Home / Attualità / Amnesty International sta sbagliando bersaglio

Amnesty International sta sbagliando bersaglio

DI PAUL CRAIG ROBERTS

paulcraigroberts.org

Ho ricevuto una lettera da Margaret Huang, direttrice esecutiva di Amnesty International. Sta raccogliendo fondi contro Trump per il suo “gelido disprezzo per i nostri cari diritti umani” ed il suo sfruttamento di “odio, misoginia, razzismo e xenofobia”, con cui ha “incoraggiato e potenziato i segmenti più violenti della nostra società”.

Considerando l’ostilità della fazione Identity Politics verso il presidente, si può capire perché la signora Huang inquadri la sua raccolta fondi in questo modo. Ma sono i trumpiani ad essere i segmenti più potenti e violenti della nostra società o lo sono le agenzie di sicurezza, la polizia, i neocon, i media presstitute ed i partiti repubblicano e democratico?

John Kiriakou, Ray McGovern, Philip Giraldi, Edward Snowden ed altri ci informano che sono i loro ex datori di lavoro, le agenzie di sicurezza, che non devono rispondere a nessuno e sono violenti per natura. Le agenzie di sicurezza sono certamente incoraggiate da tutto ciò che hanno ottenuto impunemente, incluso il complotto noto come Russiagate.

I crimini contro l’umanità che il governo americano ha compiuto da quando il regime Clinton ha attaccato la Serbia non sono stati commessi dai deplorevoli trumpiani. La violenza che ha distrutto in tutto o in parte otto paesi, uccidendo, mutilando e facendo emigrare milioni di persone, è stata commessa dai regimi Clinton, George W. Bush ed Obama, dai loro segretari di stato, tra cui Hillary, i loro consiglieri per la sicurezza nazionale, i loro establishment militari e di sicurezza, e da ambo i partiti al Congresso. L’omicidio di interi paesi è stato approvato dai media e dai capi di stato dei vassalli europei, canadesi, australiani e giapponesi. Trump ed i suoi deplorables ne hanno di strada da fare per pareggiare un tale elenco di violenza.

Che lo capisca o meno, la signora Huang con la sua lettera sta spostando la violenza da dove è a dove non è. La conseguenza sarà aumentare la violenza e le violazioni dei diritti umani.

La fonte più pericolosa di violenza che al momento abbiamo di fronte è l’Armageddon nucleare, verso cui ci porta la ricerca neocon dell’egemonia statunitense. Dal regime Clinton in poi, ogni governo ha rotto ogni accordo di allentamento della tensione che le precedenti amministrazioni avevano raggiunto con Mosca. Durante il regime di Obama, le aggressioni gratuite e le false accuse contro la Russia sono state portate all’estremo.

Perché Amnesty International non menziona gli atti spericolati ed irresponsabili del governo americano che stanno violando i diritti umani in numerosi paesi e spingendo il mondo verso una guerra nucleare? Ci sono stati invece momenti in cui Amnesty si è allineata alla propaganda di Washington contro le vittime di Washington.

Saltando sul carro anti-Trump del military/security complex, le organizzazioni di diritti umani ed ambientali hanno aumentato le chance che i diritti e l’ambiente vengano persi in favore della guerra.

Non c’è dubbio che Trump stia annullando alcune protezioni ed esponendo l’ambiente e la fauna selvatica ad ulteriori distruzioni. La peggiore distruzione tuttavia viene dalla guerra, specialmente quella nucleare.

Le cose sarebbero diverse se la sinistra liberal-progressista si fosse radunata per sostenere Trump nel ridurre le tensioni con la Russia, nel normalizzare le relazioni ostili che Obama aveva stabilito con Mosca? Il sostegno della sinistra lo avrebbe aiutato a resistere alle pressioni dei guerrafondai neocon? In cambio di sostegno per il suo obiettivo principale, Trump avrebbe mitigato gli attacchi dell’industria all’ambiente e posto il veto al rinnovo del Foreign Intelligence Surveillance Act, che vìola i diritti umani?

Non lo sapremo mai, perché la sinistra liberal-progressista non è riuscita a vedere al di là del proprio naso, non capendo cosa implichi per l’ambiente e per i diritti umani il fatto che le potenze nucleari siano bloccate in un reciproco sospetto.

Visto che i media di sinistra non hanno capito l’importanza della posta in gioco, il military/security complex ha avuto gioco facile nell’allontanare Trump dal proprio programma. Il danno che possono apportare all’ambiente le aziende minerarie e le trivellazioni offshore è grande, ma impallidisce in confronto al danno causato dalle armi nucleari.

 

Paul Craig Roberts

Fonte: www.paulcraigroberts.org

Link: https://www.paulcraigroberts.org/2018/01/15/amnesty-international-barking-wrong-tree/

15.01.2018

Traduzione per www.comedonchisciotte.org di HMG

Pubblicato da Davide

19 Commenti

  1. Amnesty International è una delle fogliette di fico a coprire le oscenità del potere USA e di chi lo utilizza ai suoi scopi, sono anni ed anni che vediamo queste ancelle del potere intortare giovani e sprovveduti, ormai li conosciamo bene. Chi volesse avere dettagli si vada a vedere il blog di Fulvio Grimaldi, nel suo archivio troverete riscontri puntuali.

    • tale foglia di fico “costruisce” filmati sulla base di “racconti di testimoni oculari” e poi li propina ai boccaloni

    • Amnesty è più che una foglia di fico, andrebbe più precisamente paragonata al mestiere del “Braghettone”, il pittore che rivestì di mutanda, brache, veli e cenci vari le figure del Giudizio Universale nella Cappella Sistina.

    • Quando incontro i famosi “fundraiser” gli dico non do soldi ad Amnesty per questo, questo e questo motivo. Rimangono a bocca aperta.

  2. Mi chiedo perché si continui a definire DI
    sinistra , media , partiti e congreghe che di fatto sono CONTRO.

    • Perché chi è di sinistra le considera di sinistra. Il PD americano, come il suo clone italiano, è un partito liberale, cioè di centro, ma chi lo vota ama considerarlo e considerarsi di sinistra.

      • Sì tratta di un equivoco notevole. Anzi , della copertura di più tradimenti. I termini, le parole contano. Sono chiavi. Chiavi che possono aprire strade e animi, e ugualmente ingannare e distogliere.

        • Lo fanno apposta…evidentemente…tenuto conto che i termini oramai hanno perduto il loro significato originario: quando un partito di sinistra come il nostrano PD non difende più la classe lavoratrice ma anzi la danneggia con l’immigrazione incontrollata ed i salari al ribasso, di che stiamo parlando ? E’ più a sx Casa Pound.

          • Ho chiesto il cud di Pierpaolo Mora, segretario CPI di Parma. Mi sono ritrovato la foto del mio citofono in posta privata, con tanto di promessa:”non sarai tu a scegliere, ma ci vedremo”
            Il problema di questi giovani virgulti italici è che sono intoccabili, essendo le scrofe di questure e clan mafiosi.

        • E’ stata messa in atto una strategia a tenaglia: attacco frontale verso la sinistra e cavallo di Troia (o troika?) per svuotare la sinistra stessa del suo significato storico. Sul primo punto basta citare il mantra postmoderno del né destra né sinistra, tanto sono uguali (mantra che inizia in Italia con Terza Posizione, formazione neofascista). Il secondo inizia praticamente con i bombardamenti della ex-Yugoslavia voluti da D’alema: se bombardi i popoli puoi ancora definirti di sinistra?
          Tradimento dovuto a ridondanza di significati, cifra della postmodernità: cosa significa OGGI dichiararsi di sinistra? Non significa certamente FARE cose di sinistra, al massimo dirle. Non fa molta differenza quindi con le fanfaronate del berlusca che promette milioni di posti di lavoro e niente tasse, e magicamente si ritorna al né destra né sinistra. Una volta le cose stavano diversamente. Ma era ancora modernità…..
          Si vede che io e te siamo vecchi (mi perdonerai?) da quanto siamo ancora attaccati a concetti e ragionamenti ormai desueti. Sigh…

  3. Dopo il Processo di Norimberga PCR scopre che Amnesty International “si è allineata alla propaganda di Washington contro le vittime di Washington”: alla buon’ora! Ma non solo in certi momenti! SEMPRE!
    Amnesty International non è altro che l’emanazione “umanitaria” (si fa per dire) dell’Imperialismo Made in USA. C’è stato un momento in cui la sezione Usa di Amnesty ha avuto come direttrice un’alta funzionaria del Dipartimento di Stato Usa!!! Ma di cosa stiamo parlando? Ci siamo forse già scordati le campagne di Amnesty PRO-Terrorismo in Siria e contro il Legittimo Governo Siriano che quel Terrorismo lo sta combattendo da 6 anni???
    “Perché Amnesty International non menziona gli atti spericolati ed irresponsabili del governo americano che stanno violando i diritti umani in numerosi paesi e spingendo il mondo verso una guerra nucleare?” Semplicemente perché non si sputa nel piatto in cui si mangia.

    • Dai che PCR sarà in fase di espansione di coscienza. Meglio tardi che mai.

      • Resta da dire che PCR era un pezzo grosso dell’amministrazione USA. Se ci sta arrivando solo adesso, con tutte le possibilità di comprendere il mondo reale che gli sono state offerte, cosa possiamo sperare per la maggioranza del popolo USA?

        • C’è da dire che soldi e potere sono un ottimo scudo per rimanere inconsapevoli. Se penso a quanto tempo ci misi io stesso a superare i condizionamenti (senza né soldi ne potere eheh).

  4. anche in Italia ci sono violazioni dei diritti umani e c’è anche Amnesty…..

  5. Tanti anni fa, era la fine degli anni ’70, mi piaceva guardare gli atlanti geografici e leggere delle istituzioni internazionali. Un’ingenuo passatempo di ragazzino: UNESCO, UNICEF, etc.
    A quei tempi, di tutto c’era una traduzione in italiano, persino Star Wars era “Guerre Stellari”.
    Mi colpì quando sentii dire che esisteva quella che oggi si chiama una ONG (allora era una “cosa” internazionale e basta) che non si traduceva dall’inglese: era “Amnesty International” e basta. Io provai a decodificare, con quel po’ di inglese che sapevo, “Amnistia Internazionale”, “internazionale dell’amnistia”? no, non funzionava, e perché poi dovevamo dare l’amnistia a tutti? Battipanni liberi tutti, anche i criminali? Boh! Restò una cosa difficile da capire, intraducibile anche concettualmente. Anche se leggevo “lotta per rispettare i diritti umani” (nei giornali e nei libri che ne parlavano, allora il web era inesistente e le nozioni te le dovevi andare a cercare con difficoltà sul cartaceo), restava un mistero: i “diritti umani”? E che sono? Sì, lo sapevo, quelli della dichiarazione universale “dell’Uomo e del Cittadino”. Ma ci voleva un’associazione? Insomma, mi sfuggiva il senso.
    Un giorno una prof. di italiano interruppe una nostra lezione, d’accordo con la nostra, per spiegarci l’azione di “Amnesty”, di cui fino ad allora avevo capito poco.
    La signora, una catto-femminista indefinita, capelli cortissimi e grigi, occhiali appuntiti, nevrosi da mancanza di qualcosa, magra come un chiodo, cominciò a parlarci con gli occhi iniettati di sangue di tutte le cattiverie che facevano nei “Paesi dell’Est”, dove “non c’era la libertà” come da noi. E disse che lei rappresentava AE nella nostra città, bla bla. Quel giorno mi imbattei in qualcosa di diverso dal sano buonsenso dei miei tradizionali insegnanti: mi imbattei nel politically correct, senza sapere che si chiamava così, e fu una sensazione sgradevole, epidermicamente.
    Capii subito di cosa si occupavano questi. Culturalmente non ero ancora attrezzato per pormi domande intelligenti del tipo “ma perché ce l’avete tanto con i paesi dell’est e non rompete le palle a Pinochet? (almeno non lei)”. Accettavo passivamente la correttezza di quelle battaglie, ma c’era qualcosa dentro che mi sollevava qualche sospetto, il cervello della pancia, che è intelligentissimo, sentiva puzza di tartufo, quello della testa, boccalone, si beveva il catechismo ricevuto.
    Ora mi è chiaro come il sole: AE è uno strumento di sottile propaganda imperialista. Punto. E cretino chi dà ancora credito a queste cose. Da dove vengono i soldi di AE? Segui i soldi e comprendi tutto.

  6. A pelle ci sono molte cose che non ci piacciono. Poi subentrano i ricatti: nessuno sano di mente si sognerebbe di prendere ordini per 42 anni prima di starsene comodo a fare i propri interessi.

  7. Le strutture ambigue sono un meccanismo semplice, collaudato, e funzionano come un setaccio, anzi una serie di setacci a scalare, i più sempliciotti, si separano subito, e via via, alla fine i quattro gatti che non ci sono cascati si affannano a cercare di spiegare la truffa agli altri, che non ne vogliono sapere.

    (Chi ha scatenato Hitler ha anche bombardato Dresda: arrivarci e tenerlo a mente, aiuta.)

  8. …La signora, una catto-femminista indefinita, capelli cortissimi e grigi, occhiali appuntiti, nevrosi da mancanza di qualcosa…
    Un mio amico l’avrebbe definita “affetta da aviopenìa acuta”, very politically incorrect.