Home / Attualità / Ecco la VERA ragione dello stupido divieto di laptop e tablet sugli aerei

Ecco la VERA ragione dello stupido divieto di laptop e tablet sugli aerei

FONTE: MOON OF ALABAMA

Le compagnie aeree chiedono protezionismo – gli U.S.A. vietano laptop e tablet alle società concorrenti

Febbraio 2017: i CEO di Delta, United ed American Airlines sperano che Trump blocchi la concorrenza degli arabi

Le tre grandi compagnie aeree degli Stati Uniti si lamentano che Emirates, Etihad Airways e Qatar Airways – sostenute dai governi di Qatar ed Emirati Arabi Uniti – siano ingiustamente sovvenzionate e che la loro espansione nel mercato statunitense rappresenti una concorrenza sleale e dovrebbe essere bloccato dalle autorità di regolamentazione.

 “Dal 2004, le compagnie del Golfo hanno ricevuto più di 50 miliardi di dollari in sussidi dai propri governi”, hanno scritto gli amministratori delegati delle tre grandi in una recente lettera al Segretario di Stato Rex Tillerson. “Sig. Segretario”, continua la lettera, “siamo certi che l’amministrazione Trump condivida la nostra visione sull’importanza di far rispettare i nostri accordi Open Skies: le compagnie aeree americane devono avere pari opportunità di competere nel mercato internazionale, bisogna proteggere posti di lavoro”.

Marzo 2017: gli U.S.A. vietano laptop e tablet sui voli dalla Turchia e dal mondo araboo

Alti funzionari degli Stati Uniti hanno detto ai giornalisti che a nove compagnie provenienti da otto paesi sono state date 96 ore, con inizio alle 03:00 (0700 GMT), per dire ai viaggiatori di mettere nel bagaglio da stiva qualsiasi dispositivo più grande di uno smartphone.

Laptop, tablet e console portatili sono colpiti dal divieto – che si applica solo ai voli diretti verso gli Stati Uniti dagli aeroporti della lista nera.

I trasportatori americani non sono colpiti dal divieto, ma i passeggeri di circa 50 voli al giorno da alcuni dei centri più attivi in Turchia e nel mondo arabo saranno obbligati a seguire la nuova sentenza.
…Il divieto colpirà i voli operati da Royal Jordanian, EgyptAir, Turkish Airlines, Saudi Airlines, Kuwait Airways, Royal Air Maroc, Qatar Airways, Emirates ed Etihad Airways.

La mossa non riguarda certo la sicurezza. Cosa impedisce ad uno di volare da Dubai a Parigi e da lì a New York con un laptop ed un tablet nel proprio bagaglio a mano? Perchè dovrebbe essere più sicuro di un volo diretto con Emirates? No. Semplicemente, le compagnie americane vogliono cancellare una concorrenza non gradita e vendere biglietti a  prezzi più alti con meno servizi.

Per andare dal Medio Oriente agli Stati Uniti uno ora può scegliere tra un volo diretto senza tablet oppure fare un volo con vari scali: la seconda variante è ovviamente più “sicura”.

Curioso dettaglio: gli inglesi hanno prontamente seguito con le proprie “misure di sicurezza”. Ma hanno vietato aeroporti e compagnie diverse da quelle degli U.S.A. Non ci sono nuove “misure di sicurezza” per i voli da Kuwait, Qatar e Marocco; la Tunisia è invece sulla lista. La cosa non ha senso dal punto di vista della sicurezza, ma forse riflette l’importanza di certi investitori per la City di Londra, così come la concorrenza a British Airways.

 

Fonte: www.moonofalabama.org

Link: http://www.moonofalabama.org/2017/03/us-airlines-ask-for-protectionism-trump-obliges.html#comments

21.03.2017

 

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di HMG

Pubblicato da Davide

  • MarioG

    Devo dare atto al Moon of Alabama che il discorso fila.
    D’altra parte molte cose filerebbero meglio rispetto alla demenzialità del divieto di portare Lapotop da una manciata di provenienze selezionate.

  • GioCo

    Chissà quando arriverà il divieto ti portare gli slip per le ragazze carine tra i 18 e i 30 anni. A proposito, qualcuno sa se occorre personale per l’ispezione intima? Scommetto che per l’incarico c’è la fila …

    • fastidioso

      Io lo faccio gratis…

  • Truman

    Mantengo in considerazione la mia prima supposizione: se vogliamo trovare una logica nel provvedimento, esso potrebbe consistere nel fatto che un PC acceso potrebbe prendere il controllo dell’aereo o quanto meno diminuire drasticamente il controllo del pilota sull’aereo. Insomma se i costruttori avessero lasciato delle porte aperte (intendo backdoor informatiche) per i servizi segreti o agenzie di stato in genere, quelle porte cominciano ad essere note anche ad altre persone, le quali potrebbero provocare problemi (attentato, sequestro dell’aereo,…). La sensazione che sia possibile intervenire sui sistemi di bordo ce l’ho da tempo.
    Comunque la supposizione di moon of alabama mi sembra più probabile. Fermo restando che le due ipotesi non si escludono a vicenda.