Il racket che pianifica le pandemie

DONA A COMEDONCHISCIOTTE.ORG PER SOSTENERE UN'INFORMAZIONE LIBERA E INDIPENDENTE:
PAYPAL: Clicca qui

STRIPE: Clicca qui

Joseph Mercola
articles.mercola.com

Nell’autunno del 2022, i media mainstream avevano iniziato a lanciare l’allarme su una potenziale “triplice epidemia”, caratterizzata dalla presenza simultanea di COVID [1], influenza stagionale e virus respiratorio sinciziale (RSV) [2] . La paura fa vendere, si dice, e questo è certamente il sistema usato da Big Pharma quando si tratta di vaccini.

L’improvvisa attenzione per l’RSV in particolare, che esiste da decenni, è coincisa con l’annuncio di una rapida messa a punto di vaccini contro l’RSV, un’impresa rischiosa se mai ce n’è stata una, visto che i produttori di vaccini avevano inutilmente cercato di immettere sul mercato un vaccino contro l’RSV per circa 60 anni, senza riuscirci a causa di problemi di sicurezza.

Non sorprende che Pfizer e Moderna stiano lavorando a vaccini combinati a base di mRNA per COVID, RSV e influenza [3] , che dovrebbero essere immessi sul mercato nel 2024 e/o nel 2025 [4]. Nell’estate del 2023 la Food and Drug Administration statunitense ha approvato i primi vaccini contro l’RSV per gli anziani di oltre 60, uno di Pfizer (Abrysvo) [5] e uno di GlaxoSmithKline (Arexvy) [6] .

Entrambi i vaccini sono vaccini ricombinanti a subunità, In questo tioi di vaccino vengono utilizzate alcune proteine virali per scatenare una risposta immunitaria [7] ed entrambi i produttori hanno segnalato la sindrome di Guillain-Barré come effetto collaterale dei loro prodotti [8].

Il vaccino contro l’RSV di Pfizer costerà probabilmente tra i 180 e i 270 dollari, mentre GSK intende applicare un prezzo compreso tra i 200 e i 295 dollari [9]. GSK aveva inizialmente annunciato un prezzo di 148 dollari per dose, ma ha deciso di raddoppiare il prezzo a causa di dati più recenti che suggeriscono che l’efficacia potrebbe protrarsi anche nella seconda stagione.

Continua la propaganda della tripla pandemia

Mentre ci avviamo verso l’autunno del 2023, la “tripla pandemia” di COVID, RSV e influenza fa di nuovo notizia. Una ricerca su Google per la frase chiave “tripla pandemia 2023” [10] a metà agosto 2023 aveva dato ben 41,2 milioni di risposte.

Ricordate che l’esempio di cui sopra è solo a scopo illustrativo e vi sconsiglio vivamente di usare Google. Ma ecco la VERA lezione da apprendere. I risultati totali della ricerca possono essere utilizzati solo per farsi un’idea della frequenza del termine. Google ha smesso da tempo di fornire tutti quei 40 milioni di risultati. Indovinate quanti ne potete visualizzare? Solo 100.

Questo è un punto irrilevante per parole chiave come tripla pandemia del 2023, ma diventa enormemente importante per voi e la vostra famiglia quando cercate di fare una ricerca seria su Internet. È praticamente impossibile ora che Google non solo censura le informazioni vitali sui rimedi naturali per la salute, ma si limita a visualizzare solo i primi 100 risultati.

E, come avevamo visto durante la pandemia COVID, le agenzie di stampa utilizzano gli stessi titoli e le stesse argomentazioni – una prova inequivocabile che la narrativa sulla triple pandemia è coordinata da una fonte centrale.

Come riportato dalla CNN, 10 agosto 2023 [11]:

“I funzionari sanitari statali e locali in tutti gli Stati Uniti si stanno preparando ad un aumento delle malattie respiratorie nel prossimo autunno e stanno mettendo a punto piani per sollecitare tutti coloro che sono idonei a vaccinarsi contro la Covid-19, l’influenza e il virus respiratorio sinciziale una volta che questi vaccini saranno disponibili …

Su scala nazionale, anche i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie si stanno preparando alla minaccia delle malattie respiratorie del prossimo autunno. Proteggersi dalle malattie respiratorie autunnali è un obiettivo centrale per i CDC.

Gli sforzi comprenderanno l’informare gli americani su cosa aspettarsi, aiutandoli a capire il rischio di malattie nelle loro comunità e fornendo informazioni su come proteggersi”, ha dichiarato la portavoce Kathleen Conley in una e-mail.

‘I CDC utilizzeranno ogni mezzo a loro disposizione per aiutare le persone a capire come proteggere se stessi e le loro famiglie da gravi malattie, compreso l’aggiornamento delle vaccinazioni'”.

I tre vaccini raccomandati per l’autunno

Per questo autunno, i funzionari sanitari statunitensi raccomandano:

1. Un vaccino antinfluenzale per tutti i soggetti di età pari o superiore ai 6 mesi.

2. Un richiamo COVID-19 aggiornato con mRNA mirato al ceppo Omicron XBB.1.5, anche se questo ceppo è già in declino. La maggior parte dei casi di COVID-19 negli Stati Uniti e in Canada è ora causata dai ceppi Eris (EG.5)12 e BA.513.

Negli Stati Uniti, le specifiche su chi e quando dovrebbe sottoporsi all’iniezione non sono ancora state rese note, poiché la FDA deve ancora approvare ufficialmente il richiamo aggiornato. In Canada, il richiamo autunnale per la COVID è raccomandato a chiunque abbia almeno 5 anni di età e abbia fatto l’ultima vaccinazione o abbia avuto un’infezione da COVID almeno sei mesi fa [14].

3. Un vaccino contro l’RSV per gli anziani di 60 anni e più.

Non sorprende che molti incoraggino la gente a concentrare tutte e tre le iniezioni in un’unica seduta, anche se non ci sono dati a sostegno dell’affermazione che una pratica del genere sia sicura. Alcuni medici, tuttavia, come il dottor William Schaffner nel servizio della CBS News nel video qui sopra, raccomandano di sottoporsi al vaccino RSV separatamente.

Non c’è bisogno di dare l’allarme

Secondo i dati dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie, i ricoveri per COVID-19 sono aumentati in media del 12,5% nella settimana dal 23 al 29 luglio 2023. In diciotto Stati americani i tassi di ospedalizzazione legati alla COVID sono aumentati del 20% o più [15].

Circa il 54% dei nuovi casi negli Stati Uniti è attribuito ad una nuova sottovariante di Omicron chiamata BA.5, mentre Eris (EG.5) rappresenta circa il 17,3%, con un aumento del 9,8% rispetto all’inizio di luglio [16]. XBB.1.5, che sarà coperta dal nuovo richiamo del vaccino COVID, rappresenta solo il 10,3% dei casi [17]. Advisory.com scrive [18]:

“Secondo Stuart Turville, professore associato presso l’Università del Nuovo Galles del Sud a Sydney, il gruppo di sottovarianti EG.5 è ‘un po’ più elusivo’, è ‘competitivo’ rispetto alle altre varianti attuali ed è in grado di ‘cavarsela meglio in presenza di anticorpi’ provenienti dai vaccini”.

Detto questo, i tassi di ospedalizzazione non sono vicini ai picchi registrati negli anni precedenti. Nella settimana conclusasi il 29 luglio 2023, in tutti gli Stati Uniti ci sono stati 9.056 nuovi ricoveri legati alla COVID, ben lontani dal picco di 150.000 del gennaio 2022.

“Il fenomeno sta aumentando leggermente, ma non è qualcosa per cui dovremmo lanciare l’allarme”, ha dichiarato ad Advisory.com David Dowdy, epidemiologo di malattie infettive presso la Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health [19].

Instillare paura è un modo per favorire l’obbedienza

È importante rendersi conto che le “minacce” poste dalla COVID, dall’influenza e dal RSV vengono amplificate per un motivo ben preciso. La crisi di biosicurezza deve continuare all’infinito perché è la giustificazione principale del Grande Reset. A intervalli regolari, ci deve essere un altro Chicken Little che avverte che il cielo sta ancora cadendo e che non dobbiamo abbassare la guardia.

Ad un certo punto, dovrete rendervi conto che più vi arrendete e obbedite, più dovrete arrendervi e obbedire. Non c’è realmente fine a ciò che possono e vogliono prendervi e aggrapparsi alla convinzione che il vostro governo non [scegliete voi cosa non farà mai] diventa ogni giorno sempre più pericoloso.

È anche importante capire che il vostro governo non è il potere supremo. Anche i nostri funzionari governativi prendono ordini da quello che viene spesso definito lo Stato Profondo. Non si tratta affatto di un governo, ma di una struttura di potere globale e occulta che non deve rendere conto a nessuno, mentre influenza e manipola tutti per realizzare un nuovo ordine mondiale.

Negli anni passati, questa oscura cabala di mediatori di potere veniva indicata con il termine di Nuovo Ordine Mondiale. Nel 2020, il World Economic Forum si era presentato sulla scena pubblica annunciando il Grande Reset, che non è altro che il NWO ridenominato.

Nel video qui sopra, il giornalista investigativo Harry Vox parla delle epidemie, delle quarantene e dei coprifuoco come strumenti essenziali della classe dirigente e di come questi strumenti siano stati pianificati per inaugurare la prossima fase di controllo.

L’intervista, che aveva avuto luogo nel 2014, suona oggi più che mai profetica, poiché questi tre strumenti indispensabili per il controllo totalitario fanno parte della nostra realtà fin dal 2020. Nell’intervista, Vox fa riferimento anche a “Scenarios for the Future of Technology and International Development,” “Scenari per il futuro della tecnologia e dello sviluppo internazionale ” [20], un documento della Fondazione Rockefeller, in cui viene delineato lo scenario “Lockstep”, che descrive la risposta globale ad una pandemia immaginaria.

Vi hanno già detto come andrà a finire

Sebbene il nome e l’origine del virus siano diversi, il panorama delineato in “Scenari per il futuro della tecnologia e dello sviluppo internazionale “[21] corrisponde molto bene a quello che abbiamo vissuto nell’era della COVID, soprattutto per quanto riguarda il suo effetto letale sulle economie.

Lo scenario prevede che la mobilità internazionale si arresti bruscamente, danneggiando le industrie, il turismo e le catene di approvvigionamento globali. “Anche a livello locale, negozi e uffici normalmente affollati sono rimasti vuoti per mesi, privi di dipendenti e clienti”, si legge nel documento.

Nella narrazione del gruppo Rockefeller, la Cina viene acclamata per la sua rapida imposizione di quarantene universali per tutti i cittadini, pratica che si dimostra efficace nel contenere la diffusione del virus. È importante notare che la quarantena universale – mettere agli arresti domiciliari delle persone sane – non era mai stata utilizzata prima d’ora nel controllo delle malattie infettive, e per un buon motivo. Sapevamo già che non avrebbe funzionato.

Anche molte altre nazioni in cui i leader avevano “esercitato la loro autorità” e imposto severe restrizioni ai loro cittadini – “dall’obbligo di indossare mascherine facciali ai controlli della temperatura corporea all’ingresso di spazi comuni come stazioni ferroviarie e supermercati” – avevano avuto successo, sempre secondo la narrativa Rockefeller.

Ascoltate l’incredulità nella voce dell’intervistatore quando chiede a Vox se crede davvero che una cosa del genere possa accadere, che dovremmo metterci in fila per farci controllare la temperatura prima di entrare in un edificio.

Beh, ognuno di noi ha dovuto farlo, quindi sappiamo che è possibile. E, se questo è possibile, perché non dovrebbe esserlo il resto del piano Lockstep, secondo cui: “Anche dopo l’attenuazione della pandemia, il controllo e una sorveglianza maggiormente autoritaria dei cittadini e delle loro attività sono rimasti e si sono addirittura intensificati”.

Non fatevi fregare due volte

Non possiamo più permetterci di non credere a quanto questa cabala globalista possa e voglia fare per ottenere il controllo totale. Ci hanno già detto qual è il piano finale: usare il bioterrorismo per prendere il controllo delle risorse, della ricchezza e delle persone del mondo.

Dobbiamo solo crederci e capire che l’unica cosa che dà loro il potere di imporre la loro volontà è la nostra paura. Finché sceglieremo la paura e chiederemo al nostro governo di tenerci al sicuro, avranno tutte le possibilità di vincere.

È sperabile che una netta maggioranza di persone abbia ormai imparato la lezione e non cada più negli stessi trucchi, anche se hanno alzato la posta con una tripla minaccia, anziché una sola. La paura è uno strumento usato per controllarci, ma funziona solo se ci crediamo, e ormai dovrebbe essere chiaro che la narrazione sulla necessità dei vaccini è, a dir poco, fuorviante.

Abbandonate la paura e prendete il controllo della vostra salute

Sebbene l’influenza, l’RSV e la COVID possano essere problematici e pericolosi per alcuni individui ad alto rischio, i rischi complessivi ad essi associati sono trascurabili per la maggior parte dei soggetti. Pensate alla vostra vita: quante volte avete avuto un raffreddore o un’influenza? Siete ancora qui? Quante persone conoscete che sono morte per un raffreddore o un’influenza?

A questo punto, la maggior parte delle persone ha avuto anche la COVID e sono qui a testimoniare la sua non letalità. Sfortunatamente, coloro che hanno fatto diversi richiami dei vaccini COVID rientrano ora nella categoria ad alto rischio e potrebbero essere colpiti da un’infezione più grave.

Mantenere il sistema immunitario forte è il modo migliore per proteggersi da tutte le infezioni e ci sono molti modi efficaci per farlo, come l’ottimizzazione del livello di vitamina D.

È stato dimostrato che livelli più elevati di vitamina D riducono il rischio di sviluppare un caso grave di COVID-19 e di morirne. È stato inoltre dimostrato che l’integrazione di vitamina D riduce il rischio di raffreddore [22] e influenza [23,24] in quanto rafforza l’immunità innata.

Anche i nutraceutici che favoriscono l’immunità, come la vitamina C, la quercetina con lo zinco e la N-acetilcisteina (NAC), devono essere presenti nell’armadietto dei medicinali, in modo da poter iniziare a prenderli ai primi sintomi. Lo zinco è un potente antivirale ad ampio spettro e la quercetina aiuta a trasportarlo nelle cellule, dove è necessario. Anche la vitamina C è un trattamento di prima scelta per molte infezioni e contribuisce a rafforzare la funzione immunitaria generale.

La NAC, invece, è un precursore del glutatione ridotto, che sembra svolgere un ruolo cruciale nella COVID-19. I benefici della NAC includono l’inibizione dell’espressione di citochine proinfiammatorie, il miglioramento della risposta delle cellule T e l’inibizione dell’ipercoagulazione che può provocare ictus e/o coaguli ematici che compromettono la capacità di scambiare ossigeno nei polmoni.

Joseph Mercola

Fonte: articles.mercola.com
Link: https://articles.mercola.com/sites/articles/archive/2023/08/21/the-pandemic-planning-racket.aspx?ui=31bdfd289c57f6b86e809f5dfc7f4ce22734ebe06df6727421f1f70f2cf27919&sd=20211027&cid_source=dnl&cid_medium=email&cid_content=art1ReadMore&cid=20230821&foDate=false&mid=DM1448870&rid=1888958321
21.08.2023
Scelto e tradotto da Markus per comedonchisciotte.org

Link al file PDF: the-pandemic-planning-racket-pdf

Riferimenti:

 

Il Dr. Joseph Mercola è il fondatore di Mercola.com. Medico osteopata, autore di best-seller e pluripremiato nel campo della salute naturale, la sua visione principale è quella di cambiare il paradigma della salute moderna fornendo alle persone una risorsa preziosa per aiutarle a prendere il controllo della propria salute.

 

ISCRIVETEVI AI NOSTRI CANALI
CANALE YOUTUBE: https://www.youtube.com/@ComeDonChisciotte2003
CANALE RUMBLE: https://rumble.com/user/comedonchisciotte
CANALE ODYSEE: https://odysee.com/@ComeDonChisciotte2003

CANALI UFFICIALI TELEGRAM:
Principale - https://t.me/comedonchisciotteorg
Notizie - https://t.me/comedonchisciotte_notizie
Salute - https://t.me/CDCPiuSalute
Video - https://t.me/comedonchisciotte_video

CANALE UFFICIALE WHATSAPP:
Principale - ComeDonChisciotte.org

Potrebbe piacerti anche
Notifica di
53 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
53
0
È il momento di condividere le tue opinionix