La pappa del cuore per le anime belle (della controinformazione)

AVVISO PER I LETTORI: Abbiamo cambiato il nostro indirizzo Telegram. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale ufficiale Telegram .

Ruggero Arenella

Comedonchisciotte.org

Ormai stiamo diventando un ghetto, una riserva indiana. Ce la cantiamo e suoniamo fra di noi. L’importante è sentirsi a casa.

Per qualcuno infatti, sta diventando un “si salvi chi può”. Raduniamoci noi che abbiam capito e mettiamoci in salvo.

Sfoghiamo le nostre inquietiduni nel web, il luogo che Loro hanno creato (o ci hanno concesso, in cambio di grandi benefici per Loro).

Pensiamo che Telegram sia un luogo sicuro, perchè proprietà di un russo che non ha mai voluto vendere l’azienda agli americani. Ma la storia non cambia. Viviamo qui, nella messaggistica dei nostri smartphone. Anzi, dei vostri. io non ne ho mai avuto uno. E ho un azienda che fa webmarketing. Ma continuate pure. La vita comoda fa bene a voi, e soprattutto a Loro.

Sto ascoltando i PFM, Impressioni di settembre. Me l’ha consigliata Spotify.

Mi sono abbonato a Netflix qualche mese fa, per guardare una serie TV. Non lo apro più da mesi, ma continuano a spillarmi 9,99 € al mese. O quanti sono, forse 12. Però lo posso regalare a 5 miei amici.

Quando un bene è gratis, la merce in vendita sei tu.

La redazione di  CDC ha una dozzina di chat su Telegram. Si son russi, van bene. Ma ci fan vivere come vogliono gli americani.

E alla fine andiamo avanti così. Viviamo nel mondo che Loro hanno costruito. E facciamo la resistenza coi Loro mezzi.

Lascia lente le briglie del tuo ippogrifo, o Astolfo. E sfrena il tuo volo dove più ferve l’opera dell’uomo, però non ingannarmi con false immagini, e lascia che io veda la verità, e possa poi toccare il giusto.

Da qui messere si domina la valle: ciò che si vede è. Ma se l’imago è scarna al vostro occhio scendiamo a rimirarla da più in basso, e planeremo in un galoppo alato, entro il cratere ove gorgoglia il tempo.

Grazie Spotify per avermi consigliato i Banco. Ma ora mi hai rotto il cazzo. Metto su Foxtrot. Watchers of the skies.

Quando sono in casa con la mia donna, cerco d’indottrinarla con quello che mi interessa, spesso finisco su Biglino.

C’è un articolo del forum di CDC che va avanti da un pezzo, si chiama: “Giugno: avanti con la storia degli alieni“. E’ bello vedere come Primadellesabbie e PietroGE si mandano vicendevolmente affanculo, con aplomb da lord ingelsi. E’ questo il bello di CDC.

Chissà quante risate si stanno facendo Loro, ma i veri “Loro” a vedere quello che combiniamo.

Quando parlo con gli amici di Biglino, e di tutta la questione legata a quello che dice, alla fine dico sempre: “Noi siamo un esperimento di intelligenza artificiale”. Noi umani, gli unici a evolvere fra tutti gli animali. Ho 11 gatti. E mi piacciono gli animali. Non ho bisogno di Biglino, o di Darwin, per capire che siamo diversi. Noi ci evolviamo. Gli animali no. Sono così da sempre. Cambia la genetica, ma perchè siamo noi umani a cambiargliela. Forse perchè assomigliamo un po’ a Loro. I veri Loro. Non le repliche che gli vogliono assomigliare. Ma forse gli vogliamo assomigliare anche un po’ noi. Noi che abbiam capito. Che restiamo silenziosi, che diamo potere alle nostre idee sui server che Loro ci hanno messo a dispozione.

536 parole. Forse ci devo aggiungere qualcosa a questo articolo. Ma sto andando a braccio. Mi sono bevuto una bottiglia di buon vino e sono già all’amaro. Forse serve sballarsi per dire quello ti senti dentro. Quello chè è la pura verità, di quello che senti. Ma nel mondo costruito da loro devi rigare dritto. Produci, consuma, crepa. Come dicevano i CCCP.

Ho conosciuto un ragazzo ieri (41 anni forse non proprio un ragazzo, ma oggi è definibile così) che fa volontariatato in un canile. Viene da Napoli, e ha una storia da raccontare che potrebbe essere un film. Ha smesso di andare a scuola a 15 anni, per lavorare nel ristorante di famiglia, gestito dal nonno. Senza i genitori. Con la famiglia che gli faceva guerra. Si è rotto il cazzo ed è finito qui, e si è rifatto una vita con tanti sacrifici. Lavora come operaio. Ha la mano destra sfigurata, gli è finita la soda caustica sopra, ma si è rimesso i guanti e ha continauto a lavorare. Gli ho detto: “cazzo ma potresti prendere soldi per questo, perchè non hai detto niente?”, mi ha risposto: “perchè ho una mentalità del lavoro diversa”. Lui non si farà il vaccino, e dopo che gli ho spiegato come la pensavo, mi ha risposto che anche lui vede una grande speculazione politica dietro questa finta pandemia.

Parte Supper’s ready.

Sta sera mi chiama Ale, mio fratello, non di sangue. Mi dice che la tipa con cui è uscito ieri sera è una pro-vax-pro-lgbt(q+). E che non se esce. Non ce la fa più. Mi ha detto che ha beccato un nostro amico con cui giravamo anni fa, ha 35 anni. E Ale gli dice: “vogliamo fare una squadra di calcio a 8, se vuoi vieni, abbiamo bisogno di gente forte” (questo ragazzo è bravo a calcio). Lui risponde: “appena faccio il vaccino vengo”. Ale crede che sia per colpa della sua donna. E’ possibile, le donne sono le più soggette alla paura di questo virus, forse per istinto materno. Me ne sono accorto anch’io. Questo ragazzo è laureato al Politecnico.

Abbiamo tolto Disqus, un plugin per commenti di wordpress, gestito da una multinazionale americana, e i commenti su Comedonchisciotte sono scesi per più dellà metà.

La mia donna mi chiede di andare a dormire, ma ho un flusso di coscienza. Devo scrivere. E i Genesis continuano a suonare.

Genesis. Avevano 24 anni quando componevano musiche, con questi testi, biblici…

Penso che siamo spacciati. E dopo penso che loro siano spacciati.

La redazione di CDC vive su Telegram, di quello che si trova, il 10% pubblicato.

Dovremmo vivere di persona, tutti quanti.

Siamo frammentati, sterilizzati.

Sarà dura come dicono i NoTAV. L’unico movimento popolare che ha vinto negli ultimi 40 anni in occidente. Grazie anche ai centri sociali, gli anarchici che non conoscono Kropotkin, ma che partecipano agli scontdri contro i monopolisti della violenza. Più proletari di loro, come diceva Pasolini.

Sono a 1018 parole, poche per i lettori di CDC. Ma ho detto abbastanza.

Matthew Eheret è tanta roba. Da confutare. La storia non è lineare. O lo è. Dipende dai punti di vista.

Buonanotte.

Rugge – CDC

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
27 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
27
0
È il momento di condividere le tue opinionix