “La risposta è una modifica delle obsolete e insostenibili politiche di welfare europee, che derivano da un’epoca di pre-globalizzazione: bisogna rendere meno attraente per milioni di migranti avventurarsi verso l’Europa.” Ecco, ci siamo, uno dei veri obiettivi di questo fenomeno “epocale” e “inarrestabile”.