Le 10 domande che nessun giornalista ha il coraggio di fare

di Valentina Bennati
comedonchisciotte.org

Matteo Gracis, giornalista indipendente, da marzo 2020 sia nelle dirette online che negli eventi dal vivo, va ripetendo un concetto semplice e fondamentale: il giornalismo dovrebbe essere controllore del potere e non controllato da esso. In questi mesi ha sottolineato più volte, invece,  come i mass media si siano “del tutto trasformati nell’ufficio stampa delle istituzioni, veri e propri megafoni delle autorità e del governo”.

Pubblichiamo – accompagnato dalla trascrizione – il video del suo recente intervento alla manifestazione “Primum Non Nocere” che si è tenuta a Bologna il 22 maggio (riprese e montaggio video di Byoblu).

* * *

Sono un giornalista, sto girando l’Italia e continuano a fermarmi, a dirmi grazie, a chiedermi i selfie, gli autografi. Ma faccio il mio lavoro, non faccio niente di più, né di meno. E’ sorprendente che si chiedano i selfie o si facciano i cori da stadio a un giornalista, dovrebbe essere la normalità (fare il proprio lavoro) e invece, evidentemente, non lo è.

Io ho iniziato un anno fa a condividere semplicemente le mie domande, i miei dubbi su quello che stava succedendo perché da giornalista libero quale sono, sono estremamente convinto del fatto che IL VERO GIORNALISMO non vi costringerà mai a credere, ma vi porterà a dubitare. Questa è la base.

Ora, per la giornata di oggi mi sono immaginato di trovarmi di fronte a uno dei nostri ministri, a uno dei nostri politici o a qualche esperto di scienza per poterlo finalmente intervistare in prima serata. Allora mi sono appuntato queste 10 domande che, in realtà, hanno tutte un unico cappello ovvero “PERCHE’?”.

Non c’è più nessuno che domanda: “perché”? Eppure è la domanda più semplice del mondo, è quella che i nostri figli ci insegnano da quando iniziano a parlare: “mamma, perché il sole è giallo? perché l’aria è fresca?”.

I perché non esistono più. Questi sono i 10 perché che rivolgerei a qualunque rappresentante delle istituzioni che da un anno e mezzo decide di condizionare così pesantemente la nostra vita.

 

Ecco, gli chiederei PERCHE’ :

 

Innanzitutto PERCHE’ – nonostante stiamo entrando nell’era delle pandemie, come ci hanno detto in Europa –  non si è mai parlato, un singolo giorno, dell’importanza del sistema immunitario, dello stile di vita, dello sport, dell’alimentazione? PERCHE’?

 

E poi chiederei, come seconda domanda, PERCHE’ non si è mai pensato di tutelare le fasce deboli, ovvero gli anziani, e di lasciar vivere tutto il resto della popolazione. PERCHE’?
E’ l’Istituto Superiore della Sanità che ci dice che la media dei decessi per covid in Italia è 80 anni, su soggetti con tre o più patologie. Allora, è giusto difendere gli anziani, ci mancherebbe altro, sono la nostra storia, le nostre radici, però sono anche il nostro passato e non si può pensare di castrare il nostro futuro per tutelare il nostro passato, è un ragionamento schizofrenico. Ma è quello che stiamo facendo.

 

PERCHE’ adesso la narrazione è che, grazie ai vaccini, stanno calando i contagi, nel momento in cui un anno fa, senza vaccini, i numeri erano gli stessi se non migliori? PERCHE’ nessuno lo domanda?

 

PERCHE’ nessuno dei miei colleghi in televisione cerca di porre una riflessione e afferma: “E’ troppo comodo dare la colpa di tutto quello che è successo e sta succedendo a un virus, la colpa non è di un virus ma della sua gestione”. E’ completamente diverso!  Ecco qua non stiamo parlando di negazionismo, di complottismo, è una critica politica – penso anche lecita – nel momento in cui hanno modificato così tanto le nostre vite. PERCHE’ nessuno pone queste questioni?

 

PERCHE’ continuiamo a mandare in televisione ogni giorno questi esperti virologi che si contraddicono tra di loro e da un anno e mezzo continuano a cambiare versione dei fatti?
Uno dice: “Ho l’ospedale pieno di pazienti con varianti del covid” e il giorno dopo viene smentito dal suo  stesso ospedale. E alla domanda:  “Ma alla fine questi vaccini funzionano?” Risponde: “Funzionicchiano”.
Ma come “funzionicchiano”?
Io sono padre di due bimbi di 4 e 9 anni. Allora quando mi chiameranno per portare i miei figli a vaccinarli prenderò una mazza da baseball e scriverò sulla mazza da baseball ‘funzionicchia’, poi a quel punto andrò dal dottore che vuole vaccinarli e gli dirò “Non preoccuparti ho la mazza, ma funzionicchia”.
A proposito dei figli, svesto per un attimo i panni del giornalista e assumo solo quelli del padre e dico una cosa, non a voi, ma a chi ci ascolta – perché è chiaro che ascoltano – e dico: state alla larga dai nostri figli!
E sia chiaro, è una minaccia. Mi assumo tutte le responsabilità di questa frase e lo sottolineo: la mia è una minaccia! State alla larga dai bambini perché i veri moderati siamo noi che non vi abbiamo ancora appeso a testa in giù.

 

Ritorno nei panni del giornalista.
PERCHE’ in televisione, sui giornali nazionali e nelle radio, nessuno parla di questo Grande Reset? Non è una teoria cospirazionista, l’hanno citata anche prima, è un programma che fa parte dell’agenda politica presentato dal World Economic Forum e stiamo assistendo alla sua messa in atto giorno dopo giorno, alla velocità della luce, grazie a una pandemia.
All’interno del Grande Reset c’è l’abolizione del contante, la didattica a distanza, i passaporti vaccinali. E allora: PERCHE’ non parliamo di una cosa che influenza così tanto le nostre vite? Sembra un tabù, non se ne può parlare.

 

PERCHE’ nessuno si preoccupa che abbiamo creato un popolo di ipocondriaci?  Siamo un popolo di ipocondriaci, ma nessuno pare preoccuparsi di tutto questo. Ci vorranno decenni per uscire da questo virus che non è sars-cov-2 – che personalmente non ho mai negato – piuttosto il vero virus è quello della paura, perché il problema più grande, signori, che guida da più di un anno la stragrande maggioranza della popolazione italiana, è la paura che ha superato la voglia di vivere. E allora si è già morti quando succede una cosa del genere.

 

PERCHE’ si continuano a ignorare gli evidenti conflitti di interesse che ci sono, uno fra tutti l’Agenzia Europea per il Farmaco, ovvero coloro che dovrebbero essere preposti a dire se un farmaco può andare in commercio o no, compreso un vaccino?
La gente pensa: “Beh, da chi vuoi che sia finanziata? Sarà finanziata da noi con le nostre tasse perché deve essere un ente indipendente!
NO: all’ 84% è finanziata dalle case farmaceutiche. Ma che credibilità può avere e come faccio io a fidarmi di un ente del genere? Come si fa a non tirare fuori conflitti di interesse di questa dimensione?

 

E, infine, il più grande scandalo di tutti, il più grande perché:
PERCHE’ il Governo continua a ostacolare  le cure domiciliari? PERCHE’? Ci  devono dare una risposta!
Hanno fatto un ricorso per tornare al paracetamolo e la vigile attesa senza una motivazione e nessuno che gli fa questa domanda: PERCHE’?
Magari hanno delle motivazioni valide, ma io – da cittadino e da giornalista – è la prima domanda che farei!
PERCHE’ tu, Speranza, stai ostacolando i dottori che ti svuotano gli ospedali e curano le persone che hanno il covid ?

 

IL GIORNALISMO DOVREBBE ESSERE CONTROLLORE DEL POTERE, NON CONTROLLATO DA ESSO, ma oggi è questo che succede in Italia e allora, a questo punto, io non posso dirvi che cosa fare, in tanti me lo chiedono: “Matteo cosa facciamo?”.
Non lo so!  Posso dirvi  personalmente quello che faccio io ormai da mesi. E sto facendo tre cose semplici: resisto, faccio rete e disobbedisco. Questo faccio.

Winston Churchill, che era uno che ne sapeva un po’ di politica e di sociologia, disse: “Se sotto il cartello ‘Vietato fumare’ trovi una persona che fuma, gli fai una multa. Se sotto il cartello ‘Vietato fumare’ trovi 20 persone che fumano, gli chiedi di spostarsi. Se sotto il cartello ‘Vietato fumare’, trovi 2000- 20mila persone che fumano, togli il cartello”.

Io il cartello l’ho tolto da un pezzo, voi fate un po’ come vi pare.
Detto questo la più grande forma di resistenza in questo momento è tenere alto l’umore, essere felici senza paura e rendersi conto che, nonostante tutto, stiamo vivendo un momento incredibile e abbiamo un’opportunità di cambiamento e di rivoluzione che non abbiamo mai avuto.

Matteo Gracis
Intervento Manifestazione “Primum Non Nocere”
22 maggio 2021 – Bologna


ComeDonChisciotte.Org

4.8 10 voti
Valuta l'articolo
Sottoscrivi
Notifica di
17 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
MarioG
Active Member
3 Giugno 2021 , 20:39 20:39

PERCHE’ migliaia di giovinastri (non dei vecchietti spaventati a morte) fanno le risse (Bologna, “open day”) pur di farsi iniettare una sostanza di cui non sanno NULLA, eccetto il fatto che, dicono, li “protegge ” da una malattia di cui non s’ammalano?

Last edited 19 giorni fa by MarioG
gnorans
Active Member
Reply to  MarioG
4 Giugno 2021 , 8:32 8:32

Sono gli stessi che dicono “ci avete rubato il futuro”.

Roberto Rey
Reply to  MarioG
8 Giugno 2021 , 20:51 20:51

Hanno detto loro che se non sono vaccinati non possono andare in discoteca.

danone
Noble Member
3 Giugno 2021 , 21:32 21:32

Sappiamo fin troppo bene che sono le 10 domande che nessun giornalista può fare se vuol continuare a fare il giornalista, alle quali nessun politico o medico possono rispondere, se vogliono lavorare e fare carriera, se l’intellettuale vuole continuare a pubblicare libri, se il cantante e lo sportivo vogliono continuare ad avere successo e fare soldi nel sistema.
Per 2000 anni si può dire che abbia funzionato un paradigma intrinseco alla nostra società storico-materialista, ovvero il “dai a Cesare quel che è di Cesare e a Dio quel che è di Dio”.
Compromesso necessario, ma non necessariamente in sè perverso.
Oggi col big reset della nuova normalità assistiamo ad un pervertimento del mandato millenario, e bisogna dare più a Cesare che a Dio, perchè solo Cesare è in grado di salvarci dalle emergenze di questo mondo, essendo stato, il trascendente, declassificato ad opinione, mentre Cesare le finanzia le opinioni.
Dio è nell’altro mondo e ci penserà poi a tutelarci, qua c’è Cesare (non la scimmia insurrezionalista), che non solo sa cosa ci fa bene, ma quelle cose le produce e le fornisce solo lui.

Last edited 19 giorni fa by danone
Holodoc
Noble Member
3 Giugno 2021 , 21:46 21:46

Io c’ero in piazza a Bologna

danone
Noble Member
Reply to  Holodoc
3 Giugno 2021 , 22:22 22:22

Servizio in incognito? :-))

Holodoc
Noble Member
Reply to  danone
3 Giugno 2021 , 22:43 22:43

Non ero in incognito ma nella parte sx della piazza che non viene mai inquadrata nel video.

Tipheus
Active Member
4 Giugno 2021 , 8:21 8:21

Rispondo subito a tutti i perché.
Perché si perde il posto di lavoro e l’indomani non si può fare la spesa.
Il giornalismo per essere libero non deve dipendere finanziariamente dalle persone su cui tiene informati.
Ma questo vale per tutti. Per questo l’obbligo vaccinale è partito dai sanitari. Perché il dissenso di un sanitario è il più pericoloso di tutti. Al non sanitario posso obiettare, ipocritamente, la sua “non competenza a parlare di …”. Al sanitario no, e quindi al sanitario dissenziente devo semplicemente levare il pane quotidiano. Così tutti calano la testa.
E anche nelle università, il luogo del “libero pensiero”, funziona così. Se un docente si espone troppo il Rettore lo butta fuori senza tanti complimenti.
Avete fatto caso che le voci di dissenso sono fatte quasi tutte da pensionati? Forse per questo vogliono togliere anche le pensioni.

Tipheus
Active Member
Reply to  Tipheus
4 Giugno 2021 , 8:23 8:23

Ps. Questo vale anche per me. Per altri 10 anni ho bisogno di un reddito per sfamare me e i miei cari. Se mi puntano la siringa e mi dicono che l’indomani posso frugare nell’immondizia o cercarmi un lavoro non so cosa farò. Per i miei figli posso usare la mazza da baseball e farli fuggire quando avranno l’età. Per me non è più così semplice. Non ho detto che mi arrendo, dico che non è così semplice.

gnorans
Active Member
Reply to  Tipheus
4 Giugno 2021 , 8:49 8:49

Comprensibilissimo. Per il momento comunque hanno paura quando si tratta di mettere nero su bianco. Leggendo bene i decreti e le leggi salta fuori ad esempio che all’aperto non è quasi mai obbligatorio indossare la mascherina. Quanto all’obbligo vaccinale per il personale sanitario bisogna quasi dichiararsi spontaneamente “colpevole” per essere perseguito (vedi qui: https://soundcloud.com/marcello-pamio/non-ce-nessun-obbligo-nel-dl44-convertito-in-legge-le-fregature-linguistiche). Insomma questi obblighi sono spesso amplificazione televisiva e il modo di difendersi c’è.

VincenzoS1955
Active Member
4 Giugno 2021 , 8:22 8:22

Tutto questo accade perchè è venuta a mancare temporaneamente, insieme ai veri valori della vita, l’ideologia antagonista al sistema e ora la criminale e diabolica casta al potere se la canta e se la suona. E ricordo che l’uomo è l’unica specie che non può vivere senza [giusti] ideali i quali sono gli unici presupposti che lo differenziano dalle bestie, senza offesa per gli amici animali.

Last edited 19 giorni fa by VincenzoS1955
oriundo2006
Active Member
Reply to  VincenzoS1955
4 Giugno 2021 , 8:46 8:46

Vincenzo, erano D’ ACCORDO: nel sistema nostro uno era speculare all’altro…entrambi falsi, al governo come alla pseudo opposizione, la prima cosa che fecero era depotenziare il grido di rinnovamento che veniva dai giovani, da centri ove poteva sorgere qualcosa di nuovo, di vitale, di buono per questo nostro povero e martoriato mondo: niente ‘fughe in avanti’…ricordi ? E una generazione fu mandata al massacro delle droghe, delle lotte senza futuro, della mancanza di senso della vita, della galera senza se e senza ma. Nell’ altro ‘sistema’, al buon momento uno dei due si è defilato, lasciando il Paese in balia degli oligarchi, che da tempo gestivano il Paese sotto mentite spoglie ‘socialiste’, nel senso ‘a te niente, a me tutto’: è il ‘comunismo’ che da sempre hanno applicato, adesso in via totalitaria a Gaza e Palestina. Si chiamavano nell’ Est Nomenklatura e si aveva persino paura a proferirne il nome. Non si poteva neppure dire di che etnia fossero. Erano, in altra parte del Mondo, gli ‘intoccabili’ e nell’ antico Impero bizantino erano ‘atziganoi’, cioè davvero ‘intoccabili’ perchè ladri, dediti alle cose infami, fattucchieri, assassini privi di morale, privi di valore della parola data…in un termine solo: nichilisti del valore… Leggi tutto »

VincenzoS1955
Active Member
Reply to  oriundo2006
4 Giugno 2021 , 11:59 11:59

…Ed è per questo che non dobbiamo demordere…

edoxxx
4 Giugno 2021 , 9:15 9:15

Semplicemente perché viviamo in un regime falso ed ipocrita

fuffolo
Active Member
4 Giugno 2021 , 10:36 10:36

Quante domande, quando poi la risposta è sempre
“Vuolsi così colà dove si puote / ciò che si vuole, e più non dimandare”

emilyever
Noble Member
4 Giugno 2021 , 10:59 10:59

Se Matteo Gracis avesse letto ogni giorno come don chisciotte, di perchè gliene sarebbero venuti ben più di dieci

Platypus
Member
4 Giugno 2021 , 21:01 21:01

ecco dieci risposte tra le più plausibili:

n.1 : c’ho famiglia (torna a casa, Lessie)
n.2 : c’ho la tessera del partito (vai al punto 1)
n.3 : sono iscritto al sindacato (vai al punto 2 quindi al punto 1)
n.4 : perché in fondo co’ ‘sto Covidd ci guadagno anch’io (vai al punto 1).
n.5 : e chimmelo fare ad affermare il contrario? mi paghi tu, dopo? (vai al punto 1)
n.6 : e chi glielo spiega poi a mia moglie; ritorsione minacciata: in bianco fino a fine pandemia (vai a putt…)
n.7 : Sono troppo giovane per andare in pensione e troppo vecchio per cercarmi un nuovo lavoro (vai al punto 1)
n. 8: E chi sono io per giudicare? (vai a piazza S. Pietro, poi torna al via)
n.9 : Meglio lasciare la parola agli esperti tanto noi non ci capiamo una beatissima… (vai al punto 8)
n.10 : perché condivido acriticamente qualsiasi cosa. Sarà strano ma temo che per molti sia così… (vai al più vicino centro vaccinale a farti ripetutamente inoculare, poi ti verrà rilasciato il green pass e potrai andare ovunque)

17
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x