ZOOM multata dal tribunale russo

La società di servizi video è stata condannata a pagare 15 milioni di rubli per aver ripetutamente omesso di localizzare i dati dei cittadini russi

DONA A COMEDONCHISCIOTTE.ORG PER SOSTENERE UN'INFORMAZIONE LIBERA E INDIPENDENTE:
PAYPAL: Clicca qui

STRIPE: Clicca qui

rt.com, 12.10.2023

 

Il Tribunale distrettuale di Tagansky a Mosca ha emesso una multa nei confronti di Zoom Video Communications dopo che i proprietari della popolare piattaforma di videoconferenza non hanno localizzato i dati personali dei suoi clienti russi.

Stiamo punendo la Zoom Video Communications Inc. con una multa amministrativa di 15 milioni di rubli (153.000 dollari)“, ha annunciato giovedì Timur Vakhrameev, giudice magistrato del distretto giudiziario n. 422 di Tagansky a Mosca. .

Secondo il Tribunale, la società con sede in California è stata ritenuta colpevole di aver ripetutamente violato l’obbligo di archiviare i dati personali dei cittadini russi in database situati in Russia.

Come riportato dall’agenzia di stampa Interfax, durante l’udienza non sono comparsi in aula né la difesa né alcun rappresentante di Zoom.

Zoom ha ricevuto una multa simile nel giugno 2022 e gli è stato ordinato di pagare 1 milione di rubli (circa 10.000 dollari). Nello stesso anno, anche altre aziende – Tinder, Spotify, Snapchat e Whatsapp – sono state multate per essersi rifiutate di rispettare le leggi russe sulla localizzazione dei dati.

Il “Codice Amministrativo della Russia” stabilisce che tutte le aziende che operano nel Paese sono tenute a garantire che la registrazione, la sistematizzazione, la raccolta, l’archiviazione, il trattamento (aggiornamenti, modifiche) o l’estrazione dei dati personali dei cittadini della Federazione Russa avvengano tramite banche dati situate in Russia. La multa per la violazione di questa legge può variare da 1 a 6 milioni di rubli (10.000-61.000 dollari), mentre la recidiva può costare fino a 18 milioni di rubli (180.000 dollari).

Mercoledì il Tribunale ha anche annunciato che un totale di 12 aziende straniere – tra cui Spotify, Airbnb, Ookla, Google e UPS – sono state accusate di aver violato, in alcuni casi ripetutamente, le leggi russe sulla localizzazione dei dati.

Le udienze sono previste per il 16 ottobre e il 9 novembre, ha riferito una fonte del Tribunale a Interfax.

Fonte: https://www.rt.com/russia/584769-zoom-fined-russian-data/

ISCRIVETEVI AI NOSTRI CANALI
CANALE YOUTUBE: https://www.youtube.com/@ComeDonChisciotte2003
CANALE RUMBLE: https://rumble.com/user/comedonchisciotte
CANALE ODYSEE: https://odysee.com/@ComeDonChisciotte2003

CANALI UFFICIALI TELEGRAM:
Principale - https://t.me/comedonchisciotteorg
Notizie - https://t.me/comedonchisciotte_notizie
Salute - https://t.me/CDCPiuSalute
Video - https://t.me/comedonchisciotte_video

CANALE UFFICIALE WHATSAPP:
Principale - ComeDonChisciotte.org

Potrebbe piacerti anche
Notifica di
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
È il momento di condividere le tue opinionix