Vittorio Colao e il progetto per bloccare il Lavoro

AVVISO PER I LETTORI: Abbiamo cambiato il nostro indirizzo Telegram. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale ufficiale Telegram .

Di Ruggiero Capone, opinione.it

Da molti anni si cerca di dimostrare ai lettori come la speculazione finanziaria starebbe modificando le Carte costituzionali. Del fenomeno è ormai consapevole una grande fetta di cittadini. Alla spicciolata vengono toccati tutti, tutte le attività, tutte le categorie. L’assalto a Palazzo Chigi da parte dei tassisti è da considerare come una reazione al progetto di distruzione di una categoria, che ha pagato o s’è indebitata per acquistare una licenza di taxi e un veicolo con tutte le caratteristiche per adempiere al servizio pubblico. Ma altri progetti stanno toccando e toccheranno ciabattini, falegnami, contadini, carrozzieri, meccanici, idraulici, farmacisti, artigiani, professionisti d’ogni settore ed ambito. Per dirla con lo slogan d’un nota pubblicità dei primi anni del passato secolo, “necessita cambiare il modello di business ogni cinque minuti”.

In parole povere “destabilizzazione”: la ricetta è vecchia, la partoriva George Soros a metà anni ’80 del passato secolo, recitava suppergiù così “per sviluppare i mercati finanziari necessita destabilizzare politicamente le filiere e gli assetti produttivi, togliere le certezze agli individui e contrapporli”. Il dramma è che il Governo italiano si sarebbe più o meno coscientemente messo a capo di questa rivoluzione che crea esclusione sociale, alienazione, povertà e, soprattutto, cancella speranze e lavoro. Non sappiamo quanto Mario Draghi sia complice o costretto ad avallare, ma è certo che sappia come Vittorio Colao rappresenti l’elemento di garanzia di molti progetti destabilizzanti. In meno d’un anno, gli italiani si renderanno conto di come i rapporti tra Pubblica amministrazione e cittadini stiano regredendo alla conflittualità che governa NigeriaCongo e Mali. Ovvero il non rispetto dei cittadini, del loro lavoro e delle loro proprietà.

L’Italia sta lentamente scivolando in logiche tipiche dei Paesi africani: abuso e sopruso da parte di Governo e Pubblica amministrazione, aumento della pressione debitoria su cittadini e aziende e distruzione della pace sociale. Torniamo a ricordarvi come il debito mondiale ammonti a circa 253mila miliardi di dollari, il 322 per cento del Pil globale. Secondo i calcoli del gatto che gioca col topo, il settanta per cento di questi debiti penderebbe sui Paesi più poveri. I poveri non pagano mai i debiti e ne mettono sempre di nuovi? Allora il mondo sarebbe sovraindebitato per colpa dei poveri? A questa domanda dovrebbero rispondere esperti come Mario Draghi e Vittorio Colao, perché hanno studiato forse più di tutti noi la materia, poi perché probabilmente hanno ascoltato le relazioni in materia a Davos, all’Onu, alla Fao, alla Banca mondiale, e parlando con vari esperti pure della Nato. Ma che avranno mai fatto i poveri con queste montagne di soldi? È proprio vero che sono gran scialacquoni, nati per bruciare fortune, per giocarsi in poco tempo una vincita al superenalotto.

Ma siamo seri: chi gestisce il potere sa tutto, anzi sa che necessita incrementare la platea dei bisognosi, dei precari, della gente in difficoltà, dei disoccupati. Oggi la cancrena ha preso l’Italia come ieri la Grecia. Ogni giorno nel nostro Paese si perdono dai quattrocento ai mille posti di lavoro: il caso della startup Gorillas che ha licenziato quattrocentocinquanta addetti è dell’altro giorno, ma oggi vi sono altri licenziamenti in tutte le aziende (Amazon compresa). Dicono che è cambiato il modello di sviluppo, ma non aggiungono che fino a una trentina d’anni fa dicevano che “necessita sviluppare la crescita economica dei Paesi poveri e indebitati” (quante volte abbiamo sentito questa tiritera istituzionale). Mentre adesso prevale la linea green: ovvero bloccare, congelare l’economia.

Ora, grazie alla guerra, hanno potuto far impennare i prezzi e lavorano a far salire i tassi d’interesse: quindi l’Africa rimane nella sua inedia economica che fa ricche solo le multinazionali, mentre nuovi scenari speculativi si spalancano in Italia, dove c’è da mettere definitivamente in povertà più della metà della popolazione. I governi occidentali sono tutti tra loro collegati, tutti eterodiretti dal cervellone finanziario di BlackRock. Soprattutto lavorano perché venga garantito il profitto ai grandi speculatori. Il controllo, la profilazione totale del cittadino, gli obblighi alla digitalizzazione, sono tutte ricette partorite dalla medesima cucina politica, la stessa che ha bloccato l’ascensore sociale e scongiurato che nessun normale cittadino possa più godere di tranquillità e vita agiata dal proprio lavoro. Per quanto ci riguarda, i maggiori detentori del debito mondiale hanno pattuito che le economie europee di ItaliaSpagna e Grecia rimangano depresse. Torniamo all’esempio dei tassisti: hanno pagato una licenza, sono un segmento sociale autonomo, lavorando riescono a mantenere una famiglia e ad acquistare casa. L’esempio dei tassisti è allargabile a tutte le categorie che fino a qualche anno fa andavano a consolidare il ceto medio, la fascia sociale con forte risparmio bancario. L’algoritmo della speculazione finanziaria ha però stabilito che queste categorie debbano oggi essere messe in difficoltà. L’ordine è partito dalla catena di comando finanziaria, e vale per tutto il prossimo decennio. Così chi fino a ieri non aveva problemi economici, oggi dovrà essere lentamente accompagnato verso una politica socio-solidale (povertà sostenibile). In pratica, l’esperimento del reddito universale di cittadinanza non è ancora applicabile in Africa o Sud America, quindi verrà fatto decollare nelle zone povere d’Europa.

Il progetto di Vittorio Colao prevede, tramite l’identità digitale, che si possano controllare i cittadini laboriosi, ovvero coloro che non si piegano al “reddito universale di cittadinanza” o che, furbescamente, lo incassano e poi lavorano in campagna o in officina, o fanno lezioni private. In pratica l’identità digitale è estremamente utile a indurre i cittadini a non lavorare, a non progettare, a non produrre. I grandi possessori di danaro (quantità smisurate di liquidità) hanno investito su percorsi di disincentivazione del lavoro umano, di riduzione demografica, di denatalità e distruzione della famiglia. Motivo? Sostituire l’uomo con il non sindacalizzato robot. Ecco perché sarebbero divenuti a tal punto filantropi da pagarci per non lavorare. Gli intellettuali prezzolati hanno aggiunto che lo fanno per salvare il Pianeta dal fattore lavoro incontrollato, grande concausa del consumo del Pianeta, dell’inquinamento. La moneta elettronica per pagare la “povertà sostenibile” la creano dal nulla. I poveri di oggi e di domani (ex tassisti, artigiani, professionisti) potrebbero così non dannarsi più l’anima ed accontentarsi di roba da poveri comprata con il sussidio: il mercato di domani, diviso in cattivi compratori (i poveri a cui va lo scarto) e i buoni compratori (i ricchi a cui vanno i prodotti pregiati).

Quando un siffatto sistema si consolida, sortire dalla povertà diventa impossibile: ecco perché è stata coniata l’espressione “povertà irreversibile”. Perché il patto politico con i grandi speculatori è il nuovo “contratto sociale”, e prevede il blocco granitico dell’ascensore sociale. Il progetto era visibile a monte: già nell’epoca di Mario Monti era stato azionato il blocco dell’ascensore sociale, in obbedienza a quanto dettato da Davos. Oggi che la finanza pubblica è gestita in tutto l’Occidente dai privati, bloccare il lavoro per legge è semplicissimo quanto ridurre in povertà intere categorie. I licenziamenti che vediamo in Italia sono frutto di crolli aziendali progettati a monte, studiati per generare povertà. Vittorio Colao è un grande amministratore di fondi (già questo ne segna il conflitto d’interessi), amministra danaro non di sua proprietà, già prima del suo incarico di Governo influiva sulla vita di aziende e strutture partecipate da Stati: i grandi speculatori sono il suo datore di lavoro. Tramontato il capitalismo tradizionale (fatto di fabbriche, imprese, agricoltura) è sorto sulle macerie delle industrie il capitalismo di sorveglianza, che guadagna su security, informatica, media. Colao è una sorta di dio egizio Anubi, divide la gente nella valle dei morti. Agisce nell’intento di scongiurare che potere e popolo si mischino: lo fa istituendo la classe media di controllo, fatta non da uomini ma da robot e intelligenza artificiale in genere.

Di Ruggiero Capone, opinione.it

07.07.2022

link fonte: https://www.opinione.it/economia/2022/07/07/ruggiero-capone_colao-progetto-bloccare-lavoro-palazzo-chigi/

Pubblicato da Jacopo Brogi per ComeDonChisciotte.org

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
41 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
41
0
È il momento di condividere le tue opinionix