Home / Attualità / È guerra civile nel mondo Bitcoin

È guerra civile nel mondo Bitcoin

DI MICHAEL KRIEGER

libertyblitzkrieg.com

Prima di andare avanti, fatemi fare un disclaimer. Ho simpatia per i fan del Bitcoin, ma non sono un esperto. Come potrete capire da un rapido sguardo al mio sito, sono più concentrato sulle implicazioni geopolitiche del declino dell’impero americano. Detto questo, mi interesso di Bitcoin dal 2012. Svincolarsi economicamente dal governo centrale è d’obbligo se l’umanità vuole evolvere. Abbiamo gli strumenti, manca solo la volontà.

Il post di oggi riguarda una moneta alternativa che, sotto la guida dei “big blockers”, sta per separarsi da Bitcoin. Questo pezzo non è per neofiti, ma per chi già sa del caos che è in corso e che potrebbe riemergere periodicamente dopo l’1 agosto. Se uno è all’oscuro di tutto ciò, non dovrebbe proseguire nella lettura.

Innanzitutto, non credo si aprirà un dibattito su quale sarà il “vero” Bitcoin, dopo la creazione di Bitcoin Cash (BCC). Questa moneta è il cucciolo dei “big blockers”, che vogliono danneggiare il Bitcoin originale (BTC). Solo il tempo ci dirà se questi “attori cattivi” cercheranno di farlo fuori per ripicca; nel mentre, mai sottovalutare chi ha tanti soldi ed ego. La storia è piena di catastrofi dovute a gente del genere.

Se avete il controllo sulle vostre private keys, dovreste essere in grado di accedere alla BCC dopo il 1° agosto. Alcuni lo descrivono come un dividendo, anche se a me sembra più un asset spinoff. Comunque sia, la BCC avrà un certo valore intorno a quella data, ed un mercato verrà avviato. Cosa dovrebbe dunque pensare chi è preoccupato di potenziali “bad actors” dal lato BCC? Cominciamo con alcuni tweet di Whale Panda, che penso siano importanti.

Guardate questa recente intervista di Roger Ver, uno dei più grandi miners e proprietario di bitcoin.com.

Credo che Roger agirà in modo ostile dopo il lancio di BCC. Spero davvero che non si faccia guidare dall’orgoglio e non scelga questa strada, ma è poco probabile. Alcuni “bad actors” cercheranno di danneggiare Bitcoin usando BCC. Ecco altri tweet.

La mossa più logica è quella di tenersi i propri BCC, anche col dubbio che siano spazzatura. Se i cattivi attori vogliono dipingere il Bitcoin come cattivo, e la sua alt-coin come buona, faranno leva sul prezzo.

Tenersi uno stock di BCC per evitare che i “bad actors” acquistino tutto sarebbe la cosa giusta. Questo impedirebbe loro di fare dumping sui propri BTC ad una data prescelta (mentre già in controllo di tutti i BCC), assicurandosi quindi che quest’ultimo salga mentre il primo scende. Non è una congettura, è una possibilità. Tenetevi dei BCC se volete bloccare questa strategia. In questo modo, se BTC scende mentre BCC aumenta a causa di manipolazione del mercato, avrete delle riserve di liquidi per cambiare lato. Il rischio in questa strategia è che BCC potrebbe crollare immediatamente e non recuperare; in tal caso però si trarrebbe beneficio da un aumento del prezzo BTC.

Alla fin fine, ognuno dovrebbe fare quel che ritiene sia giusto. Potrei anche aver detto cose sbagliate in questo post, sto solo facendo ipotesi in caso di uno scenario del genere.

Personalmente, spero che Roger, Jihan o chi per loro non prendano questa decisione. Se la prendessero, sarebbero ricordati come i megalomani che hanno tentato di uccidere Bitcoin. Lasciate che la gente scelga e non fate trucchi perniciosi, altrimenti vi metterete contro l’intera community.

Fonte: https://libertyblitzkrieg.com

Link: https://libertyblitzkrieg.com/2017/07/28/is-the-bitcoin-civil-war-over-heres-how-im-thinking-about-bitcoin-cash/

28.07.2o17

 

Traduzione per comedonchisciotte.org a cura  di HMG

Pubblicato da Davide

  • Luigi za

    Io punto tutto su MinchiaCoin!

    • Holodoc

      Fai bene a dire “punto” perché le criptovalute sono solo l’ultimo uscito dei giochi d’azzardo.

      • CavSen

        È un gioco d’azzardo se operi in cryptovalute come fosse un gratta e vinci. Per chi studia e ha le basi per comprendere il valore tecnologico in ogni cryptovaluta, il discorso è molto diverso… non si può etichettare tutto come gioco d’azzardo solo perché non si conosce il principio di funzionamento.

        • Rolmas

          Balle

        • Holodoc

          E’ un gioco d’azzardo basato sulla fiducia che i codici PGP su cui si
          basano siano inviolabili, ma nessuno sa fino a quando lo saranno.

          Il giorno che sarà inventata (e resa pubblica) la tecnologia per violarli varranno = 0

          • CavSen

            Idem il giorno in cui scopriranno come bucare il firewall della tua banca e vuotarti il conto… oppure il giorno che scopriranno come disinserire il tuo antifurto di casa per svaligiartela. Prima di sparare idiozie, sarebbe opportuno studiare. I tentativi di hacking che hanno successo nel mondo della finanza sono poco meno del 3%, ma basta che ne vada in porto uno su milioni di tentativi per rubare grossi capitali. In termini di sicurezza è molto più sicuro bitcoin di un conto tradizionale. Certo, la tua banca è assicurata, quindi alla fine non perdi i tuoi soldi finché la banca riesce a recuperare le perdite, ma non mi pare che in generale il sistema bancario sia messo molto bene.

          • Holodoc

            Se crolla il sistema bancario cosa te ne fai dei bitcoin? Vai a fare la spesa al mercato con l’hard disk sotto braccio?

  • Glock

    Bitcoin (le criptovalute non sono tutte uguali) ha grandi potenzialità (potrebbe rendere obsoleto l’intero sistema bancario!), ma stenta ad esprimerle. Gli anni passano e continua a rimanere nell’infanzia.

  • snypex

    In matematica si usa dire CVD: vogliono distruggere cio’ che non riescono a controllare perche’ BITCOIN … NON E’ UNA MONETA ma rappresenta … e’ difficile da capire cosa, ma e’ sotto il naso di tutti anche degli idioti che frequentano le banche come delle chiese.
    Quindi concentrarsi sulla moneta e’ una perdita di tempo.
    Cio’ su cui bisogna concentrarsi e’ scritto nello statuto di tutti gli istituti bancari del mondo e anche nei contratti che ogni correntista firma quando apre un c/c o s’indebita con un mutuo.
    Ecco in poche parole bisogna trovare il denominatore comune a tutte le transazioni umane anche quelle che non usano la moneta ma una semplice stretta di mano.
    Solo allora si potra’ capire l’usura totale del sistema.
    Il cosiddetto signoraggio, non e’ altro che l’usura che viene esercitata sul … provate ad immaginare cosa.

  • cedric

    citazione: SE avete il controllo sulle vostre private keys, DOVRESTE essere in grado di accedere alla BCC dopo il 1° agosto.
    1) E SE uno non ha il controllo delle proprie chiavi private e magari usa un wallet on line gestito da TERZI? Ma quanti hanno sul proprio smarthone/tablet/PC una copia allineata dellea blockchain e si verificano le transazioni in proprio?
    2) Visto che si una un CONDIZIONALE potrebbe accadere anche che NON si possa accedere ai BCC