Addio vaccino: gli anticorpi del Covid19 sembrano scomparire dopo pochi mesi …

DI MICHAEL SNYDER

endoftheamericandream.com

Continuano ad emergere nuove prove scientifiche, che documentano che COVID-19 starà con noi per molto tempo ancora. Ieri ho riferito di un recente studio condotto in Cina e di un altro recente studio condotto in Spagna, che hanno entrambi dimostrato che gli anticorpi COVID-19 cominciano a scomparire molto, molto rapidamente. In effetti, lo studio condotto in Spagna ha scoperto che alcuni pazienti che inizialmente erano risultati positivi agli anticorpi  “non avevano più anticorpi settimane dopo”. Bene, ora abbiamo un terzo studio da aggiungere all’elenco. Uno studio condotto su pazienti COVID-19, presso il National Health Service Foundation Trust a Londra, ha scoperto che “solo il 16,7% dei pazienti che aveva avuto una potente risposta anticorpale“, l’aveva mantenuta dopo un paio di mesi …

“I ricercatori hanno analizzato le risposte immunitarie dei pazienti e degli operatori sanitari presso il Trust Foundation della National Health Service Foundation Trust di Guy e St. Thomas a Londra e hanno scoperto che i livelli di anticorpi che distruggono il virus sono rapidamente diminuiti dopo aver raggiunto il picco, diverse settimane dopo che i pazienti presentavano sintomi.

Lo studio ha scoperto che il 60% dei pazienti aveva avuto una “potente” risposta anticorpale al culmine della loro battaglia contro il coronavirus. Dopo circa due mesi, tuttavia, solo il 16,7% dei pazienti ha mantenuto la stessa potenza antivirale.”

Ciò ha enormi implicazioni per lo sviluppo del vaccino, perché se gli anticorpi scompaiono così  rapidamente qualsiasi vaccino dovrebbe essere somministrato più e più volte nel corso dell’anno per fornire qualsiasi tipo di protezione.

E, naturalmente, gran parte della popolazione degli Stati Uniti non vorrà mai prendere alcun vaccino COVID-19 in tali circostanze.

Inoltre, gli esperti ci stanno dicendo che anche se una vittima di COVID-19 sviluppa anticorpi, ciò non significa necessariamente che l’individuo abbia acquisito l’immunità. In un articolo che ha scritto per la CNN il Dr. William Haseltine ha spiegato che “solo il 15% di coloro che risultano positivi agli anticorpi rende gli anticorpi neutralizzanti necessari per sviluppare l’immunità” …

“Non solo gli anticorpi contro la SARS-CoV-2 svaniscono e forse svaniscono rapidamente, gli studi hanno anche dimostrato che solo il 15% di coloro che risultano positivi agli anticorpi produce anticorpi neutralizzanti, quelli necessari per sviluppare l’immunità. E non tutti coloro che producono anticorpi neutralizzanti hanno acquisito alti livelli di potenza antivirale. Alcuni degli infetti non producono affatto anticorpi.”

Quindi, tutto ciò significa che un vaccino non porrà fine a questa pandemia e qualsiasi speranza di “immunità del gregge” per risolvere il problema sembra essere completamente svanita.

Si scopre che COVID-19 si comporta in modo molto simile agli altri coronavirus. Gli anticorpi per altri coronavirus comuni in genere scompaiono del tutto “tra quattro mesi e un anno”, e di conseguenza le persone possono effettivamente infettarsi dello stesso identico virus “anno dopo anno” …

Mentre SARS e MERS sono i coronavirus che catturano i titoli dei giornali,  ci sono altri quattro  coronavirus per lo più sconosciuti che sono molto più comuni: 229E, HKU1, NL63 e OC43. Quello che sappiamo da 60 anni di ricerca su questi virus è che ritornano anno dopo anno e reinfettano le stesse persone – più e più volte.

Sfortunatamente, COVID-19 è molto più pericoloso della maggior parte degli altri coronavirus che si aggirano là fuori.

Ieri un lettore mi ha criticato per aver suggerito che COVID-19 spesso causa danni permanenti. Ma ovviamente questo è esattamente ciò che la dura verità scientifica ha dimostrato. Ad esempio, uno studio sulle vittime di COVID-19 ha scoperto che il 55% di loro aveva subito gravi danni cardiaci …

“Su un totale di 1.216 pazienti, 667 (55%) presentavano danni collaterali nel loro decorso patologico e uno su sette aveva quelli che i ricercatori descrivevano come “gravi danni”, secondo il documento pubblicato sulla rivista European Heart Journal – Cardiovascular Imaging.

In media, i partecipanti avevano 62 anni e il 70% erano maschi. Il 60% delle analisi sono state eseguite in un ambiente di terapia intensiva o in un pronto soccorso, mentre le altre sono state eseguite in reparti di medicina generale, reparti di cardiologia, respiratoria o COVID-19. Circa il 54% dei pazienti presentava gravi danni.”

Come sappiamo, COVID-19 può anche causare un’enorme quantità di danni ai polmoni, e in alcuni casi alcuni scienziati stanno collegando il virus a danni cerebrali.

Una volta infettati, il decorso della malattia potrebbe essere molto, molto lungo.

In effetti, mi sono imbattuto in un articolo oggi in cui una vittima di COVID-19 ha affermato di aver combattuto il virus  per più di 100 giorni …

“I miei primi sintomi di Covid-19 sono comparsi il 14 marzo: febbre di basso grado, profondo dolore alle gambe, malessere e perdita di appetito. Più di 100 giorni dopo, Covid-19 è ancora con me. Alcuni giorni mi chiedo se se ne andrà mai.”

Potevate immaginarlo?

Quando ero bambino, pensavo che se fossi stato male per una settimana sarebbe stato troppo lungo il tempo della malattia.

Ma a quanto pare questo particolare virus tende a stare con le persone per un lungo periodo di tempo. Se vuoi crederci, uno studio appena condotto in Italia ha scoperto che solo il 12,6% delle vittime di COVID-19 era completamente privo di sintomi 60 giorni dopo essersi ammalato per la prima volta …

“Quasi il 90% dei sopravvissuti a Covid-19 ha ancora sintomi, tra cui affaticamento, due mesi dopo il primo malessere, secondo uno studio.

Ricercatori italiani hanno rintracciato 143 persone che erano state ricoverate in ospedale con la malattia, ma da allora si erano poi riprese.

60 giorni dopo essere stati contagiati, solo il 12,6% era completamente libero da qualsiasi sintomo correlato a Covid-19.”

Quindi quelli che stanno deridendo questa pandemia dovrebbero smetterla, perché ci sono numerose vittime che stanno attraversando prove difficili in questo momento, nella lotta contro questo virus.

Forse la maggior parte di noi aveva ipotizzato che COVID-19 sarebbe stato un virus passeggero, che alla fine sarebbe sparito e quindi saremmo potuti tornare velocemente alle nostre vite normali.

Ma se non c’è modo di raggiungere un’immunità duratura, questo virus sarà in grado di circolare in tutto il mondo ancora per molto tempo, e non ci sarà nulla che potremo fare per fermarlo.

In altre parole, COVID-19 potrebbe essere ormai una parte permanente della nostra vita.

Vorrei che questo non fosse vero, ma a differenza di tante altre fonti di notizie non credo di voler esprimere un semplice e pietoso desiderio.

Ed ora che tutti hanno visto quanti danni può causare un virus come questo, tutto ciò incoraggerà terroristi o altri sovversivi untori a rilasciare tranquillamente malattie estremamente letali in futuro.

Appena un anno fa di questi giorni tutto sembrava così “normale”, ma ora le nostre vite sono state sconvolte da questa crisi e ciò che abbiamo vissuto finora sembra solo l’inizio.

 

Michael Snyder

13.07.2020

Link: http://endoftheamericandream.com/archives/another-bombshell-a-3rd-study-has-now-found-that-covid-19-antibodies-disappear-very-very-rapidly

 

Scelto e tradotto per www.comedonchisciotte.org da Rosanna 

Pubblicato da Rosanna

"Suave, mari magno turbantibus aequora ventis, e terra magnum alterius spectare laborem; non quia vexari quemquamst iucunda voluptas, sed quibus ipse malis careas quia cernere suave est." Tito Lucrezio Caro, De Rerum Natura, Libro II
Precedente La virata globale da “Il mondo nuovo” alla società totalitaria di “1984”
Prossimo Razze, popoli, culture: si torni a parlarne senza tabù