Home / Ambiente / La politica USA in Venezuela è dettata da OGM e RoundUp

La politica USA in Venezuela è dettata da OGM e RoundUp

DI WHITNEY WEBB

Mintpressnews.com

Il governo parallelo di Juan Guaidó sta tentando di prendere il potere in Venezuela con l’appoggio USA, ma chi paga e spinge fortemente gli Stati Uniti in Venezuela ha dei legami molto stretti con la Monsanto e con l’azionariato della Bayer.

Mentre la crisi politica in Venezuela continua a galoppare, molto è stato detto sull’interesse manifestato dall’amministrazione Trump per la privatizzazione e lo sfruttamento delle riserve petrolifere venezuelane, le più grandi del mondo, da parte dei giganti americani del petroli, come Chevron ed ExxonMobil. Però non si è parlato altrettanto degli interessi e dell’influenza di un’altra famigerata compagnia americana, la Monsanto – ora controllata dalla Bayer.

Mentre numerose altre nazioni latino-americane sono già diventate un “campo aperto per tutti” per questa azienda biotech e per le sue affiliate, il Venezuela è ancora uno dei pochi paesi che combatte la Monsanto e altri colossi agrochimici internazionali e che riesce a tener loro testa. Comunque, da quando  fu messo a segno quel punto – il blocco degli OGM sotto il governo Chavista – l’opposizione venezuelana, appoggiata dagli USA, ha cominciato a lavorare per annullarlo.

Ora, il governo parallelo di Juan Guaidó, che tenta di prendere il potere con il sostegno degli Stati Uniti, sta mostrando che i suoi principali sponsor politici, che stanno spingendo fervidamente per il cambiamento di regime in Venezuela, hanno stretti legami con la Monsanto e con i maggiori azionisti della Bayer.

Negli ultimi mesi, il prodotto più controverso e famigerato della Monsanto – il glifosato antiparassitario, il Roundup,  che recenti sentenze degli Stati Uniti hanno messo in relazione con il cancro – ha minacciato il futuro finanziario della Bayer come mai è avvenuto prima, con una serie di nuovi casi giudiziari che stanno abbaiando sulla porta della Bayer. Sembra che molte delle forze  USA che ora cercano di rovesciare il governo venezuelano sperano che un nuovo governo guidato da Guaidó permetterà alla Bayer di aprire un mercato nuovo, che tanto serve per i suoi prodotti agrochimici e per i semi transgenici, in particolare quelli che ora devono fronteggiare troppi divieti in tanti paesi di tutto il mondo, tra cui il Vietnam un tempo devastato ma ancora avvelenato.

L’opposizione venezuelana sostenuta dagli USA cerca di rovesciare la legge  chavista sui semi e il divieto di uso degli OGM

Nel 2004, l’allora-presidente del  Venezuela, Hugo Chávez, sorprese molti quando annunciò  il suo diniego al progetto della Monsanto di piantare 500.000 acri di terreno agricolo venezuelano con soia geneticamente modificata (OGM). L’annullamento del contratto con la Monsanto per il Venezuela ha portato a quello che poi è diventato un divieto ad hoc per i semi OGM in tutto il paese, una mossa che è stata molto apprezzata da gruppi di agricoltori locali e dagli attivisti ambientalisti. Però contrariamente ai movimenti anti-OGM, sorti in altri paesi, la resistenza del Venezuela alle colture OGM si è basata più sulle preoccupazioni di mantenere la sovranità alimentare del paese e la tutela dei mezzi di sostentamento degli agricoltori.

Sebbene il divieto non sia riuscito a mantenere i prodotti OGM fuori dal Venezuela – dal momento che il Venezuela ha continuato da sempre a importare la maggior parte del cibo da paesi che sono tra i maggiori produttori mondiali di alimenti geneticamente modificati – questo veto ha impedito ad aziende come la Monsanto e altre importanti aziende agrochimiche e sementiere di guadagnare quote di mercato in Venezuela.

Nel 2013, era stata quasi approvata una nuova legge sui semi che avrebbe permesso ai semi OGM di essere venduti in Venezuela con una scappatoia legale. Quella legge, creata da un membro del Partito socialista unificato del Venezuela (PSUV), fu ampiamente  contestata da agricoltori, attivisti indigeni, ambientalisti e gruppi eco-socialisti, che fecero trasformare la legge in quella che è stata chiamata “Legge sulle sementi della gente”. Quella legge, approvata nel 2015,  si spinse oltre  il divieto del 2004 che vietava non solo i semi OGM e diversi altri prodotti agrochimici tossici, ma rafforzavo allo stesso tempo la tutela delle varietà di semi locali con la creazione dell’Istituto Nazionale delle Sementi.

Poco dopo l’approvazione della nuova legge sui semi nel 2015, l’opposizione venezuelana sostenuta dagli Stati Uniti guidata dalla Tavola rotonda di Unità democratica (MUD) – un gruppo composto da numerosi partiti politici finanziati dagli Stati Uniti, tra cui Volontà Popolare di Guaidó – prese il controllo dell’Assemblea Nazionale. Fino al momento che la Corte Suprema del Venezuela la  sciolse nel 2017, il legislatore del MUD  tentò in diverse occasioni  di abrogare la legge sui semi. Quelli che erano favorevoli all’abrogazione definiva della legge dissero che non aveva basi “scientifiche” e che era dannosa per l’economia.

Nonostante la decisione della Corte Suprema del 2017, l’Assemblea nazionale ha continuato a riunirsi,  ma senza nessun potere reale nell’attuale governo venezuelano. Tuttavia, se l’attuale governo venisse rovesciato e Guaidó – il “presidente ad interim”, che è anche Presidente della disciolta ‘Assemblea nazionale  – arrivasse al potere, sembra quasi certo che la “Legge sui semi del popolo” sarebbe una delle prime teste della precedente legislazione che verrebbe messa sul ceppo.

L’Asse AEI 

Alcune delle figure chiave e delle voci più forti, negli Stati Uniti, che appoggiano gli sforzi dell’amministrazione Trump per rovesciare il governo venezuelano sono ben collegate a un particolare think-tank, l’American Enterprise Institute (AEI). Ad esempio, John Bolton – ora consigliere per la sicurezza nazionale di Trump e uno dei principali attori nell’aggressiva politica venezuelana della stessa amministrazione – è stato un alto funzionario dell’AEI, prima di diventare il Capo della sicurezza nazionale di Trump. In qualità di consigliere per la sicurezza nazionale, Bolton consiglia il presidente in materia di politica estera e questioni di sicurezza nazionale, fornendo consulenza sia al Segretario di Stato che al Segretario alla Difesa. Negli ultimi tempi, secondo quanto riportato dai media,  ha fatto pressioni per un’azione militare in Venezuela.

Altra figura chiave nella politica  di Trump in Venezuela è Elliott Abrams, rappresentante speciale del Dipartimento di Stato per il Venezuela – è sempre stato presente ai vertici della AEI e  ospite nei suoi panel e podcast. Secondo il Segretario di Stato Mike Pompeo, l’attuale ruolo di Abrams gli conferisce “la responsabilità di tutto ciò che riguarda i nostri sforzi per ripristinare la democrazia” in Venezuela. Altre figure di spicco dell’amministrazione, sono il vicepresidente Mike Pence e il segretario di Stato Mike Pompeo,  ospiti della riunione “segreta” dell’AEI all’inizio di marzo. Come è stato riferito a  MintPress e altri media, Guaidó si è dichiarato “presidente ad interim” del Venezuela per volere di Pence, ma anche  Pompeo si sente intimamente coinvolto nel dirigere la politica  di Trump in Venezuela come, come principale consigliere del presidente in materia di affari esteri.

Altre connessioni dell’amministrazione Trump includono il Segretario all’Educazione Betsy DeVos che è stata membro del  Consiglio d’Amministrazione  della AEI.

La AEI è stata a lungo parte fondamentale dell’establishment “neoconservatore” e arruola tra le sue file ben noti neoconservatori come Fred Kagan – l’architetto della “truppa irachena” – e Paul Wolfowitz, l’architetto della guerra in Iraq. Le sue connessioni con l’amministrazione di George W. Bush furono particolarmente strette e controverse, dato che a più di 20 impiegati della AEI, sotto l’amministrazione Bush, furono assegnate le migliori posizioni di vertice.  Molti di loro, come Bolton, stannno vivendo una seconda giovinezza nell’amministrazione Trump.

Altri importanti funzionari di Bush, appena finito il loro mandato nell’amministrazione, si sono ritrovati all’AEI. Uno di questi è Roger Noriega, rappresentante USA nell’Organizzazione degli Stati americani (OAS) durante il fallito colpo di stato del 2002 sostenuto dagli Stati Uniti e. poi Segretario di Stato Aggiunto per gli affari dell’emisfero occidentale dal 2003 al 2005, dove ebbe voce influente nelle politiche dell’amministrazione nei confronti di Venezuela e Cuba.

Dopo aver lasciato l’amministrazione Bush ed essere prontamente entrato nell’AEI, Noriega contribuì a diffondere notizie prive di prove, con la mira di far considerare  Nicolas Maduro e tutto l’attuale governo del Venezuela, come una minaccia alla sicurezza nazionale, dicendo che il Venezuela sta aiutando l’Iran ad acquisire armi nucleari e che ospita soldati di Hezbollah dal Libano. Ha fatto anche pressioni sul Congresso per sostenere il leader  dell’opposizione venezuelana Leopoldo López, mentore politico di Guaidó e leader del suo stesso partito politico, Volontà popolare.

Ma non è tutto qui Noreiga ha collaborato con Martin Rodil,  un esiliato venezuelano ex  funzionario del Fondo Monetario Internazionale, e con José Cardenas, che ha lavorato nell’amministrazione Bush, per fondare Visión Américas, una società privata di valutazione del rischio e di lobby che è pagata per “sostenere gli sforzi del settore privato honduregno ad aiutare e consolidare la transizione democratica nel loro paese” dopo il colpo di stato in Honduras appoggiato dagli Stati Uniti nel 2009. Negli ultimi mesi, Noriega e i suoi soci si sono molto concentrati sul Venezuela, con Cardenas che offre consigli pubblici a Trump su come” accelerare l’uscita di scena di Maduro”  e con Rodil che ha  pubblicamente spiegato “il modo per trovare un accordo” con chi si sarà sporcato le mani con il governo venezuelano.

Anche se la AEI è meglio conosciuta per essere un falco in politica, è anche promotore di grandi interessi agricoli. Dal 2000, ha ospitato  parecchie  conferenze sulle qualità  delle “biotecnologie” e dei semi geneticamente modificati e ha fortemente promosso il lavoro dell’ex lobbista della Monsanto  Jon Entine, che è stato  visiting fellow della AEI per diversi anni. L’AEI intrattiene anche rapporti di  lungo termine con Dow Chemical.

La ragione più probabile dell’interesse della AEI per promuovere il biotech, tuttavia, si può trovare nei suoi collegamenti con la Monsanto. Nel 2013, The Nation ha acquisito un  documento del  2009 della AEI, ottenuto per un errore di archiviazione e non destinato alla divulgazione pubblica, il documento rivelò i nomi dei principali finanziatori del think tank. La colonna “schedule of contributors”, ha rivelato che i due principali sponsor della AEI, all’epoca, erano il Donors Capital Fund e il miliardario Paul Singer.

Il “Donor” Capital Fund, che rimane  uno dei maggiori finanziatori  della AEI, è legato agli interessi della Monsanto per mezzo del vice presidente del suo CdA, Kimberly O. Dennis, che è attualmente anche  membro delConsiglio Nazionale della AEI, secondo la quale il National Council è  composto da “Leader di aziende e di comunità di tutto il paese impegnati per il successo della AEI che servono come ambasciatori della AEI e forniscono consulenza, suggerimenti e guida”.

La Dennis è Presidente-esecutivo da sempre del Searle Freedom Trust, fondato nel 1988 da Daniel Searle dopo aver seguito  la vendita della azienda farmaceutica di famiglia – la G.D. Searle and Company – alla Monsanto nel 1985 per $ 2,7 miliardi. I soldi ricavati da Searle da quella fusione furono usati per creare il fondo che ora finanzia la AEI e altri think tank di destra. Searle è stato anche vicino a Donald Rumsfeld, che per anni guidò il G.D. Searle and Co. e che fu Segretario alla Difesa sotto Gerald Ford e George W. Bush.  Searle è anche stato fiduciario dell’Hudson Institute, dove per un periodo ha lavorato Elliott Abrams.

Dopo che la società di famiglia — che salì agli onori della cronaca per  le false ricerche diffuse  sulla sicurezza del suo dolcificante, Aspartame o NutraSweet — fu venduta alla Monsanto, i dirigenti della D.G. Searle più vicini a Daniel Searle assunsero ruoli di primo piano all’interno della Monsanto. Robert Shapiro, che fu per lungo tempo avvocato della G.D. Searle e Capo della Divisione NutraSweet, divenne prima Vice presidente, poi Presidente e Amministratore delegato della Monsanto. In particolare, il nipote di Daniel Searle, D. Gideon Searle, è stato fiduciario della AEI fino a pochi anni fa.

Perché qualcuno molto vicino a Marco Rubio compra le azioni Bayer mentre gli altri scappano?

E’ stato il principale finanziatore privato della AEI, quello che per primo è salito agli onori della cronaca, dopo la divulgazione accidentale dello “schedule of contributors” , e questo può dire molto sugli interessi biotecnologici dei privati ​​che guidano la politica venezuelana dell’amministrazione Trump: Paul Singer, il controverso miliardario degli hedge fund, è da tempo un importante finanziatore di cause neoconservatrici e sioniste – ed ha contribuito a finanziare la Foreign Policy Initiative (FPI), che è succeduta al Project for a New American Century (PNAC); e la neoconservatrice e islamofobica Foundation for the Defense of Democracies (FDD), oltre alla AEI.

Singer è in particolare uno dei  principali finanziatori politici del senatore Marco Rubio (R-FL) ed è stato intimamente coinvolto nei recenti caos in Venezuela. È stato definito uno degli architetti dell’attuale politica per il cambio di regime ed è stato il principale finanziatore della campagna presidenziale di Rubio, nonché figura chiave dietro il controverso “dossier” su Donald Trump compilato da Fusion GPS.  Infatti, Singer è stato la prima persona a ingaggiare la Fusion GPS per fare “opposition research” su Trump.   Tuttavia, Singer  si è ben mosso per evitare di pagare lo scotto per il suo ruolo nella creazione del dossier, finanziando  Trump dopo la sua vittoria elettorale nel 2016 e  offrendo $ 1 milione al fondo per l’inaugurazione del mandato Trump.

Singer ha una storia leggendaria in Sud America, sebbene sia stato relativamente tranquillo riguardo al Venezuela. Un vecchio manager che gestisce gli hedge fund di Singer, Jay Newman, ha recentemente dichiarato Bloomberg  che un governo guidato da Guaidó per prima cosa direbbe che i creditori stranieri “non sono il nemico” e ha accennato che Newman stesso stava valutando se partecipare alla preparazione di un “elenco dei bond veterans” – quelle obbligazioni [che hanno] già iniziato a perdere posizioni – facendo intendere che, una volta che Guaidó, appoggiato dagli Stati Uniti, riuscirà a cacciare il presidente Nicolas Maduro e a prendere il controllo del paese, sarà fatta una ristrutturazione del debito di $ 60 miliardi. “Inoltre, il Washington Free Beacon,  in gran parte  finanziato da Singer, è stato un portavoce della politica di cambio di regime dell’amministrazione Trump in Venezuela.

Oltre a ciò, la Elliott Management Corporation  di Singer nel 2007 concesse a Roger Noriega, l’ex assistente segretario di stato per gli affari dell’emisfero occidentale sotto Bush,  $60,000   per fare lobby  sulla questione del debito sovrano e per la “difesa degli investitori USA  in America Latina”. Durante il periodo in cui Noriega era nel libro paga di Singer, scrisse articoli che collegavano sia l’Argentina e che il Venezuela all’inesistente programma nucleare dell’Iran. A quel tempo, Singer stava perseguendo in modo aggressivo il governo argentino per cercare di ricavare più soldi dal precedente default del debito sovrano di quel paese.

Mentre Singer sta dimostrandosi madre della politica in Venezuela, ha preso anche qualche decisione commerciale che farebbe alzare il sopracciglio a qualcuno, infatti ha  significativamente  incrementato le sue quote nella Bayer. Questa mossa sembra contrastare con gli attuali problemi finanziari della Bayer, per gli effetti diretti dei numerosi casi giudiziari riguardanti il ​​legame tra il glifosato della Monsanto e il cancro. La prima sentenza che ha segnalato problemi per la Monsanto e per la sua nuova casa madre, la Bayer, è dello scorso agosto, ma Singer ha aumentato la sua quota di partecipazione nella società dallo scorso Dicembre , anche se era già chiaro che la Bayer avrebbe cominciato ad avere problemi e che le cause per il glifosato erano solo all’inizio.

Dall’inizio dell’anno, i problemi della Bayer e la fusione con la Monsanto sono solo peggiorati, e l’amministratore delegato della Bayer ha recentemente  affermato che le azioni legali hanno “influenzato in maniera massiccia” i prezzi delle azioni e le performance finanziarie dell’azienda.

Bisogna aprire un nuovo mercato per il RoundUp

Parte dell’interesse di Singer per la Bayer potrebbe riguardare il Venezuela, dato che il “Piano País” di Juan Guaido per “salvare” l’economia venezuelana include un focus sul settore agricolo del paese. In particolare, prima e sotto lo Chavismo, la produttività agricola e gli investimenti nel settore agricolo occupavano un posto secondario rispetto alla produzione di petrolio, con meno del  25 % delle terre venezuelane utilizzate a scopi agricoli, nonostante il fatto che la nazione abbia una notevole ricchezza di terre coltivabili. Il risultato è stato che il Venezuela ha sempre avuto bisogno di  importare gran parte del cibo dall’estero, la maggior parte dei quali proviene da Colombia o USA.

Sotto Chávez e il suo successore, Maduro, c’è stata una rinnovata  attenzione per l’agricoltura su piccola scala, sulla sovranità alimentare e sull’agricoltura biologica. Ma se Maduro verrà spodestato e Guaidó si muoverà per attuare il suo “Piano País”, la forte vicinanza dell’attuale opposizione venezuelana con le corporation straniere, con gli interessi USA, e con quelli dei golpisti della Bayer/Monsanto, fanno ben pensare che tutti gli sforzi fatti in passato per far abrogare  il veto sui ai semi OGM, otterranno  finalmente il sospirato risultato di aprire un nuovo mercato per i prodotti Bayer/Monsanto e, in particolare, per il glifosato.

Il Sud America è stato a lungo un mercato chiave per la Monsanto e, poiché i problemi della società sono cominciati prima della fusione con la Bayer, questo mercato è diventato un’ancora di salvezza per l’azienda visto che qui le normative ambientali e dei consumatori sono meno severe di quelle di molti paesi occidentali. Negli ultimi anni, quando i governi sudamericani hanno aperto i loro paesi a politiche più “market-friendly” nel settore agricolo, la Monsanto ha sempre fatto milioni.

Per esempio, quando il Brasile ha cercato di espandere gli investimenti in biotecnologia (vale a dire semi geneticamente modificati) nel 2012, la Monsanto ha visto un aumento del 21% delle sue vendite solo nei semi di mais OGM, cosa che ha generato $ 1 miliardo di profitti in più per la società. Serve che si verifichi di nuovo uno scenario come quello per la Bayer/Monsanto, perché i problemi legali della Monsanto hanno fatto crollare i profitti  dello scorso anno.

Con i paesi di tutto il mondo che ora stanno  soppesando di vietare al glifosato per l’aumento dei contenziosi sui legami chimici con il cancro, la Bayer ha bisogno di un nuovo mercato per evitare la sua rovina finanziaria. Dato che Singer ora ha una importante partecipazione in questa compagnia, lui – insieme ai politici e ai think tank che finanzia – potrebbe contare sulla promessa della messa al bando del veto agli OGM che un governo guidato da Guaidó dovrebbe garantire.

Inoltre, dato che il primo consigliere di Guaidó vuole che l’amministrazione Trump abbia un ruolo diretto nel governo del Venezuela, se Maduro venisse estromesso, sembra probabile che Singer possa sfruttare le sue connessioni per tenere a galla la Bayer/Monsanto anche in mezzo alle tante polemiche intorno al glifosato. Un comportamento di questo genere  da parte di Singer difficilmente sorprenderebbe alla luce del fatto che i media finanziari internazionali lo hanno già riconosciuto come  “spietato opportunista spietatamente aggressivo“.

Tale risultato sarebbe in linea con l’aumento dei margini di profitto per la Monsanto e per le altre società collegate che hanno seguito la sua espansione in paesi dove sono avvenuti dei golpe appoggiati dagli Stati Uniti. Ad esempio, dopo il colpo di stato in Ucraina nel 2014, i prestiti concessi all’Ucraina dal FMI e dalla Banca mondiale hanno costretto il paese ad aprirsi ed accettare l’espansione dell’uso delle “biotecnologie” e delle colture OGM nell’industria agricola e la Monsanto, in particolare, ha fatto milioni di dollari, grazie alla cancellazione del divieto, voluto dal precedente governo, dell’uso di OGM sulle sementi e su altri prodotti agrochimicio. Se Maduro venisse estromesso, è probabile che si verificherà uno scenario simile anche in Venezuela, dato che il governo – che presiederebbe Guaidó –  ha reso nota la sua intenzione di indebitarsi pesantemente con queste istituzioni già  subito dopo che Guaidó si è dichiarato “presidente ad interim”.

****

Whitney Webb è una giornalista di  MintPress News di  base in Cile. Ha scritto su molti media indipendenti tra cui Global Research, EcoWatch, the Ron Paul Institute  e  21st Century Wire, tra gli altri. E’ apparsa spesso in TV e in radio e nel  2019 ha vinto il Serena Shim Award for Uncompromised Integrity in Journalism.

Kieran Barr ha contribuito alle ricerche menzionate nell’articolo.

 

Fonte : https://www.mintpressnews.com

Link  : https://www.mintpressnews.com/how-gmo-seeds-and-monsanto-bayers-roundup-are-driving-us-policy-in-venezuela/258232/

6.05.2019

 

Il testo di questo  articolo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali, citando la fonte  comedonchisciotte.org  e l’autore della traduzione Bosque Primario

 

Pubblicato da Bosque Primario

5 Commenti

  1. Gli Stati Uniti sono da molto tempo una Società per azioni, non hanno un corpo politico rappresentativo degli interessi del popolo amerikano, quindi la politica usa propriamente detta non esiste, mentre quella reale è sempre data dagli accordi tra chi ad un determinato momento storico riesce a mettere insieme la quota di controllo, oggi i maggiori azionisti degli U$A S.p.A sono gli israeliani e poi i sauditi, la fratellanza mussulmana ha perso peso dopo la fine del secondo mandato del loro più noto rappresentante Obanana, pure l’apparato militare industriale ha un peso determinante anche se ne sono proprietari in larga parte sionisti e sauditi, poi via via vengono gli interessi delle corporazioni, dalla petrol-chimica alla farmaceutica, mentre i big così detti tecnologici sono strettamente sotto controllo delle agenzie di intelligence, e non vanno dimenticate le grandi banke d’affari che determinano le politiche economiche, oggi negli usa è in vigore una politica di basso impero dove gli interessi corporativi fanno a gara per imporre i propri interessi, legati esclusivamente ai profitti colossali che possono trarre dall’occupazione delle cariche governative e dalle corruzioni lobbystiche dei congressisti, il Popolo Americano come pure gli altri Popoli che finiscono occasionalmente per confliggere con gli interessi di suddette corporazioni sono l’ultimo dei pensieri in una società corrotta in ogni ganglo della sfera politica, questa è sempre stata la premessa storica del crollo di ogni impero, ogni parvenza di democrazia è pura illusione quando si possono comprare le politiche un tanto al kilo, il crollo è prossimo.

  2. Il capitale se non si riproduce, muore, perciò agirà sempre in funzione dell’allargamento dei mercati e dello sfruttamento intensivo delle risorse ovunque, senza tener conto degli interessi altrui e delle condizioni degli esseri umani e della natura, pur di garantire a sé stesso la riproduzione. Già Marx analizzando la riproduzione allargata del capitale sosteneva: “La tendenza a creare il mercato mondiale è data immediatamente nel concetto stesso di capitale. Ogni limite si presenta qui come un ostacolo da superare”(Grundrisse Vol.2, p.9). Questa verità sacrosanta è apparsa in tutta la sua evidenza nel secondo dopoguerra dove nei paesi occidentali a capitalismo avanzato, il capitale privato cresciuto all’interno degli stati nazionali ha trovato in questi i limiti alla sua ulteriore espansione e ha dovuto perciò spezzare e superare i vincoli imposti dalle regole degli stati nazionali. E’ la cosiddetta rivoluzione reganiana e della Tatcher, che ha introdotto la “deregulation” e il nuovo ordo liberista inizialmente in USA e UK e successivamente in tutto l’occidente capitalista.
    Il capitale privato e apolide, soprattutto nella sua forma finanziaria, è per sua natura predatorio e farà di tutto per abbattere qualsiasi limite o ostacolo al suo sviluppo, compresi i limiti che oggi incontra in stati e popoli che non hanno compiutamente accettato il nuovo ordo liberista come Russia e Cina e perché no, anche Venezuela, che mantengono una struttura per certi aspetti ancora capitalistica, ma interna e subordinata allo stato. Perciò è concreto il rischio che nella sua folle corsa il capitale finisca per trascinare il mondo intero nella catastrofe, come nella favola dello scorpione e della rana: è nella sua natura!

  3. Un governo che affama un popolo e che manda i militari a reprimere le giuste rivolte poplari a suon di lacrimogeni e bastonate non può più considerarsi un governo legittimo a tutti gli effetti: L’ennesimo disastro provocato dal socialismo reale ha gettato un popolo nella disperazione: ci saranno anche la Cia, gli Usa, la Monsanto dietro Guaido’ ma una cosa è certa, non potranno fare peggio un despota assassino come Maduro.

  4. Signor Vincenti, il despota assassino, brutto, sporco e cattivo, E’ e RESTA il legittimo Presidente del Venezuela. Per volontà popolare e fino alle prossime elezioni.
    A proposito, ma l’esercito straniero invocato da Guaidò, non arriva?
    L’hanno scaricato? Guarda cosa tocca dire a me che sono anticomunista viscerale, ma più che anticomunista, sono una persona onesta. E Maduro è il Legittimo Presidente del Venezuela.

  5. ……….Certe s.p.a. e/o multinazionali che speculano-truffano sull’agroalimentare ( cibo – agromafia ) fornendo prodotti scadenti con imposizioni appoggiate dalla criminalità organizzata che ha interesse affinché le persone si ammalino assumendo cibo di qualità scadente e geneticamente modificato perché hanno un sodalizio malavitoso con la sanità corrotta che a sua volta ha interessi sporchi con le lobby farmaceutiche ( lobbismo ), niente di nuovo, la sovranità alimentare è un tema vecchio e importante e conosciuto in tutto il mondo, accade la stessa dinamica perversa in Italia dove molte persone non capiscono-non conoscono il concetto di qualità alimentare perché non fanno prevenzione sinonimo di Q.S. cioe’ qualita’ e sicurezza perche’ la qualita’ fornisce la sicurezza. Accade anche per le fonti energetiche ( acqua, luce e gas ) ed accade anche in Italia nel cd mercato tutelato dallo stato-regioni dove non fanno investimenti da decenni ( acquedotti, rete elettrica ecc ) ma fanno finta di averli fatti, aumentano le tariffe e truffano sulle bollette cioè sul cliente finale e poi si meravigliano del crollo dell’economia interna e dei consumi perché non hanno l’educaziine finanziario-economica perché chi truffa non ha competenze economiche perché non hanno il rigore scientifico che è il requisito n. 1 per poter fornire output positivi con servizi pubblici di qualità ed efficienza-efficacia, accade la stessa stagnazione nei servizi socio-sanitari per gli stessi motivi. Sanitario ed economia sono fortemente correlati.