Italia: il cavallo di Troia cinese in Europa

DI GIULIO MEOTTI

zerohedge.com

  • I leader cinesi “credono di avere una stretta finestra di opportunità strategiche per rafforzare il loro dominio e rivedere l’ordine internazionale a loro favore”. – L’ex consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti, HR McMaster, Battlegrounds: The Fight to Defend the Free World .
  • “L’Europa è ormai diventata la zona cuscinetto per lo scontro tra Cina e Stati Uniti”. – Pierre-Henri d’Argenson, Le Figaro, 28 aprile 2020.
  • Ora, la Cina sta cercando di dominare le infrastrutture dell’Europa meridionale. Alla Cina era già stata concessa una licenza per gestire il più grande porto marittimo della Grecia, il porto del Pireo di Atene, che Pechino intende trasformare nel più grande porto commerciale d’Europa. Quindi la Cina ha iniziato a proiettare la sua espansione nei porti italiani, dove quattro importanti porti sono anche in linea per gli investimenti cinesi.
  • La Banca popolare cinese … “ha costantemente accumulato quote superiori al 2% (la soglia di divulgazione in Italia) in una serie di maggiori società italiane di proprietà degli azionisti”. La Cina ha anche investito in entità energetiche strategiche italiane ….
  • Questa penetrazione economica avrà anche enormi conseguenze per la sicurezza … L’Italia, che viene attirata dalla promessa di un investimento Huawei di $ 3 miliardi nel suo sistema di telecomunicazioni, ha annunciato che non ha in programma di impedire alle società di telecomunicazioni cinesi di giocare un ruolo nel futuro del Paese Rete 5G. È un progetto che il procuratore generale degli Stati Uniti William P. Barr ha definito un “pericolo monumentale”.
  • L’Italia vedrà un crollo del suo PIL e l’esplosione del suo debito pubblico … il più alto dalla seconda guerra mondiale. Pechino lo sa e afferma che “l’Italia ha molti problemi economici, l’Europa è in crisi e la Belt and Road Initiative è l’unico grande piano di investimenti globali”.
Il ministro degli Esteri italiano, Luigi Di Maio, ha accolto con favore un carico aereo di forniture mediche cinesi il 12 marzo. “Ricorderemo coloro che ci erano vicini in questo periodo difficile”, ha detto Di Maio. Non è necessario, la Cina ricorderà loro. Nella foto: Di Maio mostra una mappa dei comuni italiani in quarantena mentre tiene una conferenza stampa a Roma, il 27 febbraio 2020. (Foto di Tiziana Fabi / AFP via Getty Images)

Pochi giorni dopo che la Cina aveva annunciato l’invio di forniture mediche in Italia, i media statali cinesi hanno trasmesso foto di italiani su balconi e strade applaudendo l’inno nazionale cinese. “A Roma, suonando l’inno cinese, alcuni italiani cantavano” Grazie, Cina! ” sui loro balconi, e i loro vicini applaudirono”, scrisse Zhao Lijian, il portavoce del ministero degli Esteri cinese che suggerì vergognosamente ed erroneamente che l’esercito americano aveva portato il Covid-19 a Wuhan.

La Cina si è presentata nel ruolo del salvatore, disposto a correre al capezzale dell’Italia malata.

Ora un’indagine del Financial Times rivela che quei video sono stati manipolati come parte della propaganda del coronavirus di Pechino. Gli hashtag #Grazie e Cina # GoChina e Italia sono stati ulteriormente generati dai robot. Un rapporto del Carnegie Endowment ha definito l’Italia “una destinazione target per la propaganda cinese“.

Un articolo intitolato “Perché l’epidemia di Covid-19 è così politicizzata” e pubblicato sul sito web dell’ambasciata cinese a Parigi, diceva “Alcuni occidentali stanno iniziando a perdere la fiducia nella democrazia liberale” e “alcuni [paesi occidentali] sono diventati psicologicamente deboli“.

Antoine Bondaz, ricercatrice della Fondazione francese per la ricerca strategica, ha dichiarato a Politico :

“La Cina considera l’Europa la pancia soffice dell’Occidente. Nella sua logica, c’è l’Occidente, e in essa gli Stati Uniti che si opporranno alla Cina per motivi strutturali e ideologici, e i loro alleati europei che devono essere neutrali in caso di conflitto tra Cina e gli Stati Uniti.”

Secondo il tenente Gen. (ret.) HR McMaster, ex consigliere per la sicurezza nazionale del presidente Donald Trump, nel suo nuovo libro “Battlegrounds: The Fight to Defend the Free World, i leader cinesi “credono di avere una finestra ristretta di opportunità strategiche per rafforzare il loro governare e rivedere l’ordine internazionale a loro favore“.

Ora c’è un enorme rischio che l’Italia stia diventando ” il cavallo di Troia cinese in Europa “.

Un importante funzionario francese, Pierre-Henri d’Argenson, scrisse a Le Figaro che “l’Europa è ora diventata la zona cuscinetto per lo scontro tra Cina e Stati Uniti“. Pechino ha scelto l’Italia come la sua pancia morbida in Europa e sta seguendo la sua sceneggiatura.

Nell’aprile 2019, il governo italiano del primo ministro Giuseppe Conte è stato il primo paese del G7 a firmare un protocollo d’intesa sulla “Belt and Road Initiative” cinese durante una visita di stato del presidente Xi Jinping. Secondo un’analisi di The Economist, il piano cinese Belt and Road potrebbe superare il piano Marshall, con il quale gli Stati Uniti hanno rilanciato la guerra europea devastando le economie.

L’Italia ha una coalizione di governo guidata dal Movimento a cinque stelle, un partito estremamente filo-cinese, il cui fondatore Beppe Grillo è stato visto di frequente all’ambasciata cinese a Roma. Come riferito dal Consiglio europeo per le relazioni con l’estero, “in Italia le lobby commerciali e politiche per la Cina sono in aumento“. L’ex premier Matteo Renzi ha visitato Pechino per conferenze .

Cinque anni fa, China National Chemical Corp ha acquistato Pirelli, un’azienda italiana di 143 anni, e il quinto produttore mondiale di pneumatici. Uno studio pubblicato da KPMG prima che l’accordo Pirelli rivelasse che le acquisizioni cinesi in Italia hanno totalizzato 10 miliardi di euro in cinque anni (per un totale di 13 miliardi di investimenti). Un terzo degli acquisti esteri in Italia sono cinesi. L’obiettivo è quello di trasformare l’Italia in “La principale destinazione europea per investimenti altamente ambiti dalla Cina“.

Ora, la Cina sta cercando di dominare le infrastrutture dell’Europa meridionale. Alla Cina era già stata concessa una licenza per gestire il più grande porto marittimo della Grecia, il porto del Pireo di Atene, che Pechino intende trasformare nel più grande porto commerciale d’Europa. Quindi la Cina ha iniziato a proiettare la sua espansione nei porti italiani, dove quattro importanti porti sono anche in linea per gli investimenti cinesi. Zeno D’Agostino, presidente del porto settentrionale di Trieste, afferma che “la Cina si sta aprendo perché si sente forte”.

La pacificazione politica italiana della Cina era in mostra durante i primi fatali giorni della crisi del coronavirus.

Il 21 gennaio, il ministro italiano della cultura e del turismo ha ospitato una delegazione cinese per un concerto presso l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia per inaugurare l’anno della cultura e del turismo Italia-Cina. Michele Geraci, ex sottosegretario italiano allo sviluppo, non era sicuro che fosse il suo posto. “Siamo sicuri di voler fare questo?“, ha detto Geraci guardando i suoi colleghi. “Dovremmo essere qui oggi?”. Pochi giorni dopo, in molte città italiane, come Firenze e Prato, dove c’è una roccaforte manifatturiera cinese, i sindaci e le comunità locali hanno promosso l’iniziativa “Abbraccia un cinese” per combattere la xenofobia e il razzismo.

A Roma, il presidente italiano, Sergio Mattarella, ha visitato una scuola che ha un’alta percentuale di studenti cinesi per contrastare la “discriminazione” e Nicola Zingaretti, leader del Partito Democratico, ha incontrato l’ambasciatore cinese a Roma. Nel frattempo, i televisori italiani hanno organizzato degustazioni dal vivo di prodotti cinesi. Quello fu il fatale errore iniziale dell’Italia: combattere il razzismo invece del virus, che solo pochi giorni dopo avrebbe devastato il Paese.

La Cina è stata in grado di fare il lavaggio del cervello all’opinione pubblica italiana. In un sondaggio pubblicato il 17 aprile, il 50% degli italiani considera la Cina un “amico” (solo il 17% degli italiani pensa tanto agli Stati Uniti). E nella corsa per il potere globale al quale l’Italia dovrebbe essere alleata, la Cina è in vantaggio sugli Stati Uniti, dal 36% al 30%.

Il ministro degli Esteri italiano, Luigi Di Maio, ha accolto con favore un carico aereo di forniture mediche cinesi il 12 marzo. “Ricorderemo coloro che ci erano vicini in questo periodo difficile“, ha detto Di Maio. Non è necessario, la Cina ricorderà loro.

Walter Ricciardi, consigliere dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) e del governo italiano, ha twittato: “Grazie alla Cina!“.

Ora sappiamo che mentre il regime cinese ha ingannato il mondo sulla contagiosità di Covid-19, ha accumulato forniture mediche. Come scrisse il direttore del BILD tedesco in una lettera al presidente cinese Xi:

“Suppongo che la consideri una grande” amicizia “quando ora invii generosamente maschere in tutto il mondo. Questa non è amicizia, lo definirei imperialismo nascosto dietro un sorriso – un cavallo di Troia”.

Nessun singolo ministro o funzionario italiano ha incolpato la Cina per la copertura dell’epidemia o per la “scomparsa” dei testimoni .

“Per la prima volta in molti anni, i paesi occidentali si sono uniti alla richiesta in Cina di chiarimenti su come nacque e poi si diffuse Covid-19”, scrisse Paolo Mieli in un editoriale di prima pagina per il più grande quotidiano italiano, Il Corriere della Sera. Mieli ha menzionato Stati Uniti, Australia, Regno Unito, Francia e Germania.

“Chi manca? L’Italia, l’unico paese al mondo occidentale ad aver accolto mezzo milione di maschere inviate a noi (a pagamento) dalla Cina con un tripudio davvero eccessivo”.

L’ industria tessile italiana di fama mondiale è stata una delle principali vittime di un’espansione della globalizzazione guidata dal disonesto dumping economico cinese. La Cina sta ora riducendo l’Italia a un’impostazione per aiutare a diffondere e attuare la sua propaganda e volontà al potere. Come ha scritto l’analista italiano Francesco Galietti, l’Italia diventerà “il bersaglio di una” offensiva del fascino “cinese, una combinazione di denaro contante e “soft power”, denaro e influenza”. Annota come esempio la Banca popolare cinese:

“Ha costantemente accumulato quote superiori al 2% (la soglia di divulgazione in Italia) in una serie di maggiori società italiane di proprietà degli azionisti, tra cui FCA (il gruppo Fiat Chrysler), Telecom Italia e Gruppo Generali, il più grande assicuratore italiano”.

La Cina ha inoltre investito in entità energetiche strategiche italiane come Eni ed Enel e il gruppo italiano di servizi petroliferi Saipem .

Questa penetrazione economica avrà anche enormi conseguenze sulla sicurezza. Durante i primi giorni dell’epidemia di Covid-19, l’Italia, che è stata attirata dalla promessa di un investimento Huawei di $ 3 miliardi nel suo sistema di telecomunicazioni, ha annunciato che non ha in programma di impedire alle società di telecomunicazioni cinesi di svolgere un ruolo nel futuro 5G del paese Rete. È un progetto che il procuratore generale degli Stati Uniti William P. Barr ha definito un ” pericolo monumentale “.

“Gli effetti geopolitici della pandemia potrebbero essere significativi”, ha dichiarato il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg. “Alcuni alleati (sono) più vulnerabili per le situazioni in cui le infrastrutture critiche possono essere esaurite” in una “follia d’acquisto” cinese. Il segretario alla Difesa americano Mark Esper ha anche avvertito che la Cina sfrutterà il virus “per promuovere i propri interessi e cercare di seminare divisione nell’Alleanza e in Europa”.

L’Italia è più vulnerabile a questa offensiva cinese. È uno dei paesi più indebitati al mondo e ha una crescita economica vicina allo zero . È anche uno dei governi più instabili e fragili d’Europa e ha avuto uno dei più alti tributi di morte in Europa per coronavirus – un’esperienza che un’infermiera italiana ha paragonato a una “guerra mondiale“.

L’Italia è ora il malato europeo. A causa della crisi cinese del coronavirus, il paese vedrà un collasso del suo PIL (-9,5%) e l’esplosione del suo debito pubblico che è fissato al 160% del prodotto interno lordo – il più alto dalla seconda guerra mondiale. Pechino lo sa e afferma che “l’Italia ha molti problemi economici, l’Europa è in crisi e la Belt and Road Initiative è l’unico grande piano di investimenti globali“.

La possibilità che l’Europa diventi un museo o un parco di divertimenti culturale per i nuovi ricchi della globalizzazione non è del tutto fuori questione“, ha affermato il compianto storico Walter Laqueur. La drammatica caduta di Roma potrebbe significare l’ascesa altrettanto drammatica di Pechino. È un enorme avvertimento per l’Occidente.

 

Giulio Meotti, editore culturale de Il Foglio, è un giornalista e autore italiano.

11.05.2020

Link: https://www.zerohedge.com/geopolitical/italy-chinas-trojan-horse-europe

Fonte primaria: https://www.gatestoneinstitute.org/15999/italy-china-trojan-horse

 

1 Comment
  1. Proder says

    “Walter Ricciardi, consigliere dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) e del governo italiano, ha twittato: “Grazie alla Cina!“”, “Il ministro degli Esteri italiano, Luigi Di Maio, ha accolto con favore un carico aereo di forniture mediche cinesi il 12 marzo. “Ricorderemo coloro che ci erano vicini in questo periodo difficile“, ha detto Di Maio.”, “Pechino lo sa e afferma che “l’Italia ha molti problemi economici”, “L’Italia, l’unico paese al mondo occidentale ad aver accolto mezzo milione di maschere inviate a noi (a pagamento) dalla Cina con un tripudio davvero eccessivo”, “il presidente italiano, Sergio Mattarella, ha visitato una scuola che ha un’alta percentuale di studenti cinesi”: le prove di un gombloddo!!! (in realtà avrei dovuto citare tutte le frasi ma sarebbe stato ridondante). Le fonti? Apparatchik dell’oligarchia a stelle e strissie e giornali mainstream (Bild, Figaro, Politico, Corriere, …). Se c’è una cosa utile di questa epidemia è che posso aggiungere anche zerohedge alla mia lista (Il foglio c’era già). Spazzatura.

Comments are closed.