«Sono i vaccini a produrre le varianti più pericolose»

Media e politici mantengono continuamente il focus sulle nuove varianti. Da un lato l’allarmismo spinge sempre più persone a vaccinarsi, dall’altro monta l’odio verso coloro che, per vari motivi, hanno deciso di non procedere in tal senso. Eppure, sulla base di prove scientifiche, la narrativa secondo cui le persone non vaccinate sono causa delle varianti più pericolose è falsa, oltre che seriamente preoccupante. Ad esempio uno studio apparso lo scorso 29 aprile sulla prestigiosa rivista ‘Cell’ propone l’ipotesi che, invece, siano proprio i vaccini mRNA a provocare nuove varianti che si differenziano, e sono più temibili e insidiose, di quelle naturali.
Ne parla il dottor Paolo Gulisano, medico epidemiologo e saggista, in questo articolo pubblicato dal quotidiano online ‘La Nuova BQ’ che proponiamo ai nostri lettori. “Più vacciniamo la popolazione, più rapidamente creiamo vaccino-resistenza” – scrive Gulisano – “Si tratta inoltre di varianti artificiali, ben diverse da quelle che si sviluppano in modo naturale. Le varianti naturali sono meno aggressive e pericolose, contagiano ma non fanno ammalare, consentendo, in altre parole, l’endemizzazione ossia la fine della fase acuta dell’epidemia. Il virus, che è un parassita, muta opportunamente adattandosi all’ospite (suo habitat naturale) con cui convive senza più danneggiarlo. Non così nel caso in cui le varianti virali siano state selezionate per vaccino-resistenza”.
Non sarebbero dunque le persone non vaccinate a rappresentare un pericolo per gli altri, ma piuttosto sono i vaccinati che diventano ‘terreno fertile’ per mutazioni potenzialmente sempre più aggressive di SARS-CoV-2. Il che significa che la vaccinazione di massa (spinta a livello planetario con vaccini che, come ammesso dalle stesse case produttrici, non sono progettati per bloccare l’infezione, ma tutt’al più per ridurne i sintomi) ci sta mettendo tutti in una situazione più grave del necessario.
Senza dimenticare che la malattia ormai la conosciamo e che esistono cure domiciliari efficaci.

* * *

 

di Paolo Gulisano
lanuovabq.it

Giorno dopo giorno l’allarmismo rispetto alla pandemia sta crescendo. La strategia è sempre la stessa, da più di un anno: quando i casi, i ricoveri, i decessi diminuiscono, si rilancia il tema delle varianti, di nuovi “nemici” che arrivano, ondata dopo ondata, sempre più minacciosi e pericolosi. Rispetto alla variante Delta, sempre presentata come “nuova” ma che in realtà non lo è più da un pezzo, superata da nuove mutazioni, ci sono due narrazioni esattamente contrapposte.

Di fronte all’aumento dei numeri, il Governo e il CTS hanno una sola risposta: aumentare il numero dei vaccinati, procedere con rastrellamenti e controlli per scovare chi ancora – soprattutto tra gli over 60 – non si è sottoposto alla vaccinazione. È la narrazione che potremmo definire extra vaccinum nulla salus.

Dall’altra parte invece c’è chi sostiene che sono proprio i vaccini a causare una selezione di nuovi ceppi virali. Una tesi che ovviamente il pensiero dominante respinge. Ma ci sono delle prove scientifiche a sostegno di questa tesi? Ci sono eccome. Su Cell del 29 aprile scorso è uscito un articolo molto interessante. Cell è una rivista di scienze della vita per la pubblicazione di articoli scientifici a revisione paritaria, nata nel 1974 dallo scienziato Benjamin Lewin.

Già il titolo non lascia spazio a dubbi: “Molteplici varianti di SC2 sfuggono alla neutralizzazione da parte dell’immunità umorale indotta dal vaccino“. Nell’articolo si scrive tra l’altro che «la sorveglianza in corso ha rivelato l’emergere di varianti che ospitano mutazioni nella spike, il principale obiettivo degli anticorpi neutralizzanti». Per comprendere l’impatto di queste varianti, è stata valutata la capacità di neutralizzazione di  individui che hanno ricevuto una o due dosi di vaccini mRNA273 contro ben 10 ceppi di SARS-CoV-2 circolanti a livello globale. La metà erano altamente resistenti alla neutralizzazione. Ciò significa che un numero relativamente piccolo di mutazioni può mediare una potente fuga dalle risposte vaccinali. Sebbene l’impatto clinico della resistenza alla neutralizzazione rimanga incerto, questi risultati evidenziano il potenziale per le varianti di sfuggire alla neutralizzazione dell’immunità umorale.

A questo punto si fa strada l’ipotesi che possa essere  il vaccino a indurre una selezione di mutanti più contagiosi e più pericolosi.

Dobbiamo tener conto che i virus a RNA, a singolo filamento come questi, non solo formano rapidamente mutanti, soprattutto nella parte della Spike che è quella immunogenica, riuscendo così a sfuggire rapidamente a quello che è l’attacco del sistema immunitario. C’è, infatti, un RNA polimerasi RNA dipendente che introduce molti errori nella sua replicazione, formando, quindi, molto rapidamente mutanti con mutazioni che sono presenti in tutti i virus del nuovo mutante.

Quando ci si vaccina si producono degli anticorpi specifici per l’antigene vaccinale ma questi anticorpi prodotti attraverso il vaccino non sono in grado di legarsi a tutti i mutanti minori, quindi i mutanti minori che sfuggono dal legame con l’anticorpo vaccinale sono propriamente quelli che si replicano e determinano la resistenza perché godono di un vantaggio selettivo. Essi vengono quindi selezionati proprio dalla vaccinazione.

Più vacciniamo la popolazione, più rapidamente creiamo vaccino-resistenza. Si tratta inoltre di varianti “artificiali”, ben diverse da quelle che si sviluppano in modo naturale. Le varianti naturali sono meno aggressive e pericolose, contagiano ma non fanno ammalare, consentendo, in altre parole, l’endemizzazione ossia la fine della fase acuta dell’epidemia. Il virus, che è un parassita, muta opportunamente adattandosi all’ospite (suo habitat naturale) con cui convive senza più danneggiarlo. Non così nel caso in cui le varianti virali siano state selezionate per vaccino-resistenza.

La prova di questo, la vera e propria “pistola fumante”, potrebbe essere data dal sequenziamento di queste varianti, come ha recentemente dichiarato la dottoressa Loretta Bolgan. Si potrebbero distinguere le varianti naturali da quelle indotte da vaccino, attraverso lo studio della Spike.
Stanno uscendo i primi studi che dimostrano che, utilizzando tecniche di spettrometria di massa (Proteomica), è possibile discriminare la spike da vaccino da quella naturale.

Questi risultati suggeriscono che i vaccini mRNA potrebbero dover essere aggiornati periodicamente per evitare una potenziale perdita di efficacia clinica. Di qui la ventilata necessità di una terza dose, che prelude poi ad infinite dosi, ogni anno. Ma vaccini che forniscono una protezione insufficiente verso l’infezione non sono in grado di impedire la trasmissione del virus, con conseguente irraggiungibilità dell’agognata immunità di gregge. L’emergere anzi di questi nuovi ceppi varianti minaccia di vanificare quanto finora compiuto con le cure nell’arrestare la diffusione del Covid.

Paolo Gulisano
lanuovabq.it
FONTE: https://lanuovabq.it/it/sono-i-vaccini-a-produrre-le-varianti-piu-pericolose

Scelto e pubblicato da Valentina Bennati – ComeDonChisciotte.org

Notifica di
37 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
ducadiGrumello
Utente CDC
26 Luglio 2021 19:53

insomma, ormai è tardi. Bisognava appostarsi fuori dagli hub vaccinali col machete e amputare il braccio ai neo-inoculati, tipo racconto di Kurtz in Apocalypse now sui vietcong con i bambini vietnamiti appena vaccinati con l’antipolio dagli americani

Stefano Boraso
Utente CDC
Risposta al commento di  ducadiGrumello
27 Luglio 2021 15:34

Poi ti arrivano gli spruzzi di sangue velenoso,meglio cercare di abbattere a distanza di sicurezza;tipo cinghiali
Un cordiale saluto

Divoll
Utente CDC
Risposta al commento di  Stefano Boraso
27 Luglio 2021 22:43

I cinghiali sono infinitamente meno pericolosi.

VincenzoS1955
Utente CDC
26 Luglio 2021 20:30

Si, tutto vero. Ma ciò non toglie che la Covid-19 debba essere considerata alla stregua di una normale influenza e in molti conoscono oramai qual’è il motivo per cui è stata montata la farsa su di essa.

ignorans
Utente CDC
26 Luglio 2021 20:41

I virus sono molto amichevoli, molto più degli umani. Infatti, come dice il proverbio, “Chi trova un virus trova un tesoro”

Pfefferminz
Utente CDC
26 Luglio 2021 20:43

https://tkp.at/2021/07/18/zusammenhang-impfungen-und-faelle-je-weniger-impfungen-desto-weniger-faelle-je-mehr-impfungen-desto-mehr-faelle/ (articolo in tedesco) Traduzione dell’inizio dell’articolo: “Relazione tra vaccinazioni e casi: meno vaccinazioni, meno casi – più vaccinazioni, più casi La variante Delta lo rende sempre più chiaro: esiste una connessione diretta tra la percentuale di vaccinazioni e il numero di casi corona. E sembra che ci siano superspreader, soprattutto tra i vaccinati.” In parole povere, la situazione è peggiorata. Fra i vaccinati ci sono alte percentuali di positivi al test, dato riscontrabile in tutti i paesi. A Gibilterra, dove tutti sono stati vaccinati, l’80% è positivo al test. Se prima delle vaccinazioni si poteva confidare nel fatto che il virus sarebbe diventato via via meno aggressivo, fino alla convivenza pacifica con l’ospite, ora ci troviamo nella situazione in cui i vaccinati selezionano varianti più contagiose, persone che ne mandano in quarantena altre, che per caso sedevano a fianco in un bar. Aveva ragione il Prof. Bhakdi, le vaccinazioni a tappeto stanno trasformando il pianeta in un inferno, e non sono ancora iniziati i fenomeni di potenziamento della risposta anticorpale (ADE). L’unica soluzione razionale è sospendere le vaccinazioni geniche per salvare il salvabile. p. s. : Devo aggiungere che la ormai famosa frase di Bhakdi “inferno sul pianeta” (Hölle… Leggi tutto »

Ultimo aggiornamento 1 mese fa effettuato da Pfefferminz
ducadiGrumello
Utente CDC
Risposta al commento di  Pfefferminz
26 Luglio 2021 21:40

ma forse cominciano a capirlo anche loro, anche se non lo ammetteranno mai. Cominciano a parlare di terapie dall’autunno, ovviamente non quelle che sappiamo già funzionare ma hanno il difetto di essere troppo economiche, però forse è un primo segnale

emilyever
Utente CDC
Risposta al commento di  ducadiGrumello
26 Luglio 2021 22:32

Peccato che almeno due delle cinque terapie monoclonai che approveranno provocano varianti. L’unica consolazione è che se ammettono che esistano cure non saranno più autorizzati i vaccini in emergenza. Vediamo che cosa si inventano. Ma c’è una guerra fra case farmaceutiche? Gli azionisti della Roche, della Glaxo e della Merck si sentono danneggiati da quelli di Pfizer?
Comunque, a me questo articolo ha fatto paura, e forse è l’unico da quando seguo CDC, perchè pare rispondere nel modo meno rassicurante ad un dubbio che era venuto anche a me in questi giorni: si sa che le varianti di un virus naturale diventano più leggere, e la spagnola era durata al massimo due stagioni, ma se questo non fosse un virus naturale ma ingegnerizzato (ne sono pressochè convinta), con varianti da vaccini ingegnerizzati, potrebbe succedere il contrario, e quindi, ancora una volta, mi ripeto, risento la voce della bambina all’inizio della serie ” La barriera”: ci furono varianti di virus sempre più gravi…
D’altra parte, al di là della serie fantascientifica, c’è il dottor Raoult che dice che per ora questa variante delta come sintomi non lo preoccupa.

Pfefferminz
Utente CDC
Risposta al commento di  emilyever
27 Luglio 2021 1:06

“… c’è il dottor Raoult che dice che per ora questa variante delta come sintomi non lo preoccupa.

” I sintomi della variante Delta anche nei vaccinati

Per agevolare la sua identificazione è stato diffuso uno studio condotto in Inghilterra che ha raccolto all’interno di una piattaforma (Zoe Covid Symptom) i principali sintomi con cui si manifesta l’infezione da Sars-CoV-2, anche nelle persone che hanno già completato il ciclo di vaccinazione.

Dai dati è emerso che i sintomi riferiti non sarebbero perfettamente uguali ai precedenti contagi. Le persone contagiate dalla variante Delta, infatti, accuserebbero maggiormente i classici sintomi di un comune raffreddore stagionale: naso che cola, tosse, gola infiammata, mal di testa e perdita del gusto.

C’è però un sintomo più frequente: è lo starnuto. Gli esperti hanno notato che le persone che erano state vaccinate e poi sono risultate positive al Covid-19 hanno più frequentemente segnalato gli starnuti come sintomo. ”

Fonte:
https://www.paginemediche.it/news-ed-eventi/allarme-variante-delta-quali-sono-i-sintomi

In effetti, questa variante non mi sembra preoccupante. Per giudicarla, occorre porre attenzione alle ospedalizzazioni e ai decessi, entrambi notevolmente diminuiti.
La variante Delta sembra integrarsi bene in un quadro di affievolimento di un virus naturale, anche se più contagiosa.

ducadiGrumello
Utente CDC
Risposta al commento di  emilyever
27 Luglio 2021 7:16

Buongiorno Emily. Concordo sul fatto che queste potenziali terapie siano rischiose e certamente non quello che ci si sarebbe aspettati, viste gli ottimi risultati già ottenuti con altri sistemi. Però al momento tutto quello che fa alzare un po’ il piede dall’acceleratore vaccinale mi pare un buon segnale. Inoltre come dice lei si porranno in contraddizione fra l’uso delle terapie e l’autorizzazione d’emergenza dei vaccini, anche se il rispetto della logica non mi sembra l’ossessione principale di chi ha orchestrato la cosa. Infine vaccini eventualmente obbligatori e pass/restrizioni varie sono secondo me molto più difficili da evitare di una terapia, cioè se ti becchi il covid ovviamente non chiami il medico di famiglia ma contatti ippocrate o terapie domiciliari e la cosa finisce lì..

Stefano Boraso
Utente CDC
Risposta al commento di  emilyever
27 Luglio 2021 17:10

Carissima,le varianti le creano loro….
e sappiamo chi sono;credere o non credere?

Mark.Twain
Utente CDC
Risposta al commento di  Pfefferminz
26 Luglio 2021 23:08

Se fossi uno dei progettisti di questa “farsa”, spingerei ancor di più la vaccinazione. Più morti, più odio per i non vaccinati. Morale: Greenpass ancor più restrittivo. Il gregge applaudirà e sarà pronto per la fase due: il greenpass diventa di uso comune.
A quel punto, il virus sparirà ma, non le restrizioni. Non sia mai che un nuovo virus possa riportare l’incubo del lockdown…

Primadellesabbie
Utente CDC
Risposta al commento di  Mark.Twain
27 Luglio 2021 9:33

Si, di uso comune e poi chissà cosa si può metterci su quel pass, magari la taglia delle scarpe o la squadra del cuore, il modo di ragionare, il giudizio dei vicini di casa, o dei colleghi, o delle amanti abbandonate, il saldo del cc…

E per ciascuna di queste ci sarà una marea di benpensanti plaudenti, tanto mica abbiamo segreti noi.

Vai avanti tu che a me…

Stefano Boraso
Utente CDC
Risposta al commento di  Pfefferminz
27 Luglio 2021 15:44

Ciao Mentapiperita,hai letto quello che ha detto la portavoce di angelina qui in germania? Cose gravissime !
Ciao

Pfefferminz
Utente CDC
Risposta al commento di  Stefano Boraso
27 Luglio 2021 16:51

“Cose gravissime”

Più gravi di quello che ha detto Draghi ?

“L’appello a non vaccinarsi è l’appello a morire. Non ti vaccini, ti ammali, muori. Oppure fai morire. Non ti vaccini, contagi, lui o lei muoiono.”

Racconta, cosa ha detto la portavoce di Mutti der Nation?

Ultimo aggiornamento 1 mese fa effettuato da Pfefferminz
danone
Utente CDC
27 Luglio 2021 0:09

Per me le varianti non esistono come problema sanitario reale.
Stanno utilizzando le varianti, come sospettavamo già, per allungare i tempi della farsa, al posto di dover tirare fuori nuovi (falsi) virus.
E’ più facile e utile per loro continuare con qualcosa di collaudato che ha già funzionato, piuttosto che ripartire da zero.
Qual’è il risultato di credere alle varianti?
Nuovo allarme, sempre paura, aumento punture ed introduzione patente sanitaria, o se no si chiude di nuovo e niente economia.
Quindi cosa facciamo, crediamo alle varianti?

PS: oggi ho sentito Calenda fare l’esempio della patente di guida per giustificare il green pass. Più o meno è arrivato a dire che tu puoi guidare senza patente nel tuo giardino, ma se vuoi uscire e andare in giro ti vuole la patente, eh. In studio, italia sera rete4, tutto ok, nessuno ha mosso.

Ultimo aggiornamento 1 mese fa effettuato da danone
Bertozzi
Utente CDC
Risposta al commento di  danone
27 Luglio 2021 10:37

La patente per portare in giro il corpo. Mi viene in mente Kafka, quando scrive “Farò, come al solito, io resterò a casa, e là manderò solo il mio corpo vestito.”

Ultimo aggiornamento 1 mese fa effettuato da Bertozzi
ducadiGrumello
Utente CDC
Risposta al commento di  Bertozzi
27 Luglio 2021 12:39

kafka sempre folgorante

alone
Utente CDC
27 Luglio 2021 0:18

Certo certo, il vaccino trasforma le persone in xmen e gli spunta un’antenna 5g come coda.
Ma che è diventato questo sito? Lercio.it?
Tutti allineati poi nei commenti al pensiero unico al grido di “chi si vaccina è da sperare che si accasci per sempre”. Complimenti per l’umanità e l’equilibrio.

Individualista
Utente CDC
Risposta al commento di  alone
27 Luglio 2021 7:12

Il fatto che tu assai verosimilmente ti sia vaccinato e voglia convincerti di non aver fatto un’ emerita [email protected]**@ta, non implica in automatico che sbaglino le altre persone. Questo sito ha subito dei cambiamenti, è vero, ma in ogni caso è sempre stato ben lontano dal mainstream. Tra l’ altro all’inizio di questa farsa, CDC manteneva la politica di un piede in due scarpe: ad un articolo sensato, ne seguiva almeno uno della Spadini (più i commenti di Ladydody…).

alone
Utente CDC
Risposta al commento di  Individualista
27 Luglio 2021 18:15

Certo, traspare verosimilmente equilibrio e saccenza dalle tue parole.
Le altre persone, come dici, ti dimostra che vivi per il “noi” e “loro” e caso vuole il noi è sempre saggio, sveglio, elevato.
Sarà ma vivo nel dubbio e cdc mi pare un monolite di certezze.

Primadellesabbie
Utente CDC
27 Luglio 2021 1:02

Segnalo qui, per non fare un post nel forum, che Dagospia, schierato senza la minima distrazione e senza pudore per i vaccinisti, ha pubblicato stasera un articolo su una presa di posizione di Cacciari e Agamben contro il pass, dove si ammette addirittura che ci sia una sperimentazione in corso.
Più un altro articoletto su una bionda che non si è vaccinata.

Primi scricchiolii o cambio di strategia?

https://www.dagospia.com/rubrica-3/politica/ldquo-green-pass-39-come-regimi-dispotici-discriminazione-277782.htm

Ultimo aggiornamento 1 mese fa effettuato da Primadellesabbie
Pfefferminz
Utente CDC
Risposta al commento di  Primadellesabbie
27 Luglio 2021 1:24

In Germania lo scricchiolio è ancora più poderoso: la Bild Zeitung, il quotidiano che esce sempre a titoli cubitali con qualche biondina in un angolo, forse non molto diverso da Dagospia, si è schierato dalla parte dei difensori dei diritti costituzionali e ieri è arrivato a dire che i pensatori laterali, i Querdenker, avevano ragione già dall’inizio.

Non so perché, ma questo mi suscita perplessità. Forse hanno già raggiunto buona parte di quello che volevano, avendo già vaccinato almeno una volta il 60% della popolazione.

Il dott. Bodo Schiffmann dal suo Info-Tour però dice che la farsa finirà presto e…che il 62% dei vaccinati, secondo le previsioni di eminenti studiosi, probabilmente morirà nel giro di 3 anni. Questo mi rattrista non poco.

Video del discorso di Bodo Schiffmann il 26 luglio 2021 a Plauen, in tedesco:
https://t.me/AllesAusserMainstream/8118

Ultimo aggiornamento 1 mese fa effettuato da Pfefferminz
oradaria
Utente CDC
Risposta al commento di  Pfefferminz
27 Luglio 2021 11:05

“che il 62% dei vaccinati, secondo le previsioni di eminenti studiosi, probabilmente morirà nel giro di 3 anni. Questo mi rattrista non poco”

Pertanto le grandi case farmaceutiche avrebbero scentemente deciso di causare la morte della maggior parte dei vaccinati per far piacere a non so bene chi?

E dimmi, fra tre anni cosa farà Pfizer? Venderà pistacchi?

Credimi vorrei solo capire.

Pfefferminz
Utente CDC
Risposta al commento di  oradaria
27 Luglio 2021 11:25

Puoi ascoltare la frase al minuto 17:53 del video che ho postato. Il dott. Bodo Schiffmann dice: “… secondo gli esperti almeno il 62% dei vaccinati morirà nel giro di 3 anni. Si tratta di statistiche. Gli esperti spiegano il perché… “. (“Experten gehen davon aus, dass innerhalb der naechsten drei Jahre mindestens 62% der Geimpften sterben werden. Es sind Statistiken. Die Experten begruenden und erklaeren das…”)

Mi sembra chiaro che si tratti di previsioni sulla base di quello che si sa oggi sui vaccini, ad esempio sul fatto che i vaccini provocano dei microcoaguli nel sangue e che questi prima o poi avranno degli effetti dannosi nell’organismo. Bodo Schiffmann non lo dice nel video, ma credo che si riferisca a esperti come Michael Yeadon e Dolores Cahill.

Non è un mistero che le vaccinazioni sono sperimentali e che al momento e fino al 2023 vengono raccolti dei dati.

Non capisco il motivo della tua sorpresa. Cosa significa per te “sperimentazione”?

Per me significa che non si conoscono gli effetti futuri. Orbene, alcuni scienziati, sulla base dei dati disponibili oggi, hanno fatto delle previsioni. Secondo te dovevano stare zitti?

Ultimo aggiornamento 1 mese fa effettuato da Pfefferminz
Primadellesabbie
Utente CDC
Risposta al commento di  oradaria
27 Luglio 2021 13:23

Cos’ha fatto Monsanto giudicando di essersi spuxxanato a sufficienza? Ha cambiato nome.

Ricordi il talidomide? Si vedono ancora persone deformate da quel farmaco, non mi risulta che la casa produttrice ora venda pistacchi.

emilyever
Utente CDC
Risposta al commento di  Primadellesabbie
27 Luglio 2021 8:16

La bionda è l’attrice Claudia Gerini…infatti da un po’ di tempo sono scomparsi in tv i suoi spot su una marca di pasta, magari è un caso

Primadellesabbie
Utente CDC
Risposta al commento di  emilyever
27 Luglio 2021 9:16

Leggo sempre i tuoi ragguagli mediatici, per uno come me che non usa radio o tv da decenni (tranne poche e selezionate partite di calcio), sono preziosi.

Quando leggo nomi che sembrano essere molto ‘famosi’, che non conosco (ci sono stati Primi Ministri che non ho mai sentito parlare) percepisco tutto il mio dorato (?) isolamento.

Freccia
Utente CDC
27 Luglio 2021 7:17

Niente, l’autunno/inverno dira’ come andra’ ma a questo punto non vorrei essere tra i vaccinati. Pur avendo i genitori(85 /88 anni capibile) e tutti i fratelli vaccinati(meno compresibile, perche’ hanno vaccinato i loro ragazzi) dico solo chi e’ causa del suo male pianga se stesso
.
Da settembre/ottobre ricomincio ad assumere la mia vitamina D 10000un, k2, vitamina C preventiva e tengo a portata di mano il duo Azithromycina/idrossiclorochina in caso di necessita’.

I vaccinati chiedano aiuto a Burioni/Bassetti /Galli e affini…e preghino se ne sono ancora capaci.

IlContadino
Utente CDC
27 Luglio 2021 7:42

L’altro giorno mia moglie si sente con un’amica, si devono accordare su quando andare a fare visita ad una amica comune che ha da poco partorito. Si accordano per un preciso giorno, e lei fa:” Spero di riuscire, di non stare male, devo fare la seconda dose, la prima mi ha tenuto a letto per giorni”. Ho pensato che non va bene, non si fa, non puoi vaccinarti e andare a spasso come nulla fosse, prendere in braccio una creatura di poche settimane il giorno dopo la puntura; un minimo di isolamento bisognerà farlo. Ai vaccinati: anche se non ve lo dicono pensateci voi a questa cosa, siate responsabili. Avessi un infante lo proteggerei dai neo vaccinati.

Pfefferminz
Utente CDC
Risposta al commento di  IlContadino
27 Luglio 2021 10:29

“…devo fare la seconda dose, la prima mi ha tenuto a letto per giorni”

Io non capisco. Si fanno la seconda dose di vaccino, dopo che la prima dose gli ha causato dei disturbi? Non è bastata la prima come avvertimento? Presumo che certa gente si farebbe vaccinare anche se al momento della inoculazione gli consegnassero un sacco per la salma.

IlContadino
Utente CDC
Risposta al commento di  Pfefferminz
27 Luglio 2021 10:53

Non so Pfe, non so più che pensare. Cerco di ragionare con la testa degli altri, mi sforzo. Allora mi dico che se sei stato allettato dalla prima dose puoi comprendere che con la vaccinazione il tuo corpo ha subito un colpo, ha avviato dei processi che non lo rendevano idoneo al vivere quotidiano, ti ha tenuto a casa, a “guarire” dal vaccino. Vuol dire che quando ti vaccini sei malato, non puoi andare in mezzo alla gente come nulla fosse, soprattutto in visita ad una neo mamma.
Sembra che chi crede al vaccino sia fatto esente da ogni responsabilità, non mi piace.

Stefano Boraso
Utente CDC
27 Luglio 2021 17:19

Ma chi lo dice,delta e varie altre varianti di INFLUENZA!?!?
BOH!
Perchè stiamo ancora parlando di un influenza manipolata,,,

Divoll
Utente CDC
27 Luglio 2021 22:38

Mi rivolgo a qualcuno dei blogmaster. Questo video https://brandnewtube.com/watch/RlmKScwsMf6ATEG
contiene rivelazioni davvero straordinarie sui brevetti dei coronavirus e dei cosiddetti vaccini mRna. Rivelazioni che dimostrano la natura intenzionale e criminale della pandemia, fatte da uno specialista che lavora proprio nell’organizzazione dei brevetti americani per virus di laboratorio e vaccini, basate su documenti reali, perfino consultabili pubblicamente (a saperlo). Io, purtroppo, non ho il tempo di tradurlo dall’inglese o dal tedesco, se qualcuno puo’ farlo sarebbe una cosa molto, molto importante. Possibilmente, prima che il video sparisca.

Ultimo aggiornamento 1 mese fa effettuato da Divoll
Divoll
Utente CDC
Risposta al commento di  Divoll
27 Luglio 2021 22:44

E’ davvero scioccante.Questa roba deve diventare nota al numero maggiore possibile di persone.

Ultimo aggiornamento 1 mese fa effettuato da Divoll
Pfefferminz
Utente CDC
Risposta al commento di  Divoll
28 Luglio 2021 9:59

Buongiorno Divoll, l’intervista è già stata tradotta in italiano. Qui su ComeDonChisciotte abbiamo già discusso sull’argomento qui:

https://comedonchisciotte.org/forum/notizie-dal-mondo/dr-davide-e-martin-intervista-del-corona-ausschuss/paged/2/

La conclusione è che probabilmente i brevetti esistono veramente, ma che forse non hanno a che fare con la falsa pandemia.

Il professore di diritto Dr. Martin Schwab si è assunto il compito di indagare più a fondo e di riferire poi al Corona-Ausschuss.

Divoll
Utente CDC
Risposta al commento di  Pfefferminz
28 Luglio 2021 15:30

Ti rigrazio dell’info e del link, non sapevo. Ne sono molto lieto. Da quel che ho ascoltato, sembra invece che quei brevetti avessero a che fare sia col virus che con i vaccini, specificamente Moderna. E’ un fatto che sia stato brevettato prima che scoppiasse l’epidemia, cosa di per se’ gia’ molto significativa, perche’ vuol dire che hanno cominciato a svilupparlo come minimo un anno, se non due o piu’, prima.
Ad ogni modo, il sen. Rand Paul si sta battendo al Congresso per mandare Fauci a processo. Mi chiedo anche se il vero motivo dell’improvviso divorzio di Bill Gates non sia da ricercarsi nella previsione di un’eventuale arresto. Forse il mio e’ solo wishful thinking, chissa’. Ma secondo me tra qualche mese molti nodi verranno al pettine.

Ultimo aggiornamento 1 mese fa effettuato da Divoll
37
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x