Aspettando i Russi

AVVISO PER I LETTORI: Abbiamo cambiato il nostro indirizzo Telegram. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale ufficiale Telegram .

Dmitry Orlov
cluborlov.wordpress.com

Quando il Battaglione Azov ucraino (feroci guerrieri nazisti tatuati con la svastica e drogati) era stato finalmente costretto a lasciare le strade di Mariupol, una città russa di mezzo milione di abitanti sulle rive del Mar d’Azov, e a rifugiarsi nei cavernosi sotterranei dell’impianto metallurgico, i residenti, che erano stati costretti a ripararsi dal fuoco delle mitragliatrici e dai bombardamenti nelle cantine dei loro stessi appartamenti, erano inizialmente riluttanti a lasciare i loro rifugi. Poi alcuni di loro, ascoltando il rumore esterno, avevano udito grida di “Allahu akbar!” (“Gloria a Dio”), avevano tirato un profondo sospiro di sollievo – “i Russi sono finalmente arrivati!” – e si erano riversati per le strade per salutare i loro liberatori russi, che, in questo caso, erano le forze speciali cecene.

Questo piccolo quadro di vita reale potrebbe lasciarvi confusi. Come possono i vostri valorosi amici ucraini essere nazisti? Il vostro governo ha elargito loro innumerevoli miliardi di aiuti militari, che sono rapidamente scomparsi in una sorta di buco nero senza lasciare nulla in cambio, se non una serie continua di ritirate militari, sconfitte e umiliazioni. Nel frattempo, un numero sempre maggiore di persone non può nemmeno permettersi di riscaldare o raffreddare le proprie case o nutrire adeguatamente i propri figli. Questo deve fare davvero male! E come può Mariupol, un importante centro industriale ucraino un tempo responsabile di circa un decimo del PIL dell’ex Ucraina, essere popolato quasi esclusivamente da Russi patriottici e sventolanti bandiere bianche e rosse? E come possono i Russi sentirsi felici di essere liberati da combattenti musulmani che gridano “Allahu akbar” – non sono forse cristiani ortodossi, e non musulmani?

I nazisti ucraini sono nazisti perché la loro ideologia è nazista. Secondo questo diabolico modo di pensare, gli Ucraini sono razzialmente superiori e distinti da tutti gli altri Russi perché sono slavi puri, mentre gli altri Russi sono un misto di Slavi, Ugrofinnici, Turchi ed altri gruppi etnici. La loro presunta purezza e superiorità razziale permette loro di uccidere e torturare chiunque sia diverso da loro – Polacchi, Russi e soprattutto Ebrei. Si sentono perfettamente giustificati a bombardare aree residenziali popolate da questi untermenschen e a usare questi civili come scudi umani. E, quando questa tattica fallisce e sono costretti a ritirarsi, bombardano scuole, ospedali e asili nelle aree appena abbandonate. Solo a Donetsk, più di 100 edifici devono essere riparati prima dell’inizio dell’anno scolastico. È molto più sicuro bombardare i malati e i bambini che bombardare le truppe russe, che reagiscono immediatamente.

Se gli Americani e gli altri Anglosassoni, così come i vari ostaggi dell’UE, trovano difficile capire che gli Ucraini sono nazisti, forse è perché loro stessi sono malati di nazismo. Dopo tutto, hanno finanziato i nazisti e permesso i loro crimini di guerra per nove anni, un tempo sufficiente perché il veleno mentale si diffondesse e penetrasse. A loro volta, i nazisti ucraini si sentono molto vicini agli Anglosassoni, come lo erano ai nazisti tedeschi durante la Seconda Guerra Mondiale, e questo sentimento non è fuori luogo, perché anche gli Anglosassoni sono grandi sterminatori e torturatori di popoli, come possono provare innumerevoli testimoni oculari sopravvissuti in Iraq, Afghanistan, Libia, Siria e Yemen, tra gli altri. Al di là dei sentimenti omicidi, farebbero bene a non fidarsi degli Anglosassoni, perché non c’è onore tra i criminali di guerra. Ad esempio, attualmente ci sono 74.274 Afghani che avevano lavorato per gli Americani durante l’occupazione e che stanno ancora aspettando, probabilmente per sempre, il permesso di entrare negli Stati Uniti. Sarà così anche per gli Ucraini: una volta che non saranno più utili ai loro padroni anglosassoni, saranno abbandonati e dimenticati.

Al giorno d’oggi, la correttezza politica esige che gli Occidentali frenino la loro voglia di riferirsi a neri e asiatici con nomi antiquati, come negri, kaffir, coolies o orientali. Se si dice che Putin è uno dei leader nazionali più popolari di tutti i tempi o che se la cava piuttosto bene secondo gli standard di benessere della società, si viene invitati ad andarsene. D’altra parte, i Russi possono essere caricaturizzati all’infinito come orsi assetati di sangue e altrimenti disumanizzati, al punto che gli Occidentali non sono in grado di vedere che nell’ex Ucraina orientale è in corso un genocidio da nove anni perché, vedete, le persone oggetto del genocidio non sono del tutto umane – sono semplici untermeschen russi.

Una caratteristica interessante dell’essere russofobi è quella di essere automaticamente antisemiti. In che senso? Russi ed Ebrei non sono forse etnicamente e religiosamente distinti? Beh, niente affatto! Gli Ebrei russi, che sono più di un milione in Russia e fino a 10 milioni in tutto il mondo, non sono per nulla etnicamente distinti a causa dei numerosi matrimoni misti e la grande maggioranza è culturalmente e linguisticamente russa. Mentre per la legge ebraica gli Ebrei devono essere nati da madre ebrea, per la legge russa si tratta di una libera scelta: ogni Russo di origine ebraica può scegliere di registrare la propria nazionalità come ebrea o semplicemente come russa. Non è nemmeno obbligatorio per un Ebreo russo sposare l’ebraismo (o, come più spesso accade per gli Ebrei, l’ateismo) e ci sono molti Ebrei russi che sono ortodossi. Quindi, essere russofobi rende automaticamente antisemiti, ad un passo dal nazismo. Gli Ebrei russofobi non sono esenti, poiché il Sionismo è stato equiparato al razzismo, secondo la risoluzione 3379 del 1975 delle Nazioni Unite.

I Russi possono essere molte, e interessanti, cose insieme. Parlano centinaia di lingue diverse, dall’abcaso allo yakut, ma usano invariabilmente il russo come lingua franca. Sono molto diversi dal punto di vista religioso e, anche se molti sono cristiani ortodossi, circa un quarto di loro è musulmano. All’interno, la Russia è meravigliosamente complessa e diversificata; all’esterno, tutti sono russi. Poiché sotto molti aspetti la Russia è unica sul nostro pianeta, non ha senso assegnarla ad una classe. È forse un impero, una civiltà, una comunità di nazioni o qualcos’altro che si adatta al modello inglese di appartenenza alla classe “X è un Y”? Chi se ne frega? La Russia è la Russia. Questo non piace ad alcuni Occidentali che sognano ancora di sbocconcellare la Russia in piccoli pezzi da analizzare per ricavarne qualcosa di comprensibile e utilizzabile.

Ahimè, non è questo il caso. La Russia, come un organismo vivente, respira. Quando inspira, si espande, inglobando varie regioni lungo i suoi infiniti confini; quando espira, queste regioni di confine spesso cercano di rivendicare la sovranità – e invariabilmente falliscono, diventando rapidamente un possedimento coloniale di qualche grande potenza del momento. Al momento la Russia sta inspirando e, quando avrà finito, si espanderà fino a raggiungere dimensioni intermedie tra quelle dell’URSS e dell’Impero Russo. La Finlandia e la Polonia torneranno ad essere russe? La Russia riavrà l’Alaska, le Hawaii e la California settentrionale? Solo il tempo lo dirà, ma è il momento giusto per un cambiamento importante.

L’attuale ispirazione della Russia non poteva arrivare in un momento migliore (per la Russia). Il suo arcinemico, gli Stati Uniti, si sta sgretolando in tempo reale. I suoi appetiti smisurati possono essere alimentati solo da una continua espansione del debito, mentre il suo debito, che ora supera in ordine di grandezza qualsiasi altra piramide debitoria che il mondo abbia mai visto, inizia a frantumarsi. Un terzo del debito è detenuto da Paesi stranieri, che lo stanno scaricando il più velocemente possibile (la Cina si è liberata di 100 miliardi di dollari il mese scorso; il Giappone, un po’ di più). Un altro terzo è detenuto dalla Federal Reserve (che siede in cima ad un mucchio di spazzatura finanziaria in decomposizione, nascosta dietro una cortina di fumo) e la maggior parte dell’ultimo terzo è detenuto da entità finanziarie di ogni tipo che sopravvivono grazie ad un flusso costante di contanti emessi dalla Federal Reserve e avvizziscono all’istante quando ne sono privati. L’abilità dell’America di truffare il pianeta era basata sulla sua potenza militare, ma l’umiliante fine dell’occupazione dell’Afghanistan ha dimostrato che questa potenza era in gran parte fittizia. Se gli Stati Uniti perdono l’Ucraina, potrebbe essere il colpo finale ai loro sogni di dominio a tutto campo.

Nel frattempo, i leader dell’Occidente collettivo sono nani politici poco istruiti che fanno del loro meglio per ignorare la rapida caduta nell’indigenza dei loro elettori, ma ciò che non si può più ignorare è che l’Occidente non presenta più un’immagine positiva di benessere sociale se confrontato con una Russia stabile e sempre più prospera. Le persone che vivono ai margini della Russia si chiederanno: vogliamo rabbrividire al buio mangiando insetti come i Tedeschi, o vogliamo oziare in lingerie quando fuori ci sono -40ºC e bufere di neve e mangiare kebab di maiale a nostro piacimento, come fanno i Russi? Quando si chiede loro se vogliono essere poveri e malati o ricchi e sani, la maggior parte delle persone, naturalmente, opta per la seconda delle due. Se tutto va bene, la Russia li risucchierà; in caso contrario, saranno abbandonati a se stessi.

Tornando ora all’ex Ucraina e a ciò che diventerà, il quadro è ormai abbastanza chiaro. La Russia può continuare la sua operazione speciale di smilitarizzazione e denazificazione dell’Ucraina per tutto il tempo necessario, ma non dovrebbe durare troppo a lungo. L’Occidente ha già iniziato a rendersi conto di cosa sia diventata l’Ucraina: uno Stato fallito infestato da criminali di guerra. Alcuni hanno iniziato a chiamarlo “buco nero”: il denaro e le armi entrano e nulla esce. Ma questo è un errore: non è un buco nero, ma un colabrodo. Il denaro affluisce e viene depositato nei conti offshore della giunta di Kiev. Le armi vengono spedite e vendute alla Russia o a vari gruppi terroristici in Europa e altrove, distrutte con razzi russi o abbandonate quando le forze ucraine si ritirano.

La smilitarizzazione è in corso; attualmente, circa l’80% di tutte le armi a disposizione dell’esercito ucraino all’inizio del 2022 sono state distrutte; le armi spedite dalla NATO vengono distrutte subito dopo il loro arrivo. Anche la denazificazione è ben avviata; l’80% dei battaglioni nazisti originari, altamente indottrinati, è già stato decimato. Le vittime da parte ucraina si contano a centinaia ogni giorno, mentre i Russi svolgono il loro lavoro in sicurezza da lontano, intervenendo solo quando la situazione è sicura. L’esercito ucraino è costretto a radunare riservisti e reclute non addestrate (comprese le donne) e a mandarli al fronte dove vengono uccisi, si arrendono, disertano o cercano di fuggire.

È ancora troppo presto per descrivere lo stato finale complessivo, ma alcuni elementi sono già visibili. Le province storicamente russe, che comprendono l’intero sud-est dell’ex Ucraina, da Kharkov a nord a Odessa a sud e tutto il resto, si ritroveranno nuovamente all’interno dei confini della Russia. Nessuno sa ancora cosa accadrà a Kiev o all’ex Ucraina occidentale. Kiev è preziosa per la Russia in quanto città storicamente russa; il resto lo è molto meno. Potrebbe diventare un analogo della provincia siriana di Idlib, un deposito di gremlins.

Nel frattempo, ampie zone dell’ex Ucraina aspettano che i Russi arrivino a liberarle. Il ritmo dell’avanzata accelererà quando l’Occidente si renderà conto che il suo buco nero preferito è troppo vorace per i suoi bilanci sempre più ristretti e quando la giunta di Kiev si renderà conto di non avere più nulla da rubare e se ne andrà in luoghi sconosciuti (attualmente ai suoi membri è vietato viaggiare all’estero per paura di diserzione). Potrebbero volerci settimane o mesi, ma, probabilmente, non anni. Nel frattempo, il buco nero resterà lì, ad assorbire miliardi di dollari e di euro e migliaia di sistemi d’arma e di mercenari, che i Russi faranno saltare in aria con artiglieria e razzi. I politici occidentali, che continuano a sprecare risorse per la giunta di Kiev, stanno ancora aspettando qualcosa… ma cosa? A questo punto, l’unica risposta che sembra avere senso è che anche loro stanno aspettando i Russi.

Dmitry Orlov

Fonte: cluborlov.wordpress.com
Link: https://cluborlov.wordpress.com/2022/07/20/waiting-for-the-russians/
20.07.2022
Scelto e tradotto da Markus per comedonchisciotte.org

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
34 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
34
0
È il momento di condividere le tue opinionix