NON SIAMO TUTTI NELLA STESSA BARCA

AVVISO PER I LETTORI: Abbiamo cambiato il nostro indirizzo Telegram. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale ufficiale Telegram .

DI CARLO MARTINI

facebook.com

In riferimento ai minimo 9 milioni di morti per inquinamento (il 16% dei decessi globali, più di quelli per fame, incidenti stradali, qualsiasi malattia infettiva, guerra o violenza, con conseguenze sulla biodiversità e sull’economia globale di proporzioni cosmiche) possiamo anche farla finita con questo pensiero del “destino comune”.

Il rapporto della Lancet Commission on Pollution & Health chiarisce – fortissimamene – che le vittime sono sopratutto i poveri, che si trovano a vivere nelle zone più inquinate e con meno strumenti per potersene allontanare o difendere.

Per non parlare di tutte le altre specie viventi, che non hanno nemmeno i mezzi per potersi organizzare e dichiararci guerra.

Dall’altra parte, c’è una minoranza di ultra-magnaschei (compreso il fondatore di questo mezzo informatico, che non casualmente ho scelto di usare in buona parte per parlare di equità) con un potere talmente esteso che potrebbero sopravvivere e anzi prosperare in qualsiasi condizione apocalittica, fosse anche creando un ambiente interamente artificiale, a loro esclusivo uso e consumo, su questo pianeta o a breve su altri.

Non siamo tutti fratelli, e non vogliamo tutti le stesse cose. Bisogna prenderne atto.

 

Carlo Martini

Fonte: www.facebook.com

Link: https://www.facebook.com/photo.php?fbid=723229661205067&set=a.192111567650215.1073741832.100005541180315&type=3&theater

21.10.2017

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
28 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
28
0
È il momento di condividere le tue opinionix