Home / Notizie dall'Italia / Arrivano a scuola i militari USA e i bambini li accolgono con l’Inno dei Marines

Arrivano a scuola i militari USA e i bambini li accolgono con l’Inno dei Marines

DI ANTONIO MAZZEO

antoniomazzeoblog.blogspot.com

Corsi di educazione alimentare, ginnastica, lingua inglese, informatica, intercultura. Ristrutturazione di androni, cancelli, giardini, porte e finestre. Pitturazioni di classi e palestre. Copre ormai ogni ambito e settore l’intervento di “volontariato” dei militari USA di stanza nella base di Sigonella nelle scuole siciliane di ogni ordine e grado. Con l’avvio dell’anno scolastico 2018-19, le incursioni da parte dei militari statunitensi si sono fatte quotidiane, con tanto di distribuzione di piccoli doni: palloni, magliette, zainetti e materiale didattico vario.  E dirigenti, docenti e alunni, tutti in riga con il cappello in mano a ringraziare gli intrepidi protagonisti delle missioni negli scenari di morte di mezzo mondo.

L’evento più ignobile ce lo raccontano in prima persona i responsabili di NAS – Naval Air Station Sigonella con un post pubblicato il 18 ottobre. “Questa mattina la consegna di zainetti alla scuola De Roberto di Catania è iniziata con uno speciale benvenuto al personale volontario del Distaccamento di Sigonella”, scrivono i militari USA. “Il coro scolastico ha ringraziato gli ospiti americani intonando l’Inno dei Marines”. Eloquente il video pubblicato con il post. Un gruppo di alunni dell’Istituto Comprensivo, presumibilmente frequentanti le classi di primaria (ripresi dalla telecamera a volto scoperto e dunque riconoscibilissimi) cantano l’inno del reparto d’eccellenza della Marina Usa, sventolando bandierine tricolori e a stelle e strisce e c’è perfino una corista che mima il passo militare per raggiungere i graditi ospiti.

“Dalle stanze di Montezuma alle spiagge di Tripoli; noi combattiamo le patrie guerre, in cielo, in terra e nel mare (…) fieri siam di vantare il titolo di Marines degli Stati Uniti d’America…”, recita la prima strofa dell’Inno intonato dai piccoli alunni dell’IC “De Roberto” di Catania. Parole orribili specie se pronunciate da innocenti e inconsapevoli bambini che per il diritto internazionale dovrebbero essere tenuti sempre e comunque distanti da ogni forma di indottrinamento militare e di esaltazione della guerra. Uno spettacolo osceno, mostruoso, indegno, che in un Paese civile costerebbe l’immediato procedimento disciplinare, penale e civile per la dirigente (la dott.ssa Antonella Maccarrone) e gli ignoti docenti che lo hanno organizzato (non tutti ignoti, dato che un quotidiano on line riporta il nome del prof. Roberto Mangiagli, anche parroco della chiesa Natività del Signore di Cibali, quale curatore della logistica del progetto).

Non speriamo in tanto, dati i tempi che corrono nelle scuole italiane, sempre più militarizzate e fasciste-autoritarie, ma perlomeno ci auguriamo che quanto accaduto giovedì scorso a Catania spinga sempre più insegnanti, studenti e genitori ad opporsi in tutti i modi alla ormai insostenibile militarizzazione delle scuole e del sistema educativo.

 

Antonio Mazzeo

Fonte: http://antoniomazzeoblog.blogspot.com

Link: http://antoniomazzeoblog.blogspot.com/2018/10/arrivano-scuola-i-militari-usa-e-i.html#more

21.10.2018

Pubblicato da Davide

5 Commenti

  1. I marines che insegnano alimentazione può essere solo una barzelletta.

  2. Se non e’ colonizzazione questa, non so cosa sia.

  3. Ovviamente la cosa passerà come un’azione meritoria da parte dei benefattori stellestrisce. Se il governo avesse promosso un’azione del genere, ad esempio mandando i carabinieri a svolgere attività simili nelle scuole, l’effetto sarebbe stato simile all’esplosione di una bomba atomica in un mare di escrementi; tutti avrebbero gridato al ritorno del fascismo, del militarismo, dell’autoritarismo e chi più “ismi” ha più ne metta!
    un appunto: l’autore denuncia una scuola italiana sempre più fascista-militarizzata. Dove lo vede il fascio militarismo?
    piuttosto andrebbe segnalato lo sbrago educativo totale di alunni e docenti; i primi non percepiscono più alcuna forma di autorità né da parte della scuola né da parte dei genitori e si vedono i risultati, quanto ai docenti, spesso hanno le mani legate nello svolgere il proprio ruolo : rimproverano l’alunno? parte la denuncia. lasciano fare? li accusano di non fare nulla.
    In una situazione simile ci credo che gli insegnanti chiamano i Marines a dar loro supporto.

  4. ah ah ah MC Donald, Iphone, T-shirt, blue-jeans,Starbucks, intel, amd, FCA, Aviano, Vicenza, Camp Darby, Napoli, Taranto, Sigonella, e altre mille altre “americanate”. E si parla di Marines che mettono a posto una scuola e danno cioccolata e sigarette come alla liberazione ( o invasione), parlando di colonizzazione cripto-fascista ? Si è veramente all’arrampicata sugli specchi !
    A proposito ! Ci si imformi di cosa fa l’Esercito italiano in Afghanistan………Colonizziamo anche noi ?

  5. Italiani , poeti ,navigatori e meschini parasedere !