False flag e teorie del complotto, capitolo 5 – La morte di Osama bin Laden

DONA A COMEDONCHISCIOTTE.ORG PER SOSTENERE UN'INFORMAZIONE LIBERA E INDIPENDENTE:
PAYPAL: Clicca qui

STRIPE: Clicca qui

Larry Romanoff
bluemoonofshanghai.com

Vediamo. Sei elicotteri militari statunitensi con a bordo 77 Marines volano per 600 chilometri all’interno di un Paese fino a una piccola città che ospita 7 basi militari e dista meno di 35 minuti dalla capitale della nazione. Gli elicotteri atterrano in un complesso residenziale situato a poche centinaia di metri dalla base militare principale, ma l’esercito locale non sa che è successo qualcosa perché gli Stati Uniti dispongono di nuovi “elicotteri stealth” segreti che impedirebbero ai milioni di abitanti del luogo di vederli o di sentirli durante un volo della durata di 3 ore. Inoltre, avevano volato “a bassa quota, tra le colline, per evitare i radar”. So che possono farlo, perché l’ho visto una volta in TV.

Come è stato ucciso Osama Bin Laden. Fonte

Poi ci sono i 77 Marines che saltano dagli elicotteri e lanciano “un feroce assalto” a una piccola casa non fortificata nel centro del complesso, la casa di Osama bin Laden, i cui occupanti sono bin Laden, le sue tre mogli, alcuni bambini e forse (non confermato) un altro uomo, nessuno dei quali armato. Secondo la Casa Bianca, i Marines si erano poi dovuti impegnare in un “intenso scontro a fuoco durato 40 minuti” nel tentativo di raggiungere e uccidere bin Laden. I coraggiosi Marines statunitensi alla fine riescono nel loro intento, poi, come se nulla fosse, rimangono sul posto altri 30 minuti per ripulire un po’ tutto il casino e per raccogliere “un tesoro” di computer e dati, mentre escono scusandosi con le donne e i bambini per aver ucciso il loro marito e padre. Afferrano il cadavere di Bin Laden per le caviglie, lo trascinano e lo fanno rotolare per tre rampe di scale e lo gettano in un elicottero. Poi fanno esplodere uno dei loro velivoli (apparentemente danneggiato), salgono a bordo degli altri e ripercorrono la rotta di ritorno per diverse centinaia di chilometri fino ad uscire dal Paese.

Dopo questo raid in un Paese straniero durato più di sette ore e proprio nel mezzo di sette basi dell’esercito, i militari locali non sapevano ancora che fosse successo qualcosa. Nessuno aveva sentito tutti quegli elicotteri andare e venire, nessuno aveva sentito le decine di migliaia di colpi di arma da fuoco che si erano susseguiti per 40 minuti, e nessuno aveva sentito l’enorme esplosione che aveva distrutto l’elicottero. Questa sarebbe la vera “furtività”, secondo ogni definizione possibile. Nessuno si era reso conto che sei elicotteri e quasi un centinaio di soldati avevano condotto un feroce assalto durato quasi un’ora nei pressi della più grande base militare della città. Nessuno aveva visto nulla, nessuno aveva udito nulla, nessuno aveva saputo nulla, fino a molto tempo dopo, quando gli americani erano già al sicuro fuori dal Pakistan. Come direbbe la BBC: “È semplicemente incredibile“(*). Mentre i coraggiosi Marines portavano a termine questo eroico e pericoloso assalto con omicidio finale (in 77 contro 1), lo staff della Casa Bianca guardava con attenzione la “diretta satellitare” dell’intera operazione. Obama era molto ansioso, Hillary Clinton si mordeva le unghie e respirava affannosamente, e Joe Biden se la faceva addosso.

(*) Questo era stato lo sciocco commento della BBC quando aveva trasmesso la finta demolizione della statua di Saddam.

Le forze americane uccidono Osama bin Laden – WSJ

Quando gli elicotteri erano ormai al sicuro a bordo della portaerei, gli ufficiali militari statunitensi, noti in tutto il mondo per il loro profondo rispetto per la vita umana, anche dopo la morte, avevano mostrato il loro rispetto per bin Laden con un funerale consistente nell'”esecuzione di riti religiosi tradizionali per la sepoltura islamica” sul ponte della portaerei americana, dove “un ufficiale dell’esercito aveva letto alcuni commenti religiosi che erano stati poi tradotti in arabo da un madrelingua“. Il corpo di Bin Laden era stato stato lavato (i suoi capelli con uno shampoo Head & Shoulders), poi il suo corpo era stato avvolto in un lenzuolo bianco, messo in un sacco zavorrato, appoggiato su una tavola e ribaltato “nel Mar Arabico”. Questa si che è una bella storia.

Fonte

Quali sono le prove che bin Laden era davvero lì e che era stato effettivamente ucciso come descritto? Innanzitutto, e soprattutto, abbiamo il riscontro del DNA. Ci viene detto che “ore dopo l’uccisione di Bin Laden, il suo cadavere era stato trasportato in Afghanistan per essere identificato attraverso l’analisi del DNA”. Forse i lettori non sanno che ogni squadra ben equipaggiata di commando statunitensi porta con sé un laboratorio per analisi genetiche in quasi tutte le missioni ed è perfettamente addestrata a fare confronti del DNA su un falò improvvisato al momento. I lettori potrebbero anche non sapere che l’analisi del DNA richiede normalmente almeno due settimane e che una moltitudine di autorità scientifiche aveva immediatamente respinto l’affermazione del test del DNA definendola “pura spazzatura”, ma lasciamo che siano gli americani a raccontare la loro storia.

Le mogli di Bin Laden – e la figlia che avrebbe “ucciso i nemici dell’Islam” … Fonte

La figlia undicenne di Bin Laden aveva confermato di aver visto uccidere il padre, anche se non ci è stato detto a chi avrebbe fatto questa apparente conferma e, purtroppo, era stata immediatamente “presa in custodia” – non si sa perché – dalle autorità locali e sembra essere scomparsa. C’era anche la moglie di Bin Laden, che era sul posto e aveva visto uccidere il marito, ma anche lei era stata subito presa in custodia ed era scomparsa. Avevamo anche la testimonianza di un’altra moglie di bin Laden, quella coraggiosa che, da sola, aveva attaccato i 77 Marines che cercavano di ucciderle il marito, ma le avevano sparato e non era disponibile per un’intervista. Purtroppo, non ci sono testimoni.

La foto del cadavere di Osama Bin Laden “è raccapricciante e potrebbe infiammare gli animi”. Fonte

Naturalmente avevamo il corpo, ma, secondo Hillary, le foto [del cadavere] erano “troppo raccapriccianti” per essere mostrate in pubblico – molto più raccapriccianti di tutte le foto di torture che avevamo già visto. Inoltre, le foto non potevano essere mostrate perché avrebbero potuto infiammare il “sentimento antiamericano“, e il cielo sa che questa è una cosa che non vogliamo. Avevamo anche il filmato della cerimonia religiosa e della sepoltura del corpo in mare, ma, sfortunatamente, neanche questo video era stato diffuso. Ma questo solleva delle domande. Gli Stati Uniti avevano mostrato al pubblico i cadaveri dei due figli di Saddam Hussein, uccisi durante l’invasione dell’Iraq. Quelle foto non erano troppo raccapriccianti per essere viste dal pubblico? Saddam Hussein era stato preso vivo, deriso e ridicolizzato, sottoposto a un processo pubblico e a un’impiccagione pubblica. Gli Stati Uniti erano stati felici di mostrare il video di Moammar Gheddafi che veniva catturato, sodomizzato con una baionetta e poi colpito alla testa. Se questo non è raccapricciante, non so cosa possa esserlo. Ma il corpo di Osama bin Laden, con un solo foro di proiettile, sarebbe stato troppo inquietante da vedere.

Così gli Stati Uniti, che notoriamente hanno le forze armate più umane, rispettose e religiose del mondo e che trattano sempre con la massima riverenza tutti gli Arabi morti (e vivi) che si lasciano dietro, “prendono in custodia” il cadavere di bin Laden. Lo lavano amorevolmente, conducono con reverenza un rito funebre musulmano e poi, lentamente, fanno scivolare il suo corpo in un mare di punti interrogativi. Sono le stesse persone che avevano gestito Guantanamo Bay e Abu Ghraib? Delle centinaia di Arabi di cui è stata documentata la morte nelle prigioni di tortura statunitensi (e solo Dio sa quante non sono state documentate), quanti erano stati inumati secondo “le procedure tradizionali di sepoltura islamica”? E perché avrebbero gettato il corpo di Bin Laden in mare, se non per distruggere l’unica prova esistente? I funzionari statunitensi avevano dichiarato che nessun Paese “avrebbe accettato i suoi resti” per una degna sepoltura ma, nella foga del momento, si erano probabilmente dimenticati di chiederlo ai genitori, in Arabia Saudita.

Quali prove abbiamo che ci sia stato davvero uno scontro a fuoco? Beh, un “cittadino pakistano” che twitta comodamente dal quartier generale della CIA a Langley, in Virginia, aveva scritto di aver sentito degli spari. Ma tutti gli altri abitanti della città devono essere stati impegnati a pregare o a guardare le capre, ignari degli spari e delle esplosioni a pochi metri dalle loro case. Non esiste alcuna traccia documentata e credibile di tutte queste attività da parte dei residenti locali, compresi i militari pakistani delle sette basi militari vicine. Vale la pena chiedere ai lettori: “Avete idea di quanto rumore possano fare sei elicotteri, soprattutto se in formazione stretta?”.

Anche, come detto da Hillary, “l’intenso scontro a fuoco di 40 minuti” avrebbe probabilmente creato un bel po’ di rumore. Voglio dire, abbiamo 77 Marines che sparano con armi automatiche per più di mezz’ora. “Intenso”, nel dizionario, è definito come “eccessivo, estremo e prolungato”, e questo non vuol dire che un Marine spara un colpo al minuto, ma forse 30 colpi al minuto. Per 40 minuti. Per 77 Marines. Sono più di 100.000 colpi, più che sufficienti per svegliare il mio cane, ma, apparentemente, insufficienti per essere uditi dai 50.000 soldati pakistani che si trovavano a pochi minuti di distanza. Sono d’accordo con la BBC. È semplicemente incredibile.

La maggior parte dei lettori dovrebbe rendersi conto che per un’operazione militare di questo genere, condotta in prossimità di 50.000 soldati armati e ostili, il tempo di entrata e uscita in sicurezza è più probabile che sia nell’ordine dei due minuti piuttosto che di due ore. Chiunque abbia bisogno di due ore per un raid di commando dovrebbe rimanere a casa. Alla maggior parte delle persone pensanti dovrebbe anche venire in mente che un “intenso scontro a fuoco di 40 minuti” che coinvolge 77 persone sembra un po’ eccessivo per uccidere un uomo disarmato e sparare a una delle sue mogli, soprattutto in un edificio così piccolo, dove una sola granata avrebbe posto fine alla battaglia uccidendo tutti gli occupanti. Ci era stato detto più volte che lo scontro a fuoco era durato a lungo, ma poi la Casa Bianca, nella sua ansia di tappare i buchi nella sua stessa storia, aveva affermato che i commando erano arrivati direttamente a Bin Laden già all’inizio dell’operazione. Erano quindi saliti all’ultimo piano, avevano ucciso il loro uomo e poi avevano avuto un intenso scontro a fuoco di 40 minuti mentre uscivano? Si erano sparati a vicenda?

Poi c’era stato lo strano problema dell’elicottero distrutto che, a quanto pare, si era schiantato durante l’atterraggio (un “momento al cardiopalma”, secondo Hillary) e che i commando avevano distrutto con l’esplosivo prima di partire e con il corpo di Bin Laden pronto per lo shampoo. A rischio di apparire pignoli, le foto pubblicate dei SEAL dell’elicottero distrutto avevano sollevato alcune domande. La maggior parte degli esplosivi che conosco tende a fare a pezzi le cose e a spargere i pezzi in giro, ma, a quanto pare, questi SEAL avevano un nuovo esplosivo “stealth”, che distrugge completamente un velivolo e poi raccoglie tutti i pezzi rimasti in un mucchietto ordinato, che il netturbino porterà via il mattino dopo. Inoltre, questo nuovo esplosivo “stealth” deve essere molto silenzioso e far esplodere tutto semplicemente con un sussurro, visto che nessuno nelle basi militari vicine aveva sentito nulla. Ma la cosa non sorprende, visto che non avevano sentito alcune migliaia di colpi di arma da fuoco.

Il RAH-66 Comanche disponeva di alcune tecnologie stealth. Fonte

Ancora più inquietante è il fatto che le varie spiegazioni della Casa Bianca sull’incidente dell’elicottero erano chiaramente senza senso, e chiunque avesse anche solo una minima esperienza di volo o una conoscenza di base dell’aerodinamica avrebbe saputo che i “fatti” presentati non potevano essere veri. In primo luogo, c’era stato detto che l’elicottero si era schiantato dietro il muro del complesso perché è rimasto intrappolato nei “vortici”. Ma l’unico vortice sarebbe quello causato dalle pale del suo stesso rotore, il cuscino d’aria su cui ogni elicottero si appoggia ogni volta che atterra. È impossibile che in uno spazio aperto un elicottero possa creare vortici  così forti da causare la sua stessa distruzione. O, per dirla in altro modo, se uno può farlo, lo faranno tutti.

Quando questa spiegazione era stata ridicolizzata, la storia era cambiata e ci era stato detto che l’incidente era dovuto al fatto che l’elicottero era “caldo e alto”, che è un riferimento alla riduzione della portanza causata dall’aria rarefatta, dovuta alla temperature molto elevata o ad una quota eccessivamente alta. In queste condizioni, le ali di un aereo o i rotori di un elicottero non possono produrre una portanza sufficiente perché l’aria è meno densa. Questo di solito significa che il velivolo non può volare così in alto o trasportare un carico così grande come ad un’altitudine inferiore o a una temperatura più bassa. Ma il velivolo aveva già compiuto il viaggio dall’Afghanistan al Pakistan alla stessa temperatura e alla stessa quota, e per il viaggio di ritorno avrebbe dovuto trasportare molto meno carburante e sarebbe stato quindi molto più leggero. La senatrice Dianne Feinstein, presidente ebrea del Comitato per la disinformazione del Senato, aveva spiegato che “la temperatura dell’aria nel complesso [dove abitava bin Laden] era più calda del previsto e l’elicottero era troppo pesante per rimanere in volo in quelle condizioni”, il che è semplicemente un’assurdità. Se l’elicottero non era stato troppo pesante per volare per centinaia di chilometri fino a destinazione, di certo non era troppo pesante per atterrare.

Al fine di ottenere il più possibile un vantaggio politico da questo evento, Mark Mazzetti del New York Times ci aveva detto che agli ingegneri militari cinesi “probabilmente” era stato permesso di esaminare il relitto, e che è “probabile” che avessero scattato “fotografie dettagliate” della sezione di coda, che conteneva “tecnologia classificata per eludere i radar” [1]. Le prove di Mazzetti per queste sorprendenti affermazioni? Nessuna ma, se siete il NYT, qualsiasi vaga affermazione può essere considerata una prova inconfutabile.

In risposta allo scetticismo dell’opinione pubblica, la Casa Bianca aveva ammesso che la versione iniziale dell’uccisione di Bin Laden era piena di errori, ma, come giustificazione, aveva affermato che avevano cercato di fornire il maggior numero di informazioni possibili mentre “era in pieno svolgimento”  un “intenso combattimento“. Ma chi era impegnato in quell’intenso combattimento? Lo staff di PR della Casa Bianca? Il “combattimento”, se c’era stato, si stava svolgendo a 15.000 km di distanza, dall’altra parte del mondo, ma dovremmo credere che i bambini di dieci anni della Casa Bianca e del Dipartimento di Stato erano così eccitati all’idea di veder morire qualcuno che avevano commesso centinaia di errori nella stesura del loro racconto.

Nella sala di crisi durante l’assalto di domenica pomeriggio. AFP/PETE SOUZA. Fonte

Una delle bugie più comiche, anche se imperdonabili, di questa narrazione era stata la foto, ampiamente pubblicizzata del Presidente Obama, di Hillary Clinton e una dozzina circa di membri dello staff della Casa Bianca e dell’esercito riuniti davanti a quello che sembrava essere uno schermo televisivo, tutti a guardare in diretta “tramite uno speciale collegamento satellitare” l’assalto della squadra SEAL alla casa di Bin Laden. Quando gli esperti avevano rapidamente definito questo fatto come una ridicola impossibilità, la Casa Bianca non ne aveva più parlato ma la foto falsa esiste ed esisterà per sempre. Inizialmente, la Casa Bianca aveva affermato di avere il video ripreso in diretta ma che aveva scelto di non rilasciarlo; in seguito, di fronte alla storia traballante di Obama, la Casa Bianca aveva dovuto ammettere che non c’era alcun video e che l’intera sessione fotografica della Casa Bianca nella “Bin Laden Situation Room” era effettivamente un falso. Né Obama né la Clinton si sono mai scusati per questa sorprendente bugia.

Fonte

Si tratta solo di una piccola curiosità ma, nella foto qui sopra, notate Audrey Tomason, la giovane donna in alto a destra, che fa capolino tra i due uomini. Quando questa foto era stata diffusa in Israele, sia Hillary Clinton che la giovane donna erano state cancellate dall’immagine, come si può vedere qui sotto. Secondo alcuni, i giornali ebrei ultraortodossi non pubblicano foto di donne perché pensano che possano essere una distrazione sessuale, ma non sono sicuro che questo valga per Hillary Clinton.

Photoshoppata: Il quotidiano chassidico aveva pubblicato una versione alterata della foto della Situation Room, eliminando le donne. Fonte

Le irregolarità non finiscono qui. Tre mesi dopo, un elicottero Chinook era stato abbattuto nei pressi di una base militare statunitense in Afghanistan, causando la morte, a quanto sembra, tutte le 38 persone a bordo, tra cui l’intera squadra SEAL della Marina statunitense, la stessa che sarebbe entrata in Pakistan e avrebbe ucciso Bin Laden. Il Chinook è un elicottero vecchio, vulnerabile e in gran parte inutile, ma, se dobbiamo distruggere un velivolo per fare scena, non c’è bisogno di sprecarne uno buono. Una moltitudine di testimoni oculari aveva affermato che l’elicottero era stato abbattuto dal fuoco proveniente dall’interno del complesso militare statunitense, ma i funzionari americani avevano disperatamente negato [2] [3]. In una continua serie di eventi sfortunati, i funzionari americani avevano affermato che i corpi erano talmente bruciati che erano stati costretti a cremarli immediatamente, visto che c’era una scadenza ravvicinata per far sparire tutte le prove. Come per l’11 settembre e per il raid di Bin Laden, non ci sono sopravvissuti, né corpi, né foto, né prove che dimostrino la validità della versione creativa del governo sugli eventi. Non ci sono prove che ci fossero persone a bordo di quell’elicottero Chinook ma, per rafforzare la narrazione, ci viene detto che le famiglie degli inesistenti ma comunque morti Navy SEAL avevano fatto causa al governo degli Stati Uniti, sostenendo che l’abbattimento dell’elicottero era stato pianificato come parte di una copertura per le proprie bugie.

Foto del NYT dell’elicottero che si dice sia stato distrutto, uccidendo il Seal Team 6. Fonte

Ma le contestazioni alla storia non si placavano e gli americani continuavano ad inventare nuovi dettagli nella loro disperazione di tappare i buchi. Nel luglio 2013 eravamo venuti a conoscenza di un “rapporto speciale top secret” – attribuito alle autorità pakistane ma, in realtà, redatto dalla CIA e che era stato “ottenuto e divulgato” da Al-Jazeera, il nuovo portavoce del governo statunitense in Medio Oriente [4] [5]. Il rapporto faceva un disperato tentativo di dare credibilità alla sempre più vacillante narrazione ufficiale statunitense riportando un’ammissione ufficiale (anche se segreta) da parte pakistana dei “fatti” (inventati). In particolare, il rapporto faceva notare che le Forze di Difesa pakistane non erano riuscite a rilevare i sei elicotteri americani che erano entrati e rimasti per ore nello spazio aereo pakistano e che i primi jet da combattimento pakistani erano stati fatti decollare 30 minuti dopo che gli americani erano già usciti dal Pakistan con il corpo di Bin Laden – in altre parole, più di tre ore dopo la fine dell’operazione. “La portata dell’incompetenza [pakistana], per usare un eufemismo, era stata sbalorditiva, se non addirittura incredibile“, si leggeva nel rapporto, che pretendeva di rappresentare l’ammissione pakistana della propria stupidità, anche si trattava solo di un’ulteriore assurdità, perché nessun pakistano avrebbe espresso quei sentimenti in quel modo. L’espressione stessa e le parole usate erano americane al 100%.

Non era chiaro come al-Jazeera avesse potuto ottenere una copia di un simile rapporto, a meno che non fosse stata data loro dalla CIA, il proprietario della testata giornalistica. I funzionari del governo pakistano si erano rifiutati di commentare la veridicità del rapporto di Al Jazeera. I funzionari di Al Jazeera si erano rifiutati di commentare la veridicità del rapporto della CIA. Il Dipartimento di Stato americano si era rifiutato di commentare qualsiasi cosa.

In modo furbeso, l’articolo criticava anche gli Stati Uniti per non aver catturato Bin Laden prima di allora, anche se, per essere corretti nei confronti degli americani, il rapporto affermava che Bin Laden era un maestro dei travestimenti, visto che una volta aveva indossato un cappello da cowboy per evitare di essere scoperto[6] [7]. Questo sarebbe bastato. Se si vuole scomparire in Pakistan, il modo migliore è indossare un cappello da cowboy, che funziona come il mantello dell’invisibilità di Harry Potter.

Ecco come appariva la squadra dei Navy SEAL quando erano andati a prendere Bin Laden… Fonte

Ma le irregolarità non erano ancora finire. Nell’ottobre 2013, la squadra Navy Seal 6 – la stessa che aveva ucciso Bin Laden e che aveva perso la vita nell’incidente dell’elicottero – era magicamente risorta e aveva lanciato un raid fallito in Somalia alla ricerca di “terroristi” responsabili di un attentato a Nairobi. Questi americani sono come zombie: continuiamo a ucciderli, ma non vogliono saperne di morire. Secondo un recente articolo, gli avvocati delle famiglie di questi SEAL vampiri-non-morti erano incerti su come procedere con le loro cause di risarcimento.

Poi altre sfide. In base ad un recente ordine del tribunale, sono state rese note alcune e-mail interne dell’esercito statunitense sulla questione Bin Laden, ma sono state pesantemente censurate e non hanno fornito alcuna informazione utile, se non quella di negare l’esistenza di qualsiasi prova. Sembra che il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti abbia “cercato dappertutto“, ma non sia riuscito a trovare alcuna fotografia o video scattati durante il raid o a bordo della nave, né alcuna foto del corpo di bin Laden. Questa mancanza di prove deriva in parte dal fatto che “a nessuno era stato permesso di assistere alla sepoltura di Osama bin Laden in mare“. Non si sa perché. Inoltre, il Pentagono ha cercato ovunque, ma non è stato in grado di produrre un rapporto autoptico, un certificato di morte o i risultati dei test del DNA.

Leggi le mie labbra! La vera storia dietro la rappresentazione della morte di Osama bin Laden. Fonte

Per garantire che nulla trapelasse, gli Stati Uniti avevano fatto in modo che tutti i file relativi al raid di Bin Laden fossero eliminati dai computer del Dipartimento della Difesa e inviati alla CIA, dove avrebbero potuto essere “più facilmente protetti dal controllo del pubblico” [8]. Che prove abbiamo che sia successo davvero qualcosa in Pakistan? Nessuna. Ma la storia non era morta. Non molto tempo dopo questi eventi, alcuni giornalisti avevano iniziato a raccogliere dichiarazioni da parte di marinai a bordo della nave della marina statunitense in cui il corpo di Bin Laden sarebbe stato (secondo la versione ufficiale) lavato e poi sepolto in mare. Secondo i marinai, l’intera storia era una bufala, perché sulla nave su cui erano imbarcati non si era mai verificato un evento del genere.

Un lungo elenco di persone, tra cui ex ufficiali della CIA, militari, funzionari governativi stranieri e capi di Stato, e persino l’ex Segretario di Stato Madeleine Albright, avevano testimoniato che Bin Laden era morto da anni, ma che “la sua ‘morte’ sarebbe stata annunciata solo in un momento politicamente opportuno.” Nell’aprile 2002, il membro del CFR Steve Pieczenik, vice assistente del Segretario di Stato sotto Henry Kissinger, Cyrus Vance e James Baker, aveva dichiarato in un’intervista televisiva che Bin Laden era “morto da mesi“. Aveva detto ciò che molti già sapevano, ovvero che “Bin Laden aveva una grave malattia renale che lo costringeva a viaggiare con al seguito le apparecchiature per la dialisi ed era morto per insufficienza renale nel 2001“.

Pieczenik aveva anche affermato che il video del dicembre 2001 di un sosia di Bin Laden che “si assumeva la responsabilità” dell’11 settembre era “solo una bufala” progettata per “distogliere” il pubblico dai veri responsabili dell’11 settembre. Persino il veterano e rispettato giornalista Walter Cronkite aveva definito il video di Bin Laden una farsa e “una messa in scena orchestrata da Karl Rove“. Un funzionario della CIA aveva dichiarato: “È molto probabile che sia stata fornita una narrazione falsa o parziale di come è stato trovato Bin Laden. L’intelligence può funzionare solo nel silenzio e nell’oscurità. In questo caso, si è trattato di un’operazione di pubbliche relazioni, non di un’operazione militare vera e propria, ma, per Washington, il valore propagandistico di questa operazione era superiore a quello di una vera vittoria militare sul campo“. Per dirlo in modo più semplice, l’intera storia era solo un’altra montatura di Hollywood, una trovata di pubbliche relazioni usata per creare un evento celebrato a livello nazionale a sostegno di una guerra sempre più impopolare.

In effetti, nel 2001 e intorno a quel periodo, molti rapporti avevano documentato che Bin Laden era in fin di vita o già morto per insufficienza renale [9] [10]. Il dottor Paul Craig Roberts aveva persino pubblicato un paio di necrologi di quel periodo [11]. Anche molti dei principali media statunitensi e di altri paesi (Chicago Tribune, UK Guardian) avevano pubblicato necrologi di bin Laden, ma tutte queste pagine sembrano essere state rimosse dai loro siti web. Anche il sito web archive.org ha cancellato le copie di questi necrologi. E su Internet sembra non esserci più traccia degli sciocchi commenti di Diane Feinstein sull’elicottero presumibilmente distrutto. La “Squadra Sterilizzazione Internet” è stata molto impegnata su questa storia, come su molte altre.

I funzionari statunitensi sono stati sorprendentemente testardi nel persistere con questa storia, e anche sorprendentemente fantasiosi. La CIA ha pagato un sacco di soldi a Hollywood per la produzione di un film semplicistico e scadente sul raid e sull’uccisione di Bin Laden, e deve aver esercitato enormi pressioni su qualcuno affinché questo film noioso e non descrittivo venisse proiettato nelle sale cinematografiche. Sembra che Osama bin Laden sia effettivamente morto, ma non ci sono prove di alcun tipo che la sua morte sia legata alla versione americana degli eventi. Perché i media statunitensi hanno continuato a sostenere questa storia oltraggiosa? Sul fatto che un giornale possa sfidare apertamente la storia ufficiale della Casa Bianca su bin Laden, un giornalista aveva detto: “Non varrebbe la pena di provarci“.

Fonte

Cercando di fare qualcosa di utile, la BBC aveva pubblicato un articolo intitolato “Ci è stata detta la verità sulla morte di Bin Laden?“[12]. [Questo articolo e molti altri erano apparsi quando “La segretezza aveva alimentato la speculazione che gli Stati Uniti stessero nascondendo qualcosa sulla missione e sulla morte di Bin Laden“. Non è certo una sorpresa. Nate Jones del Washington Post avesse scritto un articolo davvero insensato, sostenendo di raccontare la “vera storia” dell’uccisione di Osama bin Laden [13], con l’unico risultato di far capire ai lettori che questo giornale non è più credibile del New York Times. Molti anni fa, il dottor Roberts aveva anche scritto un articolo intitolato “L’uccisione di Osama bin Laden è stata una ‘bufala americana’” [14] – e naturalmente lo era.

Ma la storia non era ancora morta. Alla fine, dopo che Obama e l’establishment avevano abbandonato praticamente tutte le loro rivendicazioni, c’era stato un altro tentativo di preservare almeno la finzione artificiosa degli americani che avevano “abbattuto” Bin Laden. Seymour Hersh aveva scritto un bel libro che distruggeva tutti i dettagli della storia originale della Casa Bianca, senza alcuno scopo particolare, dato che quei dettagli erano già stati sviscerati a fondo da diversi scrittori per anni. Ma il libro e la pubblicità che lo aveva circondato avevano uno scopo: perpetuare il mito della valorosa uccisione di bin Laden da parte dei SEALS e, con un ripensamento particolarmente meschino, aggiungendovi la confisca della biblioteca pornografica di bin Laden (fino ad allora inesistente). Come prendere a calci a un uomo già a terra.

Visto che gli addetti ai lavori del Dipartimento di Stato e delle agenzie di intelligence avevano confermato in modo indipendente che Bin Laden era morto da anni, c’era voluto un tipo speciale di teorico della cospirazione anti-complotto che continuasse a sostenere la teoria del complotto secondo cui era stato Capitan America a catturare il suo uomo. La domanda da porsi è cosa avesse spinto Hersh a scrivere quel libro, ma nessuno vuole chiederselo.

Epilogo

Fonte

La morte di Osama bin Laden è diventata una delle “teorie del complotto” più gettonate, almeno in Occidente e più probabilmente anche in Oriente. Ma perché questa storia non dovrebbe essere vista con molto sospetto? Da un lato, la storia sarà cambiata 20 volte nella prima settimana. Inoltre, molti elementi della storia ufficiale sono chiaramente falsi, come la storia della presunta distruzione di un elicottero. La Casa Bianca aveva presentato la foto della “Sala Operativa Bin Laden” a un pubblico non troppo credulone, ed era stata poi costretta ad ammettere che la foto era falsa, che non c’era stato alcun “collegamento satellitare” che avesse consentito di osservare lo svolgersi degli eventi. L’intera storia degli “elicotteri stealth” era fittizia, così come il racconto del feroce scontro a fuoco e l’implicita affermazione che nessuno si era accorto di nulla. Erano state raccontate decine di scandalose bugie su questo evento, dal Presidente degli Stati Uniti in giù. In effetti, quasi tutti avevano mentito su quasi tutto. I giornalisti avevano individuato e intervistato i marinai della nave dove si supponeva che Bin Laden fosse stato lavato e sepolto in mare, e questi avevano testimoniato che nessun evento del genere aveva mai avuto luogo sulla loro nave. E così via. Ma coloro che mettono in dubbio una parte qualsiasi di questa storia vengono derisi come pazzi e “teorici della cospirazione”.

Tutti i media occidentali si erano prodigati per abbellire la narrazione dell'”elicottero stealth”, poiché questa era l’unica parte che, se vera, dava un minimo di credito ad una storia altrimenti palesemente falsa. Il NYT [15], il Guardian britannico [16], ABC news [17], CNN [18] e la BBC [19] avevano tutti la loro versione di questa favolosa conquista tecnologica. Ma la verità è che mentre un elicottero può essere o meno invisibile ai radar, non lo è alle orecchie umane. Gli elicotteri, per loro stessa natura, sono creature molto rumorose e una mezza dozzina di essi che volano in formazione ravvicinata produrrebbero un rumore che potrebbe essere udito per chilometri in ogni direzione. Insinuare che nessuno avesse sentito, né gli elicotteri, né tutti gli spari, né l’esplosione causata dalla distruzione del velivolo presumibilmente danneggiato, significa insultare l’intelligenza di ogni lettore.

Questa è solo una storia tra le tante, e le due lezioni principali da trarre sono che i governi occidentali non possono essere creduti su quasi nulla, e che i media occidentali non sono fonti di notizie, ma specialisti nella propaganda e nella menzogna.

Larry Romanoff

Riferimenti:

[1] U.S. Aides Believe China Examined Stealth Copter

[2] The Costliest Day in SEAL Team Six History
https://www.history.com/news/the-costliest-day-in-seal-team-six-history

[3] Who betrayed Navy SEAL Team 6?

Who betrayed Navy SEAL Team 6?

[4] Leaked Report Cites Pakistan’s Failings Before U.S. Killed Bin Laden

[5] Leaked report shows Bin Laden’s ‘hidden life’
https://www.aljazeera.com/news/2013/7/8/leaked-report-shows-bin-ladens-hidden-life

[6] Osama Bin Laden Wore Cowboy Hat to Avoid Drone Detection
https://www.ibtimes.co.uk/poor-uncle-bin-laden-used-cowboy-hat-487710

[7] The 8 Craziest Revelations From The Osama Bin Laden Report
https://www.huffpost.com/entry/osama-bin-laden-report_n_3565861

[8] Report: Bin Laden raid files purged from Pentagon computers, sent to CIA
https://www.foxnews.com/us/report-bin-laden-raid-files-purged-from-pentagon-computers-sent-to-cia

[9] Report: Bin Laden Already Dead
https://www.foxnews.com/story/report-bin-laden-already-dead

[10] Evidence Shows Osama bin Laden Actually Died In 2001

Evidence Shows Osama bin Laden Actually Died In 2001

[11] Bin Laden’s Obituary Notice

Bin Laden’s Obituary Notice

[12] Have we been told the truth about Bin Laden’s death?
https://www.bbc.com/news/world-middle-east-33152315

[13] Newly released White House photos capture the day bin Laden was killed
https://www.washingtonpost.com/investigations/2023/04/28/obama-foia-bin-laden-raid/

[14] The Killing of Osama bin Laden was an “American Hoax

The Killing of Osama bin Laden was an “American Hoax”

[15] Attack on Bin Laden Used Stealthy Helicopter That Had Been a Secret
https://www.nytimes.com/2011/05/06/world/asia/06helicopter.html

[16] Osama bin Laden death: photos suggest use of ‘stealth’ helicopters
https://www.theguardian.com/world/2011/may/05/osama-bin-laden-stealth-helicopters

[17] Top Secret Stealth Helicopter Program Revealed in Osama Bin Laden Raid: Experts
https://abcnews.go.com/Blotter/top-secret-stealth-helicopter-program-revealed-osama-bin/story?id=13530693

[18] Bin Laden raid’s lone glitch could be headache for U.S. military
http://edition.cnn.com/2011/US/05/06/bin.laden.helicopter/index.html

[19] ‘Stealth helicopters’ used in Bin Laden raid
https://www.bbc.co.uk/news/world-us-canada-13297846

Fonte: bluemoonofshanghai.com
Link: https://www.bluemoonofshanghai.com/politics/14153/
08.11.2023
Scelto e tradotto da Markus per comedonchisciotte.org

 

ISCRIVETEVI AI NOSTRI CANALI
CANALE YOUTUBE: https://www.youtube.com/@ComeDonChisciotte2003
CANALE RUMBLE: https://rumble.com/user/comedonchisciotte
CANALE ODYSEE: https://odysee.com/@ComeDonChisciotte2003

CANALI UFFICIALI TELEGRAM:
Principale - https://t.me/comedonchisciotteorg
Notizie - https://t.me/comedonchisciotte_notizie
Salute - https://t.me/CDCPiuSalute
Video - https://t.me/comedonchisciotte_video

CANALE UFFICIALE WHATSAPP:
Principale - ComeDonChisciotte.org

Potrebbe piacerti anche
Notifica di
53 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
53
0
È il momento di condividere le tue opinionix