Home / Attualità / Ogni “click” ci porta un po’ più vicini al “bang!”
Black and white, woman pointing a old gun to front with one Hand on dark background

Ogni “click” ci porta un po’ più vicini al “bang!”

DI THE SAKER

thesaker.is

Trump ha tirato il grilletto, ma, invece di un “bang”, quello che il mondo ha sentito è stato un modesto “click”. Considerando che stiamo parlando di un gioco estremamente pericoloso, una roulette russsa anglosionista, possibilmente nucleare, il “click” è davvero una buona notizia. Ma, per usare le parole di Nikki Haley, la “pistola” americana è sempre “carica e pronta”.

Ci sono diverse versioni su quanto accaduto veramente, ma io credo che la spiegazione più plausibile di quel “click” consista nella combinazione di due eventi.

1. Gli Americani hanno fatto di tutto per non dare neanche l’impressione di voler attaccare le forze russe o iraniane in Siria. Con regole di ingaggio di questo tipo, è stato facile per la contraerea siriana prevedere l’elenco degli obbiettivi e le traiettorie di volo dei missili statunitensi.

2. La difesa aerea siriana, integrata ora nella rete russa C4ISR e probabilmente migliorata, ha performato molto meglio di quanto si aspettasse la maggior parte della gente.
Francamente, non so chi negli Stati Uniti debba assumersi il merito di aver fatto la cosa giusta, ma questa persona(e) merita(no) la nostra gratitudine collettiva. Si dice che sia stato Mattis, altri indicano Dunford ed altri ancora lo stesso Trump (io ne dubito). Ribadisco, non so chi lo abbia fatto, ma questa azione merita degli applausi a scena aperta. Il fatto che questa (prevedibilmente) penosa performance sia stata camuffata con ridicole dichiarazioni, tipo “un attacco perfetto” e “tutti i missili hanno raggiunto gli obbiettivi” è procedura comune, un esercizio di base per tentare di salvare la faccia e placare i Neoconservatori, sempre assetati di sangue. La lezione più importante che si può ricavare da questi ultimi sviluppi è che nelle posizioni chiave degli Stati Uniti ci sono ancora uomini che hanno fatto quello che bisognava fare per evitare una escalation catastrofica in Siria. La domanda ora è: per quanto tempo queste “forze mentalmente sane” (in mancanza di un’identificazione migliore) continueranno a resistere ai “pazzi”?

Non c’è bisogno di dire che la lobby israeliana ed i Neoconservatori sono assolutamente furibondi. E, aggiungendo la beffa al danno, i Russi ora dicono di voler fornire ai Siriani le batterie di S-300 (con cui sarebbero in grado di seguire ed ingaggiare gli aerei israeliani praticamente fin dal decollo). Vorrei aggiungere che gli Israeliani si sono fatti tutto da soli, con i loro attacchi missilistici nel momento peggiore, ma il fatto che si siano dati da soli la zappa sui piedi non è, per loro, meno doloroso.
Il problema maggiore, però, è che questo risultato, in sé molto positivo, in realtà non risolve nulla.

Le problematiche-chiave non risolte sono:

1. C’è qualcuno, in particolare il Consiglio di Sicurezza dell’ONU e/o la Russia, che può porre il veto alle mosse egemoniche anglo-sioniste in ogni parte del pianeta? La posizione ufficiale degli Stati Uniti è un categorico “no!”. Quello che si è visto in Siria, però, spinge fortemente per un “si”.

2. Vorranno gli stati Uniti accettare il fatto che l’Egemonia non è riuscita a rovesciare il governo siriano e che i Siriani hanno vinto la guerra? Su questo argomento la posizione americana ha zigzagato numerose volte, ma direi che il campo dei “no” è molto più forte di quello dei “si”. L’atteggiamento attuale degli Stati Uniti in Siria fa chiaramente capire che non sono ancora pronti a “cantar vittoria e partire”.

3.  Sono state sufficienti le (pseudo) chimiche false-flag degli Skripal e di Douma per riportare sotto il controllo dell’Anglosfera l’Unione Europea post-Brexit e sono riusciti gli Anglo-Sionisti a cementare un fronte unito per una “Crociata contro la Russia”? La maggior parte dei governi dell’UE ha avallato tutte le stupidaggini e le violazioni delle leggi internazionali con il pretesto della “solidarietà”, ma in questa apparente unità ci sono comunque delle fratture.

In questo momento, la situazione è estremamente fluida e ci sono troppe variabili potenziali per poter fare una previsione che sia anche solo poco più di una congettura casuale. La sola cosa certa è che questo confronto fra l’Egemonia anglo-sionista e la Russia è lungi dall’essere terminata, sia in Siria che altrove (Ucraina).

In pratica, il nostro pianeta deve scegliere fra due ordini mondiali, che si escludono a vicenda.

In questo momento, l’”Occidente collettivo” è impegnato in uno sforzo veramente titanico per preservare l’Egemonia, ma i presagi sono ormai abbastanza chiari, da qui derivano tutte le stupide sceneggiate che vediamo fare da personaggi come Trump, la May e Macron. In questo contesto, la guerra in Siria è sopratutto una guerra, fatta dagli Americani, per mantenersi il diritto di fare tutto ciò che si vuole, infischiandosene delle leggi internazionali, dei fatti, della logica ed anche del buon senso. Il messaggio di Nikki Haley al mondo è stato semplice, coerente e schietto in modo meraviglioso: “Noi siamo l’Egemone, noi siamo al di sopra di tutto e di tutti, al di sopra di voi e di tutte le vostre leggi e dei vostri principi. Siamo anche al di sopra dei fatti e della logica. Inchinatevi ed adorateci, altrimenti sarà peggio per voi!”.

Il problema per gli Anglo-Sionisti è che, se da un lato la maggior parte dei leaders occidentali ha accettato queste condizioni (questo è il significato odierno della “solidarietà”), il resto del mondo sta, in silenzio ma attivamente, cercando il modo per verificare la fattibilità di opzioni differenti e anche nazioni relativamente deboli e/o minuscole (la Bolivia, per esempio) sono disposte a rigettare pubblicamente questo diktat anglosionista. Per quanto riguarda Russia e Cina, esse stanno già di fatto creando un nuovo ordine mondiale, alternativo e multipolare, dove all’Anglosfera sarà riconosciuto unicamente il ruolo di “uno fra molti”, non certo quello di razza padrona planetaria in cui si identificano i suoi leaders.

E’ interessante (notare) che la tattica principale scelta dall’“Occidente collettivo” per rispondere a queste sfide sia stata praticamente il rifiuto della realtà e la preoccupazione per le apparenze, piuttosto che per i fatti reali. Da qui l’“attacco perfetto”. Carl Rove l’aveva detto meglio quando aveva affermato: “Noi ora siamo un impero, e quando agiamo, noi creiamo la nostra stessa realtà. E mentre voi studierete quella realtà, e lo farete in modo giudizioso, noi agiremo ancora, creando altre nuove realtà, e potrete studiare anche queste, ed è così che saranno organizzate le cose. Noi siamo gli attori della storia… e a voi, a tutti voi, non rimarrà altro da fare che studiare quello che noi facciamo”.

Negli anni ‘90 c’era un detto popolare anonimo che diceva “non avete vinto fintanto che la CNN non dice che avete vinto”. Oggi vediamo qualcosa del genere, solo al contrario: non avete perso fintanto che la CNN non dice che avete perso. Ho avuto un inquietante déjà-vu quando  Trump ha twittato “missione conclusa”, ripetendo le stesse identiche parole dette da Dubya sulla sua portaerei, un attimo prima che in Iraq si scatenasse veramente l’inferno (posso immaginare  come abbiano rabbrividito a queste parole quelli del CENTCOM, che pare siano molto arrabbiati!). Penso che Marx avesse ragione, quando diceva che “la storia si ripete, prima come tragedia, poi come farsa”. Il Medio Oriente soffre da molto tempo ed ha sicuramente visto troppe tragedie, ma temo che ciò a cui abbiamo appena assistito, l’ultimo attacco americano alla Siria, sia stata la farsa e che la vera tragedia debba ancora arrivare.

I Neoconservatori si possono grossomodo dividere in due tipi: quelli abbastanza stupidi da credere che gli ultimi attacchi sono stati, veramente, un successo strepitoso e quelli abbastanza svegli da capire che è stato tutto un patetico flop. Il primo tipo sarà ringalluzzito dalla sensazione di totale impunità (e, difatti, gli Stati Uniti l’hanno fatta franca, nonostante questa grave violazione di tutte le norme del vivere civile e delle leggi internazionali), mentre il secondo tipo continuerà a chiedere attacchi ancora più massicci. Mettete insieme i due ed avrete la ricetta perfetta per una situazione esplosiva.

Ed ora la notizia veramente brutta: le forze di terra degli Stati Uniti (l’esercito) sono praticamente inservibili, la marina e l’aviazione sono nei guai, in grossi guai: la flotta di superficie è diventata quasi obsoleta a causa del missile russo Kinzhal, mentre l’aviazione non sembra in grado di operare in presenza di moderni missili terra-aria russi. Nessuna di queste forze sembra in grado di fare qualcosa che non sia un enorme spreco di denaro o l’uccisione di un sacco di gente, sopratutto civili. Proprio come i suoi alleati israeliani e sauditi, le forze armate americane semplicemente non sono in grado di affrontare un nemico serio ed in grado di difendersi. C’è solo un settore delle forze armate americane ancora in grado di espletare appieno la sua funzione: la triade nucleare statunitense. Da qui tutti i tentativi dei pianificatori e degli strateghi militari americani per trovare una dottina che non solo giustifichi l’uso delle armi atomiche come deterrente, ma che le riconcettualizzi al rango di normali strumenti bellici (difesa antimissile, microatomiche, ecc.). Mettetela così: gli unici mezzi di aggressione credibili (nel mondo reale) rimasti all’Impero sono le armi atomiche. Molte (la maggior parte? delle) persone non se ne rendono (ancora) conto, ma, con il fallimento degli attacchi convenzionali, questa realtà sarà sempre più difficile da nascondere.

Sarà in grado la gente, che questa volta è riuscita a sventare il piano dei Neoconservatori per un vero e duro attacco alla Siria e probabilmente anche contro la task force russa in Siria, ad avere successo una prossima volta? Non lo so. Ma non posso ignorare il fatto che ogni “click” ci porta sempre più vicini al “bang”. E questo mi fa capire come l’unica, vera soluzione a questa situazione estremamente pericolosa sia quella di trovare il modo di togliere il dito dal grilletto o, meglio ancora, togliere la pistola al pazzo che ce la punta addosso.

 

The Saker

Fonte: https://thesaker.is

Link: http://www.unz.com/tsaker/each-click-brings-us-one-step-closer-to-the-bang/

20.04.2018

 

Scelto e tradotto  per www.comedonchisciotte.org da MARKUS

 

Pubblicato da Davide