Home / ComeDonChisciotte / Giuliano Amato, dopo il voto incombe la sua ombra su Palazzo Chigi: sarà premier?

Giuliano Amato, dopo il voto incombe la sua ombra su Palazzo Chigi: sarà premier?

DI FRANCO BECHIS

liberoquotidiano.it

Ci sono buone se non altissime possibilità dopo il voto per il rinnovo del Parlamento italiano di avere un governo di larghe intese guidato dall’ottantenne (li compirà il 13 maggio del 2018) Giuliano Amato come presidente del Consiglio. Al momento è l’ipotesi più probabile, se non addirittura l’unica possibile checchè tutti dicano in piena campagna elettorale, giurando una fedeltà che non potranno mantenere. Al momento i sondaggi danno avanti il centrodestra, che mette in campo la stessa coalizione del passato, sia pure con qualche soggetto diverso. I sondaggi che sono in mano ai leader politici sono assai meno ottimisti rispetto a quelli circolati nelle ultime settimane. Ma pure basandoci sul migliore di questi, mancherebbero almeno 10 punti percentuali per sperare di avere la maggioranza risicata dei parlamentari in entrambi i rami del Parlamento. Qualcosina può dare in più la quarta gamba centrista, assai affollata di pretendenti ma ancora in via di formazione. La maggiore parte di loro però porterà una testa/un voto, e sembra già difficile superare la soglia del 3 per cento. Una campagna elettorale azzeccata può aggiungere qualcosa, ma l’obiettivo di vittoria assoluta sembra troppo lontano.

Il centrosinistra in questo momento ha solo il Pd di Matteo Renzi che sta intorno al 25% dei consensi ma da parecchio tempo è in fase calante. Lui spera di creare una coalizione, aggiungendo almeno due simboli. Uno dovrebbe riunire un pezzetto di radicali e un pezzetto di verdi sotto un nome non ancora scelto, ma che dovrebbe essere “Sinistra europea” o “Sinistra e progresso”. Oltre a questo anche un simbolo centrista, quello che dovrebbe accogliere oltre a Pierferdinando Casini (che porta solo se stesso) anche Beatrice Lorenzin, Fabrizio Cicchitto e chi in Ap è convinto che vada perseguita l’attuale alleanza di governo. Secondo Renzi tutti questi dovrebbero portargli il 5%, senza che nessuno raggiunga il 3%: voti a lui puramente regalati. Ma anche qui raggiungere il 30% sembra più sogno che realtà, e in ogni caso le speranze di arrivare primo nella corsa elettorale sono ormai chiaramente inesistenti.

Fuori dalle due coalizioni correranno Piero Grasso con il suo carrozzino rosso di Liberi e uguali (che imbarca Massimo D’Alema, Pierluigi Bersani e molti di Sel) e il Movimento 5 stelle con Luigi di Maio candidato premier. Nel primo caso si cercherà di ripetere il risultato di Mario Monti alle politiche del 2013, ma si è ancora assai lontani da quell’obiettivo. Il M5s che potrebbe anche sfiorare il 30% dei consensi (ci è molto vicino) ha l’ambizione di diventare nel prossimo parlamento il primo partito singolo scelto dagli elettori. Questo è probabile che avvenga, anche se i sondaggi sulla gara Pd-M5s in passato hanno dato qualche amara delusione alla prova delle urne.

Di Maio e il M5s oggi pensano che avranno automaticamente l’incarico dal presidente della Repubblica, Sergio Mattarella se risulteranno il partito più votato. Forse lo dicono per dare speranza ad elettori e militanti, ma questo automatismo non è previsto dalla legge elettorale e nemmeno dalla prassi istituzionale. La legge elettorale prevede le coalizioni, e se queste si formano la prima forza politica oggi sarebbe il centrodestra. Ma se nessuno avesse la maggioranza assoluta dei due rami del Parlamento, il Quirinale non darebbe a nessuno di loro nemmeno un incarico esplorativo, che a poco servirebbe.

Se nessuno come è quasi certo dovesse vincere, conteranno allora gli eletti in ciascuna forza politica. Ma un governo trasversale sicuramente non troverà i voti palesi di Matteo Salvini, di Giorgia Meloni e dello stesso Di Maio. Per il governissimo serviranno gli eletti del Pd, quelli di Forza Italia e quelli dei cespugli che accompagnano entrambi. Ma secondo le simulazioni effettuate sugli attuali sondaggi potrebbero mancare alla maggioranza anche così fra 30 e 50 deputati (un po’ meno senatori). Cifra che si ridurrebbe con gli eletti delle minoranze linguistiche, sempre pronti ad appoggiare un governo qualsiasi. E che potrebbe essere raggiunta in parte con acquisti di singoli in parte unendo alla maggioranza anche quelli di Grasso.

Naturalmente è possibile che senza alcuna maggioranza si torni a votare addirittura a giugno o al massimo a settembre come già accaduto in altri paesi europei. Però in Italia un precedente di questo tipo non c’è mai stato. E personalmente fatico ad immaginare sia 945 parlamentari che dopo tre o quattro mesi vogliano rinunciare a 13 mila euro al mese e partiti già alla canna del gas che abbiano bisogno di altri soldi per una nuova campagna elettorale. Tenderei ad escludere questa possibilità: con tutte le acrobazie del caso, un governo troverà alla fine la sua maggioranza. Ma chi potrà guidarlo? Uno che in partenza non sia rifiutato nè da Silvio Berlusconi nè da Renzi nè da Grasso.

L’identikit necessario fa fuori gran parte dei candidati possibili. Pure Paolo Gentiloni, perché è stato il premier di un’altra maggioranza e perché indigeribile dalle truppe di Grasso. Non avrebbe i loro voti un premier tecnico, e quindi è da escludere Mario Draghi che avrebbe comunque il sapore di un presidente dei banchieri. Ci vorrebbe una figura istituzionale, ma non esistono più dopo le scelte di Grasso e di Laura Boldrini. Impensabile uno come Carlo Calenda: troppo di destra. Qualche chance avrebbe semmai il ministro dell’Interno, Marco Minniti, che però è troppo legato al Pd. L’unica figura istituzionale legata a filo doppio a Mattarella, in buoni rapporti con Berlusconi, digeribile da Renzi e abbastanza di sinistra da essere accettabile da Grasso (anche per i rapporti che ha con D’Alema) è appunto il quasi ottantenne Amato. Fossi un bookmaker pagherei assai poco le scommesse sul suo nome…

Franco Bechis

Fonte: www.liberoquotidiano.it
Link: http://www.liberoquotidiano.it/news/politica/13289494/giuliano-amato-prossimo-premier-dopo-elezioni-franco-bechis.html
11.12.2017

Pubblicato da Davide

56 Commenti

  1. Chissenefrega. Come se facesse alcuna differenza!

  2. Ogni popolo ha ..i Premier che si merita.

    • Parla per te! Io non lo merito.

      • Stavo parlando al popolo del popolo, non era riferito a lei ..ci mancherebbe.
        D’altronde un personaggio come Amato non lo merita, anzi non si augura a nessuno ..se non a quelli che invece preferiscono fregarsene, magari standosene a casa il giorno delle votazioni, oppure quelli che votano i partiti del Partito Unico ..gli unici oggi, capaci di perpetrare una simile azione politica.
        Come vede “Il Popolo del 70%” se lo merita ..eccome.
        Forse lei appartiene come me al Popolo dei disadattati alcuni costretti a votare i 5 stelle altri invece che premiano nuove-vecchie ideologie pre elettorali.

  3. Sarebbe una manna per tutti, a partire dalle opposizioni che potrebbero tirare a campare meglio di prima.

  4. Se rispondesse in solido ,il suo , ai danni che ha creato, un ‘ incarico glielo darei: buffone.

  5. Altro perfetto esempio di ”politico” disutile, inutile, dannoso, costoso in maniera orribile e terrificante per i contribuenti siccome ”percettore” di prebende, privilegi, ecc.ecc. non si sa bene a fronte di che o per quali meriti, onori, valori che possano essere vantati e portati ad esempio! Questi se la cercano proprio con il lanternino una lezione!

  6. Se la Pantegana Grossolana, quella che ha ladrato il famigerato 6×1000 dai CC degli taliani, tornasse al governo forse finalmente la gente comincerebbe a reagire in modo “diretto”…

    • Ciò che risulta intollerabile è la loro spocchia presuntuosa, la loro albagìa priva di meriti e onori oppure meritorie iniziative! Costosissimi, dannosi, presuntuosi, disutili! E la cosa riguarda direttamente anche il sig. Mattarella più costoso di Bukingham P. a fronte di che? Luoghi comuni, apparizioni fatue ed irritanti, firme francamente disgustose su leggi criminali e diffusive di solo male, blasfemìa democratica! Un paese che dovrebbe essere bonificato con una santissima insurrezione e giusta guerra civile ma non per riportare al potere feccia storica e consolidata ma solo giustizia, decenza, contegno e virtù civiche! Finchè avrò vita per questo mi impegnerò! Mi scandalizzo per la vergognosa connivenza delle c.d. ”forze dell’ordine” nel favorire, tollerare, proteggere questa feccia pseudoistituzionale!!

      • Grazie. È importante sapere di non essere soli.

        • Come è possibile essere soli in questo altro verminoso, disgustoso esempio di ciò che accde in italietta? Si dovrebbe insorgere et manu militari ripristinare la doverosa giustizia e legalità! Il ”razziatore notturno di conti correnti” dovrebbe essere rimosso dalle nostre vite e da questo tempo! Uno scandalo disgustoso ed insopportabile! E, poi, dei loro luttuosi e squallidi guadagni cosa ne fanno? Li portano nella tomba? Scusa lo sfogo deciso e sdegnato ma questa feccia che opprime il paese protetta, sfacciata, arrogante e cancerogena proprio non la sopporto più! Ora e passata di finirla con questa plebaglia cancerogena e disgustosa!!!

      • Condivido ma solo in parte. Sono d’accordo che sia necessaria una sana insurrezione o detta altrimenti rivoluzione. Non sono d’accordo invece nell’invocare l’aiuto delle cosi dette” forze dell’ordine “. Questi qui sono come i pretoriani di romana memoria. La securitate italiana. Difenderanno sempre i potenti. Perseguiranno sempre i più deboli.
        Non sono amici miei.

        • A parole i militari, forze dell’ordine in primis, ti diranno che sono contro il governo, qualunque esso sia o sia stato: poi , però , faranno come dici tu, perseguiranno i più deboli o quelli più in vista (inteso come “facce nuove” , emergenti).

        • Non sono del tutto d’accordo. Quanto tu dici vale quasi certamente per la maggior parte delle “stellette”. Di come la pensi invece il grosso dei “marmittoni” che rischia la pelle sulle strade ogni giorno non sarei così sicuro.

    • uomoselvatico70 uomoselvatico7

      io non mi farei troppe illusioni

  7. Purtroppo la legge elettorale non permetterà a nessuno di andare a governare legittimamente se non le solite ammucchiate di sorci, maiali e scarafaggi e in italia si continuerà sempre più a vivere da disgraziati senza futuro, questo è quanto chiede l’infame progetto europeo con l’ubriacone, la culona e i vari kapò che stanno continuando a depredare sistematicamente tutta la ricchezza che viene prodotta in questo disgraziato paese. Di Maio non farà NIENTE perchè non potranno assolutamente governare. Sicuro al 100%, l’italia è morta e deve solo marcire e ridursi a stato del terzo mondo, sotto la scure del debito e senza un minimo di tolleranza per chi alza la testa e reclama il diritto di poter campare. Tra l’altro Amato è storicamente stato a contatto con la CIA ed è questa l’eredità che ci si porta appresso dopo anni di bengodi e purtroppo gli Italiani sono viziati, non hanno ideali, non hanno palle e non reagiranno per uscire da questo modello, non c’è alcuna speranza.

    Intanto domenica in Venezuela il popolo ha votato per le comunali e i candidati filogovernativi hanno ottenuto 330 comuni su 335, QUANDO SI DICE UN POPOLO CON I CONTROCOGLIONI! e la Fake News Corporation MUUUUUUUTAAAAA!

  8. Fazio e Gruber (…) stanno cercando di “valorizzare” il grosso forse immaginando la relativa coalizione

  9. con la vaselina e molto piu suportabile!

  10. ancora mi ricordo il furto nel c.c. anni fa… è indigesto e vecchio, ladro, percepisce una pensione da sfamare 1000 persone al mese, lo odio, e spero che crepi. t l

    • Non ci sperare LT! Quella gente di dubbia o alcuna moralità gode e fruisce di cure che a noi servi della gleba sono interdette! Pochi giorni addietro è deceduto, in quel di Piano D’Orta di Bolognano (Pe) un bambino di anni DIECI perdio inverecondo e quella teppa vive!!

      • MarioP. ciao e scusa una domanda,

        oggi dovrebbe esserci stato lo sciopero dei medici, ache se coinvolto come paziente, lo approvo lo stesso…

        ma quanto guadagneranno i chirurghi al mese per fare operazioni e salvare la vita (non sempre) a noi disgraziati, per cosa 3000/4000 euri maledetti e svalutati (dal bitcoin) per un lavoro così a rischio?

        eh… ma chi gliel’ha fatto fare?

        se poi pensi che i pedatori di un pallone guadagnano quanto cento o mille nostre vite?

        ai giocatori (si ci giocano, ossia ci prendono per il culo) anche a buttare via i soldi per strada 2 o 3 milioni di euri per vita non gli bastano?
        e allora perché li strapagano,
        non pensi che ci vorrebbe la pena di morte per questi procacciatori, che alla fine si riversa tutto contro di noi? (vedi aumenti del biglietto degli stadi o palco o circuito)?
        grazie per la risposta… salutoni e auguri per il ventidiciotto. t l

        • Buongiorno L.T. e scusa per la tardiva risposta! Non posso che concordare con quanto affermi, sarebbe folle il contrario. Il chirurgo, il calciatore, il ”politico” sono tre classici esempi del distorto e corruttivo mondo che hanno criminalmente realizzato! Il chirurgo che svolge un lavoro estremamente delicato, importantissimo, rischioso siccome può incappare in ”incidenti di percorso” e si ritrova alle spalle i famigerati ”braccabarelle” che altro non aspettano per ”aggredirlo economicamente” (spero tu abbia avuto modo di vedere un ottimo ed esemplare film cioè A CIVIL ACTION)! Ergo studio, impegno, dedizione al lavoro retribuita in maniera non seria ed onesta. Il calciatore! Esempio altamente diseducatico retribuito in maniera folle e di pessimo esempio per bambini e adolescenti: un bambino osserva il padre operaio pendolare pagato quattro soldi per una vita di merda, poi osserva il calciatore strapato, osannato, circondato guarda caso da donne procaci e di facile accesso a certi condotti! Cosa penserà del padre? Penderà che non ha capito nulla e rispetterà invece il calciatore! Il calciatore NON PUO’ E NON DEVE ESSERE UN PUNTO DI RIFERIMENTO! Sui ”politici”, poi, stendiamo pietoso velo di sdegnoso disgusto! Ma la colpa è nostra che sappiamo tutti benissimo cosa necessiterebbe fare ma non agiamo per pigrizia, codardia e, spesso, interessata complicità e connivenza! Ciao e buona giornata! Ci sentiamo!!

    • Mi sa che ci vuole un aiutino perchè crepi…lui e gli altri!

  11. Oltre l’inferno c’è la dannazione eterna.

  12. Ecco il topo avido del formaggio altrui..

  13. se fossi Forattini farei un vignetta con il bomba e il berluska che indicano la luna con il dito medio e tutti gli italioti (sentendosi i più furbi che stolti ) a guardare la luna.

  14. ma a questo punto piuttosto che amato perche’ non monti ancora? almeno aveva il senso dell’umorismo (mal compreso ma c’era)

  15. uomoselvatico70 uomoselvatico7

    Giuliano amato…… Quello dei 30 mila e passa euro di pensione e vitalizio?
    Quello del 6×1000 sui conti correnti ?( una vera e propria rapina di stato) quello che fece di tutto ai tempi di tangentopoli per salvare craxi e tutta la varia combriccola di democristiani e socialisti?

    Allora non è vero che un paese quando tocca il fondo non può che risalire….
    L’Italia è già da un bel po’ che sta scavando di buona lena.

  16. Mi rallegra molto vedere tutto questo caos nella politica italiana. I tempi sono quasi maturi e, come predissero Padre Pio e Nostradamus: Ritorneranno a comandare coloro che ci hanno già comandato. Viva il Re e viva Aimone di Savoia-Aosta quinto re d’Italia.

  17. Ebbene di che meravigliarsi?
    I traditori di questo paese in sevizio permanente effettivo agli ordini delle potenze e gruppi stranieri che ritornano ciclicamente sono forse una novità?
    Giuliano, Carlo A., Romano,Mario1, Mario2, Beniamino, Giorgio…Quelli che purtroppo non sono passati, spero, a peggior vita, stanno benissimo e lottano contro di noi… da sempre!

  18. Che diranno le forze politiche minori quelle delle aggregazioni consolidate ?

  19. Cherepanova Svetlana

    NOil topo NOOOOOOOOOO.

  20. Perché stiamo messi così io non lo capisco, un comico che mi dice che da anni siamo costretti a scegliere tra il peggio è il lievemente meno peggio, una serie di notizie false spacciate per vere e date come le tavole della legge e via ad un peggio senza fine. Ma sto paese quanto può resistere, ci siamo mangiati quanto fatto dai nostri nonni mantenuto dai nostri padri e dilapidato da noi. Concordo con quanti vorrebbero una rivoluzione che faccia saltare il banco ma concordo anche con le riflessioni sugli armati che starebbero con il potere costituito…. purtroppo.
    Non la vedo molto rosea

  21. Mi sa che hanno proposto lui perchè si prospetta una PATRIMONIALE al sangue. E’ l’ unica faccia spendibile. Gli italioti devono stare attenti stavolta a chi voteranno.

  22. Se fossi un bookmaker mi impegnerei a pagare quattro a uno le scommesse sul nome di Amato.
    Non so ben spiegare il motivo ma in sostanza mi aspetto un premier invertebrato, e Amato mi sembra essere della vecchia razza dei vertebrati.

  23. Analisi lucida e interessante ma… Giuliano Amato, con le sue pensioni d’oro, è un personaggio talmente indigeribile all’italiano-medio che una tale scelta rappresenterebbe la pietra tombale su Matteo Renzi e la sua cricca.
    Di Silvio Berlusconi – il Tempo Trascorso segna 81 Anni e 75 Giorni – parlare di pietra tombale sarebbe ingeneroso: Silvio, ancor più vecchio del già vecchio Amato.

  24. ooohhh….finalmente una faccia giovane…