Home / Notizie dal Mondo / Ammazziamo Noi la Monsanto, prima che ammazzi i nostri figli

Ammazziamo Noi la Monsanto, prima che ammazzi i nostri figli

DI RAUL ILARGI MEIJER

TheAutomaticEarth.com

Nel nostro mondo ci sono molte industrie  che hanno causato delle enormi devastazioni. Pensiamo alle grandi compagnie globali, alle banche, al petrolio, pensiamo alla plastica. Ma c’è un altro campo che che sta molto peggio di tutti gli altri: l’agro-chimica. A un certo momento, non molto tempo fa, i grandi produttori della chimica, che fino ad allora si erano tenuti occupati a produrre solo l’Agent Orange, i gas nervini e le sostanze chimiche che servivano per le docce nei campi di concentramento, ebbero l’idea di usare i loro prodotti nella produzione alimentare.

Dopo aver cominciato con fertilizzanti ecc., hanno pensato che rendere i raccolti completamente dipendenti dalle sostanze chimiche sarebbe stato, per loro, molto più redditizio. Hanno cominciato a comprare semi e hanno cominciato a manipolarli. Poi hanno convinto sempre più contadini, o meglio sempre più consorzi alimentari, che i “parassiti” che minacciavano i raccolti, potevano essere semplicemente uccisi, senza dover ricorrere ai metodi della natura per controllarli.

Nelle monocolture questo, in realtà, avrebbe senso, ma è il concetto stesso di monocultura che non ha senso: in natura funziona la (bio) diversità.E, per colmo di cinismo, il cibo di cui abbiamo bisogno per vivere ormai sia prodotto da una cultura che porta la morte. Perché questo è quello che fanno la Monsanto e i suoi simili: la loro soluzione a qualunque problema degli agricoltori è ammazzare tutto con il veleno. Ma questo finirà per uccidere l’intero ecosistema in cui opera e da cui dipende un agricoltore.

E certo che tutti i vari Monsanto del pianeta producono molto più materiale di “ricerca” di chiunque altro, e queste loro ricerche servono per spiegarci che la scomparsa degli ecosistemi nei posti in cui vengono introdotti i loro prodotti non dipende assolutamente dai prodotti delle varie Monsanto. E anche se qualcuno potrà dimostrare che non è vero, sarà troppo tardi: il danno sarà già stato fatto con l’impollinazione incrociata. La Monsanto potrà quindi denunciare chiunque coltivi campi che mostrano tracce delle sue sementi geneticamente modificate, anche se l’ultima cosa che vorrebbe un agricoltore è proprio trovare nel suo campo delle tracce di quel genere.

Comunque, quando ieri ho letto un pezzo di John Vidal sul Guardian, sono rimasto colpito da certi numeri. La Bayer-Monsanto, che presto sarà solo Bayer, è proprietaria del 60% dei semi e del 70% dei prodotti chimici usati in agricoltura, in tutto il mondo. Possiamo paragonare queste percentuali più o meno al numero di vertebrati e di insetti che sono già scomparsi dalle campagne di Germania, Francia e Inghilterra. E’ la vita stessa che sta morendo. L’estinzione delle specie ora è diventata una minaccia più grave dei cambiamenti climatici.

Vidal:   Chi dovrebbe dar da mangiare al Mondo: Uomini veri o Sfacciare Multinazionali?

“Per mezzo di parecchie società affiliate e di compagnie di ricerca che vengono usate come armi, la Bayer-Monsanto esercita un impatto indiretto, su ciascun consumatore, e diretto sulla maggior parte degli agricoltori di Gran Bretagna, UE e USA. Controlla inoltre efficacemente quasi il 60% della fornitura mondiale di semi protetti da brevetto, il 70% delle sostanze chimiche e dei pesticidi usati per coltivare il cibo che proviene dalla maggior parte delle colture GM (geneticamente modificate) nel mondo, così come molti dei dati su cosa coltivano gli agricoltori, dove lo coltivano e quanto ne ricavano.

La Bayer-Monsanto potrà influenzare cosa e come viene coltivato nella maggior parte dei campi che producono cibo per tutto il mondo e potrà condizionare il prezzo e il metodo con cui viene coltivato.

Ma l’acquisizione è solo l’ultimo passo di una serie di tre grandi fusioni avvenute tra compagnie che controllano semi e pesticidi. Con l’appoggio dei governi, delle regole sul commercio mondiale e delle leggi sulla proprietà intellettuale, Bayer-Monsanto, Dow-DuPont e ChemChina-Syngenta hanno ottenuto tutte le autorizzazioni che servono per controllare gran parte della fornitura mondiale di semi.

Si noti che, benché Dow-DuPont e ChemChina-Syngenta siano aziende di grandi dimensioni, la sola Bayer-Monsanto già possiede il 60% delle sementi protette da  brevetto e il 70% delle sostanze agrochimiche. Dal momento che possiede “solo” il 60% e il 70%, non potrà essere accusata di monopolio. Ma il suo prodotto principale, il glifosato (venduto con il marchio Roundup) è prodotto anche da Dow, DuPont e Syngenta. Quindi insieme gestiscono effettivamente un monopolio. Non lo è solo “tecnicamente”. Questi signori hanno dalla loro  il fior fiore degli studi legali, delle lobby e dei PR, perché …..mirano al controllo globale.

[..] dato che la maggior parte degli agricoltori dei paesi ricchi già compra i semi dalle multinazionali, la voce di chi si oppone a questo monopolio  si sente a malapena. Una voce però arriva da chi conosce l’operato di Debal Deb, un ricercatore indiano, che cerca di preservare le colture antiche ed è l’antitesi della Bayer-Monsanto, che si concentra solo sullo sviluppo di un piccolo numero di colture forti e protette dal suo brevetto, Deb invece fa crescere il maggior numero di possibile di colture e fa diffondere i suoi semi.

Quest’anno sta coltivando ben 1.340 varietà tradizionali del riso indiano “folk” su un terreno che gli è stato regalato nel Bengala Occidentale. Saranno più di 7.000 gli agricoltori – in sei diversi stati – che riceveranno i suoi semi, a condizione che li coltivino e che ne distribuiscano una parte ad altri agricoltori.

Questa condivisione dei semi di “varietà locali”, non è filantropia, ma l’ultimo anello di un sistema secolare di agricoltura di mutuo soccorso che ha permesso stabilità sociale e diversità alimentare a milioni di persone. Selezionando, incrociando e scambiando continuamente i loro semi, gli agricoltori hanno sviluppato un gran varietà di prodotti riconoscibili per aroma, gusto, colore, proprietà medicinali e resistenza a parassiti, siccità e inondazioni.

La battaglia è tra biodiversità e Monsanto, e quest’ultima sta vincendo alla grande. Monsanto-Bayer vuole che gli agricoltori coltivino solo quelle poche colture, di cui possiede il brevetto e vuole che tutto il resto sia sterminato con le sostanze chimiche senza le quali queste colture non possono crescere. Monocolture su steroidi, allevate in ambienti sterili e privi di vita. Il 75% degli insetti sono scomparsi dalle campagne europee, sono scomparsi anche il 60% dei vertebrati, mentre uccelli e farfalle stanno diventando una rarità.

È follia nella sua forma più assoluta. Follia di singole persone, follia dei sistemi legali, follia della governance. Nessuno, e nessun paese, dovrebbe essere obbligato a dimostrare che i prodotti della Monsanto stanno uccidendo la biodiversità. Abbiamo uno strumento – che si chiama principio di precauzione – e dobbiamo usarlo. Come diceva Ippocrate: Primo non Nuocere. Non è complicato.

Ma devo ammettere che qualche volta penso che sia già troppo tardi. Una volta che hai ammazzato il 70% di qualsiasi forma di vita, in un qualsiasi ecosistema, come farà questo eco-sistema a riprendersi? Perché con la fusione della Bayer-Monsanto approvata in tutti i paesi del mondo, le cose andranno sempre peggio e sempre più velocemente. L’industria agro-chimica è una cultura che cresce grazie alla morte, una cultura che trae i suoi profitti da una mortalità enorme, forse peggio ancora di quella che uccise i dinosauri 65 milioni di anni fa.

E le probabilità che l’umanità sopravviva a questa catastrofe sono poche o niente. La nostra sopravvivenza dipende dalla diversità che esiste in ciascuno degli ecosistemi in cui viviamo. Ma sì, vi sento: noi siamo la specie intelligente.

Ecco qualcosa che ho pubblicato per la prima volta nel dicembre 2016, ma le cose sono peggiorate molto più velocemente di quanto pensavo allora : Ammazziamo Noi la Monsanto prima che ammazzi i nostri figli.

 

Estinzione e Follia di Massa

 


Caters – Un raro elefante albino – Kruger National Park in South Africa
 

Tutto muore, piccola, questo è un dato di fatto
Ma forse tutto ciò che muore un giorno tornerà …

Springsteen, Atlantic City

Erwin Schrodinger (1945) ha descritto la vita come un sistema in disequilibrio termodinamico statico che mantiene una distanza costante dall’equilibrio (morte) nutrendosi della bassa entropia del suo ambiente – cioè scambiando output ad alta entropia per input a bassa entropia. La stessa affermazione, presa alla lettera,  potrebbe valere anche come descrizione fisica del nostro processo economico. Un corollario di questa affermazione è che un organismo non può vivere in un ambiente pieno dei suoi stessi rifiuti”.

Herman Daly and Kenneth Townsend

Quello che muove le nostre economie è lo spreco, non il bisogno e nemmeno la domanda :  I Rifiuti. La  2° legge della termodinamica. E’ questo che guida la nostra vita. Punto.

Per prima cosa non ditemi che qualcuno di voi sta cercando di frenare la progressiva estinzione della natura e della fauna del pianeta, o la la distruzione della vita in generale. Non ditemi nemmeno che ci state provando. Non ditemi che dovremmo concentraci – prima – sul cambiamento climatico (che è solo una piccola parte di tutta la faccenda), non ditemi che guidate un’auto elettrica e che state separando la tua spazzatura o cose del genere. Significherebbe solo che state tentando intenzionalmente di non prendervi la vostra parte di responsabilità in questa distruzione, perché se lo fate voi, è la stessa cosa fanno anche gli altri, e il pianeta non può più assumersi la responsabilità del vostro comportamento.

Questo è tutto, in grandi linee. E gli unici tra noi che non la pensano così sono solo quelli che non vogliono pensarci. C’è chi pensa che sia più facile parlare di certi problemi – troppo grossi – che affrontarli, che questo compito dovrebbe essere lasciato agli altri. Ma perché dovremmo lasciarli agli altri? Perché qualcuno deve preoccuparsi di piccolezze come elezioni o anche guerre, quando appare sempre più chiaro che ci stiamo avvicinando rapidamente a un periodo in cui certe cose contano sempre meno?

L’ultimo rapporto sul  Living Planet  del WWF ci mostra che il pianeta è molto meno vivo di prima e che siamo noi che abbiamo ucciso quella vita che non c’è più. Siamo noi che abbiamo sostituito la vita del pianeta con metallo, mattoni, plastica e cemento. E’ il consumo di massa che porta ad una estinzione di massa e questo è assolutamente prevedibile, lo è sempre stato; non c’è niente di nuovo.

Solo tra il 1970 e il 2012 abbiamo ucciso il 58% di tutti gli animali vertebrati selvatici, ad un tasso del 2% l’anno, e nel 2020, solo tra 4 anni,  ne avremo massacrato quasi il 70%.  E allora che ci importa chi è, o chi sarà, il presidente di uno solo dei tanti paesi che ci siamo inventati su questo pianeta? Perché non prendiamo di petto, invece, le cose che sono davvero cruciali per la nostra stessa sopravvivenza?

Elefante Madre e cucciolo
L’ultimo rapporto del WWF dovrebbe farci lasciar perdere tutto quello che stiamo facendo, e farci muovere per evitare che continui questo annientamento della vita in questo nostro mondo, il fattore chiave nella nostra vita quotidiana, in ogni ora di ogni giorno, per ciascuno di noi. Qualsiasi altra cosa non sarà abbastanza e qualsiasi altra cosa vedrà annientata- quella specie che si è definita intelligente –  da questo processo.

Certo, qualche esemplare mutante potrebbe sopravvivere, magari primordiale – forse a metà strada di quel che resterà della nostra specie – un essere che vivrà in condizioni che non potremmo nemmeno osare immaginare, con un brandello della nostra intelligenza, che gli basterà per chiedersi come abbiamo potuto permettere che tutto questo sia successo. Forse ci farebbe comodo che questo essere capisse il meno possibile, in modo che una forma di ignoranza, più o meno come la nostra, possa rendere più tollerabile, per lui, quella sofferenza.

È importante notare che il rapporto non parla di una situazione stagnante, non esiste uno stato dei fatti, ma solo un processo in corso d’opera e in fase di peggioramento. Cioè, ormai non possiamo scegliere di bloccare l’annientamento della fauna che prossimamente arriverà al 70%; stiamo assistendo, e in effetti ne siamo parte attiva, ad un crescendo al ritmo del 2% ogni anno che passiamo su questo mondo (Possiamo ancora parlare più di “vivere” , se per vivere stiamo uccidendo tutta la vita che esiste intorno a noi?).

Questa Terra è la nostra unica casa.

Senza il mondo naturale in cui siamo nati, o meglio dove è nata la nostra specie, i nostri antenati, non abbiamo nessuna possibilità di sopravvivenza. Perché è il mondo della Natura che ha permesso e creato le condizioni che hanno permesso all’umanità di emergere e di svilupparsi. E non siamo neanche lontanamente in grado di creare una Terra 2.0: nozione che è assurda in se stessa. Un periodo di poche migliaia di anni in cui l’Uomo ha  ‘comprenso’  il suo mondo non possono competere con i miliardi di anni di tutta l’evoluzione. Questo è il peggior insulto che possiamo fare alla nostra intelligenza, sempre che ne abbiamo una.

Molto è stato fatto durante gli anni in cui siamo stati capaci ad adattarci alle mutevoli circostanze, e gran parte di quello che abbiamo fatto è stato fatto con tanta arroganza, quanta ne mostriamo ancora oggi, ma la grande domanda che dovremmo farci è PERCHE’ stiamo facendo volontariamente tutto il possibile per scoprire fino a che punto possiamo adattarci a un mondo che finora ha fatto fronte a tutte le ferite e le perdite che noi gli abbiamo fatto sopportare. Anche se a un certo punto riuscire ad adattarci a nuove condizioni di vita, perché dovremmo volerci adattare?

Due terzi del nostro mondo se ne sono già andati, e siamo noi che li abbiamo ammazzati, e quel che è peggio – a giudicare dal nostro stile di vita – sembra che non ce ne siamo nemmeno accorti. Se non fermiamo quello che stiamo facendo, potremo arrivare a un solo risultato: uccidere anche noi stessi. Forse il nostro problema maggiore (anche se ne abbiamo parecchi altri) è la nostra capacità e propensione a non volerlo vedere e a voler negare qualsiasi nostro-comportamento-sbagliato- con-consequenze-serie.

Orso polare madre e cucciolo
Ci saranno pure tante persone serie e intelligenti che lavorano, che sognano e che ricevono miliardi di sussidi per le loro fantasie di costruire colonie umane su Marte e vediamo questo loro lavoro come un segnale di progresso e di intelligenza. Ma questo può essere vero solo se riconosciamo che la nostra intelligenza e la nostra follia sono gemelle identiche. Perché è da folli distruggere il pianeta dal quale dipende ciascun essere umano e che ci permette di vivere, e allo stesso tempo sognare una vita umana su un altro pianeta.

Mentre non vedo nessun motivo per guardare con ammirazione a personaggi come il Re delle sovvenzioni  Elon Musk, per Stephen Hawking è diverso. Sfortunatamente, nel caso di Hawking, di fronte a tutta la sua intelligenza, la sua capacità filosofica scompare.

Humanity Will Not Survive Another 1,000 Years If We Don’t Escape Our Planet

Il Prof. Stephen Hawking ha lanciato un monito, dicendo che l’umanità non sopravviverà per altri 1.000 anni sulla Terra a meno che la razza umana non trovi un altro pianeta su cui vivere. [..] Il Professor Hawking, ha riflettuto sulla comprensione dell’universo, partendo dalle scoperte degli ultimi cinquant’anni, descrivendo il 2016 come un “tempo glorioso per essere vivo e per fare ricerca sulla fisica teorica”. “La nostra immagine dell’universo è cambiata moltissimo negli ultimi 50 anni e sono felice se ho dato un piccolo contributo”.

“Il fatto che noi umani – che siamo fondamentalmente delle semplici particelle della natura – siamo stati in grado di avvicinarci così tanto alla comprensione delle leggi che governano noi e l’universo è sicuramente un trionfo.” Mettendo in evidenza “esperimenti ambiziosi” che daranno una immagine ancor più precisa dell’universo, ha continuato: “Mapperemo la posizione di milioni di galassie con l’aiuto di [super] computer come Cosmos e comprenderemo meglio il nostro posto nell’universo.”

” Ma dobbiamo anche continuare ad andare nello spazio per il futuro dell’umanità. Non penso che sopravvivremo per altri 1.000 anni senza scappare oltre il nostro fragile pianeta.

La tragedia è che abbiamo acquisito una certa conoscenza delle leggi della Natura e dell’Universo, ma siamo assolutamente ignoranti quando si tratta di comprendere come impedirci di distruggere questo nostro mondo. Marte è uno sbocco facile, ma Marte non risolve niente. Perché è ovvio, che non è il “fragile pianeta Terra” che costituisce una minaccia per l’umanità, ma la minaccia è l’umanità stessa. Quindi come si possono risolvere i problemi della terra? scappando su un altro pianeta?

Cosa c’è di sbagliato nel dire che dovremo fare prima qualcosa qui sul pianeta terra? È che abbiamo già fatto tanto male e ucciso troppa vita? E se questa è la ragione, che cosa ci dice che non andremo a fare la stessa cosa su un altro pianeta, sempre ammettendo che riusciremo ad arrivarci (ci arriveremo)?  Non ci dice che siamo NOI STESSI i nostri peggiori nemici? E l’idea stessa di andare a occupare un “altro pianeta” non ci fa pensare che sia meglio sistemare, prima, le nostre cose su questo pianeta? Diciamo che potrebbe essere una specie di pre-condizione prima di andare su Marte, se mai ci andremo.

Per sopravvivere, non abbiamo bisogno di scappare dal nostro pianeta, abbiamo bisogno di scappare da noi stessi. Non è così facile. Molto più difficile che scappare su Marte, che non è altro che una nostra fantasia per ricominciare daccapo.

Eppoi, se riusciremo ad accettare che sistemare le cose qui prima di andare su Marte sia un prerequisito per andare lassù, forse poi non avremo più bisogno di andare su Marte, giusto?

Tartaruga gigante
Noi stiamo trattiamo tutta questa storia dell’estinzione come se fosse qualcosa che stiamo guardando dall’esterno, come se fosse qualcosa che non ci riguarda, di cui noi non siamo parte. Ho visto tanti “popoli di ambientalisti” indubbiamente ben intenzionati e “persone ragionevoli” reagire al rapporto del WWF, dicendo che c’è ancora speranza e hanno fatto riferimento a segnali che mostrano progetti che possono invertire in parte il declino del pianeta, come il salmone chinook sulla Costa Nord Americana del Pacifico, come gli agricoltori del Malawi che non usano più fertilizzanti chimici, come un santuario gigante nell’Antartico, ecc.

Anche questa è una forma di follia. Perché serve a cullare le persone in uno stato di compiacimento che è del tutto ingiustificato e  serve solo a peggiorare le cose. Non c’è stato un cambio di direzione, non c’è stata una inversione di tendenza. È come dire che se un corpo non cade a corpo morto per terra, non è caduto affatto.

Il ruolo che svolgono i gruppi ambientalisti, chi si batte per la sostenibilità e i conservazionisti nelle nostre società è cambiato drasticamente, e non siamo riusciti a vedere chiaramente come è avvenuto questo cambiamento (che invece loro hanno già fatto). Questi gruppi sono diventati parte integrante del sistema, invece di rimanere una forza esterna alla società e capace di dare l’allarme su ciò che accade all’interno della stessa società.

I gruppi conservazionisti oggi servono come apologeti di una umanità devastante che si scatena in tutto il mondo: tutti fanno una donazione a Natale e con questo gesto si fa finta di credere che la conservazione della natura sarà tutelata. Tutti riciclano qualche bottiglia e qualche involucro di plastica e sono sereni, per aver fatto la propria parte per salvare il pianeta. Questo è completamente folle. È folle quanto la distruzione stessa. È una negazione scritta a caratteri cubitali e incisa sulla carne.

Forse è un modo troppo diretto per dirlo, ma questo non significa che non sia la verità, è così che funziona. Dire che “non è troppo tardi” non è un invito a muoversi per tutte le persone che continuano a credere che ci sia ancora tanto tempo. È solo piccola e ignobile mossa di psicologia. Con queste parole si dà l’impressione alla gente che ci sia ancora tempo e questa impressione diventa subito una scusa (per rimandare). E dato che quasi il 70% di tutti i vertebrati, cioè gli animali che ci sono più vicini, sono scomparsi, quando dovrebbero dirci che il tempo è ormai scaduto?  Quando saremo all’80% ?  al 90%?

 Un Cavalletta
Non comprendiamo perché, e nemmeno se, siamo una specie così tragicamente devastatrice. E forse non riusciamo a comprenderlo. Forse è qui che la nostra intelligenza si ferma, nel punto in cui dobbiamo cercare di comprendere come siamo fatti dentro. Anche l’essere più “consapevole” tra noi tenderà a sminuire il proprio ruolo per quello che succede nel mondo e continuerà a fare  sempre le stesse cose che già fa, anche se si rende conto quanto sia dannoso, questo comportamento, per l’ecosistema, ma si sente troppo piccolo, molto più piccolo di quello che realmente è.

Anche lui cercherà scuse per il suo stesso comportamento, si dirà che deve fare certe cose per poter vivere il ruolo che svolge nella società in cui è nato, per portare i bambini a scuola e bla, bla, bla. Lo facciamo tutti. Ci mettiamo in pace la  coscienza dicendoci che abbiamo capito bene, e poi saliamo in macchina, compriamo un cartone di latte o facciamo qualche altra cosa in modo altrettanto cieco…. potremmo continuare.

Qualsiasi specie, che scopre di avere a disposizione tanta abbondanza, tanta energia, reagisce allo stesso modo: la sfrutta. E’ una pulsione inconscia che consiste nell’utilizzare l’energia il più rapidamente possibile. Se solo potessimo capire questo concetto! Ma capirlo potrebbe intralciare il concetto stesso e l’unica cosa che possiamo fare per fermare l’estinzione è usare – tutti – molto meno energia. Ma dato che il consumo (di energia) crea ricchezza e, soprattutto, potere politico, noi non risparmieremo mai. Anzi noi ci diciamo che il massimo che possiamo fare è usare delle forme di energia diverse.

Abbiamo un talento innato per negare e per mentire (a noi stessi e agli altri), che ci rende impossibile, per prima cosa, renderci conto che abbiamo un talento innato per negare e per mentire. O, per dirla in un altro modo, visto che non siamo stati capaci di impedirci di far scadere il pianeta fino a questo triste stato di oggi, perché dovremmo continuare a credere che, in futuro, noi riusciremo a fermarci?

La cosa è che questa scusa per il nostro comportamento è la stesa scusa che usano anche tutti gli altri. Fino quando continueremo a comprare roba avvolta nella plastica, non avremo il diritto, anzi perderemo anche il diritto, di incolpare l’industria che produce la plastica.

Una nuotata con i lamantini
Noi ci crediamo tanto intelligenti e – di conseguenza – ci riteniamo una specie guidata dalla ragione. Ma non lo siamo: Cosa che può essere facilmente dimostrata con una “contro-domanda”: perché, se siamo così intelligenti, ci troviamo ad aver distrutto due terzi del nostro pianeta?

Abbiamo avuto un motivo razionale che ci ha spinto verso questa distruzione del pianeta? Certo che no, diremo. Ma allora perché abbiamo distrutto due terzi del mondo, se non è stato per la razionalità? Questa è una domanda che dovrebbe farci guarire per sempre dal credere all’idea che l’Uomo sia guidato dalla ragione. Ma noi non stiamo nemmeno ascoltando la risposta che abbiamo dato a questa domanda. Noi neghiamo, noi neghiamo persino questa stessa domanda.

Ma comunque è questa stessa domanda, e questa stessa risposta, che per l’appunto NON ci farà “piantare in asso qualsiasi cosa stiamo facendo” se oggi leggiamo che il 70% di tutta la fauna selvatica scomparirà entro il 2020, che il 58% era già scomparso nel 2012 e che stiamo continuando questa distruzione ad un tasso del 2% all’anno. Per noi è più normale preoccuparci di quelle tabelle che dicono che i rendimenti dei nostri piani pensionistici saranno molto più bassi di quanto credessimo. O ci preoccupiamo che la crescita economica è troppo bassa (come se con il 70% della fauna selvatica scomparsa, si può pensare ad una crescita!).

Dopo tutto, se la distruzione del 70% della fauna selvatica non basta per farci alzare il culo dalla sedia, a che percentuale dovremo arrivare per farci muovere? All’80%? Al 90? Al 99%? Mi sa tanto che sarebbe troppo tardi.

E nemmeno possiamo contare sugli ambientalisti che se ne preoccupano per noi, abbiamo visto che non ci conviene. Perché lo stesso 70% dice forte e chiaro quanto si siano rivelati un misero fallimento.

“Prendiamo per buono” che siamo una Umanità intelligenti, perché questo ci fa sentire bene. Questo però non fa star bene il pianeta. Quello che ci spinge non è la ragione, ma quella parte del nostro cervello che condividiamo con le amebe, con i batteri e con tutte le altre forme più primitive di vita, che si ingozzano di tutto quello che trovano il più presto possibile. Il cervello “razionale” degli umani, serve ad una cosa e ad una sola: per trovare scuse “razionali” per quello che il nostro cervello primitivo ci ha appena fatto fare.

Siamo abbastanza intelligenti per capire che guidare un’auto ibrida o un’auto elettrica non basta per fermare lo scempio che stiamo facendo al nostro mondo, ma si stanno vendendo queste auto a milioni. Quindi forse potremmo dire che siamo allo stesso tempo abbastanza intelligenti, e che non lo siamo affatto. Possiamo vedere che stiamo distruggendo il nostro mondo, ma non sappiamo fare niente che ci impedisca di continuare questa distruzione.

Ecco qualcosa che scrissi 5 anni fa:

Most. Tragic. Species. Ever.

Abbiamo fatto esattamente la stessa cosa che avrebbe fatto una forma di vita primitiva di fronte a un surplus, di cibo, di energia e, nel nostro caso, di credito e di denaro a basso costo. Abbiamo speso tutto il più velocemente possibile, per paura che arrivassero tempi di minor abbondanza. È un istinto che proviene dai segmenti più primitivi del cervello, non dalla “più razionale” corteccia frontale. Non possiamo dire che – in linea di principio  – siamo dotati di un talento, più subdolo o malvagio delle forme di vita più primitive.  Il fatto è che usiamo il nostro evoluto cervello per aiutarci a provocare quella stessa devastazione  a cui ci spinge il nostro cervello più primitivo,  ma – grazie alla nostra intelligenza evoluta – siamo capaci  di devastare molto meglio.

E’ questo che ci rende la specie animale più tragica che si possa immaginare. Ci combatteremo l’un l’altro, e lo faranno anche i nostri figli, per litigarci fino all’ultima mollica che cade sul tavolo e uccideremo tutto quello che attraverserà la nostra strada, pur di arrivare in fondo. E quando avremo finito, troveremo un modo per darci una spiegazione razionale – a noi stessi – sul perché avevamo ragione ad agire in quel modo. Possiamo essere consapevoli e renderci conto di quello che facciamo, ma non sappiamo come evitare di farlo. La Specie, in assoluto, più Tragica mai esistita.

Il più grande miracolo che vedrete mai o che potreste mai sperare di vedere, sarà così miracoloso che non potrete nemmeno riconoscerlo per quel che è. Non sappiamo più cosa significhi la parola bellezza o il valore della parola. Abbiamo perso tutto questo, e siamo sulla buona strada per perdere il resto anche. Abbiamo superato il 70%.

Raúl Ilargi Meijer

Fonte: https://www.theautomaticearth.com

Link:  https://www.theautomaticearth.com/2018/06/everything-that-dies-does-not-come-back/

7.06.2018

Il testo di questo articolo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali, citando la fonte comedonchisciotte.org  e l’autore della traduzione Bosque Primario

 

 

Pubblicato da Bosque Primario