Home / Attualità / E’ la vittoria del variegato partito dei corrotti. (Un breve commento sulle elezioni europee)

E’ la vittoria del variegato partito dei corrotti. (Un breve commento sulle elezioni europee)

DI MASSIMO FINI
ilfattoquotidiano.it

E’ la vittoria del variegato partito dei corrotti, cosa che non dovrebbe poi meravigliare più di tanto visto che in Italia sono la stragrande maggioranza. La parola “legalità” non ha diritto di cittadinanza nel nostro Paese.

La sera di domenica nelle varie no-stop televisive i conduttori e soprattutto i commentatori non riuscivano a trattenere l’esultanza per il tonfo dei 5Stelle, mentre dalle finestre aperte delle ricche e borghesi case milanesi si udivano grida di trionfo, come dopo l’ultima nostra vittoria ai Mondiali di calcio, non tanto per l’exploit di Matteo Salvini quanto per la clamorosa caduta dei 5Stelle. Una buona mano l’han data le cosiddette sinistre attaccando per anni i grillini a spada tratta, con motivazioni molto profonde, basate soprattutto sui congiuntivi, e aprendo così la strada alla destra più becera, più antropologicamente razzista, più antisociale che si sia mai vista in Italia, perché anche il Fascismo un programma sociale almeno ce l’aveva.

Massimo Fini

Il Fatto Quotidiano, 28 maggio 2019

Pubblicato da Davide

25 Commenti

  1. Anche Fini parla troppo spesso a vanvera, il programma sociale del fascismo era Quota 90 sulla sterlina inglese cioè cambio fisso, pareggio di bilancio e riduzione del debito, lo stesso programma del nazional-socialismo hitleriano e della €U.

  2. “… dalle finestre aperte delle ricche e borghesi case milanesi si udivano grida di trionfo”
    Fini questa l’ha sognata, oppure aveva bevuto troppo.

  3. La lega antisociale!?!? Ma se per me è socialista!

  4. Caro signor Fini mi sa che le è sfuggito qualche particolare secondo me.
    1. Il Mov 5s ha voluto fare il PD, gli elettori non sono scemi e se tanto mi da tanto scelgono l`originale.
    2. Il Mov 5s poteva benissimo parlare delle proprie battaglie Italiane che sarebbero state portate in EU. Quindi temi, che a mio modesto parere sono mancati.
    3. Attaccare il proprio alleato di governo ci sta, vedi FdI con la Lega alleata in diverse regioni ma che critica a livello governativo, ma se lo fai con la bava alla bocca mi sa che gli elettori cominciano a pensare che siete al Gov. per altri motivi non certo per il bene dell`Italia.
    4. Avete permesso a Salvini, ancora, di mettere per primo la mano su temi che potevano essere vostri.
    Va da se, e mi spiace, il movimento è in una situazione Lose Lose mentre salvini Win Win e il PD aspetta sul bordo del fiume.
    Contenti voi contenti tutti.
    P.S ma poi che caxxo le hanno fatto quelli non eruditi come lei da reputarli sempre Fascisti, razzisti, antisociale.
    Mi scuso per la perolaccia

  5. Non accettare le scelte di chi ha votato è antidemocratico, o se volete fascista.
    Per i sinistri il voto è accettabile solo se li favorisce.

  6. Non siate così modesti, il merito è in gran parte vostro.
    Avete fatto quasi tutto da soli con le vostre sentenze rivolte sia a destra che a sinistra.
    Risultato?
    Errore 404 – M5s not found.
    Buona continuazione.

  7. Onestamente Massimo Fini ha stancato…se vuole scriva su Repubblica.

  8. Vincenzo Siesto da Pomigliano

    Ecco lo stralcio di un articolo apparso su “Il Fatto Quotidiano” con il quale sono completamente d’accordo, come se mi fosse stato strappato lì per lì dalla bocca: …..Il M5S paga l’atto di suicidio con la cicuta che ha bevuto nel caso Diciotti, salvando Salvini dal processo e condannando se stesso all’estinzione. Chi si contenta gode. Hanno rinnegato con leggerezza principi e valori insuperabili insieme alla loro manifesta incompetenza e vanagloria. Sono stati un fuoco di paglia, utili a scalzare Renzi e poco di più. Non hanno saputo “fare politica”, non scegliendo il meglio del meglio tra le intelligenze della Società Civile come supporto per i vari Di Maio, Toninelli, Bonafede, Grillo: si sono illusi della loro vanagloria e si sono appesi ai balconi con proclami fuori luogo e decenza. Se riusciranno ad attestarsi tra il 10% e il 15%, devono leccarsi le dita. Peccato, potevano essere il mitico «apriscatole», sono rimasti il pesce in barile. Il cambio di casacca “a sinistra” nell’ultimo miglio non ha convinto me e non ha convinto nessuno. O si è e ci si fa….. .
    E’ stato “l’harakiri” dei vertici del M5S, i quali evidentemente volevano sostituirsi a quella casta che dicevano di voler scalzare da potere, che ha aperto la vittoria al variegato partito dei corrotti. Si dice che “chi è causa del suo mal pianga se stesso”. Però qui a piangere, mentre i ricchi borghesi ridono e sollevano grida di trionfo, saranno principalmente i lavoratori, i pensionati, i giovani tartassati, insomma il popolo che fa fatica a sbarcare il lunario…. e ora a pagare saranno ancora loro!!!!!
    E il vero “misfatto” delle sinistre è stato quello di avere abbandonato la lotta di classe, unico modo per scalzare dal potere, dalle istituzioni e dallo Stato quella ricca borghesia “variegata e corrotta” (quella stessa che nel dopoguerra abbondonò il fascismo per “emigrare” nella DC e in altri partiti) che ora grida al trionfo….
    Il M5S, i suoi vertici cioè, non ha fatto altro che catalizzare il malcontento e la protesta di una larga fetta della popolazione verso binari consoni a questa borghesia….
    Quello che adesso c’è bisogno, per non far pagare il “conto” alla povera gente, è una patrimoniale sui ricchi, su quel 10% della popolazione che detiene più del 50% della ricchezza nazionale, altro che flat tax e condoni vari: ci vuole un vero esproprio “popolare” di classe….

  9. Ma per favore!
    Quello che e’ successo il 26 maggio, per Fini, si riassume con un:
    “ha perso la Legalita'”.
    (Infatti, dice che la Legalita’ non ha più “diritto di cittadinanza” in Italia nel momento in cui hanno perso i 5 s).

    Secondo me ha raggiunto un preoccupante record di miseria intellettuale in questo trafiletto.

  10. Lega partito del cemento, TAV ed altro. L altra faccia della stessa medaglia, PD/FI. Partito vecchio senza sognatori. Politicanti, lobbisti in odor di mafia. Nulla di nuovo sotto il sole italico.

  11. Fini l’ho sentito intervistato da Sky nel lungo periodo precedente la formazione di questo governo.
    Auspicava un’intesa dei 5stelle col Pd, perché nel Pd ci sono uomini esperti e responsabili
    (sic!).

  12. Il M5S ha pagato , e caro, il suo vergognoso voltafaccia sui vaccini.
    Ha pagato l’atteggiamento della Trenta, gli attacchi all’alleato.
    Ha pagato per le frasi di DiMaio su Mattarella: un anno fa voleva chiederne l’Impeachement, pochi giorni fa ha dichiarato “perfortuna che c’è lui”..
    Ha pagato in parte anche per aver disatteso le aspettative sul “Reddito di Cittadinanza”, andato dove si sapeva già, e con cifre ridicole.
    Restano agli annali lo “Spazzacorrotti” e gli altri provvedimenti.

  13. dopo le votazioni sulla mia Patria restano ancora quattro vergogne:
    – il piddì al 25%
    – il 5cosi al 20
    – casapound allo zerovirgola
    – fini che rinuncia al giretto al parco
    … ma tutto finisce.

  14. povero Fini, ormai per scrivere sul fatto quotidiano bisogna assecondare queste idee, ricordo che Stefano Feltri, il vice di Travaglio andrà al Bilderberg 2019 fra una settimana assieme ad altri 2 italiani: la Gruber e Matteo Renzi. Ma c’è ancora qualcuno che legge questo cumulo di spazzatura globalista??

  15. A me viene un dubbio per rispondere a Fini…un atroce dubbio, che i 5S abbaino avuto una campagna propagandistica in qualche modo “sabotata”…dagli americani DEM e dal PD! Non è fatta una giusta Di Maio nell’ ultimo mese, possibile che non si sia reso conto?

  16. Salvini piaccia oppure no,contro le navi degli immigrati ong e le varie coop e vaticano,che speculano come degli scarafaggi sulla vita delle persone,ha dalla sua parte più italiani di quanto sembra.Il m5s,ha perso perchè a fatto delle promesse con il reddito di cittadinanza,che non ha mantenuto,infatti l’elettorato,l’ha punito.Vedete che serve non votare,spero l’abbiate capito.

  17. Il sig Fini in pochissime righe ha semplicemente fotografato lo stato di fatto di uno strano paese, il nostro, nel quale la serietà, l’onestà, la semplicità e, ovviamente, la necessità di crescere, maturare in senso sempre più positivo vengono viste con sospetto e troppo spesso aborrite! Ovviamente la ”lega” è ”maturata” in senso anomalo già da molti anni! Se si aprissero gli armadi leghisti legioni di scheletri scenderebbero giù in foltissima schiera!!! Il M5S ha pagato a causa del tipico genoma disfatto del popolo italiota pronto a saltar sul carro del vincitore ma altrettanto pronto a saltar giù quando realizza che sul quel carro ”nun se magna!!!!!” Estremamente disgustoso e repellente!!! Il Mov deve tornare e presto all’antica intransigenza, ai vaffanculo, alle manifestazioni di protesta ovviamente abbinate ad una sana azione di governo così come ha dimostrato e portato avanti! Ovviamente strizzando meno l’occhio alla cloaca delinquenziale detta ”europa” dalla quale, sicuramente, saranno pervenute blandizie in cambio di ”accomodamenti”!! Ciò che rimprovero al Mov è mancanza di iniziativa allo scopo di rimuovere 113 covi americanastri nel ns paese! Noi non abbiamo basi negli USAEGETTA!! Devono essere smantellate!! ILVA!!! Non va bene!! Distruzione del nostro paese e della nostra agricoltura mediante guerre climatiche!! L’Italia è sotto attacco concentrico ma non vedo reazioni pesanti di sorta! Non parliamo poi di altra doverosa iniziativa vale a dire arginare, mettere un chiaro limite al malsano agire del malsano vaticano!!! Questo necessita fare ed operare tutto il resto è fumo negli occhi! E via la Grillo da quel ministero e agire verso la luride aziende farmaceutiche!!!! Grazie!!!

  18. Ahio! Signor Fini , io l’ho sempre ammirata, ho letto quasi tutti i suoi libri , nel passato ho aderito e sottoscritto anche una lettera aperta, una petizione da lei promossa. Ma in questo caso rimango , a dir poco, basito. Scrivere” aprendo così la strada alla destra più becera, più antropologicamente razzista, più antisociale che si sia mai vista in Italia, perché anche il Fascismo un programma sociale almeno ce l’aveva” , è offendere milioni di persone che la mattina si alzano presto per andare a lavorare nelle fabbriche , nell’edilizia, che fanno enormi sacrifici per tirare avanti la baracca, che non hanno santi ne appoggi politici a cui affidarsi, ma che devono contare solo su se stessi, e che hanno votato lega, se non altro per disperazione. Considerare beceri, antropologicamente razzisti, antisociali, è da ignoranti poiché non si conosce la realtà , si ignora la realtà del sacrificio quotidiano. Mah, mi son detto, sara’ l’età, la vecchiaia gioca brutti scherzi, o di scrivere per” il fatto” , d’altronde se si scrive per il fatto Quotidiano che altro si puo’ scrivere?

  19. Magari fini esagera un po’, ma non è che alla fine abbia poi tutti i torti. Certo, bisogna dire che non è che tutti gli italiani siano una massa di corrotti, non è che la mattina un italiano si sveglia e pensa cosa e come può fare per corrompere o essere corrotto. Ce ne sono sicuramente però un buon numero certamente predisposto, quasi lombrosianamente predisposto (una battutaccia, per chi non avesse capito)…Vabè, ma naturalmente i corrotti non è che stanno da una parte sola e soprattutto, il punto non è la corruzione come intento speculativo. La vera questione è che gli italiani (non tutti ovviamente, ma di sicuro troppi), sbagliando, semplicemente non mettono la corruzione, come anche la lealtà e il rispetto degli altri, al primo posto tra le priorità del vivere civile ed in una comunità. Di attenuanti, come popolo, ne hanno tante, secoli di miseria e sfruttamento, una concentrazione pressoché unica, almeno nel mondo occidentale, di poteri di vario genere dediti per lungo tempo alla vessazione e alla mortificazione intellettuale del popolo stesso, tutto questo non scivola via tanto facilmente dall’immaginario collettivo.

  20. “Una buona mano l’hanno data le cosiddette sinistre attaccando per anni i grillini a spada tratta, con motivazioni molto profonde, soprattutto sui congiuntivi, aprendo cosi la strada…””.
    Fino a “motivazioni molto profonde” mi sembrava che FIni stesse sulla buona strada…poi s’e’ perso buttandola sul sarcasmo…
    Anche qui trapelano i due errori fondamentali della sinistra:
    primo, non si rende conto che sta dicendo che l’attacco vuoto di contenuto non riesce piu’ ad influenzare l’elettore ma poi fa lo stesso errore parlando dei congiuntivi. L’indicazione di voto da parte del partito non basta piu’ per far votare la base. Oggi il “Lo dice il segretario Zingaretti” non convince l’elettore a meno che non sia seguiito da qualcosa di sostanza. Se Zingaretti se la prende con i congiuntivi di Di Maio e non prende posizioni precise, evidentemente alternative a quelle dei grillini (senno perche’ attaccarli?), sui problemi del paese, cosa ci si aspetta dalla base? Che si voti la fuffa?
    Secondo, ancora non ha imparato la “netiquette”: denigrare gratuitamente l’avversario invece di portare argomenti contro la sua linea politica e’ controproducente, oltre che contrario alle regole basilari di civilta’.
    Peraltro, dare la colpa agli altri (es: gli italiani sono tutti dei corrotti latenti..) delle proprie sconfitte non e’ produttivo. Un mea culpa, ci starebbe meglio.
    Ergo, la sconfitta e’ meritata e questo sfogo di Fini ne e’ la cartina al tornasole.

  21. Se si nasce rivoluzionari e si diventa democristiani come purtroppo ha fatto il Movimento negli ultimi tempi questi sono i risultati. L’accanimento mediatico c’è sempre stato perché sono sempre stati concepiti sin dalla loro comparsa come altro dal sistema putrido di potere italiano, sono loro che per eccessiva prudenza, voglia di apparire più realisti del re, leggi moderati, hanno traccheggiato e finito per perdere completamente quella carica rivoluzionaria e innovativa che avevano.
    Sono ancora in tempo per tornare alle origini, non è la leadership di Di Maio il problema a mio parere, è la linea politica complessiva.

  22. Elenco un po’ di ragioni nude e crude alla base del tracollo di domenica, dietrofront sulla forte messa in discussione di questa Europa cui da Bruxelles rispondono continuando a tirarci schiaffi, troppa timidezza sul portare avanti il no a opere inutili come il TAV di fronte all’insistenza del partito del cemento leghista, dietrofront sul principio della libertà vaccinale che si sosteneva giustamente prima di andare al governo salvo poi quasi rinnegarlo.
    Io l’ho votato lo stesso domenica ma mi sono chiesto quasi fino all’ultimo se andare o restare a casa; penso che molti che avevano votato il Movimento a marzo 2018 siano restati a casa e li capisco anche a fronte di questi arretramenti.

  23. Non riesco a capire tutto questo ostracismo, quasi se Fini avesse insultato personalmente tutti i lettori.
    Non è un mistero che i “prenditori” d’appalti pubblici vedano come il fumo negli occhi il M5S, e l’hanno dimostrato con l’occupazione di tutti gli spazi possibili per denigrare il Mov. (colpevole d’averlo concesso senza un equilibrato contraddittorio). Perché è l’unica forza politica che vuole colpire/riformare lo sporco gioco di affari che ruotano intorno al cemento & affini.
    Ora, io non credo che i lettori siano tutti appaltatori di Stato, manager di grandi imprese che si giocano gli appalti. Anzi, quei soldi – spesso rubati in mille modi – vanno proprio ad intaccare le nostre tasche, di chi non si arricchisce con questo gioco dell’appalto facile.
    Ovvio che hanno gioito per il risultato elettorale: mi sorprende che i sostenitori della Lega non si uniscano per chiedere l’applicazione del contratto di governo anche nei confronti di Rixi, se condannato. Altrimenti, se difendete i condannati per corruzione, da che parte state?

  24. Continui così, Fini, con il vostro antifascismo che vede razzismo anche nelle feci dei ratti è fascismo allo stato puro e non sottovalutate l’esercito dei non votanti, pronti a esplodere ribaltando tutti, compresi i perfettini grillini con un solo difetto: oggi dicono B, domani diventa Z. Preferisco il corrotto a questo punto, le banderuole possono essere più demoniache

  25. Signor Fini, troverei opportuna anche qualche riflessione sul variegato caso del voltafaccia ideologico del ministro della salute. Magari esistono anche altri prodromi relativi allo stop elettorale del Mov.