Se Kennedy non avesse ascoltato Krusciov

DONA A COMEDONCHISCIOTTE.ORG PER SOSTENERE UN'INFORMAZIONE LIBERA E INDIPENDENTE:
PAYPAL: Clicca qui

STRIPE: Clicca qui

 

Ted Snider – Antiwar.com – 4 ottobre 2022

 

Questa orribile guerra, che si sarebbe potuta evitare, che non avrebbe dovuto essere scatenata e che si sarebbe potuta concludere in anticipo con un accordo negoziale, ha raggiunto un baratro inimmaginabile. Le principali parti in causa, Russia, Ucraina e Stati Uniti, possono continuare sulla strada dell’escalation e andare oltre l’orlo del baratro, oppure possono iniziare a parlare e ad ascoltarsi a vicenda.

La Russia ha ormai capito che non ci saranno negoziati con l’Occidente. Le richieste di Putin di negoziare prima della guerra, avanzate nel dicembre 2021, e la proposta russa di garanzie di sicurezza reciproche sono state respinte dagli Stati Uniti. All’inizio della guerra, il Dipartimento di Stato ha dissuaso l’Ucraina dal perseguire i propri interessi e dal negoziare la fine della guerra, a favore del proseguimento per combattere per interessi statunitensi più ampi. Quando una soluzione negoziata era a portata di mano e sembrava che la guerra non sarebbe durata ancora a lungo, il ministro degli Esteri della Turchia, la nazione che aveva ospitato i promettenti colloqui di Istanbul, ha accusato che la promessa di pace era stata uccisa da “paesi della NATO che vogliono che la guerra continui“.

Il 21 settembre Putin ha dichiarato di “voler rendere pubblico per la prima volta” che “dopo l’inizio dell’operazione militare speciale, in particolare dopo i colloqui di Istanbul, i rappresentanti di Kiev hanno dato una risposta piuttosto positiva alle nostre proposte. Queste proposte riguardavano soprattutto la garanzia della sicurezza e degli interessi della Russia. Ma una soluzione pacifica ovviamente non piaceva all’Occidente, ed è per questo che, dopo aver coordinato alcuni compromessi, a Kiev è stato ordinato di mandare all’aria tutti questi accordi“. La Russia aveva capito che probabilmente non ci sarebbe stata una fine negoziata della guerra.

La Russia si è anche resa conto che non stava più combattendo la guerra regionale contro l’Ucraina che aveva iniziato. La risposta dell’Ucraina era stata “dirottata” dagli Stati Uniti, trasformando la guerra in un più ampio scontro tra la Russia, gli Stati Uniti e la NATO. L’entità della fornitura di armi da parte dell’Occidente, combinata con l’addestramento e l’intelligence mirata, aveva già indotto la Russia a ritenere che gli Stati Uniti rischiassero di oltrepassare quel limite. Già alla fine di aprile, il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov aveva affermato che “la NATO, in sostanza, è impegnata in una guerra con la Russia attraverso un proxy e sta armando questo proxy“.

Ma, dal punto di vista della Russia, il superamento della linea di demarcazione non poteva più essere negato dopo la controffensiva ucraina di settembre, che ha messo in luce il coinvolgimento diretto degli Stati Uniti, tra cui la condivisione di intelligence che, secondo quanto riportato dal New York Times, “ha permesso agli Stati Uniti di fornire informazioni migliori e più rilevanti sulle debolezze della Russia” e di aumentare “i flussi di intelligence sulla posizione delle forze russe, evidenziando i punti deboli nelle linee russe”. Gli Stati Uniti hanno poi giocato alla controffensiva con le forze armate ucraine e le hanno consigliate sulle “strade per la controffensiva [che] probabilmente avrebbero avuto più successo di altre“. Gli Stati Uniti fornivano tutto, tranne i soldati che sarebbero morti: fornivano le armi, l’addestramento, l’intelligence e il piano.

La Russia si era resa contodi essere in guerra diretta con gli Stati Uniti, che questa è ormai una guerra americana“. Il 21 settembre Putin ha detto che la Russia sta combattendo “l’intera macchina militare occidentale“. E per la Russia questo significava che, anche se l’Ucraina non era nella NATO, la minaccia esistenziale che molto prima di Putin era stata la linea rossa della Russia, la NATO era in Ucraina. Questa conclusione è stata rafforzata dalla dichiarazione di Zelensky del 30 settembre: “Di fatto, siamo già entrati nella NATO“.

La NATO è in Ucraina e l’Ucraina è “de facto” nella NATO. Nel 2008, quando la NATO promise al vertice di Bucarest che l’Ucraina sarebbe diventata un membro della NATO, la Russia dichiarò che si trattava di una minaccia esistenziale che avrebbe fermato. Secondo i resoconti russi dell’epoca, Putin “andò su tutte le furie” e promise che “se l’Ucraina entrerà nella NATO, lo farà senza la Crimea e le regioni orientali”.

Il 30 settembre si è tenuta a Mosca una cerimonia ufficiale di firma, dopo i referendum di Donetsk, Luhansk, Kherson e Zaporizhzhia, che hanno dato il via al processo di inserimento delle quattro regioni orientali nella Russia.

La Russia ha promesso di usare tutte le armi necessarie per difendere il suo territorio. Le regioni orientali dell’Ucraina sono ora considerate dalla Russia come suo territorio. Per garantire la forza necessaria a mantenere la promessa di difendere il suo territorio ampliato, la Russia ha contemporaneamente ordinato una mobilitazione parziale di 300.000 riservisti.

La guerra si è ora intensificata fino al limite. Le due parti si sono spinte al massimo senza rischiare di andare oltre. Sebbene l’Ucraina non sia ufficialmente nella NATO, la NATO è in Ucraina, completando la spinta a est verso i confini della Russia, come Mosca temeva da tempo. La Russia ha ora annesso le regioni orientali come aveva promesso nel 2008 se la NATO fosse entrata in Ucraina e coerentemente con l’obiettivo dichiarato di proteggere i cittadini russi nel Donbas, sia attraverso l’autonomia, l’indipendenza o l’annessione alla Russia. Avendo raggiunto questo punto cruciale, la Russia ha chiesto la ripresa dei colloqui. Il 30 settembre, in una frase del suo discorso alla cerimonia della firma che non è stata riportata in Occidente, Putin ha invitato Kiev a tornare ai colloqui: “Chiediamo al regime di Kiev di cessare immediatamente il fuoco, tutte le ostilità, di fermare la guerra che Kiev ha iniziato nel 2014 e di tornare al tavolo dei negoziati“.

C’è una breve finestra per la Russia, l’Ucraina e gli Stati Uniti per agire sulla base di questa responsabilità morale e tornare indietro dall’orlo del baratro e riprendere le trattative di pace.

Non è la prima volta che la Russia percepisce la necessità di minacce nucleari. Nel 1962, la Russia aveva notoriamente piazzato missili nucleari a Cuba. Meno notoriamente, nell’aprile 1999, in una furiosa telefonata mentre il bombardamento del Kosovo da parte della NATO giungeva al culmine, Boris Eltsin avvertì il Presidente Clinton: “Non spingete la Russia in questa guerra? Lei sa cos’è la Russia, sa cosa ha a disposizione!“.

Gli Stati Uniti e la Russia quella volta hanno parlato e ascoltato. Ci volle tempo e le relazioni furono forse irrimediabilmente danneggiate, ma fu raggiunto un compromesso. La NATO interruppe i bombardamenti sul Kosovo, le forze serbe si ritirarono e vennero dispiegate in Kosovo forze di pace NATO e russe sotto la bandiera dell’ONU.

Nel 1962, anche Kennedy e Kruscev ascoltarono e parlarono, anche se segretamente. Nel 1962, Kruscev temeva l’aggressione americana a Cuba. L’Operazione Mangusta di Kennedy aveva l’obiettivo esplicito di rovesciare Castro. Quando Edward Lansdale, che dirigeva l’operazione, stilò il calendario del colpo di Stato, disse che “il successo finale richiederà un intervento militare americano decisivo”. Inoltre, Kruscev temeva un’aggressione americana in Russia: gli Stati Uniti avevano missili Jupiter in Turchia e in Italia, completi di testate nucleari. Kennedy e Kruscev si allontanarono di un passo indietro dall’orlo del baratro. Lo scambio di messaggi segreti portò ai negoziati. La Russia avrebbe rimosso i suoi missili nucleari se gli Stati Uniti avessero rimosso i loro missili nucleari. Per sentirsi sicuro nel rimuovere i missili da Cuba, Kruscev chiese inoltre garanzie che gli Stati Uniti non avrebbero invaso Cuba. Kennedy accettò di fornire una promessa informale di non invasione.

Gli Stati Uniti e la NATO non hanno mantenuto la promessa di non espandere la NATO a est della Germania e si sono fatti beffe delle preoccupazioni e delle linee rosse della Russia avvicinandosi ai suoi confini. La Russia si è inasprita lanciando una guerra contro l’Ucraina. Gli Stati Uniti hanno continuato l’escalation con un coinvolgimento più profondo e diretto nella guerra. La Russia si è ulteriormente inasprita annettendo le regioni orientali. Ora è il momento di porre fine all’escalation e di iniziare urgentemente ad ascoltare e a tornare a parlare.

Cosa sarebbe successo se Kennedy non avesse ascoltato Kruscev e se i due non avessero parlato segretamente?

 

ted_snider Ted Snider si è laureato in filosofia e scrive sull’analisi dei modelli della politica estera e della storia degli Stati Uniti.

 

 

Link: https://original.antiwar.com/Ted_Snider/2022/10/03/if-kennedy-hadnt-listened-to-khrushchev/

 

Scelto e tradotto (IMC) da CptHook

 

ISCRIVETEVI AI NOSTRI CANALI
CANALE YOUTUBE: https://www.youtube.com/@ComeDonChisciotte2003
CANALE RUMBLE: https://rumble.com/user/comedonchisciotte
CANALE ODYSEE: https://odysee.com/@ComeDonChisciotte2003

CANALI UFFICIALI TELEGRAM:
Principale - https://t.me/comedonchisciotteorg
Notizie - https://t.me/comedonchisciotte_notizie
Salute - https://t.me/CDCPiuSalute
Video - https://t.me/comedonchisciotte_video

CANALE UFFICIALE WHATSAPP:
Principale - ComeDonChisciotte.org

Potrebbe piacerti anche
Notifica di
37 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
37
0
È il momento di condividere le tue opinionix