Home / Attualità / La Mogherini propone alla Polonia un baratto sulla questione ucraina

La Mogherini propone alla Polonia un baratto sulla questione ucraina

FONTE: FONDSK.RU

Federica Mogherini, alto rappresentante dell’Unione Europea per gli affari esteri e la politica di sicurezza, ha scritto una lettera al Segretario di Stato per gli affari europei della Polonia Konrad Szymanski, dove invita le autorità polacche a riconsiderare la loro posizione per quanto riguarda la riforma del sistema d’istruzione intrapresa dal governo ucraino.

(La riforma, approvata dal presidente Poroshenko e introdotta ai primi di settembre, di fatto, introduce il divieto di ricevere l’istruzione, in Ucraina, in una qualsiasi lingua che non sia l’ucraino anche per le varie minoranze (russa, polacca, romena, ungherese, bulgara..). Dal 2018, solo nella scuola primaria saranno possibili lezioni con l’insegnamento di materie nelle lingue delle minoranze nazionali, mentre dalla 5° classe, l’insegnamento di materie nelle lingue delle minoranze nazionali sarà eliminato. Dal 2020 questa norma sarà abolita anche per le classi primarie. In altre parole, dal 2020, l’istruzione in Ucraina diventerà interamente in ucraino https://strana.ua/articles/91169-kakie-izmenenija-ozhidajut-ukrainskie-shkoly-posle-prinjatija-radoj-reformy-obrazovanija.html n.d.r).

“Apprezziamo la posizione della Repubblica di Polonia sui diritti delle minoranze nazionali in Ucraina. Tuttavia, data la situazione politica mondiale, vi chiediamo di evitare d’inasprire la vostra retorica contro la leadership ucraina dopo l’adozione della nuova legge sull’istruzione in Ucraina”, si dice nella lettera.

“Noi vi chiediamo – continua la Mogherini – di valutare con la controparte ungherese e romena l’opportunità di attenuare la retorica contro il governo ucraino relativamente alla nuova legge sull’istruzione”.

La Mogherini assicura che la Commissione Europea prenderà tutte le misure necessarie per proteggere i diritti delle minoranze nazionali in Ucraina e per soddisfare gli interessi dei paesi dell’UE. Perciò non c’è nulla di cui preoccuparsi, la stessa Unione Europea controllerà tutto: “Noi Vi assicuriamo che i negoziati sulla legislazione in materia d’istruzione continueranno fintanto che gli interessi degli Stati membri dell’Unione Europea non saranno pienamente soddisfatti”.

Ma soprattutto, con la lettera della Mogherini, Bruxelles offre a Varsavia un baratto sulla “questione ucraina”: se la Polonia influenzerà i vicini (Ungheria e Romania), l’Unione Europea, a sua volta, promette che farà concessioni sui temi di disaccordo tra Bruxelles e Varsavia, come la riforma del sistema giudiziario polacco e il trasferimento forzato dei rifugiati nel territorio della Polonia.

“È estremamente importante – si dice nella lettera del supremo rappresentante dell’Unione Europea per gli affari esteri e la politica di sicurezza – che gli Stati membri dell’UE, più che mai, restino uniti sulle varie questioni di politica interna ed estera. E se l’attuale situazione di stallo che coinvolge anche Ungheria e Romania contro l’Ucraina verrà risolta, la Commissione Europea sarà pronta a fare concessioni sulla riforma giudiziaria e sulle quote obbligatorie dell’Unione Europea per il trasferimento dei migranti in Polonia. Speriamo che il compromesso soddisfi i leader politici della Repubblica di Polonia, ci permetta di superare la crisi diplomatica e di chiarire il presente malinteso attraverso concessioni reciproche”.

Il nazionalismo ucraino di stato che punta a privare i russi, gli ungheresi, i rumeni, i bulgari, i polacchi e gli altri non-ucraini in Ucraina della loro cultura nazionale, trasformandoli in “una sola nazione ucraina”, è già entrato in un grave conflitto con gli interessi di Ungheria, Romania e Polonia. La Polonia, certamente, può essere d’accordo con l’esortazione di Federica Mogherini (a Varsavia, in fondo si chiede solo di “ammorbidire la retorica” ​​nei confronti di Kiev) o non essere d’accordo, tuttavia questa lettera, è la prova dell’impotenza politica delle istituzioni dell’UE a fronte del nazionalismo ucraino. E nella misura in cui continuano gli sforzi del regime di Kiev nel sopprimere il gran numero di nazionalità che vivono in Ucraina per trasformarle in “una sola nazione ucraina”, allo stesso tempo, propagandando l’integrazione europea, la disunità dell’“Europa unita” verrà sempre più allo scoperto.

 

Fonte: www.fondsk.ru

Link: https://www.fondsk.ru/news/2017/10/30/mogerini-predlagaet-polshe-torg-po-voprosu-ob-ukraine-44945.html

30.10.2017

 

Scelto e tradotto per www.comedonchisciotte.org da AURORA

Pubblicato da Davide

  • Lupis Tana

    ma non ha più un carro da fare questa quì… al macero t l

    • Luigi za

      @lupistana:disqus
      un pò di rispetto per alto rappresentante nonchè supremo rappresentante della nullità che é la UE.

  • Ronte

    Compra baratta e vendi….Che gente!

  • Annibale Mantovan

    La UE è peggio dei nazisti di Hitler!

  • Quasar

    se la lettera sopra e’ vera e’ qualcosa di veramente imbarrazzante oltre che oltraggioso per varie ragioni…se questo e’ il livello di “governance” europea siamo a posto…

    mi aspetterei che almeno gli affari esteri di Ungheria e Romania inoltrino almeno delle proteste ufficiali per una lettera del genere…ma chissa’…

  • agendone

    La Polonia è sttato uno dei più grandi sostenitori/sponsor/promotori del colpo di stato ucraino. Faceva comodo finché i nuovi arrivati era antirussi, ora che si sono rilevati nazionalisti verso tutti allora non vanno più bene. La verità è che questo paese è come quei cani di piccola taglia che per strada attaccano cagnara con tutti

    • Lupis Tana

      la polacchia è stata una delle cause della 2a g.m.

      han provocato i tedeschi, gli albionesi avevano promesso sostegno in caso di guerra, poi si sono ritirati ed hanno lasciato i poland al loro destino.

      poi sappiamo com’è andata e finita. un popolo da prendere con le molle… t l

    • yakoviev

      Appunto, hanno sostenuto il golpe e ora si lagnano. Feccia.

  • GioCo

    L’alto rappresentante della politica dell’Unione Europea (che non è un unione politica ma una pagliacciata costruita su accordi economici draconiani) per gli affari esteri (notoriamente portati avanti dalle singole nazioni europee e spesso in aperto contrasto tra loro, comunque senza mai una consultazione comune) e la politica di sicurezza (della NATO cioè dell’America, un paese estraneo oltre che concorrente a tutte le nazioni europee) di provenienza italiana, cioè IL paese dove il governo è istituzionalmente dichiarato illegittimo da anni, cosa diamine rappresenterebbe? Quali istanze o quali interessi? Per conto di quale mandato politico questa signora scrive lettere?

    Non è che gli contesto il ruolo di “alto rappresentante”, per carità, sto solo chiedendo quali credenziali di credibilità cruciali per qualsiasi trattativa politica estera una così può spendere sperando che siano prese minimamente in considerazione da chicchessia? Mah, mi sembra così assurdo e strano che non riesco a capacitarmene …

    • virgilio

      “Per conto di quale mandato politico questa signora scrive lettere?”

      per conto di USraele (Rothschil,Rockefeller e com.)

  • La domanda mi nasce spontanea: per quale motivo vogliono concedere qualcosa pur di dimenticare le minoranze europee in un paese extraeuropeo?

  • Vamos a la Muerte

    Federica Mogherini conta come il Due di Bastoni quando briscola è Coppe.
    Parliamo di cose serie.

    • GiNoDue

      FedericaMogherini conta come il Due di Bastoni quando si stà giocando a Poker!

  • RUteo

    Gli hanno ordinato di abbaiare !

  • il gobbo

    Federica Mogherini, nullo rappresentante dei “clown dell’ Unione Europea
    a sua volta una marionetta manovrata dal “puparo” u$a…..