10 dottori opinione alternativa coronavirus

Altri 10 esperti che criticano il panico da Coronavirus

Off-guardian.org

Seguendo la nostra precedente lista, ecco altre dieci voci esperte, annegate o ignorate dalla narrazione tradizionale, che offrono la loro opinione sull’epidemia di coronavirus.

***

La dott.ssa Sunetra Gupta et al. sono un gruppo di ricerca di Oxford che sta costruendo un modello epidemiologico per l’epidemia di coronavirus, il loro lavoro non è ancora stato sottoposto a una revisione paritaria, ma l’abstract è disponibile online.

Il dottor Gupta è professore di Epidemiologia Teorica all’Università di Oxford con un interesse per gli agenti delle malattie infettive che sono responsabili di malaria, HIV, influenza e meningite batterica. Ha ricevuto il Sahitya Akademi Award, la medaglia scientifica della Zoological Society di Londra e il Royal Society Rosalind Franklin Award per la sua ricerca scientifica.

Ciò che dicono:

È importante sottolineare che i risultati che presentiamo qui suggeriscono che le epidemie in corso nel Regno Unito e in Italia sono iniziate almeno un mese prima della prima morte segnalata e hanno già portato all’accumulo di livelli significativi di immunità del gregge in entrambi i paesi. Esiste una relazione inversa tra la percentuale attualmente immune e la frazione della popolazione vulnerabile alle malattie gravi.

– I principi fondamentali della diffusione dell’epidemia evidenziano l’immediata necessità di indagini sierologiche su larga scala per valutare lo stadio dell’epidemia di SARS-CoV-2, 24 Marzo 2020

– – –

La ricerca presenta una visione molto diversa dell’epidemia rispetto alla modellazione dell’Imperial College London […] “Sono sorpreso che ci sia stata un’accettazione così incondizionata del modello Imperial”, ha detto il dottor Gupta.

[…]

I risultati di Oxford avrebbero fatto sì che il paese avesse già acquisito una sostanziale immunità grazie alla diffusione non riconosciuta della covid19 per oltre due mesi.

Anche se alcuni esperti hanno messo in dubbio la forza e la durata della risposta immunitaria umana al virus, la prof. Gupta ha detto che le prove emergenti la rendevano fiduciosa che l’umanità avrebbe costruito l’immunità del gregge contro Covid19.

– “Il Coronavirus può aver infettato metà della popolazione”, Financial Times, 24 Marzo 2020

*

La dott.ssa Karin Mölling è una virologa tedesca la cui ricerca si è concentrata sui retrovirus, in particolare sul virus dell’immunodeficienza umana (HIV). È stata professore ordinario e direttore dell’Istituto di virologia medica dell’Università di Zurigo dal 1993 fino al suo pensionamento nel 2008 e ha ricevuto numerosi riconoscimenti e premi per il suo lavoro.

Cosa dice:

Ora vi viene detto ogni mattina quanti sono i decessi della SARS-Corona 2. Ma non vi dicono quante persone sono già state contagiate dall’influenza quest’inverno e quanti morti ha causato.

Quest’inverno l’influenza non è grave, ma circa 80.000 persone sono infette. Questi numeri non vi vengono dati affatto. Qualcosa di simile è accaduto due anni fa. Questo non è inserito nel contesto giusto.

[…]

Ogni settimana a Berlino una persona muore a causa di germi multiresistenti. In Germania ciò equivale a 35.000 all’anno. Non se ne parla affatto. Credo che abbiamo avuto più volte situazioni come questa e che ora le misure siano state adottate in modo eccessivo.

Sono dell’opinione che forse non si dovrebbe fare così tanto contro i giovani che fanno feste insieme e si infettano a vicenda. Dobbiamo costruire l’immunità in qualche modo. Come è possibile senza contatti? I giovani gestiscono molto meglio l’infezione. Ma dobbiamo proteggere gli anziani, e proteggerli in un modo che possa essere controllato; è ragionevole quello che stiamo facendo ora, allungare l’epidemia in un modo che quasi paralizza l’intera economia mondiale?

[…]

Le cifre sono fornite dall’Istituto Robert Koch. Poi ti siedi lì come ascoltatore o spettatore: 20 morti di nuovo, che cosa terribile! Sapete quando inizierei a farmi prendere dal panico? Se ce ne fossero 20.000. Allora ci avvicineremmo a quello che è successo in silenzio due anni fa.

L’epidemia di influenza del 2018, con 25.000 morti, non ha mai sconcertato la stampa. Le cliniche hanno dovuto affrontare altri 60.000 pazienti, il che non è stato un problema neanche nelle cliniche!

[…]

Questa è la paura principale: la malattia si presenta come una malattia terribile. La malattia in sé è come l’influenza in un normale inverno. È ancora più debole nella prima settimana.

– Intervista a Anti-Empire.com, 23 Marzo 2020

*

Il dottor Anders Tegnell è un medico e funzionario pubblico svedese che dal 2013 è Epidemiologo di Stato dell’Agenzia di Sanità Pubblica svedese. Il dottor Tegnell si è laureato in medicina nel 1985, specializzato in malattie infettive. In seguito ha ottenuto un dottorato di ricerca in scienze mediche presso l’Università di Linköping nel 2003 e un MSc nel 2004.

Cosa dice:

“Tutte le misure che adottiamo devono essere praticabili per un periodo di tempo più lungo”. Altrimenti la popolazione non accetterà più l’intera ”strategia corona”.

Le persone anziane o con problemi di salute precedenti dovrebbero essere isolate il più possibile. Quindi niente visite ai figli o ai nipoti, niente viaggi con i mezzi pubblici, se possibile niente shopping. Questa è l’unica regola. L’altra è: Chiunque abbia dei sintomi dovrebbe rimanere a casa immediatamente, anche con la minima tosse.

“Se si seguono queste due regole, non sono necessarie ulteriori misure, il cui effetto è comunque molto marginale”.

– “The World Stands Still…Except for Sweden”, Zeit.de, 24 Marzo 2020

*

Il dottor Pablo Goldschmidt è un virologo franco-argentino specializzato in malattie tropicali e professore di Farmacologia Molecolare all’Università Pierre et Marie Curie di Parigi. È laureato alla Facoltà di Farmacia e Biochimica dell’Università di Buenos Aires e alla Facoltà di Medicina del Centro Ospedaliero di Pitié-Salpetrière, Parigi.

Attualmente risiede in Francia, dove ha lavorato per quasi 40 anni come ricercatore in laboratori clinici per lo sviluppo di tecnologie diagnostiche.

Cosa dice:

“Le opinioni infondate espresse da esperti internazionali, replicate dai media e dai social network, ripetono il panico inutile che abbiamo sperimentato in precedenza. Il coronavirus individuato in Cina nel 2019 ha causato niente di meno che un forte raffreddore o un’influenza, senza alcuna differenza con il raffreddore o l’influenza, per quanto sappiamo finora,”

[…]

Le condizioni virali respiratorie sono numerose e sono causate da diverse famiglie e specie virali, tra cui il virus respiratorio sinciziale (soprattutto nei neonati), l’influenza, i metapneumovirus umani, gli adenovirus, i rinovirus e vari coronavirus, già descritti anni fa. Colpisce il fatto che all’inizio di quest’anno siano stati attivati allarmi sanitari globali a seguito di infezioni da un coronavirus individuato in Cina, COVID-19, sapendo che ogni anno ci sono 3 milioni di neonati che muoiono nel mondo di polmonite e 50.000 adulti negli Stati Uniti per la stessa causa, senza che siano stati lanciati allarmi.

[…]

Il nostro pianeta è vittima di un nuovo fenomeno sociologico, la molestia dei media scientifici, scatenata da esperti solo sulla base dei risultati delle analisi di laboratorio di diagnostica molecolare. I comunicati provenienti dalla Cina e da Ginevra sono stati replicati, senza essere affrontati da un punto di vista critico e, soprattutto, senza sottolineare che i coronavirus hanno sempre infettato l’uomo e hanno sempre causato diarrea e quello che la gente chiama un banale raffreddore o un raffreddore comune. Sono state estrapolate previsioni assurde, come nel 2009 con il virus dell’influenza H1N1.

[…]

Non ci sono prove che dimostrino che il coronavirus del 2019 sia più letale degli adenovirus respiratori, dei virus influenzali, dei coronavirus degli anni precedenti o dei rinovirus responsabili del comune raffreddore.

– Intervista a Clarin.com, 9 Marzo 2020

*

Il dottor Eran Bendavid e il dottor Jay Bhattacharya sono professori di medicina e salute pubblica all’Università di Stanford.

Cosa dicono:

Le proiezioni del numero di morti potrebbero essere plausibilmente troppo alte […] Il vero tasso di mortalità è la percentuale di persone infette che muoiono, non i decessi per i casi positivi identificati.

Quest’ultimo tasso è fuorviante a causa delle distorsioni di selezione nei test. Il grado di distorsione è incerto perché i dati disponibili sono limitati. Ma potrebbe fare la differenza tra un’epidemia che uccide 20.000 persone e una che ne uccide due milioni.

[…]

Una quarantena universale può non valere i costi che impone all’economia, alla comunità e alla salute mentale e fisica individuale. Dovremmo intraprendere passi immediati per valutare le basi empiriche delle attuali misure di quarantena.

“Is the Coronavirus as Deadly as They Say?”, Wall Street Journal, 24 Marzo 2020

*

Il dottor Tom Jefferson è un epidemiologo britannico, con sede a Roma. Lavora per la Cochrane Collaboration, dove è autore e redattore del gruppo di infezioni respiratorie acute della Cochrane Collaboration, oltre che membro di altri quattro gruppi Cochrane. È anche consulente dell’Agenzia Nazionale Italiana per i Servizi Sanitari Regionali.

Cosa dice:

Quindi non posso rispondere ai miei dubbi assillanti, non sembra esserci niente di speciale in questa particolare epidemia di malattia simile all’influenza.

Ci sono, tuttavia, due conseguenze di questa situazione che mi preoccupano.

La prima è la mancanza di credibilità istituzionale percepita dai miei amici. Si va dai vigili del fuoco, ai poliziotti e persino a un medico di base – non il tipo di persone che si vorrebbe alienare in caso di emergenza. Il proprietario di un ristorante mi ha detto che non si sarebbe mai denunciato all’autorità sanitaria, perché ciò avrebbe significato almeno due settimane di chiusura e la sua attività sarebbe andata a rotoli.

La seconda è che, una volta che le luci della ribalta si saranno spostate, ci sarà un serio e concentrato sforzo internazionale per capire le cause e le origini delle malattie simili all’influenza e il ciclo di vita dei suoi agenti?

La forma passata mi dice di no, e torneremo a spingere l’influenza come una piaga universale sotto il tetto della serra degli interessi commerciali. Notate la differenza: l’influenza (causata dai virus A e B dell’influenza, per i quali abbiamo autorizzato vaccini e farmaci), non malattie simil-influenzali contro le quali dovremmo lavarci le mani tutto l’anno, non solo ora.

Intanto non posso ancora rispondere alla domanda di Mario: cosa c’è di diverso questa volta?

– “Covid 19—many questions, no clear answers”, British Medical Journal, 2 Marzo 2020

*

Il dottor Michael Levitt è professore di biochimica all’Università di Stanford. È Fellow della Royal Society (FRS), membro dell’Accademia Nazionale delle Scienze e ha ricevuto il Premio Nobel per la Chimica 2013 per lo sviluppo di modelli multiscala per sistemi chimici complessi.

Nel febbraio di quest’anno, ha correttamente modellato la fine dell’epidemia in Cina, prevedendo circa 80.000 casi e 3250 morti.

Cosa dice:

Non credo ai numeri in Israele, non perché siano inventati, ma perché la definizione di un caso in Israele continua a cambiare ed è difficile valutare i numeri in questo modo…

C’è molto panico ingiustificato in Israele. Non credo ai numeri qui, tutto è politica, non matematica. Mi sorprenderei se il numero di morti in Israele superasse i dieci, o addirittura i cinque ora con le restrizioni.

[…]

Per mettere le cose in proporzione, il numero di morti per coronavirus in Italia è il 10% del numero di morti per influenza nel Paese tra il 2016-2017.

Anche in Cina è difficile guardare al numero di pazienti perché la definizione di “paziente” varia, quindi guardo al numero di decessi. In Israele non ce ne sono, quindi non è nemmeno sulla mappa del mondo per la malattia”.

– “Nobel laureate: surprised if Israel has more than 10 coronavirus deaths”, Jerusalem Post, 20th March 2020

– – –

Levitt ha analizzato i dati di 78 paesi che hanno segnalato più di 50 nuovi casi di COVID-19 ogni giorno e vede “segni di ripresa” in molti di essi. Non si concentra sul numero totale di casi in un paese, ma sul numero di nuovi casi individuati ogni giorno – e, soprattutto, sul cambiamento di quel numero da un giorno all’altro.

“I numeri sono ancora rumorosi, ma ci sono chiari segnali di rallentamento della crescita”.

“Quello di cui abbiamo bisogno è di controllare il panico”, ha detto. Nel grande schema, “andrà tutto bene”.

– “Why this Nobel laureate predicts a quicker coronavirus recovery: ‘We’re going to be fine’”, Los Angeles Times, 22nd March 2020

*

German Network for Evidence-Based Medicine è un’associazione di scienziati, ricercatori e professionisti medici tedeschi.

La rete è stata fondata nel 2000 per diffondere e sviluppare ulteriormente concetti e metodi di medicina basata su prove [evidence-based] e orientata verso il paziente [patient-oriented] nella pratica, nell’insegnamento e nella ricerca, e oggi conta circa 1000 membri.

Cosa dicono:

Nella maggior parte dei casi, COVID-19 assume la forma di un leggero raffreddore o è addirittura privo di sintomi. Pertanto, è altamente improbabile che tutti i casi di infezione siano registrati, a differenza dei decessi che sono quasi completamente registrati. Questo porta ad una sopravvalutazione del CFR.

Secondo uno studio su 565 giapponesi evacuati da Wuhan, che sono stati tutti testati (indipendentemente dai sintomi), solo il 9,2% delle persone infette è stato rilevato con il monitoraggio attualmente utilizzato orientato ai sintomi di COVID-19 [5]. Ciò significa che il numero di persone infette sarà probabilmente circa 10 volte superiore al numero di casi registrati. Il CFR sarebbe quindi solo un decimo circa di quello attualmente misurato. Altri presuppongono un numero ancora più elevato di casi non registrati, il che ridurrebbe ulteriormente il CFR.

La disponibilità diffusa dei test SARS-CoV-2 è limitata. Negli USA, ad esempio, un’adeguata struttura di test finanziata dallo Stato per tutti i casi sospetti è disponibile solo dall’11.3.2020 [6]. Anche in Germania si sono verificati occasionali colli di bottiglia che contribuiscono a sopravvalutare il CFR.

Man mano che la malattia si diffonde, diventa sempre più difficile identificare una sospetta fonte di infezione. Di conseguenza, i comuni raffreddori nelle persone che inconsapevolmente hanno avuto contatto con un paziente con COVID-19 non sono necessariamente associati a COVID-19 e le persone colpite non vanno affatto dal medico.

Una sovrastima del CFR si verifica anche quando si scopre che una persona deceduta è stata infettata dalla SARS-CoV-2, ma questa non è stata la causa del decesso.

[…]

Il CFR dello 0,2% attualmente misurato per la Germania è inferiore al CFR dell’influenza calcolato dall’Istituto Robert Koch (RKI) dello 0,5% nel 2017/18 e dello 0,4% nel 2018/19, ma superiore al dato ampiamente accettato dello 0,1% per il quale non esistono prove affidabili.

[…]

Al di là delle conclusioni (piuttosto discutibili) tratte dall’esempio storico, ci sono poche prove che le NPI per COVID-19 portino effettivamente a una riduzione della mortalità complessiva. Una Cochrane Review del 2011 non ha trovato prove solide dell’efficacia dei controlli alle frontiere o del distanziamento sociale.

[…]

Una revisione sistematica a partire dal 2015 ha trovato prove moderate che le chiusure delle scuole ritardano la diffusione di un’epidemia di influenza, ma a costi elevati. L’isolamento in casa rallenta la diffusione dell’influenza, ma porta a un aumento dell’infezione dei membri della famiglia. È discutibile se questi risultati possano essere trasferiti dall’influenza a COVID-19.

Non è assolutamente chiaro per quanto tempo le NPI debbano essere mantenute e quali effetti si possano ottenere a seconda della loro durata e intensità. Il numero di decessi potrebbe essere posticipato solo in un momento successivo, senza che il numero totale cambi.

[…]

Molte domande rimangono senza risposta. Da un lato, i media ci confrontano quotidianamente con le notizie allarmanti di un numero esponenzialmente crescente di malati e morti in tutto il mondo. Dall’altro lato, la copertura mediatica non considera in alcun modo i nostri criteri richiesti per la comunicazione del rischio basata sull’evidenza.

I media stanno attualmente comunicando dati grezzi, ad esempio, finora ci sono state “X” persone infettate e “Y” decedute. Tuttavia, questa rappresentazione non riesce a distinguere tra diagnosi e infezioni.

– “Covid19: Where is the evidence?”, statement on their website, March 20th 2020

*

Il dottor Richard Schabas è l’ex Chief Medical Officer dell’Ontario, Medical Officer di Hastings e del Prince Edward Public Health e capo del personale all’Ospedale Centrale di York.

Cosa dice:

Ci sono molti più casi in giro di quanti ne vengano segnalati. Questo perché molti casi non hanno sintomi e la capacità di test è stata limitata. Finora sono stati segnalati circa 100.000 casi, ma, se si estrapola dal numero di decessi segnalati e da un tasso di mortalità presunto dello 0,5%, il numero reale è probabilmente più vicino ai due milioni – la stragrande maggioranza lieve o asintomatica.

Allo stesso modo, il tasso effettivo di nuovi casi è probabilmente di almeno 10.000 casi al giorno. Se questi numeri sembrano grandi, però, ricordate che il mondo è un posto molto grande. Da una prospettiva globale, questi numeri sono molto piccoli.

In secondo luogo, l’epidemia di Hubei – di gran lunga la più grande, e una sorta di scenario peggiore – sembra essersi attenuata. Quanto è stato grave? Beh, il numero di morti è stato paragonabile a una stagione influenzale media. Non è che non sia niente, ma non è nemmeno catastrofico, e non è probabile che travolga un sistema sanitario competente. Neanche lontanamente.

[…]

Non sto predicando l’autocompiacimento. Questa malattia non andrà via a breve; dovremmo aspettarci più casi e più epidemie locali. E COVID-19 ha ancora il potenziale per diventare un grande problema sanitario globale, con un onere complessivo paragonabile a quello dell’influenza. Dobbiamo essere vigili nella nostra sorveglianza.

[…]

Ma dobbiamo anche essere ragionevoli. La quarantena appartiene al Medioevo. Risparmiate le maschere per rapinare le banche. State calmi e andate avanti. Non rendiamo i nostri tentativi di guarigione peggiori della malattia.

– “Strictly by the numbers, the coronavirus does not register as a dire global crisis”, Globe and Mail, 11 Marzo 2020

Un altro ringraziamento va a Swiss Propaganda Research per l’eccellente lavoro svolto, nonché a tutti i commentatori che hanno fornito nomi e suggerimenti BTL sul pezzo precedente. Non sono tutti inclusi, per vari motivi, ma sono state tutte informazioni utili. Riconosciamo anche le voci di altri settori, siano essi filosofi o giuristi dei diritti umani, che hanno criticato la risposta all’epidemia, ma abbiamo deciso di limitare queste liste ai soli esperti di medicina o di scienze biologiche.

Fonte: https://off-guardian.org/2020/03/28/10-more-experts-criticising-the-coronavirus-panic/

Traduzione per Comedonchisciotte.org a cura di Ruggero Arenella

Pubblicato da Rugge

"Disapprovo quello che dici, ma difenderò fino alla morte il tuo diritto a dirlo" Evelyn Beatrice Hall, The Friends Of Voltaire - "Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero" Anonimo (Il vecchio motto di ComeDonChisciotte)
Precedente I crimini di Tedros Adhanom, direttore generale dell’OMS
Prossimo Diario di una quarantena, giorno 27