Toscano e Amodeo: Appello all’unità del Fronte Sovranista. Chi accetterà?

Attualità  Sovranista: rubrica di analisi e cronaca politica

di Andrea Leone

Comedonchisciotte.org

Il Presidente, giornalista, avvocato Francesco Toscano di Vox Italia, il 26 Luglio tramite il suo canale webtv effettua un comunicato di resa. Utile a mettere da parte i personalismi e le proprie mire ad essere l’unico, il vero partito Sovranista italiano. Quando circolavano notizie sulla possibile creatura politica di Paragone, Toscano invitò il senatore a confluire nel suo partito, evitando la frammentazione del fronte Sovranista. Tale ambizione del giovane di Gioia Tauro svanì nello stesso tempo in cui le informazioni sull’imminente scesa in campo di Gianluigi con il nuovo contenitore divennero certe e reali. Da qui iniziò la competizione con ITALEXIT da parte di Toscano, che mise in grigia luce l’ex 5stelle. Ora, con il comunicato presidenziale vi è una netta retromarcia, invita tutti a cooperare, tutte le persone che hanno la stessa sensibilità politica e sociale, a creare un fronte comune Sovranista fatto da veri patrioti e per questo è disposto a fare 1000 passi indietro. Non sappiamo se questa trasformazione sia dovuta alla scuola di Scardovelli, oppure dovuta ad una vera analisi introspettiva. Apprezziamo il repentino dietrofront, ma restiamo vigili come sempre. E proprio ieri anche Francesco Amodeo fa un appello accorato a tutti per unire l’ipotetico fronte Sovranista, situando il Partito ITALEXIT come stella polare imprescindibile.Sostiene che urge approfittare della guerra fredda in atto tra le superpotenze Cina e Usa, contendenti del nostro paese per affari commerciali e tecnologici dovuti al 5g. Ora o mai più, ripete l’autore della Matrix Europea.Sembra quasi abbiano visto la nostra intervista fatta a Nicola Bizzi 5 giorni fa sul declino della classe politica dei partiti. L’appello dei due Francesco però potrebbe avere destinatari diversi: il primo a mio parere si rivolge al giornalista varesino, ai Gillet Arancioni, a R2020, FSI ecc. ecc. Il secondo invece è diretto a Lega, FDI e ITALEXIT. Nel frattempo Paragone ha dovuto respingere al mittente, cioè il valido Luca Donadel, le allusioni dal suo canale web riguardo alla proprietà del dominio del partito “ITALEXIT. It”. Da visura camerale, risulta coproprietario con un tizio che possiede una testata giornalistica “stranieri.it “, la quale caldeggia una società multiculturale. Fin qui nulla di eclatante, se non fosse che alcuni eventi sono sponsorizzati dalla Open Society del filantropo George SOROS. E qui un Toscano qualunque gongolerebbe, invece, questa volta, evita un’altra puntata d’attacco all’amico Gianluigi. Sinceramente non possiamo affermare che due indizi fanno una prova di colpevolezza verso l’ex conduttore di La Gabbia, anche perché tutti potremmo essere soci di un amico o presunto tale che ha idee diverse o ama farsi sponsorizzare da chiunque. Certamente questo pone ITALEXIT ancora di più sotto i nostri riflettori, a quelli degli incazzati, dei delusi del Movimento 5stelle, partito traditore per eccellenza. Rimanendo in buona fede però, rimango perplesso sull’organizzazione di Paragone, perché avrebbe dovuto curare ogni dettaglio, invece, sembra anch’esso divenuto avventuriero frettoloso, lo stesso, che a Francesco Specchia di Libero afferma: “per fare un partito basta porre una tesi politica e vedere chi ci sta”. Insomma, dal Fronte più Pasticcione d’Italia è tutto. Alla prossima puntata, che sia foriera di notizie migliori.

Pubblicato da Andrea Leone

Io sono un uomo libero, quali che siano le regole che mi circondano. Se le trovo tollerabili, le tollero; se le trovo fastidiose, le rompo. Sono libero perché so che io solo sono responsabile di tutto ciò che faccio. (Robert A. Heinlein)
Precedente L’UE accusa Volkswagen di complicità con la Cina per l’oppressione dei musulmani uiguri
Prossimo Legge sull’omofobia. Vediamo cose che fanno parlare le pietre