A Vladivostok, risorge l’Estremo Oriente russo

Questa settimana, a Vladivostok, l'"Estremo Oriente russo" ha fatto bella mostra di sé. Russia, Cina, India e il Sud globale erano tutti presenti per contribuire a questo rinascimento commerciale, degli investimenti, delle infrastrutture, dei trasporti e delle istituzioni.

DONA A COMEDONCHISCIOTTE.ORG PER SOSTENERE UN'INFORMAZIONE LIBERA E INDIPENDENTE:
PAYPAL: Clicca qui

STRIPE: Clicca qui

Pepe Escobar
new.thecradle.co

VLADIVOSTOK – Il Presidente russo Vladimir Putin ha aperto e chiuso il suo discorso alquanto dettagliato al Forum Economico Orientale di Vladivostok con un messaggio altisonante: “L’Estremo Oriente sarà la priorità strategica della Russia per tutto il XXI secolo”.

Ed è proprio questa la sensazione che si aveva prima del discorso, parlando con i dirigenti d’azienda che passeggiavano nella splendida area del forum presso l’Università Federale dell’Estremo Oriente (inaugurata solo 11 anni fa), con sullo sfondo il ponte sospeso lungo più di quattro chilometri che porta all’Isola Russky attraverso lo stretto del Bosforo orientale.

Le possibilità di sviluppo di quella che, a tutti gli effetti, è l’Asia russa e uno dei nodi chiave dell’Asia-Pacifico, sono letteralmente strabilianti. I dati del Ministero per lo Sviluppo dell’Estremo Oriente Russo e dell’Artico – confermati da alcuni dei panel più interessanti del Forum – elencano ben 2.800 progetti di investimento in corso, 646 dei quali già operativi, con la creazione di diverse Zone Economiche Speciali Avanzate (ZES) internazionali e l’espansione del Porto Franco di Vladivostok, che ospita diverse centinaia di piccole e medie imprese (PMI).

Tutto ciò va ben oltre la “svolta ad Est” della Russia, annunciata da Putin nel 2012, due anni prima degli eventi di Maidan a Kiev. Per il resto del pianeta, per non parlare dell’Occidente collettivo, è impossibile capire la magia dell’Estremo Oriente russo senza essere sul posto – a cominciare da Vladivostok, l’affascinante capitale non ufficiale dell’Estremo Oriente, con le sue splendide colline, l’architettura suggestiva, le isole verdeggianti, le baie sabbiose e, naturalmente, il terminal della leggendaria ferrovia transiberiana.

Ciò che i visitatori del Sud Globale hanno sperimentato – l’Occidente collettivo era praticamente assente dal Forum – è stato vedere all’opera lo sviluppo sostenibile: uno Stato sovrano che inizia a lavorare all’integrazione di vaste aree del suo territorio nella nuova, emergente, era geoeconomica policentrica. Le delegazioni dell’ASEAN (Laos, Myanmar, Filippine) e del mondo arabo, per non parlare di India e Cina, hanno compreso perfettamente il quadro.

Benvenuti nel “movimento di de-occidentalizzazione”

Nel suo discorso, Putin ha sottolineato come il tasso di investimenti in Estremo Oriente sia tre volte superiore alla media della regione russa; come l’Estremo Oriente sia esplorato solo al 35%, con un potenziale illimitato per le industrie delle risorse naturali; come saranno collegati i gasdotti Power of Siberia e Sakhalin-Khabarovsk-Vladivostok e come entro il 2030 nell’Artico russo triplicherà la produzione di gas naturale liquefatto (GNL).

In un contesto più ampio, Putin ha chiarito che “l’economia globale è cambiata e continua a cambiare; l’Occidente, con le sue stesse mani, sta distruggendo il sistema di commercio e finanza che egli stesso aveva creato”. Non c’è quindi da stupirsi se il fatturato commerciale della Russia con l’Asia-Pacifico era cresciuto del 13,7% nel 2022 e di un altro 18,3% solo nella prima metà del 2023.

Il commissario presidenziale per i diritti commerciali, Boris Titov, mostra come questo riorientamento dall’Occidente “statico” sia inevitabile. Sebbene le economie occidentali siano ben sviluppate, sono già “sovra-investite e letargiche”, afferma Titov:

“In Oriente, invece, tutto è in piena espansione, in rapido progresso, in rapido sviluppo. E questo vale non solo per Cina, India e Indonesia, ma anche per molti altri Paesi. Sono loro il centro dello sviluppo oggi, non l’Europa, i nostri principali consumatori di energia sono lì, finalmente”.

È impossibile rendere giustizia all’enorme portata e alle coinvolgenti discussioni che hanno caratterizzato i principali panel di Vladivostok. Ecco solo un assaggio dei temi principali.

Una sessione di Valdai si è concentrata sugli effetti positivi accumulati dalla “svolta ad est” della Russia, con l’Estremo Oriente posizionato come fulcro naturale per orientare l’intera economia russa verso la geoeconomia asiatica.

Naturalmente ci sono dei problemi, come ha sottolineato Wang Wen dell’Istituto Chongyang per gli studi finanziari dell’Università Renmin. La popolazione di Vladivostok è di soli 600.000 abitanti. I cinesi direbbero che per una città del genere le infrastrutture sono scarse, “quindi ha bisogno di più infrastrutture il più velocemente possibile”. Vladivostok potrebbe diventare la prossima Hong Kong. La strada è quella di creare ZES come a Hong Kong, Shenzhen e Pudong”. Non è difficile, perché “il mondo non occidentale accoglie molto bene la Russia”.

Wang Wen non ha potuto non sottolineare la svolta rappresentata dal Huawei Mate 60 Pro: “Le sanzioni non sono una cosa così negativa. Rafforzano solo il “movimento di de-occidentalizzazione”, come viene informalmente chiamato in Cina.

A metà del 2022 la Cina è entrata in una modalità definita da Wang “silenziosa” in termini di investimenti per paura delle sanzioni secondarie degli Stati Uniti. Ma ora le cose stanno cambiando e le regioni di frontiera sono di nuovo considerate fondamentali per i legami commerciali. Nel Porto franco di Vladivostok, la Cina è il primo investitore con un impegno di 11 miliardi di dollari.

Fesco è la più grande società di trasporti marittimi della Russia – e raggiunge Cina, Giappone, Corea e Vietnam. È attivamente impegnata nel collegamento del Sud-Est asiatico con la Northern Sea Route, in collaborazione con le ferrovie russe. La chiave è la creazione di una rete di hub logistici. I dirigenti di Fesco lo descrivono come un “cambiamento titanico nella logistica”.

Le Ferrovie russe sono di per sé un caso affascinante. Gestiscono, tra l’altro, la Trans-Baikal, la linea ferroviaria più trafficata del mondo che collega la Russia dagli Urali all’Estremo Oriente. Chita, proprio sulla Transiberiana – un centro produttivo di prim’ordine a 900 km a est di Irkutsk – è considerata la capitale delle Ferrovie russe.

E poi c’è l’Artico. L’Artico ospita l’80% del gas, il 20% del petrolio, il 30% del territorio, il 15% del PIL russo, ma conta solo 2,5 milioni di persone. Lo sviluppo della Via del Mare del Nord richiede una tecnologia di prim’ordine, come ad esempio una flotta di rompighiaccio in costante evoluzione.

Liquida e forte come la vodka

Tutto ciò che è accaduto a Vladivostok si collega direttamente alla tanto sbandierata visita di Kim Jong-un della Corea del Nord. Il tempismo è stato splendido; dopo tutto la regione di Primorsky Krai, in Estremo Oriente, è proprio nelle vicinanze della Repubblica Popolare Democratica di Corea (RPDC).

Putin ha sottolineato che la Russia e la RPDC stanno sviluppando diversi progetti congiunti nei settori dei trasporti, delle comunicazioni, della logistica e dei trasporti navali. Molto di più delle questioni militari e spaziali discusse amichevolmente da Putin e Kim, il cuore della questione è la geoeconomia: una cooperazione trilaterale Russia-Cina-RPDC, con il risultato evidente di un aumento del traffico di container in transito attraverso la RPDC e l’allettante possibilità che la ferrovia della RPDC raggiunga Vladivostok e poi si colleghi più in profondità all’Eurasia attraverso la linea transiberiana.

E se questo non fosse abbastanza rivoluzionario, in diverse tavole rotonde si è discusso del Corridoio internazionale di trasporto Nord-Sud (INTSC). Il corridoio Russia-Kazakistan-Turkmenistan-Iran sarà completato nel 2027 e sarà un ramo chiave dell’INTSC.

Parallelamente, Nuova Delhi e Mosca sono ansiose di avviare al più presto il Corridoio Marittimo Orientale (CEM), denominazione ufficiale della rotta Vladivostok-Chennai. Sarbananda Sonowal, ministro indiano dei porti, delle spedizioni e delle vie d’acqua, ha promosso un workshop indo-russo sul CEM a Chennai dal 30 ottobre per discutere “l’operatività regolare e rapida” del corridoio.

Ho avuto l’onore di far parte di uno dei panel cruciali, La Grande Eurasia: I fattori che portano alla formazione di un sistema monetario e finanziario internazionale alternativo.

Una delle conclusioni principali è che si sta preparando un sistema di pagamento comune per l’Eurasia – parte della bozza di dichiarazione dell’Unione Economica Eurasiatica (EAEU) per il 2030-2045 – sullo sfondo della guerra ibrida e delle “valute tossiche” (l’83% delle transazioni dell’EAEU già le bypassa).

Eppure il dibattito rimane acceso quando si parla di un paniere di valute nazionali, di un paniere di beni, di strutture di pagamento e di regolamento, dell’uso della blockchain, di un nuovo sistema di prezzi o della creazione di una borsa unica. È tutto tecnicamente possibile? Sì, ma ci vorranno 30 o 40 anni prima che prenda forma, come ha sottolineato il panel.

Allo stato attuale, un solo esempio delle sfide che ci attendono è sufficiente. L’idea di creare un paniere di valute per un sistema di pagamento alternativo non ha preso piede al vertice dei BRICS a causa della posizione dell’India.

Aleksandr Babakov, vicepresidente della Duma, ha ricordato le discussioni tra l’Organizzazione per la Cooperazione di Shanghai (SCO) e l’Iran sul finanziamento del commercio nelle valute nazionali, compresa una road map per cercare i migliori modi legislativi per attrarre gli investimenti. Si sta discutendo anche con le aziende private. Il modello è il successo del giro d’affari commerciale Cina-Russia.

Andrey Klepach, capo economista della VEB, ha detto che la valuta migliore è “liquida e forte. Come la vodka”. Quindi non ci siamo ancora. Due terzi degli scambi commerciali avvengono ancora in dollari ed euro; lo yuan cinese rappresenta solo il 3%. L’India si rifiuta di usare lo yuan. E c’è un enorme squilibrio tra Russia e India: ben 40 miliardi di rupie sono depositati nei conti degli esportatori russi e non trovano destinazione. Una priorità è migliorare la fiducia nel rublo: dovrebbe essere accettato sia dall’India che dalla Cina. E un rublo digitale sta diventando una necessità.

Wang Wen ha concordato, dicendo che non c’è abbastanza ambizione. L’India dovrebbe esportare di più in Russia e la Russia dovrebbe investire di più in India.

Parallelamente, come ha sottolineato Sohail Khan, vice segretario generale della SCO, l’India controlla oggi non meno del 40% del mercato globale dei pagamenti digitali. Solo sette anni fa aveva una quota pari a zero. Questo spiega il successo del suo sistema di pagamento unificato (UPI).

Un panel BRICS-EAEU ha espresso la speranza che il prossimo anno si tenga un vertice congiunto di queste due organizzazioni multilaterali chiave. Ancora una volta, tutto ruota attorno ai corridoi di trasporto trans-eurasiatici, dato che due terzi del fatturato mondiale seguiranno presto il binario orientale che collega la Russia all’Asia.

Per quanto riguarda BRICS-EEU-SCO, le principali aziende russe sono già integrate negli affari dei BRICS, dalle ferrovie russe e Rostec alle grandi banche. Un grosso problema rimane quello di spiegare l’EAEU all’India, anche se la struttura dell’EAEU è considerata un successo. E attenzione: presto sarà concluso un accordo di libero scambio con l’Iran.

All’ultimo panel di Vladivostok, la portavoce del Ministero degli Esteri russo Maria Zakharova – l’attuale controparte di Hermes, il messaggero degli dei – ha sottolineato come i vertici del G20 e dei BRICS avessero preparato il terreno per il discorso di Putin al Forum economico orientale.

Ciò ha richiesto una “fantastica pazienza strategica”. La Russia, dopo tutto, “non ha mai sostenuto l’isolamento” e “ha sempre sostenuto il partenariato”. L’attività frenetica di Vladivostok ha appena dimostrato come la “svolta verso l’Asia” si basi su una maggiore connettività e partnership in una nuova era policentrica.

Pepe Escobar

Fonte: new.thecradle.co
Link: https://new.thecradle.co/articles/in-vladivostok-the-russian-far-east-rises
14.09.2023
Scelto e tradotto da Markus per comedonchisciotte.org

Pepe Escobar è un analista geopolitico e autore indipendente. Il suo ultimo libro è Raging Twenties. È stato politicamente cancellato da Facebook e Twitter. Seguitelo su Telegram.

ISCRIVETEVI AI NOSTRI CANALI
CANALE YOUTUBE: https://www.youtube.com/@ComeDonChisciotte2003
CANALE RUMBLE: https://rumble.com/user/comedonchisciotte
CANALE ODYSEE: https://odysee.com/@ComeDonChisciotte2003

CANALI UFFICIALI TELEGRAM:
Principale - https://t.me/comedonchisciotteorg
Notizie - https://t.me/comedonchisciotte_notizie
Salute - https://t.me/CDCPiuSalute
Video - https://t.me/comedonchisciotte_video

CANALE UFFICIALE WHATSAPP:
Principale - ComeDonChisciotte.org

Potrebbe piacerti anche
Notifica di
11 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
11
0
È il momento di condividere le tue opinionix