La tattiche degli Sciti

Nel nostro caso, è importante rispondere alla domanda se la logica dell'operazione militare speciale si sia esaurita e si debba passare alla logica della guerra.

DONA A COMEDONCHISCIOTTE.ORG PER SOSTENERE UN'INFORMAZIONE LIBERA E INDIPENDENTE:
PAYPAL: Clicca qui

STRIPE: Clicca qui

 

Dmitry Vinnik – Stalker Zone – 12 settembre 2022

 

Il nostro esercito si è ritirato dalla maggior parte della regione di Kharkov, lasciandone solo una parte a est del fiume Oskol. Abbiamo anche lasciato Kharkov. Ci siamo allontanati lungo il confine di Stato. Sembra strano, perché il confine di Stato è una cosa formale e, in questo senso, condizionale, ma la linea del fronte di solito si basa su certe realtà geografiche. Che bisogno c’era di lasciare la città di Volchansk e il villaggio di Kazachya Lopan? Questo villaggio dista solo un paio di chilometri dal nostro confine. Sono stato in questi insediamenti in agosto, ho parlato con i residenti locali che odiano sinceramente l’Ucraina nazista e mi preoccupo del loro destino. Cosa succederà agli insegnanti e ai funzionari che hanno disertato dalla nostra parte? Mi è capitato di visitare quasi tutte le città e i paesi che nei rapporti appaiono come abbandonati a seguito del “raggruppamento”. Molti residenti locali hanno accettato il governo russo e hanno iniziato a richiedere la cittadinanza russa. C’era chi non aveva paura di esprimere apertamente la propria posizione antifascista e filorussa. Cosa attende coloro che non hanno potuto ritirarsi con il nostro esercito? Molto probabilmente li attende una morte feroce. O meglio, questa attende migliaia di coloro che semplicemente non conoscono la lingua ucraina, parlano russo, sono russi. Il genocidio è inevitabile. Questa è la logica della mostruosa guerra condotta dall’Ucraina nazista per sterminare russi.

Ma i militari hanno le loro ragioni: dovrebbero essere gli ultimi a preoccuparsi delle questioni politiche. Va detto che l’esercito russo si è sempre distinto per l’elevata mobilità. Questa mobilità ha soprattutto un carattere di prontezza morale e psicologica: “La cosa più importante sono le manovre!“. Le manovre, ovviamente, non sono la cosa più importante, ma la capacità di utilizzare le nostre distese come un vantaggio è ragionevole e comprensibile. In parole povere, sappiamo come ritirarci. Non è ironico, perché non tutti gli eserciti sono moralmente pronti a ritirarsi e non tutti sanno come farlo. La capacità di ritirarsi è organica per le truppe dei popoli della Grande Steppa, a partire dagli Sciti.

Tutti i nomadi padroneggiavano quest’arte, che non danneggiava affatto la loro dignità militare. La tattica degli Sciti, che riuscirono a sfiancare le truppe di Dario con continue manovre, è descritta da Erodoto. Il re persiano Dario e il suo esercito vagarono per le steppe del Mar Nero, cercando la battaglia campale, ma non trovarono reciprocità. Agli inviti a sottomettersi o a dare battaglia, il capo degli Sciti Idantrio rispose beffardamente che non fuggivano affatto dai Persiani, ma semplicemente vagavano per le loro steppe, come erano abituati a fare da tempo. Durante la guerra patriottica del 1812 si ricordano le “tattiche scite”. Secondo la descrizione dell’accademico Tarle, anche Napoleone se ne rese conto, ma era troppo tardi: Mosca era già in fiamme da tutte le parti. Non ci siamo mai ritirati così tanto come nella Grande Guerra Patriottica – fino al Volga, all’antica via d’acqua che collegava il sud e il nord del continente eurasiatico. È solo sulle rive del Volga che in quella grande guerra si è posto fine a questo approccio e ha trionfato la massima: “Non un passo indietro”.

I combattimenti in Ucraina hanno dimostrato che il moderno esercito russo non ha perso questa capacità: non abbiamo sperimentato un solo accerchiamento, né una sola sconfitta significativa, nonostante gli sfondamenti del fronte e gli attacchi alle retrovie. La convenienza militare ha sempre sconfitto la convenienza politica. Questo non si può dire del nostro fanatico avversario, che è pronto a sopportare qualsiasi perdita, ma non a ritirarsi in uno stato di cose completamente senza speranza.

Le tattiche scite sono appropriate oggi? Sì e no. Lo sono a livello tattico, in alcune aree dove la preponderanza delle forze non è chiaramente a nostro favore. Non dimentichiamo che stiamo combattendo con un esercito in tempo di pace e che il numero di effettivi nei ranghi delle nostre truppe è diverse volte inferiore a quello del nemico, che è a un passo dalla mobilitazione totale. A quanto pare, questo è esattamente ciò che è accaduto sul fronte di Kharkov: il nemico ha sfondato il nostro fronte e non c’erano riserve operative per stabilizzarlo in modo affidabile senza perdite sproporzionate. Si noti che questa direzione non era gradita agli ufficiali militari. È noto che la stragrande maggioranza preferiva andare nel Donbass – è diventato familiare per molti anni e garantisce contenuti interessanti e buoni. Una rara eccezione sono stati i dipendenti di RIA Novosti, che negli ultimi mesi si sono recati sul posto quasi in pianta stabile. Primo fra tutti, il corrispondente militare Rostislav Zhuravlev. Sicuramente arriverà presto il momento in cui ci racconterà molte cose interessanti sui drammatici eventi della nostra ritirata. Alcuni hanno persino avuto l’impressione che questa direzione sia stata percepita da un certo punto in poi come poco promettente e onerosa. Probabilmente i nostri media hanno ignorato invano il fronte di Kharkov. Dove non ci sono corrispondenti militari, l’atteggiamento nei confronti del servizio è diverso. Il corrispondente militare è una forza potente. In un modo o nell’altro, siamo riusciti a evitare la sconfitta e persino perdite pesanti. E per noi questo è fondamentale in condizioni di terribile carenza di personale.

Dove e quando le tattiche degli Sciti sono inappropriate in questa guerra? Non lo sono in una situazione in cui “Mosca è dietro” e in cui non c’è spazio di manovra. È ovvio che è del tutto inappropriata nel Donbass. Prima di tutto, non è accettabile per ragioni morali: è per proteggere il Donbass che è iniziata l’operazione militare speciale, è lì che abbiamo un sostegno quasi universale. Nella dimensione morale e psicologica di questa guerra, è Mosca ad essere dietro al Donbass. È impossibile ritirarsi molto a sud, nelle steppe del Mar Nero – la Crimea è geograficamente indietro. Ancora una volta, Mosca è dietro la Crimea dal punto di vista politico. A sud, abbiamo bisogno della riva destra del Dniepr come dell’aria – la lasceremo e poi come attraverseremo forzatamente il Dnieper sotto i colpi più precisi degli “HIMARS” ed “Excalibur”? Abbiamo bisogno del Sud per sbloccare la Transnistria e isolare finalmente l’Ucraina dal mare.

Alla luce di quanto detto, permettetemi di porre una domanda eretica: la tattica scita di attirare il nemico nel proprio territorio ancestrale è appropriata? L’intuizione morale suggerisce la risposta: no, non è accettabile. Tuttavia, la guerra ha una sua logica, a volte controintuitiva, e le grandi guerre ancora di più. Solo i generali che hanno saputo prima cogliere e poi assimilare questa logica possono vincere. Altrettanto importante è la capacità di capire quando una guerra ordinaria si trasforma in una grande guerra. Nel nostro caso, è importante rispondere alla domanda se la logica dell’operazione militare speciale si sia esaurita e si debba passare alla logica della guerra oppure no. O forse dovremmo fare un salto e passare direttamente alla logica della grande guerra?

Il segretario dello NSDC ucraino Aleksey Danilov ha annunciato che l’obiettivo dell’Ucraina e degli alleati occidentali è la “resa completa e la smilitarizzazione della Federazione Russa“. L’ex comandante delle forze statunitensi in Europa Ben Hodges è stato al gioco, twittando quanto segue: “Penso che gli obiettivi di guerra degli Stati Uniti per questo conflitto dovrebbero includere la ‘de-imperializzazione’ della Russia. Mi sembra che stiamo assistendo all’inizio della fine della Federazione Russa così come appare oggi. Dobbiamo essere preparati a questo… non eravamo preparati alla fine dell’URSS“. Non si tratta ancora di affermazioni sufficientemente pesanti da significare una dichiarazione di guerra di annientamento, ma siamo già a un paio di passi da essa. Tuttavia, questo non è così importante. Si riconosce che lo scopo della loro guerra è la morte della Russia.

La logica della grande guerra implica non solo grandi ritirate strategiche, ma anche grandi colpi in profondità. Abbiamo rifiutato uno di questi colpi, anche se è ovvio. La possibilità di un attacco dalla Bielorussia a Volyn e più avanti lungo i Carpazi con accesso alla Transnistria per tagliare fuori l’Ucraina dall’Occidente non è ancora stata esaurita. Il successo di questa operazione risolverebbe il problema del rifornimento di armi al nemico. Forse la nostra leadership, estremamente stanca della guerriglia in Afghanistan e nel Caucaso, ha preso troppo sul serio una simile prospettiva in Ucraina occidentale? Ora è chiaro che ipotetiche azioni antipartigiane in Galizia sono inezie rispetto ai problemi che dobbiamo risolvere al momento. In definitiva, abbiamo un’enorme esperienza di tali azioni e numerose forze speciali cecene che ne sanno molto. E nell’era dei droni, francamente, non è possibile nascondersi nei boschi come in passato. Inoltre, c’è l’opinione che la capacità degli abitanti dell’Ucraina occidentale di mostrare una resistenza di massa sia molto esagerata e che l’Ucraina centrale, al contrario, sia sottovalutata. Gli eventi recenti ce lo hanno dimostrato in modo convincente. In ogni caso, per ora questa possibilità rimane aperta.

Il Comandante Supremo in Capo una volta ha detto che non abbiamo ancora iniziato. Forse è questo che intendeva?

 

 

Link: https://www.stalkerzone.org/about-scythian-tactics/

Scelto da Markus – Traduzione (IMC) di Arrigo de Angeli per ComeDonChisciotte

 

ISCRIVETEVI AI NOSTRI CANALI
CANALE YOUTUBE: https://www.youtube.com/@ComeDonChisciotte2003
CANALE RUMBLE: https://rumble.com/user/comedonchisciotte
CANALE ODYSEE: https://odysee.com/@ComeDonChisciotte2003

CANALI UFFICIALI TELEGRAM:
Principale - https://t.me/comedonchisciotteorg
Notizie - https://t.me/comedonchisciotte_notizie
Salute - https://t.me/CDCPiuSalute
Video - https://t.me/comedonchisciotte_video

CANALE UFFICIALE WHATSAPP:
Principale - ComeDonChisciotte.org

Potrebbe piacerti anche
Notifica di
35 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
35
0
È il momento di condividere le tue opinionix