Dati CDC/VAERS: gli eventi avversi dei “vaccini” COVID sono ormai più di 350.000

I dati VAERS rilasciati oggi dal CDC hanno mostrato un totale di 358.379 segnalazioni di eventi avversi da tutte le fasce di età in seguito ai vaccini COVID, compresi 5.993 decessi e 29.871 lesioni gravi tra il 14 dicembre 2020 e l'11 giugno 2021.

 

Megan Redshaw – The Defender – 18 giugno 2021

 

Questa settimana il numero di eventi avversi segnalati tra tutte le fasce d’età in seguito ai vaccini Covid ha superato i 350.000, secondo i dati rilasciati oggi dai Centers for Disease Control and Prevention (CDC). I dati provengono direttamente dai rapporti presentati al Vaccine Adverse Event Reporting System (VAERS).

VAERS è il principale sistema finanziato dal governo degli Stati Uniti per la segnalazione di reazioni avverse ai vaccini. I rapporti presentati al VAERS richiedono ulteriori indagini prima che una relazione causale possa essere confermata. Ogni venerdì, VAERS rende pubblici tutti i rapporti sulle lesioni da vaccino ricevuti a partire da una data specifica, di solito circa una settimana prima della data di rilascio.

I dati rilasciati oggi mostrano che tra il 14 dicembre 2020 e l’11 giugno 2021, è stato segnalato al VAERS un totale di 358.379 eventi avversi, compresi 5.993 decessi – un aumento di 105 morti rispetto alla settimana precedente. Ci sono state inoltre 29.871 segnalazioni di lesioni gravi, 1.430 in più rispetto alla settimana scorsa.

Dei 5.993 decessi segnalati a partire dall’11 giugno, il 23% si è verificato entro 48 ore dalla vaccinazione, il 16% entro 24 ore e il 38% in persone che si sono ammalate entro 48 ore dalla vaccinazione.

(Poiché alcuni casi hanno più vaccinazioni e sintomi, un singolo caso può rappresentare più voci in questa tabella. Questo è il motivo per cui il conteggio totale è maggiore di 358379 (il numero di casi trovati), e la percentuale totale è maggiore di 100.)

Negli Stati Uniti, all’11 giugno sono state somministrate 306,5 milioni di dosi di vaccino Covid. Questo include 128 milioni di dosi del vaccino di Moderna, 167 milioni di dosi di Pfizer e 11 milioni di dosi del vaccino Covid di Johnson & Johnson (J&J).

 

I dati di questa settimana, dal 14 dicembre 2020 all’11 giugno 2021, per i ragazzi dai 12 ai 17 anni mostrano:

  • 6.332 eventi avversi totali, tra cui 271 classificati come gravi e sette decessi segnalati tra i ragazzi dai 12 ai 17 anni.
  • I decessi più recenti segnalati includono un maschio di 15 anni (VAERS I.D. 1383620) che presumibilmente è morto un giorno dopo aver ricevuto la sua seconda dose Pfizer, un maschio di 15 anni (VAERS I.D. 1382906) che ha ricevuto Pfizer e un maschio di 16 anni (VAERS I.D. 1386841) che presumibilmente ha subito un’emorragia ed è morto quattro giorni dopo aver ricevuto un vaccino Pfizer, in attesa di autopsia.
  • Altri decessi includono due 15enni (VAERS I.D. 1187918 e 1242573), un 16enne (VAERS I.D. 1225942) e un 17enne (VAERS I.D. 1199455).
  • 974 segnalazioni di reazioni anafilattiche tra i 12-17enni, con il 98% dei casi attribuiti al vaccino Pfizer, l’1,4% al Moderna e lo 0,2% (o due casi) alla J&J.
  • 109 segnalazioni di miocardite e pericardite (infiammazione del cuore) con 108 attribuite al vaccino Covid della Pfizer.
  • 24 segnalazioni di disturbi della coagulazione del sangue, tutti attribuiti a Pfizer.

I dati VAERS totali di questa settimana, dal 14 dicembre 2020 all’11 giugno 2021, per tutti i gruppi di età mostrano:

 

Il CDC riprogramma la riunione d’emergenza per discutere i rapporti di giovani che sviluppano gravi problemi cardiaci dopo i vaccini mRNA

Il Comitato consultivo del CDC sulle pratiche di immunizzazione (ACIP) ha pianificato di tenere una riunione di emergenza oggi per discutere il rapporto rischi/benefici dei vaccini Covid mRNA negli adolescenti e negli adulti giovani. L’agenzia ha riprogrammato la riunione nel tardo giovedì, dopo che il Congresso ha ufficialmente classificato il Juneteenth National Independence Day (festeggiata oggi) come festività federale.

La riunione si terrà durante una riunione ACIP regolarmente programmata il 23-25 giugno.

La riunione di emergenza era stata annunciata la scorsa settimana dopo che il CDC aveva confermato un numero superiore al previsto di segnalazioni di infiammazioni cardiache nei giovani dopo aver ricevuto un vaccino Pfizer o Moderna.

Il 10 giugno il CDC ha detto di essere a conoscenza di un totale di 475 casi di miocardite o pericardite in pazienti di età inferiore ai 30 anni. La rivelazione è stata fatta durante un’audizione della Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti per esaminare i dati di cui l’agenzia avrebbe bisogno per estendere l’Autorizzazione all’Uso di Emergenza dei vaccini Covid ai bambini sotto i 12 anni.

I dati del CDC mostrano, fino al 31 maggio, 196 casi di miocardite e pericardite tra i giovani dai 18 ai 24 anni, rispetto a un tasso previsto tra gli 8 e gli 83 casi. Tra i 16-17enni, al 31 maggio sono stati segnalati 79 casi di miocardite e pericardite. Il tasso previsto tra le persone in questo gruppo di età è tra 2 e 19 casi.

Una ricerca degli ultimi dati VAERS disponibili ha rivelato 1.117 casi segnalati negli Stati Uniti di miocardite e pericardite, tra tutti i gruppi di età, in seguito alla vaccinazione Covid tra il 14 dicembre 2020 e l’11 giugno 2021. Dei 900 casi riportati, 686 casi sono stati attribuiti a Pfizer, 391 casi a Moderna e 36 casi al vaccino Covid di J&J.

 

I genitori condividono storie orribili di morte e malattia dopo il vaccino Moderna

Questa settimana, The Defender ha riportato due casi di giovani che hanno sviluppato complicazioni cardiache dopo essere stati vaccinati con il vaccino Covid Moderna, tra cui una matricola universitaria di 19 anni che è morta, e uno studente di 21 anni che sta recuperando.

Il 15 giugno, The Defender ha riferito che Simone Scott, una matricola di 19 anni della Northwestern University, è morta per le complicazioni di un trapianto di cuore a cui si è sottoposta dopo aver sviluppato quella che i suoi medici ritengono essere una miocardite in seguito alla sua seconda dose di vaccino Covid Moderna.

Scott aveva ricevuto la seconda dose il 1° maggio, e l’11 maggio era stata visitata da un medico del campus perché non si sentiva bene. Il 16 maggio aveva inviato un messaggio a suo padre lamentando vertigini e stanchezza. Lui ha chiamato la polizia del campus che, quando l’hanno controllata, hanno dovuto praticare la RCP.

Dopo molteplici interventi, compreso collegare Scott a una macchina ECMO che replica la funzione del cuore in modo che il suo potesse riposare, i medici hanno determinato che aveva bisogno di trapianto cardiaco. È morta l’11 giugno.

La madre di Simone ha detto ai media locali: “Sento ancora che lei è qui, anche se so che non lo è e mi sembra un tale spreco“.

I medici della Scott non hanno confermato completamente la causa della morte, ma hanno detto che sembrava soffrire di miocardite.

Il 15 giugno, The Defender ha riferito che uno studente di 21 anni del New Jersey ha subito una grave infiammazione cardiaca dopo aver ricevuto la sua seconda dose di vaccino Covid Moderna. Justin Harrington, la cui scuola aveva richiesto la vaccinazione per poter frequentare le lezioni in autunno, ha sperimentato sintomi simili all’influenza seguiti da dolori al cuore entro otto o dodici ore dalla somministrazione del vaccino.

In un’intervista esclusiva con The Defender, il padre di Justin, Timothy Harrington, ha detto che suo figlio si sentiva diverso dopo la seconda iniezione. “Ogni volta che il suo cuore batteva faceva male e sentiva una pressione“, ha detto Harrington. “Poi ha sviluppato dolori cardiaci che si estendevano lungo entrambe le braccia“.

Harrington ha detto che suo figlio, che non aveva condizioni mediche sottostanti, non aveva provato dolore al cuore dopo la prima dose di vaccino. “Anche se adesso Justin è stato dimesso dall’ospedale, deve indossare un monitor cardiaco e prendere quattro diversi farmaci per sei mesi, deve dormire appoggiato, non può fare sforzi e si sta perdendo uno dei momenti più importanti della sua vita,” ha detto suo padre.

Per quanto riguarda il recupero di Justin, Harrington ha detto: “Ha una piccola cicatrice sul cuore e i medici sperano di averlo preso abbastanza presto da evitare altri problemi – ma è pura congettura a questo punto“.

 

8 vaccinati muoiono di Covid nel Maine, mentre aumentano negli Stati Uniti i casi post-vaccinazione (*)

Come riportato da The Defender il 14 giugno, otto persone nel Maine sono morte di Covid dopo essere state completamente vaccinate, secondo gli ultimi numeri del Maine’s Centers for Disease Control and Prevention (CDC), che ha confermato un totale di 457 casi post-vaccinazione nello stato.

I dati iniziali suggeriscono che i casi post-vaccinazione nel Maine sono più comuni negli individui più anziani e nelle persone con condizioni di salute sottostanti – le fasce di individui che, tra i non vaccinati, sono più a rischio di ospedalizzazione o morte per il virus. Secondo il CDC del Maine circa la metà delle persone vaccinate nello stato, risultate positive alla Covid, non avevano avuto sintomi quando sono stati contattati dagli investigatori del caso.

Il 3 giugno la contea di Napa in California ha comunicato che una donna completamente vaccinata è morta oltre un mese dopo la sua seconda vaccinazione con Moderna, dopo essere stata ricoverata in ospedale con Covid. La donna di 65 anni aveva condizioni sottostanti ed è risultata positiva alla variante Alpha.

Al 9 giugno, il California Department of Public Health aveva identificato più di 5.723 casi di Covid post-vaccinazione. Di questi 5.723 casi, almeno 417 persone sono state ricoverate e almeno 47 sono morte. Per il 48% circa dei casi mancavano i dati di ricovero. Non si sa se la causa primaria del ricovero o della morte fosse Covid o se ci fossero altre cause.

Altri stati continuano a segnalare casi post-vaccinazione, tra cui il Texas, che ha registrato più di 768 casi di Covid post-vaccinazione fino al 1° giugno, con l’8% (61 casi) che hanno portato alla morte.

A Washington, il Dipartimento della Salute dello stato ha segnalato 1.837 casi di infezione post-vaccinazione fino al 9 giugno. Di questi, il 10% ha portato all’ospedalizzazione e 31 persone sono morte per malattie legate alla Covid. La maggior parte dei casi si è verificata nella fascia di età tra i 35 e i 49 anni.

 

I funzionari della sanità spingono i vaccini, ignorando l’immunità naturale

Il CDC stima prudentemente che più di un terzo degli americani (almeno 114,6 milioni) sia stato infettato dal SARS-CoV-2.

Come riportato da The Defender il 16 giugno, ci sono abbondanti ragioni per credere che nella maggior parte di queste persone, l’infezione da SARS-CoV-2 “induce un’immunità a lungo termine“.

Per esempio, uno studio del dicembre 2020 dei ricercatori di Singapore ha trovato che gli anticorpi neutralizzanti (un pilastro della risposta immunitaria) sono rimasti presenti in alte concentrazioni per 17 anni o più negli individui che hanno recuperato dal SARS-CoV originale.

Più recentemente, l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) e i National Institutes of Health (NIH) hanno pubblicato prove di risposte immunitarie durevoli all’infezione naturale da SARS-CoV-2.

Eppure le autorità sanitarie stanno largamente ignorando questo fatto mentre continuano a spingere affinché tutti si vaccinino. Come ha riferito l’American Institute of Economic Research, sembra che per promuovere l’agenda del vaccino Covid, le organizzazioni chiave non solo stiano “sminuendo” l’immunità naturale, ma potrebbero cercare di “cancellarla” del tutto.

 

102 giorni e passa, il CDC ignora le richieste di The Defender

Secondo il sito web del CDC, “il CDC segue ogni rapporto di morte per richiedere ulteriori informazioni e saperne di più su ciò che è accaduto e per determinare se il decesso è stato una conseguenza del vaccino o non è correlato“.

L’8 marzo, The Defender ha contattato il CDC con un elenco scritto di domande sui decessi e le lesioni segnalati relativamente ai vaccini Covid. Dopo ripetuti tentativi, per telefono e per e-mail, di ottenere una risposta alle nostre domande, uno specialista di comunicazioni sanitarie della Task Force Vaccini del CDC ci ha contattato il 29 marzo – tre settimane dopo la nostra richiesta iniziale.

La persona aveva ricevuto la nostra richiesta di informazioni dal VAERS, ma ha detto di non aver mai ricevuto il nostro elenco di domande, anche se i dipendenti con cui abbiamo parlato più volte avevano detto che gli addetti stampa del CDC stavano lavorando sulle domande ed avevano confermato che il rappresentante le aveva ricevute. Abbiamo fornito di nuovo l’elenco con una nuova scadenza, ma non abbiamo mai ricevuto una risposta.

Il 19 maggio, un impiegato del CDC ha detto che le nostre domande erano state esaminate e che la nostra inchiesta era in sospeso nel loro sistema, ma non ci ha fornito una copia della risposta. Ci è stato detto che saremmo stati contattati per telefono o via e-mail con la risposta.

Abbiamo contattato il CDC numerose volte da allora e non c’è nessun cambiamento nello stato delle nostre domande, per ripresentare le nostre domande o per richiamare più tardi. Sono passati 102 giorni da quando abbiamo inviato il nostro primo e-mail chiedendo informazioni sui dati e i rapporti VAERS e non abbiamo ancora ricevuto una risposta.

 

(*) Nota del Traduttore: nel testo “breakthrough case”, non traducibile correttamente in una lingua articolata come la nostra. Ho optato per “casi post-vaccinazione” in quanto, cito: “Secondo l’Autorità Sanitaria dell’Oregon, un caso “breakthrough” è definito come una persona che presenta livelli rilevabili di SARS-CoV-2, il nuovo coronavirus, almeno 14 giorni dopo essere stata completamente vaccinata contro la Covid-19. Questo significa che ha ricevuto entrambe le dosi di vaccino Pfizer-BioNTech o Moderna, poiché il vaccino monodose Johnson & Johnson è stato autorizzato dalla FDA soltanto il 27 febbraio.

 

Megan Redshaw è una giornalista freelance per The Defender. Ha una formazione in scienze politiche, una laurea in legge e una vasta formazione in salute naturale.

 

Fonte: https://childrenshealthdefense.org/defender/cdc-vaers-data-deaths-adverse-events-covid-vaccines-including-children/

Traduzione di Arrigo de Angeli per ComeDonChisciotte

 

Notifica di
23 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Pippofromibiza
Utente CDC
22 Giugno 2021 8:32

Ciao, mi sa che il titolo è sbagliato… sarebbe “nuovi dati CDC/VAERS: tra i ragazzi da 12 a 17 anni; ci sono 7 morti e 12 seri eventi avversi dopo la vaccinazione” o qualcosa del genere.

Ultimo aggiornamento 1 mese fa effettuato da Pippofromibiza
Tashtego
Utente CDC
22 Giugno 2021 8:37

Potrei conoscere il nesso fra un titolo piuttosto soft e l’immane disastro descritto nell’articolo?

nicolass
Utente CDC
22 Giugno 2021 8:55

Mi sembra evidente che qualunque altro farmaco che potesse vantare una simile casistica di morti ed eventi avversi sarebbe stato immediatamente ritirato dal mercato… invece il dogma dei vaccini alla cui ombra ci sono fondi finanziari speculativi del calibro di Blackrock, Vanguard facenti capo alle più ricche famiglie del pianeta non possa essere messo in discussione per nessuna ragione. In mezzo ci siamo noi… vittime sacrificali predestinate di un esperimento scientifico di portata planetaria.

Ultimo aggiornamento 1 mese fa effettuato da nicolass
gix
Utente CDC
22 Giugno 2021 9:38

Non serve essere specialisti nei numeri o nelle statistiche per vedere le incongruenze dei dati che vengono riportati in giro, anche se evidentemente questi del Vaers e dell’omologo europeo sono forse i più attendibili. Si parla però di 306 milioni di dosi somministrate a fronte di una popolazione di 320 milioni circa, quindi la quasi totalità degli americani avrebbe ricevuto almeno una dose. Non conta una sola dose ma ce ne vogliono due? Bene, allora si legge da altre parti che almeno il 20% degli americani (più almeno un altro 11% di fortemente dubbiosi) non ne vuole proprio sapere del vaccino, dopodiche la domanda sorge spontanea. A chi hanno somministrato le dosi che avanzano da tali conteggi? le hanno gettate nella tazza del cesso? o le hanno date al gatto? Attenzione perchè le stesse domande vanno fatte al nostro generale, che parla di circa 46 milioni di dosi somministrate, su circa 60 milioni di abitanti, anche se pare che conti soprattutto la percentuale degli immunizzati, ovvero di coloro che hanno ricevuto due dosi, che sarebbero circa il 27% della popolazione, ovvero circa 16 milioni. Complessivamente, in ogni caso, con almeno una dose abbiamo il 53% degli italiani infiaschettati, il che… Leggi tutto »

IlContadino
Utente CDC
Risposta al commento di  gix
22 Giugno 2021 11:31

Vedrai quando a settembre la vaccinazione sarà requisito indispensabile per mandare i figlioli a scuola come si alzeranno i numeri.
L’altare del sacrificio è sempre sufficientemente grande per accogliere il corpicino di un bambino

Ultimo aggiornamento 1 mese fa effettuato da IlContadino
Pfefferminz
Utente CDC
Risposta al commento di  gix
22 Giugno 2021 12:10

Ho ascoltato in rete un’intervista con un’autrice austriaca che non conoscevo, una certa Monika Donner, che ha scritto un libro dal titolo “Corona Diktatur”. Mi ha fatto una grande impressione per la chiarezza di vedute e la risolutezza. Ha detto, ad esempio: “Non sono in nessun partito, ma se un partito mi offrisse di collaborare, risponderei ‘solo in posizione di comando’. Ebbene, questa signora, che tra l’altro sta rischiando il licenziamento, ha detto che è sufficiente il 10% della popolazione per bloccare la dittatura, purché sia ben determinata e compatta.

danone
Utente CDC
22 Giugno 2021 10:20

E’ possibile stabilire un ordine di grandezza realistico, più certo e sicuro, riguardo il vero numero dei decessi, in base alle segnalazioni che arrivano al Vaers? Lo chiedo perchè tutte le volte che leggo di questi articoli, dove ci danno i numeri del Vaers, moltiplico in automatico x10 o x100 gli eventuali eventi segnalati, poichè ho sempre trovato scritto, e mai smentito, che al Vaers si stima arrivino solo dal 1 al 10% degli eventi reali, essendo un sistema di vigilanza passiva. Ora, se dal punto di vista etico-morale penale-criminale, il discorso cambia poco o niente, capite che se il dato informativo ci riporta 5.000 decessi, mentre invece in realtà sono dai 50.000 ai 500.000 cambia tutto? E non credo che, a questo punto della sporca faccenda, con le antenne alzate di molti, su questi fatti, non si possa avere una informazione meno ballerina e che non si riesca a ridurre questa maledetta forbice contabile. Inutile aspettarsi queste verità dall’informazione ufficiale, aggiungo però che mi sembra abbastanza strano che, se il numero dei decessi fosse davvero così alto, non si riesca a percepirlo anche in modo indiretto, che so, anche solo dalle operazioni logistiche necessarie per smaltire un così grande… Leggi tutto »

Ultimo aggiornamento 1 mese fa effettuato da danone
IlContadino
Utente CDC
Risposta al commento di  danone
22 Giugno 2021 10:41

Hai proprio ragione. Leggo di questi numeri da mesi: morti da, morti con, morti forse, chi t’è muort…poi alzo lo sguardo dallo schermino del telefono e non vedo nulla. Nessuno che conosca, e nemmeno qualcuno che conosca qualcun altro che sia a conoscenza di qualcuno morto di o con covid. Stessa cosa con i vaccini, tanti ma proprio tanti che si sono vaccinati, a sentir loro tutto bene, neanche un lieve mal di testa. Boh, un po’ mi perdo. Mi consolo col grillotalpa che ho nell’orto, quello sì che provoca danni e riempie la testa di pensieri, il maledetto!

Pfefferminz
Utente CDC
Risposta al commento di  IlContadino
22 Giugno 2021 18:02

Morti di Covid non ne ho conosciuti, ma nel parentado due anziane signore sono decedute dopo la vaccinazione. L’altro giorno ero dal parrucchiere e, per fare small talk, gli ho chiesto come è andata la vaccinazione anti-Covid. Mi ha risposto che è stato sfortunato e che è stato ricoverato in ospedale con una trombosi in testa. Ora deve prendere delle medicine per sciogliere il coagulo. Più di un vaccinato mi ha riferito di effetti collaterali, chi dolori articolari, chi puntini rossi sulla fronte (allergia?). Qualcuno aveva dei rossori tondi a fior di pelle. Nessuno di questi ha fatto segnalazioni alla farmacovigilanza.

gix
Utente CDC
Risposta al commento di  danone
22 Giugno 2021 14:14

E vero, non è facile districarsi tra i numeri, ma dobbiamo considerare alcuni fattori, per cui non sarà facile avere prove concrete delle dirette conseguenze dei vaccini. Le reazioni avverse e soprattutto i morti, sono una percentuale comunque minoritaria e soprattutto diffusa sul territorio, quindi non verremo mai a conoscenza di situazioni tipo Bergamo, ovvero concentrate nel tempo ed in uno spazio limitato, per quanto riguarda morti da vaccino. D’altronde è stato così anche con il virus, a parte situazioni particolari, quali appunto certe zone del nord, nel resto d’Italia non c’è stato nulla di concentrato e riscontrabile in breve tempo. Per esperienza personale, nonostante contatti familiari con strutture sanitarie e con riscontri su reparti covid, posso dire di aver avuto notizia di frequenti contagi e complicazioni da virus, gente ricoverata a volte con gravi sintomi, ma paradossalmente solo un morto direttamente accertato (peraltro in condizioni particolari), e lo stesso per quanto riguarda reazioni avverse da vaccino, ovvero frequenti casi, (anche gravi da ricovero) ma nessun morto conosciuto. Inoltre, quanta gente è stata male e non ha comunicato nulla a nessuno, sperando di essersela cavata con qualche disturbo momentaneo? Se in Italia muoiono 3/4/5 persone al giorno di vaccino, ma… Leggi tutto »

danone
Utente CDC
Risposta al commento di  gix
22 Giugno 2021 14:30

Il tuo è buon senso, ma io mi accanirei comunque.

Pfefferminz
Utente CDC
Risposta al commento di  danone
22 Giugno 2021 20:31

https://t.me/Prohom4you/2874
(video in inglese, trafiletto in tedesco)

In questo giornale irlandese, The Irish Light, che viene distribuito gratuitamente, si parla del drastico aumento dei decessi.

Ultimo aggiornamento 1 mese fa effettuato da Pfefferminz
Violetto
Utente CDC
22 Giugno 2021 11:08

vorrei il link della tabella

ducadiGrumello
Utente CDC
22 Giugno 2021 12:38

una mattanza

Pfefferminz
Utente CDC
22 Giugno 2021 12:40

https://telesco.pe/AllesAusserMainstream/6307

“… Die Pandemie ist vorbei. Game is over. Das Spiel ist zu Ende…”

“La pandemia è finita. Il gioco è finito”

Parole pronunciate dal dott. Bodo Schiffmann, dopo aver pubblicato e commentato un video di un “esperto”, consulente del governo Merkel, Herr Lauterbach, che in un’intervista televisiva non sa più quello che dice, è disperato, ha le lacrime agli occhi, perché sa che è arrivata la fine.

Pubblico qui di seguito il video con l’intervista di Lauterbach. Non c’è bisogno di capire le parole, basta guardare la mimica del suo volto, la disperazione che gli è stampata in faccia. Herr Lauterbach è sempre stato in prima fila nei talk show televisivi per diffondere il terrore.

https://t.me/AllesAusserMainstream/6306
(video in tedesco, intervista con Herr Lauterbach, consulente del governo Merkel)

Ultimo aggiornamento 1 mese fa effettuato da Pfefferminz
ducadiGrumello
Utente CDC
Risposta al commento di  Pfefferminz
22 Giugno 2021 13:29

grazie Pfeff, che stia finendo si dice da un po’, qua e là…se fosse vero io mi chiedo: come faranno a uscirne? cosa diranno, come giustificheranno quanto fatto finora? il fatto che non sia immaginabile un finale onorevole per chi ha architettato questa mostruosità è proprio quello che mi rende scettico sulla possibilità che si veda la luce

Pfefferminz
Utente CDC
Risposta al commento di  ducadiGrumello
22 Giugno 2021 16:22

Diranno che hanno solo eseguito gli ordini 😉
di Klaus Schwab

Scherzo… anch’io sono scettica, ma l’ottimismo di Bodo Schiffmann mi rinfranca. Soprattutto sono contenta della grande dimostrazione di affetto dei suoi sostenitori, che hanno pagato i suoi debiti di 100.000 euro. Bodo Schiffmann, a causa delle persecuzioni, aveva dovuto cessare la sua attività di otorinolaringoiatria. Aveva 13 dipendenti e pazienti che arrivavano da tutto il mondo. È specialista nella cura delle vertigini. Ha pagato i suoi ex-dipendenti fino alla fine di marzo 2021, benché lui non lavorasse da novembre 2020. Per questo motivo si erano accumulati i debiti. Anch’io gli sono molto riconoscente, grazie alle sue trasmissioni quotidiane a partire da marzo 2020, non ho mai avuto paura del nuovo coronavirus, mentre tutti intorno a me sprofondavano nel panico. Grande Bodo!

emilyever
Utente CDC
Risposta al commento di  Pfefferminz
23 Giugno 2021 9:04

A qualcuno è andata ancora peggio delle lacrime in tv: in Francia il prof Eric Caumes, primario di infettivologia nell’ospedale parigino la Pitiè Sapetriere e docente alla Sorbonne, onnipresente in tutti i canali televisivi, avversario di Raoult, ma che poi ha dovuto ammettere che dice anche cose vere, dapprima scettico sui vaccini, poi ha fatto un rapido voltafaccia ( il loro Crisanti insomma), beh, insomma, è stato appena ricoverato in un reparto psichiatrico. L’articolo, in francese, da France soir
https://www.francesoir.fr/societe-sante/le-pr-eric-caumes-pris-en-charge-en-hopital-psychiatrique

Pfefferminz
Utente CDC
Risposta al commento di  emilyever
23 Giugno 2021 15:34

Riscontro molte analogie con il signor Lauterbach. Non mi stupirebbe se anche lui venisse ricoverato in un ospedale psichiatrico: nel video dice delle cose senza capo né coda, è in pieno stato confusionale.

Pfefferminz
Utente CDC
22 Giugno 2021 12:50

https://www.who.int/emergencies/diseases/novel-coronavirus-2019/covid-19-vaccines/advice
(in inglese)

L’OMS non raccomanda la vaccinazione anti-Covid per bambini e ragazzi al di sotto dei 18 anni.

Qualcosa sta cambiando.

https://archive.ph/2021.06.20-201909/https://www.zdf.de/nachrichten/panorama/corona-impfung-nebenwirkungen-pei-daten-100.html
(articolo della ZDF, televisione pubblica tedesca, secondo canale)

La televisione pubblica tedesca comunica che solo nel mese di maggio ci sono state 500.000 richieste di consulenza sul proprio stato di salute da parte di vaccinati che avevano dei problemi. 4.000 reazioni avverse erano gravi. La farmacovigilanza tedesca è subissata di lavoro.

Ultimo aggiornamento 1 mese fa effettuato da Pfefferminz
Pfefferminz
Utente CDC
Risposta al commento di  Pfefferminz
22 Giugno 2021 17:52

Stanno miracolosamente aumentando le voci dissidenti provenienti dal mainstream. È la volta del dott. Franz Allerberger, capo dell’agenzia statale austriaca AGES, società per la salute e la sicurezza alimentare. Il dott. Allerberger ha detto, fra le altre cose, che senza PCR non ci sarebbe stata la pandemia.
Fonte: https://www.wochenblick.at/ages-experte-widerlegt-mainstream-ohne-pcr-tests-keine-pandemie/
(articolo in tedesco)

Un altro medico tedesco, ora in pensione, che ha rivestito cariche importanti, ha rivolto un appello a tutti i medici e ai docenti universitari di medicina di aprire bocca finalmente su cose che tutti sanno, perché conoscenze di base della medicina, affinché possano sedere sul banco degli accusatori e non su quello degli imputati.
Fonte:https://sciencefiles.org/2021/06/22/lasst-euch-von-der-politik-nicht-an-der-nase-herumfuhren-ehemaliger-chefarzt-fallt-vernichtendes-urteil-uber-covid-masnahmen/
(articolo in tedesco con video del dott. Sarner)

È innegabile che qualcosa stia cambiando e che qualcuno cerchi in extremis di correre ai ripari, di passare dalla parte di coloro che fino a ieri erano i “complottisti”.

Ultimo aggiornamento 1 mese fa effettuato da Pfefferminz
Maurizio
Utente CDC
Risposta al commento di  Pfefferminz
22 Giugno 2021 21:13

Grazie i tuoi “rapporti” dalla Germania tirano su il morale.
Dal punto di vista del risveglio mi sembra il paese più avanti di tutti.

Pfefferminz
Utente CDC
Risposta al commento di  Maurizio
22 Giugno 2021 23:05

Il Paese più avanti, dal punto di vista del risveglio, dovrebbero essere gli Stati Uniti. I miei “rapporti” non rispecchiano la situazione in Germania in generale, perché descrivono solo le punte più avanzate della resistenza teutonica. In Germania ci sono molte organizzazioni, attivisti impegnati, molte voci singole di persone che non ce la fanno più a stare zitte, ad esempio medici che testimoniano in rete sui decessi di pazienti dopo la vaccinazione, ma la situazione non è rosea. Alle manifestazioni di Querdenken ci sono quasi più poliziotti che manifestanti, secondo la testimonianza dell’avvocato Markus Haintz. Il 19 giugno a Berlino c’è stata una manifestazione non autorizzata di critici delle restrizioni, in tutto non più di 500 persone in un parco, il Tiergarten. Mentre in un’altra zona di Berlino c’era il public viewing per guardare la partita, senza mascherina e distanziamento, nel Tiergarten la polizia arrestava tranquilli pensionati seduti su una panchina. Comunque qualche cedimento comincia a farsi sentire.

https://t.me/Haintz/9779
Berlino, 19/6/2021, video del giornalista indipendente Reitschuster. Un manifestante viene arrestato dalla polizia e grida: “Aiuto, aiuto, non ho fatto niente!”

Ultimo aggiornamento 1 mese fa effettuato da Pfefferminz
23
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x