Ecco i documenti dell’Ambasciata degli Stati Uniti in Ucraina sui laboratori per la “Riduzione delle Minacce Biologiche”

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale Telegram.

Kyle Becker
beckernews.com

Le accuse russe di un programma di ricerca sulle armi biologiche in Ucraina, finanziato e amministrato dagli Stati Uniti, hanno portato a speculazioni dilaganti sulla natura di questi laboratori. L’insistenza dei Russi sul fatto di avere prove di un tale programma di armi biologiche è diventata un grosso ostacolo ai negoziati diplomatici tra Russia e Ucraina in Bielorussia.

In una conferenza stampa la scorsa settimana, il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha denunciato il fatto che “il Pentagono aveva costruito due laboratori di guerra biologica a Kiev e ad Odessa e che questi laboratori avevano sviluppato agenti patogeni”. Lavrov ha inoltre paragonato la presenza dei laboratori alle accuse di un programma di armi di distruzione di massa che avevano portato gli Stati Uniti ad invadere l’Iraq nel 2003 e a rovesciare il dittatore Saddam Hussein.

Leonid Slutsky, capo della commissione per gli affari internazionali della Duma e membro della delegazione russa ai colloqui con l’Ucraina, ha affermato che il presunto sviluppo di componenti di armi biologiche “conferma che la Federazione Russa aveva buone ragioni per condurre un’operazione militare speciale per smilitarizzare Ucraina.”

Domenica scorsa, il maggiore generale Igor Konashenkov, un rappresentante ufficiale del ministero della Difesa russo, ha dichiarato che “componenti di armi biologiche venivano sviluppati in Ucraina, in prossimità del territorio russo”.

I Russi, accusano inoltre l’ambasciata americana in Ucraina di aver cancellato dal loro sito web una serie di documenti relativi al programma ucraino di “riduzione delle minacce biologiche”.

Tali documenti sono stati recuperati e possono essere letti qui di seguito. I documenti mostrano l’ubicazione dei laboratori ucraini e indicano il Dipartimento della Difesa come “sponsor” del programma.

Documenti dell’ambasciata ucraina sul programma di riduzione delle minacce biologiche di Kyle Becker su Scribd

Ukraine Embassy Documents o… by Kyle Becker

Scarica il pdf.

“L’Electronic Integrated Disease Surveillance System (EIDSS) è un sistema software progettato per rafforzare il monitoraggio e la prevenzione delle malattie umane e animali all’interno del concetto di One Health, e facilitare la conformità ai regolamenti sanitari internazionali (IHR) 2005”, afferma il documento dell’ambasciata.

Nel 2011, EIDSS era stato introdotto in Ucraina e installato nelle seguenti istituzioni:

*Stazione centrale di epidemiologia sanitaria a Kiev (CSES)
*Istituto di ricerca ucraino contro la peste a Odessa (URAPI)
*Stazione epidemiologica sanitaria di Vinnitsa Oblast
*Stazione sanitaria epidemiologica della città di Vinnitsa
*Stazione sanitaria epidemiologica di Kalynivska Rayon nell’Oblast di Vinnitsa
*Stazione epidemiologica sanitaria dell’Oblast di Zhitomir
*Stazione sanitaria epidemiologica dell’Oblast di Khmelnitska come siti regionali

“L’obiettivo principale del programma è implementare l’EIDSS nei siti del Servizio sanitario-epidemiologico statale dell’Ucraina per il monitoraggio e la prevenzione delle epidemie, comprese quelle causate da agenti patogeni particolarmente pericolosi”, aggiunge il documento.

Di seguito le spese del Dipartimento della Difesa elencate per i laboratori ucraini selezionati:

*Laboratorio diagnostico di Dnipropetrovsk ($ 1.935.557 USD)
*Laboratorio veterinario diagnostico regionale statale di Dnipropetrovsk ($ 1.810.547 USD)
*Laboratorio diagnostico di Kharkiv ($ 1.638.375 USD)
*Laboratorio veterinario diagnostico regionale di Luhansk ($ 1.746.312 USD)
*Laboratorio diagnostico di Leopoli (1.927.158 USD)
*Laboratorio veterinario diagnostico regionale di Leopoli (1.734.971 USD)
*Laboratorio dell’Oblast di Vinnytsia ($ 1.504.840 USD)
*Laboratorio del Zakarpartska Oblast ($ 1.920.432 USD)
*Istituto di Medicina Veterinaria dell’Accademia Nazionale delle Scienze Agrarie ($ 2.109.375,23 USD)

L’ambasciata degli Stati Uniti in Ucraina ha spiegato il funzionamento dei laboratori e ha accusato i Russi di aver diffuso disinformazione sulla loro natura nel 2020. Guarda:

“Il programma di riduzione della minaccia biologica sta funzionando in 27 paesi”, ha affermato l’ambasciatore degli Stati Uniti in Kazakistan William Moser. “Riteniamo che questa disinformazione sia fatta davvero solo per sfruttare le divisioni”.

“Abbiamo ricevuto accuse secondo cui alcuni progetti di ricerca sarebbero stati utilizzati per creare minacce, non per identificarle e ridurle”, ha aggiunto la dott.ssa Mary Lancaster. “Vengono aggiunti ulteriori elementi dove non esistono.”

“Abbiamo sviluppato queste capacità per i partner e i loro laboratori centrali di riferimento per la ricerca”, ha affermato Lance Brooks. “Pubblicano tutto ciò che fanno. Invitano la comunità internazionale nei loro laboratori. Stanno lavorando per conto e a beneficio dei popoli dei rispettivi Paesi”.

Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov, invece, ha accusato Usa e Ucraina di mancanza di trasparenza.

“Abbiamo dati che indicano che il Pentagono è preoccupato per le installazioni chimiche e biologiche in Ucraina”, ha affermato Lavrov. “Il Pentagono ha costruito due laboratori di guerra biologica a Kiev e a Odessa e vi hanno sviluppato agenti patogeni”.

“E ora sono preoccupati di perdere il controllo su questi laboratori”, ha affermato. “E sapete come potrebbe andare in futuro. E gli Americani rifiutano categoricamente e risolutamente di avviare un meccanismo di ispezione nell’ambito della convenzione per la proibizione delle armi chimiche. E costruiscono nuove strutture chimiche e biologiche lungo i confini russi”.

“E, sapete, ci sono molti altri sviluppi”, ha continuato Lavrov. “La CIA è stata sul campo in forze e ha addestrato l’esercito ucraino, a quanto pare, a non fare una guerra con la Polonia. E quando si erano verificati gli sviluppi in Iraq, quando gli Stati Uniti avevano affermato che si trattava di una minaccia per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti, qualcuno aveva chiesto allora perché gli Stati Uniti all’epoca avevano deciso di riportare all’ordine un paese a 10.000 chilometri dalle loro coste, perché gli Stati Uniti sono una grande potenza?”

“Quando la Russia dice che si sente minacciata, iniziano a dirci che non c’è affatto una minaccia, ma sapete, saremo noi a decidere cosa è necessario per garantire la nostra sicurezza”, ha affermato Lavrov. “E lo faremo qui, vicino ai nostri confini, non andremo a 10.000 chilometri di distanza per far rispettare le nostre regole”.

La Russia quindi rievoca l’invasione statunitense dell’Iraqd el 2003 come pretesto per invadere l’Ucraina. Dopo l’invasione gli ispettori americani aavevano trovato prove scarse o addirittura nulle che l’allora dittatore iracheno Saddam Hussein stesse mantenendo attivo un programma di armi di distruzione di massa (WMD). Tuttavia, il New York Times aveva riferito che l’Iraq aveva vecchie scorte di armi di distruzione di massa, che rano state scoperte dai soldati statunitensi.

Nel maggio 2020, Lavrov ha accusato gli Stati Uniti di “opporsi categoricamente all’adozione di un protocollo alla convenzione sul divieto delle armi biologiche e tossiche, che istituirebbe un meccanismo per verificare il rispetto da parte dei Paesi membri dell’obbligo di non produrre tali armi”.

“La riluttanza degli Stati Uniti a garantire la trasparenza delle proprie attività biologiche militari in diverse regioni del mondo, ovviamente, solleva interrogativi su ciò che sta realmente accadendo e quali obiettivi vengano perseguiti”, ha affermato Lavrov in una conferenza stampa dopo un incontro virtuale con i ministri degli Esteri della Shanghai Cooperation Organization (SCO).

“Questi laboratori sono densamente distribuiti lungo il perimetro dei confini della Federazione Russa e, di conseguenza, vicino ai confini della Repubblica popolare cinese”, ha aggiunto Lavrov.

L’Ambasciata degli Stati Uniti in Ucraina ha pubblicato informazioni sul suo “Programma di riduzione delle minacce biologiche” in Ucraina:

“Il programma di riduzione delle minacce biologiche del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti collabora con i paesi partner per contrastare la minaccia di focolai (deliberati, accidentali o naturali) delle malattie infettive più pericolose al mondo. Il programma realizza la sua missione di riduzione della minaccia biologica attraverso lo sviluppo di una cultura di gestione del rischio biologico; partenariati internazionali di ricerca; e la capacità dei partner di rafforzare le misure di biosicurezza, bioprevenzione e biosorveglianza. Le priorità del programma di riduzione delle minacce biologiche in Ucraina sono consolidare e mettere in sicurezza gli agenti patogeni e le tossine patogene critiche e continuare a garantire che l’Ucraina possa rilevare e segnalare focolai causati da agenti patogeni pericolosi prima che rappresentino minacce alla sicurezza o alla stabilità.

Gli attuali agenti esecutivi del programma di riduzione delle minacce biologiche in Ucraina sono il Ministero della Salute, il Servizio statale dell’Ucraina per la sicurezza alimentare e la protezione dei consumatori, l’Accademia nazionale delle scienze agrarie e il Ministero della Difesa.”

Le schede informative sul sito web dell’Ambasciata degli Stati Uniti in Ucraina sui seguenti laboratori sono citate sopra.

Il sito web dell’ambasciata americana corrobora in parte una “mappa virale” che dichiara di mostrare i laboratori biologici americani in Ucraina.

Non ci sono prove evidenti della ricerca sulle “armi biologiche” finanziata dagli Stati Uniti in Ucraina. Pertanto, esiste una forte possibilità che si tratti di disinformazione russa. Ma l’ambasciata statunitense in Ucraina elenca laboratori biologici di “riduzione delle minacce” simili a quelli finanziati dagli Stati Uniti a Wuhan. I lettori possono trarre le proprie conclusioni.

Kyle Becker

Fonte: beckernews.com
Link: https://beckernews.com/here-are-the-documents-the-u-s-embassy-in-ukraine-scrubbed-on-biological-threat-reduction-labs-44315/
07.03.2022
Tradotto da Papaconscio per comedonchisciotte.org

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
6 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
6
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x