È guerra civile nel mondo Bitcoin

DI MICHAEL KRIEGER

libertyblitzkrieg.com

Prima di andare avanti, fatemi fare un disclaimer. Ho simpatia per i fan del Bitcoin, ma non sono un esperto. Come potrete capire da un rapido sguardo al mio sito, sono più concentrato sulle implicazioni geopolitiche del declino dell’impero americano. Detto questo, mi interesso di Bitcoin dal 2012. Svincolarsi economicamente dal governo centrale è d’obbligo se l’umanità vuole evolvere. Abbiamo gli strumenti, manca solo la volontà.

Il post di oggi riguarda una moneta alternativa che, sotto la guida dei “big blockers”, sta per separarsi da Bitcoin. Questo pezzo non è per neofiti, ma per chi già sa del caos che è in corso e che potrebbe riemergere periodicamente dopo l’1 agosto. Se uno è all’oscuro di tutto ciò, non dovrebbe proseguire nella lettura.

Innanzitutto, non credo si aprirà un dibattito su quale sarà il “vero” Bitcoin, dopo la creazione di Bitcoin Cash (BCC). Questa moneta è il cucciolo dei “big blockers”, che vogliono danneggiare il Bitcoin originale (BTC). Solo il tempo ci dirà se questi “attori cattivi” cercheranno di farlo fuori per ripicca; nel mentre, mai sottovalutare chi ha tanti soldi ed ego. La storia è piena di catastrofi dovute a gente del genere.

Se avete il controllo sulle vostre private keys, dovreste essere in grado di accedere alla BCC dopo il 1° agosto. Alcuni lo descrivono come un dividendo, anche se a me sembra più un asset spinoff. Comunque sia, la BCC avrà un certo valore intorno a quella data, ed un mercato verrà avviato. Cosa dovrebbe dunque pensare chi è preoccupato di potenziali “bad actors” dal lato BCC? Cominciamo con alcuni tweet di Whale Panda, che penso siano importanti.

Guardate questa recente intervista di Roger Ver, uno dei più grandi miners e proprietario di bitcoin.com.

Credo che Roger agirà in modo ostile dopo il lancio di BCC. Spero davvero che non si faccia guidare dall’orgoglio e non scelga questa strada, ma è poco probabile. Alcuni “bad actors” cercheranno di danneggiare Bitcoin usando BCC. Ecco altri tweet.

La mossa più logica è quella di tenersi i propri BCC, anche col dubbio che siano spazzatura. Se i cattivi attori vogliono dipingere il Bitcoin come cattivo, e la sua alt-coin come buona, faranno leva sul prezzo.

Tenersi uno stock di BCC per evitare che i “bad actors” acquistino tutto sarebbe la cosa giusta. Questo impedirebbe loro di fare dumping sui propri BTC ad una data prescelta (mentre già in controllo di tutti i BCC), assicurandosi quindi che quest’ultimo salga mentre il primo scende. Non è una congettura, è una possibilità. Tenetevi dei BCC se volete bloccare questa strategia. In questo modo, se BTC scende mentre BCC aumenta a causa di manipolazione del mercato, avrete delle riserve di liquidi per cambiare lato. Il rischio in questa strategia è che BCC potrebbe crollare immediatamente e non recuperare; in tal caso però si trarrebbe beneficio da un aumento del prezzo BTC.

Alla fin fine, ognuno dovrebbe fare quel che ritiene sia giusto. Potrei anche aver detto cose sbagliate in questo post, sto solo facendo ipotesi in caso di uno scenario del genere.

Personalmente, spero che Roger, Jihan o chi per loro non prendano questa decisione. Se la prendessero, sarebbero ricordati come i megalomani che hanno tentato di uccidere Bitcoin. Lasciate che la gente scelga e non fate trucchi perniciosi, altrimenti vi metterete contro l’intera community.

Fonte: https://libertyblitzkrieg.com

Link: https://libertyblitzkrieg.com/2017/07/28/is-the-bitcoin-civil-war-over-heres-how-im-thinking-about-bitcoin-cash/

28.07.2o17

 

Traduzione per comedonchisciotte.org a cura  di HMG

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
12 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
12
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x