Davide

QUANTE SONO LE VITTIME DELL’URANIO IMPOVERITO?

Aumentano le proteste contro lo scandalo dell’uranio impoverito. DI BOB NICHOLS Se si considera la quantità di uranio impoverito che è stato riversato in Irak, durante e dopo la guerra, si può dire che stiamo parlando di una guerra nucleare. Secondo una Newsletter spedita lunedì scorso da parte dell’associazione Psichiatria Preventiva (Preventive Psychiatry) i motivi per i quali, agli inizi di questo mese, il segretario Anthony Principi si è dimesso sono da ricondursi allo scandalo suscitato dall’utilizzo dell’uranio impoverito in …

Leggi tutto »

CONDOLEEZZA RICE MENTI' ALLA COMMISSIONE 9/11 ?

I democratici del Congresso USA hanno messo in discussione la veridicità della testimonianza che il segretario di Stato Condoleezza Rice ha rilasciato alla Commissione sull’11 settembre 2001. I parlamentari Henry Waxman e Carolyn Maloney, esponenti democratici della Commissione riforme del governo, hanno inviato una lettera di cinque pagine a Tom Davis, presidente repubblicano della loro commissione, in cui chiedono di sapere se l’amministrazione “abbia abusato del sistema di segretazione dei documenti sottraendo, per motivi politici, resoconti ufficiali della Commissione 11/9 …

Leggi tutto »

IL SILENZIO SULLA SOFFERENZA DI HAITI

Dove sono i gruppi per i diritti umani degli Stati Uniti ? DI MARK WEISBROT Il discorso del presidente degli Stati Uniti allo Stato dell’Unione si è dilungato “sulla forza della libertà umana,” che egli ha definito “la speranza permanente del genere umano, la fame nei posti oscuri, il desiderio dell’anima.” Tuttavia ad appena 600 miglia dalla Florida, la fame ed il desiderio si sono incontrate ogni giorno con le pallottole, le torture, gli arresti e la violenza del governo …

Leggi tutto »

FALLUJA, ARMI PROIBITE: PERCIO' LA SGRENA DOVEVA MORIRE

* DI MAURIZIO BLONDET Dopo l’atroce battaglia di Falluja, l’armata americana vi è entrata con bull-dozer e autobotti. I bull-dozer hanno cominciato a scorticare il terreno tutto attorno ai crateri di esplosione delle loro bombe. Hanno asportato accuratamente 200 metri quadri di terreno attorno ad ogni cratere, caricato la terra su autocarri e l’hanno portata in località sconosciuta (1). La stessa cosa hanno fatto con alcune delle case bombardate. Hanno abbattuto gli edifici e portato via il materiale. Queste operazioni …

Leggi tutto »

LIBERTA' D'INFORMAZIONE CONTRO LIBERTA' D'ESPRESSIONE

«La fabbrica del consenso» DI RAPHAEL MEYSSAN Vista idealmente come un contropotere, la stampa viene accusata di non fare il suo lavoro critico e di creare approvazione attorno al potere. La critica tradizionale dei mass-media vede in tutto ciò la conseguenza del dominio di alcuni gruppi economici. Ma possiamo pensare che il punto d’arresto vada ben oltre: esso va ricercato nella nozione stessa di «informazione». Questo termine, ormai correntemente utilizzato, esprime, infatti, un punto di vista filosofico e un modo …

Leggi tutto »

IL CATO INSTITUTE, L'ANARCHISMO VISTO DALLE MULTINAZIONALI

Il think-tank dei liberali Prodotto ibrido della rivoluzione hippie del ’68 e delle teorie reazionarie di Friedrich von Hayek, il Cato Institute è passato dalla promozione della libertà sessuale e dalla liberalizzazione della marijuana, alla difesa degli interessi delle multinazionali nei confronti degli ecologisti. In particolare si è concentrato sulla distruzione dello Stato sociale e, soprattutto, sulla privatizzazione completa delle pensioni. Uno dei suoi responsabili, il vecchio ministro fascista cileno Jose Pinera,ha ispirato la riforma assunta da Gorge W. Bush …

Leggi tutto »

LA CIA ED IL MOSSAD LANCIANO IL PIANO “ANTI-SIRIA” IN MEDIO ORIENTE

Dettagli ed obiettivi delle operazioni terroristiche lanciate con l’assassinio di Rafic Hariri in Libano e con l’attentato esplosivo a Tel Aviv. Profilo operativo del piano d’invasione della Siria: campagna di azione psicologica ed argomentazione mediatica per giustificare l’intervento militare. La lobby ebraica ed il progetto di “rimodellamento” del Medio Oriente. DI MANUEL FREYTAS Stati Uniti e Francia hanno appena lanciato una campagna mediatica internazionale volta ad esercitare pressioni sulla Siria, affinché ritiri le sue truppe militari dispiegate in Libano, sotto …

Leggi tutto »

NON VOGLIAMO LA SUA LIBERTA'

Presidente Bush: Tenga per se la sua libertà e la sua democrazia. DI TIMOTHY BANCROFT-HINCEY La comunità internazionale non vuole Libertà e Democrazia alla George W. Bush, né tantomeno ne desidera i suoi Cuori e le sue Menti, accaparrati grazie a tattiche basate sulla paura e sulla soggezione. Se George Bush è stato eletto presidente degli Stati Uniti d’America, per quale motivo si dedica al resto del mondo? Analizziamo la situazione. Se ci fosse una elezione nella comunità internazionale, George …

Leggi tutto »

CASO SGRENA, I SOSPETTI E LA RAGIONE

DI MASSIMO FINI L’accusa agli americani di aver teso volutamente un agguato a Giuliana Sgrena e Nicola Calipari perché “sapevano troppo”, lanciata ‘apertis verbis’ da Pier Scolari e ripresa, come sospetto, da alcuni talk show di ieri, sospetto fatto proprio anche dal giornalista Gad Lerner, è infame e del tutto ingiustificata. Se avevano quell’obbiettivo gli americani, che occupano l’Iraq e tengono in piedi un governo fantoccio, avevano mille altri modi per centrarlo senza esporre direttamente le loro truppe in divisa, …

Leggi tutto »

IL BICCHIERE IN FRANTUMI (…E IL LATTE VERSATO)

  E se la nostra vita fosse in pericolo a causa di ciò che crediamo sia sano? DI JOHN KAMINSKI Nell’oscurità l’unico suono percepibile era la voce di una donna al telefono intenta a delineare il suo programma atto a risvegliare una cittadinanza addormentata attraverso l’accurata versione video del crimine del secolo. Ma quando un uomo ascolta una donna, spesso finisce per non udire più le parole perchè perso tra le trame indefinite delle proprie memorie. Mi rivedo nella cucina …

Leggi tutto »

A PESCA NELLA RETE

La rivoluzione di internet è entusiasmante, ma non montiamoci la testa. Non sarà facile DI BEPPE GRILLO Pesce o pescatore? Davanti alle reti dell’informazione oggi puoi scegliere. O resti una delle sardine che si fanno pescare ogni giorno dalle reti industriali dei pescherecci-officina, oppure ti fai pescatore d’informazione: con la tua piroga ad alta tecnologia, vai a cercarti dentici e branzini nelle acque migliori. Oggi, se sei fortunato, appartieni al decimo dell’umanità che può scegliere. Puoi decidere di restare preda …

Leggi tutto »

GIULIANA-FLORENCE, DUE LOGICHE

Sono pochi gli amici e gli intermediari che oggi la Francia annovera in Iraq tra le nuove autorità di Bagdad e le forze della colizione. PATRICK SABATIER La liberazione di Giuliana Sgrena dopo un mese di detenzione, mentre Florence e Hussein si apprestano a vivere il loro secondo mese di prigionia, sarà sicuramente considerata da alcuni una umiliazione per le autorità francesi. Tanto più che sembra di assistere ad una scena già vista. Mentre Christian Chesnot e Georges Malbrunot sono …

Leggi tutto »

UN PIENO DI RETORICA

DI MASSIMO FINI In Iraq sono più pericolosi i terroristi o gli americani? Ciò che è accaduto l’altro ieri in Iraq fotografa la reale situazione sul campo in quel Paese e anche, con i suoi rimbalzi in Italia, la nostra incapacità nazionale, fra retorica, sciacallaggio politico e Festival di Sanremo, a star dentro una vicenda tragica come la guerra, una guerra che le nostre autorità continuano a chiamare, contro ogni evidenza, “operazione di pace”. Racconterò questa giornata come l’ho vissuta …

Leggi tutto »

UNA SUPER POTENZA UN PO’ MENO SUPER

DI JONATHAN SCHELL Uno dei più difficili compiti al giorno d’oggi è quello si valutare correttamente le dimensioni della potenza americana. Da una parte non c’è dubbio che gli Stati Uniti siano in possesso del più grande arsenale di armi del mondo, che l’economia americana sia la più grande, e che i suoi film e programmi televisivi siano i più diffusi. Tutti sono d’accordo nel considerare gli Stati Uniti come “l’unica superpotenza”, e sia i suoi detrattori che i suoi …

Leggi tutto »

LA PROPAGAZIONE DELLA MARA SALVATRUCHA

La criminalità del dopo-guerra in America Centrale Durante le guerre d’America Centrale, negli anni 80, le popolazioni sono fuggite verso gli Stati Uniti, dove sono diventate preda dei venditori di droga del programma Iran-Contra, incaricati precisamente di finanziare queste guerre. I giovani drogati si sono organizzati in bande etniche prima di essere espulsi massivamente, negli anni 90, espandendo così la loro mafia in America centrale. La Mara riunisce oggi diverse centinaia di migliaia di giovani sfaccendati. Il gruppo mistico-criminale chiamato …

Leggi tutto »

UCCIDERE CHAVEZ ?

DI IGNACIO RAMONET Roger Noriega, il sotto-segretario di Stato nordamericano per l’America latina, ha dichiarato, lo scorso 13 febbraio, al canale CNN in spagnolo, che “é causa di preoccupazione per i nostri alleati nelle Americhe e anche per la gente Venezuelana” l’acquisto del governo del presidente del Venezuela Hugo Chávez di un lotto di 100 mila fucili d’assalto AK-47 e di 40 elicotteri dalla Russia. Aggiungendo che “il riarmo del Venezuela è molto preoccupante”. Già in gennaio, la nuova segretaria …

Leggi tutto »

L'AEROPORTO DI RIMINI

Vogliamo trattare di una questione a cui la stampa nazionale non ha dato, per ovvi motivi, il giusto risalto: qualcuno ha pensato bene di far diventare l’aeroporto “Federico Fellini” di Rimini lo scalo centro-europeo delle truppe americane d’occupazione dirette nella polveriera irachena in sostituzione dello scalo irlandese fin’ora utilizzato dalle orde colonialiste a stelle e strisce. La scelta è caduta sul sito romagnolo, oltre che per motivi di carattere logistico, anche e soprattutto per la speciale propensione al vassallaggio del …

Leggi tutto »

GEORGE SHULTZ, IL PADRINO DI BUSH E SCHWARZENEGER

Un mago dietro le quinte: dall’abolizione di Bretton Woods alla privatizzazione delle pensioni, dalla scuola post-industriale del MIT alla Scuola di Chicago con il suo “esperimento cileno”. Nella campagna contro la privatizzazione delle pensioni negli Stati Uniti, nel febbraio 2005 l’organizzazione di LaRouche ha prodotto una nuova documentazione di cui riportiamo l’articolo introduttivo, scritto da Jeffrey Steinberg, Richard Freeman, e Harley Schlanger, con alcune modifiche e aggiunte. La pagina che segue è tratta dall’opuscolo. George Shultz, il padrino politico del …

Leggi tutto »

HA VINTO IL "FAZISMO" POVERI RISPARMIATORI

DI MAURIZIO BLONDET Dicono che Antonio Fazio abbia seguito minuto per minuto in tv, con tutti i suoi dirigenti di Bankitalia, la discussione alla Camera che ha salvato la sua poltrona a vita. L’avreste fatto anche voi, se come lui guadagnaste 2 miliardi l’anno che sapete di non meritare, senza contare gli spropositati benefit. Basterà dire che i funzionari di Bankitalia che vanno a New York alle sedute periodiche del Fondo Monetario ricevono, oltre al rimborso-spese a piè di lista, …

Leggi tutto »

KOSOVO, LO STATO DEL MALAFFARE

DI MASSIMO FINI Il nostro ministro degli Esteri, Gianfranco Fini, in visita a Belgrado, ha lanciato un vago e blando ammonimento ai Kosovari albanesi a non pretendere “un’indipendenza rapida”. Ammonimento che suona patetico, se si pensa che il Kosovo è già, di fatto, indipendente. Il governo di Belgrado non ha più alcun poter su quella regione, gli tocca solo la beffa di dover pagare i funzionari e gli impiegati pubblici, albanesi, cosovari. Come ha scritto Gigi Riva in una bella …

Leggi tutto »

CRUDELE ED USUALE

Gli Oltraggi a Camp Breadbasket sono coerenti con il precetto colonialista Britannico – Brutale, oppressivo e razzista DI GARY YOUNGE A metà gennaio, il Cancelliere Gordon Brown si è recato in Africa allo scopo di rassicurare gli abitanti locali sulle preoccupazioni riguardo al peso del loro debito e la Gran Bretagna dal peso della sua storia. “Sono finiti i giorni in cui la Gran Bretagna deve chiedere scusa per la sua storia coloniale,” ha argomentato. “Dovremmo parlare, giustamente, dei valori …

Leggi tutto »

LA TENTAZIONE MOLDAVA

George W. Bush alla conquista dell’Est Tutto è pronto a Chisinau per una “rivoluzione arancione” in occasione delle elezioni legislative il prossimo 7 Marzo. Non è chiaro, però, in cosa i democratici cristiani di Yuri Rosca potrebbero rappresentare una rottura con l’attuale governo comunista di Vladimir Vorovin. Quest’ultimo è infatti approdato da tempo al liberalismo ad agli interessi statunitensi. “Ancor di più al Summit di Bratislava, Vladimir Putin dovrà far capire a G. W. Bush che egli non può abusare …

Leggi tutto »

L’ENTROPIA DELL’IMPERO, PERCHE’ L’AMERICA E’ DESTINATA AL COLLASSO

DI KIRKPATRICK SALE E’ una ironia della storia che solo dopo una decina d’anni da quando è stata accettata l’idea, sia a destra che a sinistra, che gli Stati Uniti siano una potenza imperiale e da quando la gente ormai ne discute apertamente, già si cominciano a scorgere i segni del crollo. Anzi oggi si può intravedere e discutere della prossima caduta dell’impero americano. Naturalmente i neo-con di Washington, tutti presi ad esaltare l’America come unica superpotenza mondiale dopo la …

Leggi tutto »

IL RITORNO DELL'UMBERTO

DI MASSIMO FINI “Signori, l’Umberto è tornato!” scriveva ieri la Padania, il quotidiano della Lega. S’è fatto vedere, per la prima volta in forma ufficiale, in pubblico, inaugurando un asilo-nido della Lega, domenica sarà a Lugano con i suoi per celebrare Carlo Cattaneo, il gran padre del federalismo, e ha concesso, vis a vis, una lunga intervista al neo direttore della Padania Gianluigi Paragni, un giovane (33 anni) molto interessante che vuole trasformare l’attuale bollettino di partito, zeppo di interventi …

Leggi tutto »

LA CIA INDAGATA IN ITALIA

DI CRISTIANO TINAZZI Il 17 febbraio 2003 un uomo viene “prelevato” da sconosciuti a Milano vicino alla sua abitazione in via Conte Verde. Di fronte allo sguardo di alcuni testimoni, tre uomini a volto scoperto lo fanno salire a forza su unfurgoncino. L’uomo è Osama Moustafa Nasr, noto come Abu Omar, indagato dalla procura milanese perché nella sua casa di Milano avrebbe ospitato Es Sayed, “riconosciuto” come uno dei fantomatici capi di Al Qaeda. Chi si ricorda della notizia, apparsa …

Leggi tutto »

DA SEMI MINUSCOLI…

L’attivismo per il premio Nobel a Wangari Maathai ha posizionato la questione ambientale al vertice dell’agenda sulla sicurezza globale. E’ chiamata in molti modi. Tra i disagiati rurali del Kenya è conosciuta come la Crociata Verde o la Militante Verde. Il precedente presidente del Kenya Daniel arap Moi la chiamava “la donna pazza” e l’ha giudicata una seria minaccia per la stabilità del paese. Suo marito ha detto che era molto colta, forte, di successo, ostinata e difficile da controllare.” …

Leggi tutto »

TORTURA IN TV: MANDARE IN ONDA LA RIVOLUZIONE

DI KURT NIMMO Se ci fossero dei dubbi che il Nuovo Ordine Mondiale stia galoppando verso l’adempimento degli ideali fascisti contro i quali ci hanno messo in guardia da tempo, le notizie dall’Iraq di Iyad Allawi dovrebbe dissiparli interamente. Il governo d’occupazione di Iyad Allawi ha lanciato una nuovo TV show, una specie di versione irachena di reality Tv. ” Terroristi nelle Mani della Giustizia” va in onda diverse volte al giorno in Iraq e mostra le confessioni dei “ribelli” …

Leggi tutto »

IAMS: TORTURATI A MORTE PER UNA SCATOLETTA

Perché IAMS? “L’alimentazione animale è il lavoro della nostra vita, ma non rappresenta che uno dei fattori che contribuiscono al benessere di un animale da compagnia. È per questo che abbiamo costruito la Paul F Iams Technical Care Facility. È la casa di un gruppo di cani e gatti che ci aiutano a comprendere le esigenze fisiche e psicologiche degli animali d’affezione. I cani e i gatti che vi sono ospitati vengono trattati con il massimo rispetto. Proprio come gli …

Leggi tutto »

''L'INTEGRAZIONE LATINO-AMERICANA E' UN'UTOPIA REALIZZABILE''

La Comunità sud-americana delle nazioni Mentre dodici stati dell’America latina hanno appena iniziato un processo d’integrazione economica e politica a fine di costituire la Comunità sud-americana delle nazioni, il presidente della Repubblica bolivariana del Venezuela, Hugo Chávez Fria, risponde alle nostre domande. Riavvicinandosi ai sogni del Libertador Simon Bolivar, e rinforzato dall’esperienza cubana, apre fronti multipli contro la dominazione degli Stati-Uniti, nei campi culturali, energetici e finanziari. L’8 di dicembre 2004 in Perù, dodici stati d’America Latina hanno firmato la …

Leggi tutto »

BUSH E CAMUS SULLA LIBERTA'

“Pareva tanto dannatamente sicuro di sé, vedete” Di GARY LEUPP Lo sappiamo che ci sono molti ostacoli e sappiamo che la strada è lunga. Albert Camus lo ha scritto, “La libertà è una corsa a lunga distanza.” Siamo impegnati in quella corsa per tutta la sua durata — e c’è ragione di essere ottimisti. L’oppressione non è l’onda del futuro; è la disperata tattica di alcuni uomini che guardano indietro. Le nazioni democratiche crescono in forza perché ricompensano e rispettano …

Leggi tutto »