Altri 10 Esperti che Mettono in Discussione il Panico da Coronavirus

Off-guardian.org

Il mese scorso il dottor Martin Feeley è stato costretto a dimettersi dal suo incarico nella direzione del gruppo ospedaliero di Dublino dopo aver dichiarato pubblicamente che il virus non era pericoloso e che le politiche di blocco facevano più male che bene.

Solo pochi giorni fa, il dottor Marcus De Brun – un medico irlandese che si è dimesso dal suo incarico governativo per protestare contro le politiche di Covid – ha cancellato il suo twitter [link all’archivio] e ha dichiarato di “farsi da parte” rispetto al dibattito pubblico sulla pandemia.

Questi singoli esempi dipingono un quadro più grande – lentamente ma inesorabilmente gli esperti medici che si oppongono alla narrazione della “pandemia” vengono censurati, rimossi e spinti fuori dalla conversazione. Quando l’ultima voce dissenziente sarà finalmente chiusa, l’establishment rivendicherà che la “scienza si è accordata”.

Ebbene, la scienza non si è accordata e, per aiutare a ricordarlo a tutti, ecco altri 10 esperti che mettono in discussione la crisi del Coronavirus.

***

La dottoressa Dolores Cahill è una ricercatrice irlandese specializzata in immunologia e oncologia e docente di Scienze di Traslazione all’University College Dublin School of Medicine. Sh è stata consulente scientifica per tre governi nazionali – Irlanda, Svezia e Germania – ed è vicepresidente del Comitato scientifico dell’Iniziativa per la medicina innovativa (IMI).

Le è stato anche chiesto di dimettersi dal suo incarico all’IMI a causa della sua posizione su Covid19.

Cosa dice:

Ecco due cose, due cose importanti che voglio dire alla gente… Prima di tutto ci dovrebbe essere molta speranza che questo virus non sia così pericoloso come si sta dimostrando, e ci sono anche questioni importanti, come i media stanno riportando il numero di casi in cui in realtà qualcuno che ha avuto il virus – come me che ho avuto questo virus a gennaio e febbraio – il tuo sistema immunitario lo elimina dopo dieci giorni e poi sei immune a vita. Quindi non sei un caso, sei immune a vita…

[…]

Poi la seconda cosa è che possiamo vedere che in Irlanda, come a livello globale, la metà delle persone che muoiono hanno più di 80 anni e che diremo che bambini e chiunque abbia meno di 50 anni – a meno che non soffra di patologie croniche come la fibrosi cistica – non avrà alcun problema. Quindi quello che sto dicendo è che non c’è bisogno dell’isolamento e che potremmo tutti tornare a lavorare.

***

Il Prof. Carl Heneghan è un medico di medicina generale britannico, direttore del Centre for Evidence-Based Medicine dell’Università di Oxford e membro del Kellogg College. È anche redattore capo del BMJ Evidence-Based Medicine. È uno dei fondatori di AllTrials, un’iniziativa internazionale che chiede la pubblicazione di tutti gli studi e la comunicazione dei loro risultati.

Quello che dice:

Nel corso delle nostre attività di raccolta delle prove, abbiamo esaminato alcune migliaia di documenti che riportano studi su tutti gli aspetti della diffusione di Covid-19. Abbiamo scoperto che non molti hanno definito un caso di Covid, il che è un segno di negligenza visto che è ciò che si cerca. Coloro che lo hanno definito, hanno riportato diverse definizioni e modi di accertare cosa intendevano per “caso”.

Ora, questa può sembrare un’osservazione accademica pedante, ma in realtà sottolinea il caos che si è insinuato nella scienza e nel processo decisionale sul Covid-19.

[…]

Che cosa significa un caso Covid 19 e come le diverse nazioni definiscono un caso? Abbiamo esaminato la definizione di un caso data dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, dai Centri per il Controllo delle Malattie degli Stati Uniti e dell’Unione Europea, Cina, Italia, Spagna, Francia.

[…]

La definizione del governo britannico si basa sui sintomi clinici e si raccomanda di effettuare test per i casi che stanno abbastanza bene da poter rimanere nella comunità. Non vengono fornite indicazioni su come interpretare tale test o su come prendere decisioni. È interessante notare che la spiegazione del Public Health England sui metodi per il conteggio dei casi è la seguente:

“Se una persona ha un test sia negativo che positivo, allora verrà contato solo il suo test positivo. Se una persona è risultata positiva sia nel primo che nel secondo pilastro, allora viene contato solo il primo caso positivo”.

Una persona asintomatica che è risultata positiva potrebbe avere due test di conferma negativi, ma verrebbe comunque contata come un caso confermato. Ma in Galles, i dati vengono dedotti su episodi di 42 giorni; se qualcuno viene sottoposto al test due volte, a 43 giorni di distanza l’uno dall’altro, sarà incluso due volte nella misura del conteggio dei casi.

[…]

Abbiamo già scritto sull’uso inappropriato del test PCR come attualmente utilizzato, e la deliziosa vaghezza della dichiarazione è gravida di conseguenze. Soglie arbitrarie possono essere così alte che il Regno Unito potrebbe essere diretto verso il blocco perpetuo, in quanto ogni minuto frammento e detriti del coronavirus saranno considerati positivi.

Ne deduciamo che un “caso” segnalato è molto probabilmente semplicemente il risultato di un test PCR positivo. Il nuovo orientamento non ha senso, a meno che non fornisca una chiara soglia per i limiti di rilevazione. Per molti il cui test risulta positivo, potrebbe non esserci nulla di registrato su eventuali sintomi clinici.

– “Cosa significa veramente un caso di Covid-19?”, The Spectator 14 settembre 2020*

*

È essenziale adeguarsi al numero di prove che si stanno effettuando. Leicester e Oldham hanno visto un aumento significativo dei test in breve tempo. Leicester, per esempio, nelle prime due settimane di luglio ha fatto più test che in qualsiasi altra parte dell’Inghilterra: 15.122 test completati nelle due settimane fino al 13 luglio.

Il rischio che i falsi positivi (quelle persone senza la malattia che risultano positive) guidino l’aumento dei casi di comunità (Pilastro 2) è sostanziale, soprattutto perché non è chiara l’accuratezza del test e l’individuazione di virus vitali all’interno di una comunità.

I casi COVID in Inghilterra non sono in aumento: ecco perché, CEBM 2 agosto 2020

*Co-autore con il dottor Tom Jefferson, apparso in una precedente edizione di questa serie.

***

Il dottor Karol Sikora è un medico britannico specializzato in oncologia e professore di medicina all’Università di Buckingham. È fondatore e direttore medico della Rutherford Health, una società che fornisce servizi di terapia protonica, ex direttore del Programma dell’Organizzazione Mondiale della Sanità per la lotta contro il cancro e direttore dell’Oncologia medica presso il Centro oncologico delle Bahamas.

Cosa dice:

In sintesi, la nostra opinione è che il percorso politico esistente non è coerente con il profilo di rischio conosciuto di Covid-19 e dovrebbe essere riconsiderato. L’obiettivo non dichiarato attualmente sembra essere quello di sopprimere il virus, fino a quando non sarà possibile utilizzare un vaccino.

Questo obiettivo è sempre più impraticabile (nonostante le nostre preoccupazioni più specifiche riguardo alle politiche esistenti) e sta portando a danni significativi in tutte le fasce d’età, il che probabilmente neutralizza qualsiasi beneficio.

[…]

Gli interventi comportamentali che cercano di aumentare la percezione della minaccia del Covid dovrebbero essere riconsiderati, in quanto probabilmente contribuiscono ad impatti negativi sulla salute fisica e mentale al di là del Covid. Si dovrebbe anche considerare se le politiche che hanno lo scopo di “rassicurare”, possano di fatto rafforzare una percezione più elevata del rischio. Sarebbe preferibile fornire al pubblico informazioni obiettive sul rischio effettivo che corre a causa di Covid-19, in base all’età e allo stato di salute.

– Boris Johnson deve ripensare con urgenza la sua politica di Covid”, The Spectator 21 settembre**

Intervista a UnHerd, 18 maggio 2020:

**Co-autore con il dottor Carl Heneghan (sopra) e la dottoressa Sunetra Gupta, apparsa in una precedente edizione di questa serie.

***

Il dottor Michael Yeadon è un medico e ricercatore britannico, ex direttore scientifico di Pfizer e co-fondatore di Ziarco Pharma Ltd.

Cosa dice:

Credo di aver identificato una grave, fatale falla nel test PCR utilizzato in quello che il governo britannico chiama “screening del secondo pilastro”, ovvero il test di molte persone nelle loro comunità.

[…]

Il governo ha deciso di chiamare una persona “caso” se il suo campione di tampone è risultato positivo all’RNA virale, che è quello che viene misurato con il PCR. Il campione di una persona può essere positivo se ha il virus […] Può anche essere positivo se ha avuto il virus alcune settimane o mesi fa ed è guarito. C’è anche una piccola possibilità che alti carichi di coronavirus imparentati, ma diversi coronavirus… possano reagire anche nel test PCR.

Ma c’è una situazione finale in cui una persona può essere positiva e si tratta di un processo casuale. Può avere cause multiple, come il fatto che la tecnica di amplificazione non sia perfetta e quindi amplifichi le sequenze ‘esche’ inserite con il campione, con l’obiettivo di sposarsi con l’RNA virale SARS-CoV-2 correlato. Ci saranno molti altri contributi a tali positivi. Questi sono quelli che vengono chiamati falsi positivi.

[…]

A causa dell’alta percentuale di falsi positivi e della bassa prevalenza, quasi tutti i test positivi, i cosiddetti casi, identificati dal secondo pilastro dal maggio di quest’anno, sono stati FALSI POSITIVI. Non solo una piccola percentuale. Non un quarto o addirittura la metà dei positivi è FALSO, ma circa il 90%.

– Lies, Damned Lies and Covid Statistics – the Deadly Danger of False Positives, LockdownSceptics.org, 20 settembre 2020

***

Il dottor Jean-François Toussaint è un medico francese e professore di fisiologia all’Université Paris-Descartes. È anche direttore dell’Istituto di Ricerca Biomedica e di Epidemiologia dello Sport (IRMES) ed ex membro dell’Alto Consiglio della Sanità Pubblica.

Cosa dice:

Oltre a quelle direttamente legate alle misure essenziali per combattere la SARS-CoV-2, le conseguenze sociali, economiche e sanitarie di un confinamento generalizzato saranno notevoli. È prevedibile che tutti questi effetti porteranno a un calo dell’aspettativa di vita nei prossimi anni.

[…]

[Il lockdown] è stato guidato da stime che sono state proposte il 12 marzo… In questo lavoro, però, molte cose erano sbagliate: i modelli erano sbagliati, le proiezioni erano sbagliate; le simulazioni non sono ancora riproducibili, le giustificazioni rimangono infondate. E gli studi attualmente pubblicati ripetono gli stessi errori: modelli ingenui e superati, algoritmi instabili, previsioni inutili… Eppure è su tali simulazioni che si è giocata la paralisi di metà dell’umanità.

Una risposta inadeguata può portare alla morte di un individuo. A livello di società, può causare il suo collasso e bloccare il futuro dei nostri figli.

– “Prima valutazione di Covid-19: Abbiamo ceduto al panico”, UP Magazine 28 maggio 2020 (tradotto dal francese)

***

Il dottor Priyad Ariyaratnam è un chirurgo britannico, ricercatore medico e NIHR Clinical Lecturer & Speciality Registrar in Cardiothoracic Surgery presso la Hull York Medical School.

Quello che dice:

Anche se è importante mitigare la perdita di vite umane laddove possibile, non possiamo mai ridurre il rischio a zero. La maggior parte delle persone sopravviverà grazie alle loro difese immunitarie naturali.

In attesa di un vaccino, quindi, non credo che dovremmo distruggere il reddito e i mezzi di sussistenza di milioni di persone, impedire l’istruzione e lo sviluppo sociale dei bambini inutilmente o cancellare le cure per altre malattie come il cancro, perché questo causerà più danni del virus a lungo termine.

– Tre ragioni per cui un vaccino contro il coronavirus potrebbe non essere possibile, The Spectator 23 maggio 2020

*

Durante questa pandemia abbiamo imparato che esistono metodi alternativi e meno draconiani, come quelli impiegati con successo in nazioni come la Svezia e Taiwan, che possono essere integrati con le lezioni che abbiamo imparato nel Regno Unito (come l’importanza di proteggere le case di cura) per creare strategie efficaci e socialmente più accettabili alle quali la popolazione è più propensa ad aderire.

Se è importante non prendere alla leggera la minaccia di questo virus e fare tutto il possibile per proteggere i più vulnerabili nella nostra società, è altrettanto importante che molti dei diritti che diamo per scontati – come il diritto al lavoro, il diritto dei nostri figli di ricevere un’istruzione ottimale e il diritto di riunirsi pacificamente – non siano compromessi inutilmente. In caso contrario, potremmo creare un precedente molto pericoloso.

La repressione del coronavirus stabilisce un pericoloso precedente, The Spectator 25 settembre 2020

***

Il dottor Martin Feeley – che forse ricorderete dalla presentazione – è un medico irlandese ed ex Senior Doctor con l’Health Service Executive dell’Irlanda e direttore clinico del Dublin Midlands Hospital Group.

Dopo aver rilasciato un’intervista in cui ha interrogato il “draconiano” lo scorso 12 settembre, è stato costretto a dimettersi il 18 settembre.

Cosa dice:

La reazione dei media a questi casi, a parte la giusta gravità nel riportare i decessi per una grande catastrofe, ora rasenta l’isteria. Aprire un telegiornale con il numero di persone risultate positive per una condizione meno pericolosa dell’influenza, che molti non sanno nemmeno di avere, è allarmistico.

– Restrizioni “draconiane” intorno a Covid-19 condannate dal medico HSE”, Irish Times 12 settembre 2020

*

L’esperienza irlandese è molto simile [agli Stati Uniti] – fino a metà agosto il 94 per cento dei decessi è avvenuto in pazienti con problemi medici già presenti. Un gruppo guidato da Stanford ha analizzato oltre 100.000 decessi legati alla Covid-19 in Europa, Irlanda compresa, e negli Stati Uniti, e ha concluso che “i decessi di persone sotto i 65 anni senza condizioni predisponenti erano notevolmente rari”.

Un’altra caratteristica importante è il numero di persone che contraggono il virus e rimangono completamente asintomatiche. In scenari estremamente ben definiti, come la nave da crociera Diamond Princess e la portaerei Theodore Roosevelt, quasi il 66% dei test positivi sono risultati completamente asintomatici, mentre un rapporto della Cina suggerisce che il 78% dei casi è risultato asintomatico.

“Giovani e sani devono poter vivere la loro vita”, Irish Times 24 settembre 2020

***

Il dott. Beda M. Stadler è un biologo molecolare svizzero ed ex direttore dell’Istituto di immunologia dell’Università di Berna. Stadler ha svolto ricerche di base nel campo dell’allergologia e dell’autoimmunità e ricerche applicate per la produzione di anticorpi umani ricombinanti o artificiali.

Cosa dice:

Potrei prendermi a schiaffi, perché ho guardato la Sars-CoV2 troppo a lungo in preda al panico. Sono anche un po’ seccato con molti dei miei colleghi di immunologia che finora hanno lasciato la discussione su Covid-19 a virologi ed epidemiologi. Credo sia giunto il momento di criticare alcune delle principali e completamente sbagliate dichiarazioni pubbliche su questo virus.

In primo luogo, è stato sbagliato affermare che questo virus era nuovo. In secondo luogo, è stato ancora più sbagliato affermare che la popolazione non avrebbe già una certa immunità contro questo virus. In terzo luogo, è stato il coronamento della stupidità affermare che qualcuno poteva avere  il Covid-19 senza alcun sintomo o addirittura trasmettere la malattia senza mostrare alcun sintomo.

[…]

Quelle persone giovani e sane che attualmente vanno in giro con una maschera sul viso starebbero meglio se indossassero un casco, perché il rischio che qualcosa cada sulla loro testa è maggiore di quello di avere un grave caso di Covid-19.

– “Coronavirus”: Perché tutti si sbagliano”, WeltWoche 10 giugno 2020 [Originale in tedesco] [Tradotto in inglese da BacktoReason on Medium]

***

Il dottor Stefan Hockertz è un ricercatore tedesco nel campo della biologia, biotecnologia e farmacologia, ed ex professore di tossicologia, farmacologia e immunotossicologia molecolare all’Università di Amburgo, nonché membro del gruppo di lavoro Fraunhofer per la tossicologia e la medicina ambientale.

Il dottor Hockertz ha anche lavorato come direttore dell’Istituto di Farmacologia e Tossicologia Sperimentale e Clinica presso l’Ospedale Universitario di Eppendorf, e come fondatore e amministratore delegato di TPI Consult, una società di ricerca biotecnologica.

Cosa dice:

I dati provenienti da popolazioni chiaramente delineate, come quelli della nave da crociera Diamond Princess, o tutti i contatti tracciati dei primi 100 casi taiwanesi (Cheng et al., 2020) parlano un linguaggio chiaro che è supportato da un nuovo studio di modellazione: il virus non infetta tutti indistintamente.

Ovviamente, l’immunità naturale può prevenire molte infezioni, ed è la ragione per cui Gomes e colleghi stimano che solo il 7%-18% delle persone infette in una popolazione sono sufficienti per raggiungere l’immunità del gregge. Questa è in realtà una buona notizia che aiuta la scienza a comprendere questa infezione, e il nostro obiettivo era quello di indicare questa caratteristica dell’infezione, che era già visibile nei dati di Wuhan.

“Una risposta al dottor Pan e al dottor Wu”, lettera stampata sulla rivista Toxicology issue 441, agosto 2020***.

*

Le misure di salute pubblica sono state effettivamente efficaci, come è ampiamente ipotizzato, nell’arrestare la diffusione del virus? I dati non sembrano sostenere questa conclusione. Perché allora il numero di riproduzione R0 sarebbe sceso sotto 1 già il 24 gennaio, appena un giorno dopo il blocco del traffico, quando si suppone che il tempo medio di incubazione sia di circa 5 giorni? Perché una persona avrebbe una probabilità inferiore del 29% di diventare un caso grave o critico durante il secondo periodo, quando non sono state adottate misure di salute pubblica, se il blocco e le misure successive sono state di fatto efficaci non solo per contenere il virus, ma anche per prevenire i casi gravi?

“Wuhan Covid19 data – più domande che risposte”, lettera alla rivista Toxicology issue 440, luglio 2020***

***Sono entrambi co-scritti con il dottor Harald Walach, psicologo tedesco e professore di metodologia di ricerca in medicina complementare all’Università Europea Viadrina di Francoforte.

***

Docs4OpenDebate è una raccolta di operatori sanitari con sede in Belgio. Il mese scorso hanno inviato una lettera aperta al governo belga per chiedere la fine del blocco, in quel periodo la lettera ha raccolto oltre 13.000 firme, di cui 561 sono medici. La loro inclusione potrebbe giustamente trasformare questo da “10 esperti” in “570 esperti”, ma sembrerebbe un’esagerazione.

Quello che dicono:

Covid-19 non è un virus del raffreddore, ma una condizione ben curabile con un tasso di mortalità paragonabile all’influenza stagionale. In altre parole, non c’è più un ostacolo insormontabile alla salute pubblica.

Non esiste uno stato di emergenza.

[…]

Una discussione aperta sulle misure da coronavirus significa che, oltre agli anni di vita guadagnati dai pazienti affetti da corona, dobbiamo tenere conto anche di altri fattori che influiscono sulla salute dell’intera popolazione. Tra questi vi sono i danni in ambito psicosociale (aumento della depressione, dell’ansia, dei suicidi, della violenza intrafamiliare e degli abusi sui minori) e i danni economici.

Se si tiene conto di questi danni collaterali, la politica attuale è sproporzionata, il proverbiale uso di una mazza ferrata per aprire una nocciolina.

Troviamo sconvolgente che il governo invochi la salute come motivo per la legge di emergenza.

Come medici e professionisti della salute, di fronte a un virus che, in termini di nocività, mortalità e trasmissibilità, si avvicina all’influenza stagionale, non possiamo che respingere queste misure estremamente sproporzionate.

Chiediamo quindi la fine immediata di tutte le misure.

“Gli operatori sanitari belgi chiedono la fine dell’isolamento”, 5 settembre 2020

***

BONUS: Il dottor Sucharit Bhakdi, il primo esperto della nostra prima lista, ha pubblicato un libro sulla crisi del coronavirus. Corona: Falso allarme, è disponibile in inglese e tedesco presso tutti i maggiori venditori di libri.

***

In totale, la nostra collezione di esperti conta oggi più di 40 persone, ed è tutt’altro che esaustiva. Infatti, se si includono quelli che hanno firmato le lettere aperte, siamo ben oltre 1000 a questo punto.

Ricordatevelo quando i media mainstream vi chiamano “negazionisti del covid”, o tentano di dipingere un falso consenso dichiarando che la “scienza è compatta”.

Le edizioni precedenti di questa serie: Parte 1, Parte 2, Parte 3.

Per la prossima voce di questa serie stiamo considerando una lista di “Esperti legali” – avvocati, giudici che hanno contestato l’isolamento sulla base delle libertà civili e dei diritti umani. Se ne conoscete qualcuno, vi preghiamo di contattarci o commentare qui.

———

Fonte: https://off-guardian.org/2020/10/06/another-10-experts-questioning-the-coronavirus-panic/

Pubblicato il 6 ottobre 2020