Home / Attualità / Un passo indietro, per capire il domani

Un passo indietro, per capire il domani

DI CARLO BERTANI

carlobertani.blogspot.com

Le scelleratezze di questo nostro tempo sono infinite e bugiarde: lo si avverte a pelle, leggendo le notizie sulle agenzie, e quasi si riesce ad indovinare la scontata risposta di questo e di quello, come in un girone infernale che ha preso a battere il tempo di un rap duro, prepotente, assetato di violenza e di sangue.

Vicino alle nostre frontiere si siglano accordi che sanno di vecchio: Assi, Triplici, Duplici, Patti, Intese, Accordi, Entante, Agreemont…lo sfilacciato linguaggio della vecchia Europa…perché, la disperazione di un’Europa che ha “provato” con l’Euro ad intessere un’unione che non esisteva, oggi cerca di fermarla nel tempo con gli accordi militari. E’ già stato fatto qualcosa di simile, almeno nei modi e nei termini, basta voltarsi un attimo indietro.

C’è un interessante, quanto agghiacciante parallelismo fra il Gennaio del 2019 e quello del 1919, quando il Presidente americano Woodrow Wilson venne a Parigi a proporre la sua visione del futuro accordo di pace, ossia la nota dichiarazione dei 14 punti. E, oggi, seppur rinnovata, rimodernata e rivestita con un paio di jeans al posto delle rigide martingale dell’epoca, in una Davos che riconosce l’enorme divario di ricchezza nei popoli – che sempre aumenta! – le parole del Presidente del Consiglio italiano riecheggiano di quei toni, di quelle preghiere, di quegli avvertimenti. Che l’Europa non ascoltò, che l’Europa non ascolta. E risponde con “atti” come l’accordo di Aquisgrana.

Mi dispiace dover avvertire che, per coloro che non conoscono a fondo le dinamiche che condussero alla 1GM, sarà necessario un breve ripasso di quelle vicende: altrimenti, sarà difficile capire cosa sta succedendo. Vorrà dire che, chi conosce bene quelle vicende, potrà tranquillamente saltare il prossimo capitolo.

Le ragioni e il perché si giunse a Versailles

Molti storici, se chiederete loro perché scoppiò la 1GM, vi risponderanno con ragioni di per sé coerenti con l’enorme carneficina che seguì: coerenti, ma non valide. I più onesti giungono ad affermare che non v’erano ragioni serie per fare un simile sconquasso: forse, i generali, avevano ancora gli occhi puntati sulle guerre napoleoniche, e non avevano compreso il drammatico ingresso negli scenari bellici della mitragliatrice e degli aeroplani.

Fino ad allora, le uniche guerre giunte a scompaginare gli equilibri raggiunti dopo le grandi guerre di assestamento dei nuovi equilibri del XVI-XVII secolo erano state le avventure napoleoniche: a ben vedere, un tentativo di raggruppare l’Europa sotto l’egida francese.

Il mondo del primo Novecento è ancora oggi chiamato Belle Epoque, che si può intravedere fra le pagine di Zola e Maupassant, giacché c’erano tutti i prodromi necessari per un tranquillo incedere nel nuovo secolo. L’Europa era padrona del Mondo e lo gestiva tramite i suoi grandi e medi imperi: Britannico, Francese, Tedesco, Belga, Olandese, Portoghese ed Italiano, più l’enorme “bestia” addormentata nei secoli, l’Impero Ottomano. La Gran Bretagna, da sola, con meno dell’1% del territorio planetario, gestiva il 23% delle terre emerse. Più il dominio assoluto su mari ed oceani.

La Russia zarista aveva immense risorse e territori vastissimi non ancora esplorati; un pianeta a sé, come lo è oggi: un’amministrazione lenta e fatalista, però, non riusciva ad andare oltre gli Urali.

Gli USA si leccavano le ferite della loro guerra civile ed erano, ostinatamente, isolazionisti: nessuno, negli USA, pensava che due guerre europee avrebbero loro regalato su un piatto d’argento il potere planetario che, all’epoca, manco reclamavano: ancora doveva terminare l’epopea del grande West!

Il resto del pianeta, a parte l’Europa, nulla contava: il ministero delle colonie portoghese, fino al 1947, ebbe un apposito dipartimento per la gestione degli schiavi.

Se, da un lato, il “pensiero politico” era vecchio di secoli, la tecnologia sfornava ogni momento nuove risorse: meccanica di precisione, elettrotecnica, onde radio, petrolio al posto del carbone, automobili al posto delle carrozze e via dicendo.

C’erano problemi sociali? Dipende da che punto si osserva la vicenda.

Non si può negare che il Re italiano fece sparare a cannonate sulla folla, però l’aumento della ricchezza globale era evidente: il treno aveva avvicinato enormemente città e mercati, la navigazione a vapore raggiungeva facilmente i 5 continenti…insomma, dal punto di vista economico non c’erano ragioni valide per finire in quella bolgia infernale. Anche perché nasceva il sindacalismo, che chiedeva una ripartizione della “torta” più equa, e le classi subalterne cominciavano a vivere meglio – non ovunque e non sempre (emigrazione) – però il mondo del 1900 si distanziava già enormemente da quello di solo mezzo secolo prima. In definitiva, la ripartizione della torta era necessaria per un buon funzionamento della macchina: c’erano, ovviamente, voci discordanti, le quali ebbero a pentirsi – dopo – delle loro scelte.

Le vicissitudini diplomatiche di quei giorni sono note, e fanno rabbrividire per il non sense di quegli atti. Cercherò d’essere sintetico.

Il 28 Giugno 1914 viene assassinato a Sarajevo, volontariamente e con modalità da vero “agguato” (c’erano una decina di “postazioni” per sparargli), l’arciduca Francesco Ferdinando, erede al trono austriaco, da parte dell’irredentismo serbo.

Le diplomazie accettano di buon grado che l’Austria abbia diritto ad una vendetta, e fanno sapere a Vienna che nessuno si opporrà ad una rappresaglia, che potrà anche comprendere l’occupazione simbolica di Belgrado: insomma, vendicatevi pure, però dopo ve ne andate.

Ma la diplomazia austriaca cincischia, perché vuole presentare prove documentate (e non richieste!) prima di scatenare l’armata: si perde così l’intero mese di Luglio, e la questione balcanica – dapprima vista come un evento separato – entra a far parte del gran bordello generale, sovrapponendosi ad altri “irredentismi”, di marca ben diversa.

Chi sta creando il maggior chiasso? La diplomazia francese.

La Francia è l’unica ad avere qualcosa da reclamare: l’Alsazia e la Lorena, inglobate nell’Impero Germanico con la guerra del 1870. Per questa ragione si muove verso la Russia, cercando di cementare l’irredentismo francese (a dire il vero, piuttosto blando: quelle regioni, nella Storia, avevano cambiato di mano almeno quattro volte) con l’irredentismo slavo che sta friggendo nei Balcani.

Nel mese di Luglio giungono a Pietrogrado delegazioni francesi, che confabulano con gli omologhi russi, e la cosa monta: alla fine – siccome la Russia ha bisogno d’almeno un mese per la mobilitazione generale – vengono diffuse notizie (vere? false?) su movimenti di truppe tedesche nella Slesia…insomma, lo Zar si trova di fronte una zuppa belle e pronta: o inizi a mobilitare, oppure i tedeschi arriveranno alle porte di Pietrogrado prima che un misero soldatino possa far la guardia alla tua porta. E lo Zar mobilita: a Parigi, intanto, si continua ad affermare che non c’è nessuna volontà di guerra in aria (!).

Nel frattempo, Guglielmo e Francesco Giuseppe s’incontrano al confine, e devono riconoscere che il problema è grave e li interessa entrambi: l’irredentismo slavo è il nemico comune, non dell’Italia, che nicchia e chiede Trento e Trieste in cambio della partecipazione a fianco degli Imperi Centrali: Vienna risponde picche, e l’Italia si dichiara neutrale.

Negli ultimi giorni di Luglio si cerca di coinvolgere la Gran Bretagna, che nicchia: perché dovremmo scendere in guerra per difendere gli slavi e lo sciovinismo francese? Si noti che la Gran Bretagna, all’epoca, non aveva nemmeno la coscrizione obbligatoria: basta la Marina…

Poi, un pensiero drammatico inizia a percorrere i corridoi della diplomazia inglese: la Francia non è in grado, da sola, di reggere l’urto delle armate germaniche…perciò i tedeschi occuperanno i porti atlantici francesi (la 2GM!) e la Grosse Hochseeflotte voluta da Bismarck sarà un temibile avversario su tutti mari del mondo…se interverremo, invece, la “confineremo” nel Mare del Nord e non ci darà grattacapi. Così avvenne.

In ogni modo, la Gran Bretagna tentennò molto e si decise solo all’ultimo d’intervenire, al punto che gli equipaggi delle navi francesi della flotta del Nord, quando salparono nella Manica, salutarono mogli e fidanzate con un addio, certi di non tornare dallo scontro – impari – contro la flotta tedesca.

Tutti – com’è ovvio per ogni guerra – immaginavano un conflitto breve: gli inglesi accettarono perché si diceva: “A Natale è tutto finito”.

Insomma, a ben vedere, furono i francesi a comportarsi in modo levantino, e non altri.

Fine, tragica, di una guerra

Nell’Estate del 1918, ancora non si sapeva chi avrebbe vinto. Gli eserciti, stremati, andavano all’assalto come automi, perché sapevano che le sofferenze delle popolazioni erano giunte al parossismo: dall’eroismo sciovinista degli inizi, alla fame del 1918 che non conoscevano più da generazioni. Morire era una possibilità accettata: basta che sia tutto finito, in un modo o nell’altro.

I tedeschi, nell’offensiva di Primavera, crollarono per primi: così fu deciso il Gran Massacro.

Venne la pace: una pace lugubre, caliginosa: morivano come mosche i feriti al fronte, mentre crepavano in egual modo i civili, perseguitati da mille morbi – il principale chiamato “spagnola” – ma erano tutte malattie che vincevano con poco: erano gli organismi debilitati da fame, freddo e privazioni per anni ad essere pronti per un altro massacro “sanitario”.

L’interrogativo degli storici, giunti a quel punto, è: ne valeva la pena?

Non regge nemmeno la spiegazione della lotta al bolscevismo come ritorsione sulle popolazioni: a che pro, visto che tutti gli attori del massacro si ritrovarono, all’indomani, con la cronica mancanza di braccia per riavviare l’apparato di produzione civile dell’ante bellum?

Furono gli Stati Uniti a rabberciare il disastro; il raccolto agricolo del 1918 era andato bene: c’erano delle eccedenze per soccorrere gli affamati europei. Piccolo particolare: non c’erano navi per inviare il grano, ci avevano pensato i sommergibili tedeschi.

Così, in quell’atmosfera di tregenda, le genti piansero di gioia quando videro comparire le prime tradotte cariche di generi alimentari: addirittura, a Vienna ci fu gran gioia e riconoscenza (pubblicata a caratteri cubitali sui giornali del tempo), per una colonna italiana la quale – con aiuti americani – era riuscita a raggiungere Vienna, la quale – senza produzione agricola per mancanza di braccia – stava scivolando in una parossistica e desolata morte per fame.

Ma bisognava, in fretta, porre fine all’emergenza, al (giustificato) bolscevismo che s’espandeva fra le popolazioni. Riportare indietro le lancette della Storia, far dimenticare quegli anni di strazi al più presto, tornare alla Belle Epoque. Come se fosse facile: il resto lo conosciamo, la 1GM richiese un secondo tempo, la 2GM, come ogni film che si rispetti.

Wodroow Wilson e i suoi sogni

Si può tranquillamente affermare che il presidente americano, catapultato alla Conferenza di Versailles, apparve a tutti come un marziano. E, in qualche modo, lo era veramente.

Wilson non era un politico “navigato” – nel senso spregiativo del termine – bensì era un uomo che fidava sulle capacità degli uomini di saper districare e risolvere le loro controversie, nel nome del bene comune. Notiamo che nemmeno l’immane tragedia appena passata – a Parigi gli intossicati dai gas, rientrati nelle loro case, iniziavano a morire come mosche mentre in Germania era più la fame a mietere vittime – eppure, i delegati di Versailles si sedettero “in trincea”, pronti a combattere per ogni metro quadrato da assegnare. Bottino di guerra, vae victis, come sempre: come se fosse stata Teutoburgo, oppure Canne o Zama.

Wilson racchiuse le sue proposte in una dichiarazione, detta dei Quattordici Punti (1), fra i quali si prospettava la non validità diplomatica di tutti gli accordi siglati dalle Nazioni con la copertura del segreto diplomatico. Ogni accordo doveva essere pubblico e noto alle popolazioni fino alla punteggiatura. Capì le richieste europee, però raccomandò loro di non eccedere con le richieste territoriali: ogni popolo doveva aggregarsi agli Stati che, per Storia e tradizioni, gli erano più affini.

Libertà assoluta di transito sui mari e negli stretti, riconoscimento dei diritti delle popolazioni colonizzate, alla pari con gli interessi dei colonizzatori. Nessun ostracismo verso la Russia (ora URSS), bensì un atteggiamento conciliante, qualsiasi fosse stata la forma di governo scelta dai russi.

Gli europei risposero nicchiando – non potevano prendere a calci chi li stava nutrendo – ma gli sguardi, a Versailles, raccontavano la medesima storia: ma cosa vuole ‘sto marziano?

E giù con le richieste per la spiaggia di un fiume, per un isolotto, per un paesetto conteso: finì con tedeschi che divennero polacchi e italiani, con ungheresi che divennero rumeni e – ciliegina sulla torta – un bel calderone che tutto conteneva, lo chiamarono Jugoslavia. Danzica fu la miccia della 2GM, mentre per la Jugoslavia si dovette giungere alla resa dei conti di fine millennio.

E non contiamo le mille nequizie che generò la spartizione dell’impero Ottomano: Iraq, Siria, Giordania, Egitto, Israele, Curdistan…

Eppure, la figura di Wilson, ancora oggi, non viene accettata come quella di un politico che cercò, nei miasmi di una guerra finita con vincitori delusi e vinti sconfortati, di gettare un “ponte” di nuove idee, nuovi propositi, per non finire un’altra volta nei gironi infernali. Rimane, ad onta di tutto, un sognatore: qualcuno, a denti stretti, lo dipinge come un idiota da reparto psichiatrico. Wilson morì nel 1924 e il suo destino lo privò della soddisfazione (se vogliamo chiamarla così…) di poter dire “io lo avevo detto”, quando dal 1939 al 1945 il secondo tempo di quel massacro dissennato andò in scena.

Wilson parlò anche di Europa: essendo un americano, ovviamente propose una transizione verso un unico stato federale, con una banca di Stato, una sola moneta, un solo bilancio…e così via. Molti europei, all’epoca, erano ancora sudditi di monarchi: fu molto difficile, per i tempi, comprenderlo. Ce ne rendiamo conto, ma la Storia non fa differenze se non riesci a capire il volgere degli eventi: come per l’ignoranza della legge, anche l’ignoranza della Storia non viene ammessa. E dà frutti ben peggiori.

Tornando all’oggi, dobbiamo “fare la tara” a quelle vicende di un secolo fa per capire se contengano un monito, una sentenza, una risposta. C’è, eccome.

Anzitutto dobbiamo ricordare che gli USA dell’epoca erano sostanzialmente diversi dall’oggi: erano un popolo orgoglioso delle loro libertà, d’essersi scrollato di dosso il giogo britannico. Niente di paragonabile all’oggi: sono due “attori” storici completamente diversi. Com’è pretestuosa ed errata – semplicemente una questione mediatica, eseguita fidando sull’ignoranza dei popoli (che, purtroppo, esiste) – la sovrapposizione dell’accordo del 2019 fra Francia e Germania come “prosecuzione” dell’accordo De Gaulle-Adenauer del 1963. Si fa presto a dire: l’Unione Europea non esisteva, esisteva invece ancora la Germania-Est, la DDR, non c’era una moneta comune…insomma…l’unico dato in qualche modo simile è l’ostracismo francese verso Londra e la velleità, comune, di affrancarsi da Washington.

La realtà dell’oggi, invece, è ben diversa: Macron è il politico meno longevo della storia umana, in pochissimi anni è già finito, bollito, dimenticato e snobbato, in Patria come all’estero. La Merkel – più esperta – ha compreso che i Gilet Jaune non sono una meteora, perché la storia francese ci racconta che, in quel Paese, i movimenti popolari giungono sempre ad una sintesi, ad un compimento. Non c’è neppure più la paura del Lupo: il “lupo” Le Pen non fa più paura a nessuno, perché – mentre osservavi e temevi le mosse del Lupo – il Drago europeo ti aveva già bruciato il sederino.

Di più: la mossa, sprezzante, verso l’Italia: non considerata, non desiderata, non voluta: esattamente come a Versailles 1919, quando i nostri politici smisero addirittura di recarsi a Parigi, schifati e delusi. Il “fronte meridionale” (Italia vs Austria) non ebbe nemmeno una trattativa separata, fu messo insieme alle questioni secondarie: Balcani, Dardanelli, Turchia, colonie, ecc.

Perciò, a Berlino, già si considera l’Italia come un avversario, un Paese che fa ancora parte dell’UE per comodità d’uso – diciamo così – ma senza più voce in capitolo. Se mai l’ha avuta.

In definitiva, la mossa tedesca è soltanto un “salviamo il salvabile” della Francia, finché si può: il mezzo, però, ci sembra assai inusuale ed inopportuno.

Ci sono parecchi motivi a rendere incomprensibile e disperata questa mossa.

Il primo è la questione del seggio all’ONU: i seggi permanenti del Consiglio di Sicurezza sono, di diritto, delle nazioni che vinsero la 2GM. Chi va a dirlo a Trump? Alla Cina? A Putin? Alla May? Credono forse, i due fringuelli di Aquisgrana, che stendano loro un tappeto rosso? Ma sì…entri pure signora Merkel..ehi! Aggiungi un posto a tavola! No, stavolta il francese non viene…Roba da dilettanti della diplomazia.

Il secondo riguarda l’arma nucleare: a dire il vero, nel trattato appena firmato la questione non è chiara, è appena sfumata. Veramente, i francesi, “regaleranno” l’arma atomica agli odiati sale boches? E la Germania sarà la prima fra le nazioni “di peso” ad infrangere i trattati di non proliferazione nucleare? L’ONU emetterà sanzioni contro la Germania? Le portaerei americani stazioneranno nel Baltico, per sorvegliare se la Germania di Hitl…pardon…della Merkel si metterà ad arricchire l’Uranio per le bombe? Ma non facciamo ridere, per piacere!

Per le questioni europee, da oggi, sarà identico rivolgersi a Parigi o a Berlino? L’unione fa la forza? E quale forza, di grazia?

Restiamo coi piedi per terra, Macron se la sta facendo sotto: non bastano le barricate dei Gilet Jaune, adesso raccontano anche che è un colonialista, con il suo bel Franco Africano! La Merkel, pure lei nei guai fino al collo in politica interna, non sa più a che santo votarsi: e allora? Facciamola fuori dal vaso con una NOTIZIONA! Francia e Germania si fondono in un unico stato! D’ora in avanti, tutti i populisti se la vedranno con noi! Nomineremo la Francia nostra fornitrice ufficiale per la componentistica industriale…ehm, prima dovremo comprarle le fabbriche, perché non le ha…e chiudere quelle italiane, rumene, ungheresi…acc…che guaio…

La Germania sconta, oggi, l’inazione europea, dalle due presidenze Barroso a quella di Juncker: 15 anni di democrazia sospesa, in Europa. Al fallimento di una Unione “iniziata” con la moneta unica non hanno niente da dire: è andata così…fatevene una ragione…

In mezzo a tutto questo marasma, Wilson, dall’oltretomba, è tornato a parlare.

A Davos è tornato a parlare di disuguaglianze, del farraginoso funzionamento delle istituzioni europee, della necessità di cambiare radicalmente la struttura verticistica dell’Unione Europea. Lo ha fatto con rispetto ed aplomb britannico, ma era un italiano, tale Conte.

Conte ha messo il dito proprio sulle inefficienze europee, sugli enormi cedimenti nei confronti del capitale (soprattutto finanziario) e sugli assordanti silenzi sul fronte del lavoro e dei diritti sociali. E la verità, quando compare inaspettata, magari non vince subito, ma si fa sentire meglio degli inganni.

Come ho già detto, non credo un acca della vicenda di Aquisgrana: a Washington, Mosca, Londra e Pechino se la ridono della grossa, e il generale De Gaulle prenderebbe a calcinculo Macron come un idiota di paese.

Bene ha fatto Conte a porre nel piatto delle questioni vere e sostanziali, contro l’aria fritta dei due folletti di Aquisgrana, e – dopo tantissimi anni – sono orgoglioso del mio presidente del Consiglio.

Un uomo semplice, un parvenu della politica, magari snobbato e deriso come Wilson, che però ha avuto il coraggio di guardare in faccia la mefitica feccia di Juncker & soci, urlando loro in faccia una verità che, oggi, non si può più negare: il Re è nudo!

 

Carlo Bertani

Fonte: http://carlobertani.blogspot.com

Link: http://carlobertani.blogspot.com/2019/01/un-passo-indietro-per-capire-il-domani.html

26.01.2019

 

(1) https://it.wikipedia.org/wiki/Quattordici_punti

Pubblicato da Davide

8 Commenti

  1. Chapeau per la ricostruzione storica.
    Dubito, però, che i giocatori siano consapevoli della portata e delle conseguenze di ciò che Bertani descrive nel momento in cui agiscono. Non riesco a pensare che l’Euro sia stato proprio concepito con intento criminoso ne che Draghi abbia concepito il QE per finanziare la bolla speculativa delle borse mondiali per preparare ulteriormente il terreno al botto insito nella ricostruzione di Bertani. Penso piuttosto che Draghi – e prima di lui Monti – abbiano creduto veramente nelle teorie che hanno poi applicato.
    Peccato che la cura lacrime e sangue di Monti abbia inferto un colpo mortale alla nostra economia e il QE di Draghi, invece di finire come liquidità nel sistema e far ripartire l’economia reale sia finito nelle speculazioni borsistiche delle banche ed abbia fatto ripartire l’economia virtuale o bolla speculativa che dir si voglia.
    Per cui, non vedo alleanze ne mosse del cavallo all’orizzonte. Solo un si salvi chi può (in questo senso la partnership franco-tedesca – non un vento di guerra guerreggiata) essendo imminente ed inevitabile il crollo definitivo dell’UE:

  2. Grazie della ricostruzione storica. La Francia da sempre è sospesa tra grandeur e malheur. Tra Versailles e Waterloo, ovvero tra lo sfoggio di potenza ai danni del popolo ed il controvalore di tale sfoggio nel lungo periodo. La Germania invece…..credo abbia fatto lo stesso ma avendo una mentalità protestante non usa lo sfoggio. Tutta qui la differenza. Per il resto non la smettono di insistere nel percorrere la stessa strada, non ne vedono altre. Giusto un esempio: nel primo governo democratico di Adenauer c’era ancora una forte presenza di nazisti. La denazificazione non avvenne mai, così come la Francia non smise mai di ragionare con grandeur (vedi il franco CFA). Entrambi i Paesi sentono il bisogno irrefrenabile di dimostrare qualcosa al resto del mondo. Fuori dall’UE ci sono gli USA però, che nell’ultimo secolo hanno dimostrato qualcosa. Credo quindi che l’asse Parigi-Berlino sia da mettere a confronto con Washington, dove non c’è stato che un solo Wilson.
    La tragedia è che sono tre nazioni sull’orlo del baratro, sconfitte nel loro interno da quelle dinamiche che non riescono ad evitare oggi così come non sono state in gradi di evitarle ieri.


  3. si cerca di coinvolgere la Gran Bretagna, che nicchia:

    la solita lettura superficiale della storia, il ministro degli esteri inglese Grey fu il vero demiurgo di un conflitto tra i suoi i due più pericolosi avversari geopolitici : germania e russia.L’ eterno “gioco inglese”.

    Quello che gli inglesi non avevano previsto è che la germania la guerra la poteva vincere, da qui ,dopo il 1916 , la necessità di chiedere l’aiuto a “caro prezzo” degli U$A.

  4. “Venne la pace: una pace lugubre, caliginosa: morivano come mosche i

    feriti al fronte, mentre crepavano in egual modo i civili, perseguitati

    da mille morbi – il principale chiamato “spagnola” – ma erano tutte

    malattie che vincevano con poco: erano gli organismi debilitati da fame,

    freddo e privazioni per anni ad essere pronti per un altro massacro

    “sanitario”.”

    Assolutamente no: la pandemia di “Spagnola” fece più morti della stessa guerra, e li fece anche in Paesi che la guerra nemmeno l’avevano vista.

    E, cosa strana, uccise “giovani adulti”, NON vecchi debilitati!

    Cito da:

    http://www.lescienze.it/news/2018/10/09/news/lezione_pandemia_spagnola_1918_anni_versario_riduzione_diffusione-4146511/

    Ma anche il profilo demografico della popolazione ha un ruolo.

    Stranamente, uno dei gruppi più falcidiati nel 1918 furono i giovani

    adulti. I ricercatori pensano che forse gli anziani furono relativamente

    risparmiati a causa di precedenti esposizione a virus simili, ma meno

    virulenti, che avevano dato loro una maggiore resistenza al ceppo del

    1918.

  5. < Wilson racchiuse le sue proposte in una dichiarazione, detta dei Quattordici Punti (1), fra i quali si prospettava la non validità diplomatica di tutti gli accordi siglati dalle Nazioni con la copertura del segreto diplomatico. Ogni accordo doveva essere pubblico e noto alle popolazioni fino alla punteggiatura. Capì le richieste europee, però raccomandò loro di non eccedere con le richieste territoriali: ogni popolo doveva aggregarsi agli Stati che, per Storia e tradizioni, gli erano più affini. Libertà assoluta di transito sui mari e negli stretti, riconoscimento dei diritti delle popolazioni colonizzate, alla pari con gli interessi dei colonizzatori. Nessun ostracismo verso la Russia (ora URSS), bensì un atteggiamento conciliante, qualsiasi fosse stata la forma di governo scelta dai russi. >

    Peccato che gli USA fossero i primi a non applicarle , queste regole!
    Vedi Panama, Nicaragua Filippine etc etc etc.

  6. Concordo fino all’ultima virgola, caro Bertani, ma c’è sempre chi ci dice che dietro a tutto questo c’è una unica spectre che governa e decide tutto, persino i battibecchi e le guerre mondiali tra nazioni e popoli, non certo, e solo, i trattatelli insulsi tra francesi e tedeschi, i quali sarebbero poco più che illusioni per il popolo, per far credere ad un mondo strutturato secondo diversità storiche e culturali ben conosciute. Nell’ultimo libro del giudice Carlo Palermo, si parla proprio di questo, ovvero della sua scoperta, nel corso delle indagini pluriennali, di una specie di direttorio internazionale (apparati militari, Chiesa, oligarchie finanziarie ecc. ), che avrebbe governato la storia europea e mondiale, sotto l’immancabile marchio di fabbrica della massoneria internazionale, un po’ la conferma delle UR-LODGES di Gioele Magaldi. Il giudice Palermo, non essendo esperto di massoneria, e tantomeno di esoterismo, si meraviglia di questa scoperta, ed esprime il dubbio se aver scoperto solo ora questa matrice, non abbia di fatto reso inutili le indagini portate avanti per decenni. Non credo che ci sia da meravigliarsi, come fa il giudice, del fatto che, per interessi economici o politici o contingenti a vario livello, parti e poteri ideologicamente in totale contrasto, se non addirittura in guerra, possano arrivare a fare accordi insospettabili, anche se poi lo stesso giudice afferma che questo è avvenuto soprattutto nel traffico di droga e di armi. Il mondo è molto più complesso, a tutti i livelli, di quanto ci vogliano dire quelli che suggeriscono che tanto è inutile sbattersi, perché tutto, sistema economico, politica, guerre, domini, è deciso ad un livello per noi irraggiungibile e incomprensibile.

  7. una osservazione in merito alle nazioni unite, dove la Germania posizionerebbe un suo diplomatico tra i cinque membri permanenti con diritto di veto nel consiglio di sicurezza: e se questo portasse usa e uk, ma soprattutto usa, a disconoscere le risoluzioni del consiglio, come in parte già oggi avviene, o addirittura a disconoscere lo stesso istituto,liberandosi così del gravoso peso del diritto di veto di Cina e Russia?

  8. Credo che la Germania voglia scippare il posto nel consiglio di sicurezza prima che Micron sparisca nel nulla, quale momento sarebbe più favorevole se non questo, vista l’idiozia dilagante all’Eliseo?