L’assalto continua – “Telegram incita alla violenza”. Chiesta la chiusura

databaseitalia.it

La Coalition for a Safer Web, un’organizzazione no profit fondata da un ex ambasciatore statunitense, ha citato in giudizio Apple, chiedendole di eliminare Telegram dal suo store, sostenendo che l’app viene utilizzata per “incitare alla violenza estrema”.

L’organizzazione no profit con sede a Washington e il suo presidente Marc Ginsberg, che ha servito come ambasciatore degli Stati Uniti in Marocco dal 1994 al 1998 ed è stato vice consigliere senior del presidente degli Stati Uniti per la politica del Medio Oriente (1978-1981), sostengono nella causa federale recentemente presentata che Apple non è riuscito a ritenere Telegram responsabile della violazione dei suoi termini di servizio.

La denuncia, presentata domenica alla Corte distrettuale degli Stati Uniti per la California settentrionale, accusa Telegram di consentire agli antisemiti, ai suprematisti bianchi e ad altri estremisti di prosperare sulla sua piattaforma, con Apple che presumibilmente chiude un occhio sul fatto.

“Telegram attualmente funge da canale di comunicazione nazionalista neo-nazista / bianco, alimentando l’istigazione antisemita e anti-nera durante l’attuale ondata di proteste in tutta l’America”, sostiene la causa. Afferma che l’app di messaggistica incentrata sulla privacy è pronta a diventare un terreno fertile ancora più grande per i contenuti estremisti poiché gli utenti “migrano su Telegram” dopo la repressione di Big Tech su Parler, che è stata avviata dagli store Apple e Google.

La causa ipotizza che se Apple non riesce a rimuovere l’app, potrebbe dar luogo a violenza di strada, sostenendo che Telegram “è attualmente utilizzato per coordinare e incitare alla violenza estrema prima dell’inaugurazione di Joe Biden”.

Ginsberg, che è un co-querelante nella causa, nota che in una lettera ad Apple a luglio aveva già chiesto al colosso tecnologico la rimozione di Telegram ma non ha ricevuto risposta. L’ex funzionario statunitense, che è ebreo, sostiene che l’inazione di Apple gli ha causato “disagio emotivo” attraverso l’uso del suo iPhone. Ginsberg valuta i danni che presumibilmente ha subito a causa della percezione di indulgenza di Apple verso l’app di messaggistica a oltre $ 75.000.

“Continuando a ospitare Telegram sull’App Store di Apple, l’imputato facilita le minacce religiose contro di lui e la sua famiglia che hanno fatto temere l’ambasciatore Ginsberg per la sua vita”, afferma la denuncia.

Sostenendo che Apple dovrebbe bandire Telegram dal suo store senza indugio, la causa si basa sul caso di Parler come precedente, osservando: “Apple non ha intrapreso alcuna azione contro Telegram paragonabile all’azione che ha intrapreso contro Parler per costringere Telegram a migliorare le sue politiche di moderazione dei contenuti . “

L’organizzazione no profit ha dichiarato domenica al Washington Post che intende avviare una causa simile contro Google.

Telegram ha visto una crescita esplosiva nella sua base di utenti dopo che piattaforme di social media consolidate, come Twitter, Facebook e YouTube, hanno bloccato il presidente degli Stati Uniti Donald Trump e lanciato un giro di vite sui suoi sostenitori.

La piattaforma di messaggistica, orgogliosa della sua crittografia end-to-end per i messaggi, ha segnalato oltre 500 milioni di utenti mensili nella prima settimana di gennaio, con il CEO Pavel Durov che ha affermato di aver aggiunto 25 milioni di nuovi utenti in sole 72 ore. Tuttavia, mentre una parte dei nuovi arrivati ​​potrebbe essere stata effettivamente dei conservatori in fuga dalla vasta epurazione dei social media, Durov ha affermato che quasi due nuovi clienti su cinque provenivano dall’Asia, il 27% dall’Europa e il 21% dall’America Latina.

Pur affrontando continue critiche per le sue politiche di moderazione lassiste, Telegram ha recentemente fatto notizia per aver vietato “dozzine di canali pubblici” per incitamento alla violenza.

Fonte: https://www.databaseitalia.it/lassalto-continua-telegram-incita-alla-violenza-chiesta-la-chiusura/

Pubblicato il 18.01.2021

I commenti sono chiusi.